Napulione Buonaparte

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
Nabulionu Buonaparte

Nabulionu Bonaparte (Aiacciu, 15 aostu 1769 - Isula di Sant'Elena, 5 maghju 1821) hè statu un puliticanti è militaru francesu, fundatori di u Prima Imperu francesu. Ufficiali d'artigliaria è dinò generali duranti a rivuluzioni francesa, divintò famosu com'è principali generali di a Francia rivuluzionaria grazia à i vittorii ottinuti in u corsu di a prima campagna d'Italia. Dopu u colpu di Statu di u 18 brumariu (8 nuvembri 1799) assunsi u puteri in Francia: fù Prima Consulu da nuvembri di quidd'annu à u 18 maghju 1804, è Imperatori di i francesi, incù u nomu di Nabulionu I (Napoléon Ier) da u 2 dicembri 1804 à u 14 aprili 1814 è di novu da u 20 marzu à u 22 ghjugnu 1815. Fù ancu prisidenti di a Ripublica Taliana da u 1802 à u 1805, rè d'Italia da u 1805 à u 1814, "mediatori" di a Ripublica Elvetica da u 1803 à u 1813, è "prutittori" di a Cunfederazioni di u Renu da 1806 à 1813.

Grandi omu di guerra, prutagonistu di più di vinti anni di campagni in Auropa, Nabulionu hè statu cunsidaratu u più grandi strategu di a storia da u storicu militaru Basil Liddell Hart. Grazia à u so sistemu d'allianzi è à una seria di brillanti vittorii contru i putenzi auropei, cunquistò è guvirnò larga parti di l'Auropa cuntinintali, spurtendu l'ideali rivuluziunarii di rinnuvamentu suciali è ghjunghjendu à cuntrullà numarosi Regni par via di parsoni chì l'erani fideli (Ghjaseppu Bonaparte in iSpagna, Gioacchino Murat in u Regnu di Napuli, Ghjirolmu Bonaparte in Vestfalia è Luigi Bonaparte in Olanda).

A so riforma di u sistemu ghjuridicu (intigrata in u Codici Nabulionicu), intrudussi chjarezza è simplicità di i normi è posi i basi di a muderna ghjuridizioni civili.

A disastrosa campagna di Russia (1812), marcò u tramontu di u so duminiu nantu à l'Auropa. Scunfittu in a battaglia di Lipsia da l'alliati auropei d'uttrovi 1813, Nabulionu abdicò u 14 aprili 1814, è fù esiliatu in l'isula d'Elba. Di marzu di u 1815, abbandunata furtivamenti l'isula, sbarcò à Golfe Juan, vicinu à Antibes è riintrò in Parighji senza scuntrà oppusizioni, ricunquistendu u puteri par u periodu dittu di i "Centu ghjorni", finch'eddu fussi difinitivamenti scunfittu da a settima cualizioni in a battaglia di Waterloo, u 18 ghjugnu 1815. Trascorsi l'ultimi anni di vita in esiliu à l'isula di Sant'Elena, sottu u cuntrollu di i britannichi. Dopu a so caduta u cungressu di Vienna ristabilì in Auropa i vechji regni prinabulionichi (Ristaurazioni).

Fù u prima rignanti di a dinastia di i Bonaparte. Spusò Ghjasippina di Beauharnais in u 1796, è in sicondi nozzi l'arciduchessa Maria Luisa d'Austria, l'11 marzu 1810, da a quali ebbi u so unicu figliolu lighjittimu, Nabulionu Francescu, dittu u rè di Roma (1811-1832). A so figura hà inspiratu artisti, littarati, musicanti, puliticanti è storichi, da l'Ottucentu à i ghjorna d'oghji.

A nascita[mudificà | edità a fonte]

Nabulionu Bonaparte nascì in Aiacciu, in Corsica, pocu più di un annu dopu a stipula di u Trattatu di Versailles di u 1768, incù u quali a Ripublica di Ghjenuva lasciava mani libara à a Francia in l'isula, chì fù dopu invasa da l'armati di Luigi XV è annessa à u patrimoniu parsunali di u Rè.[1] A famiglia Bonaparte appartinia à a piccula burghesia còrsa[2] è avia luntani urighjini nobili tuscani (pari accirtatu chì l'antinati fussini immigrati in Corsica da Sarzana in u XVI seculu, à u sirviziu di Ghjenuva).[3]

Carlu Bonaparte, u babbu di Nabulionu

U babbu di Nabulionu, Carlu Maria Bonaparte (Nabulionu cambiò a casata in "Bonaparte" dopu a morti di u babbu, pochi ghjorni prima di spusà à Ghjasippina è parta par a campagna d'Italia, una casata più cunforma à a lingua corsa),[4] avvucatu, diplumatu di l'Università di Pisa, avia effittuatu ricerchi araldichi par ottena vicinu à i luntani parenti di San Miniato una patenti di nubiltà chì li cunferissi pristigiu in Patria è li parmittissi di megliu purveda à a struzzioni di i figlioli. In rialità ghjà in u so attu di battezimu, ridattu in Aiacciu in lingua taliana, hè attistata a nubiltà di a famiglia è si riporta a casata Bonaparte,[5] prova chì ùn era micca difinitivamenti fissatu in a forma Buonaparte, mentri in l'atti successivi, in talianu, rilativi à Paola è à Luigi Nabulionu a casata, sempri in a forma Bonaparte, hè priciduta da a particedda "de".
Carlu Maria Bonaparte murì primaturamenti à causa di un tumori di u stomacu, u 24 frivaghju 1785, à Montpellier.

A mamma era Maria Letizia Ramolino, discindenti di nobili tuscani è lumbardi. À u mumentu di u matrimoniu, u 2 ghjugnu 1764, t'avia 14 anni, mentri u maritu ni avia 18.[6] U coppiu ebbi 13 figlioli, di i quali solu ottu sopravvissini: in più di Nabulionu ci erani ancu i frateddi Ghjaseppu, Lucianu, Luigi è Ghjirolmu è i sureddi Elisa, Paulina è Carulina. Nabulionu stessu disdignò in parechji occasioni 'ss' ascendenzi illustri affirmendu ch'eddu vulia essa fundatori è micca discindenti di simula nubiltà.[7]

I dui parenti cumbattitini in a guerra frà i corsi è i francesi è Maria cumbattì ancu quand'edda era incinta di Nabulionu, u so sicondu figliolu. U 15 aostu 1769[8] duranti a festa di l'assunzioni si ricò à a cattidrali d'Aiacciu, à u so ritornu in casa, intornu à meziornu[9] si accasciò dendu a luci à Nabulionu. Fù battizatu dui anni dopu, u 21 lugliu 1771.[10]

Zitiddina[mudificà | edità a fonte]

A 5 anni fù scrittu in una scola di zitiddina, ind'eddu studiò incù l'abati Recco[11] par quattru anni, in i quali riciviti educazioni ancu da u ziu, l'arcidiacunu Lucianu.

Fù grazia à u titulu nubiliari ottinutu in Tuscana chì u babbu Carlu poti scriva si à u Libru di a nubiltà di Corsica, istituitu da i francesi par cunsulidà a cunquista di l'isula[12] è, solu grazia à quidda scrizzioni, à l'ità di appena novi anni, u ghjovanu Nabulionu fù ammissu u 23 aprili 1779[13], sempri dopu à l'iniziativa di u babbu, à a Scola riali di Brienne-le-Château, in u nordu di a Francia, ind'eddu firmeti finu à u 17 uttrovi 1784 (parechji storichi, par isbagliu, ritenini finu à u 30 uttrovi di listessu annu[14]). Par migliurà u so francesu è priparà si à a scola, prima fraquintò par quattru mesa u culleghju di Autun. I so studii funi financiati grazia à una borsa di studiu di dui milla franchi.

Nabulionu à l'iniziu ùn si cunsidarava micca francesu è si sintia scomudu in un ambienti induva i so cumpagni di corsu erani in massima parti pruvinenti di l'alta aristucrazia transalpina, è u pigliavani di manera crudeli in ghjiru schirzendu cù u so nomu chjamendu lu "a paille au nez = a paglia par u nasu" (l'accusa di essa stranieri l'avaria parsiguitu par tutta a so vita).[15][16] Quì strinsi amicizia incù Louis-Antoine Fauvelet de Bourrienne, u so futuru biografu, è in u frattempu u ghjovanu Nabulionu si didicò incù custanza à i studii, riiscendu particularamenti bè in matematica.[17]

Suvitò dopu l'idei ateisti di u culleghju, è cuntò eddu stessu chì à 11 anni a so fedi intrampulò.[18]

Carriera in armata[mudificà | edità a fonte]

Dopu à u ghjudiziu pusitivu di u cavalieri di Kéralio[19] U 22 sittembri 1784 u so succissori, l'aspittori militaru Reynaud des Monts li cuncessi l'ammissioni à a Regia Scola Militara di Parighji, fundata da Luigi XV annantu à cunsigliu di Madame de Pompadour, ind'eddu ghjunsi a sera di u 21 uttrovi, partitu calchì ghjornu prima di u 17.[20] In 1785 pruvò à passà in a Marina, ma in seguitu à l'annullamentu di l'asamini d'ammissioni di quidd'annu, passò in artigliaria, disidarosu d'abbandunà i studii u più prestu è didicà si à a carriera militara.[21]
Allughjava in una mansarda. Frà i so insignanti figurava Gaspard Monge, criatori di a giumitria discrittiva.

Nabulionu ottensi dinò a nomina à sottutinenti à soli 16 anni[22] è fù distaccatu, u 1º sittembri 1785, vicinu à un righjimentu d'artigliaria di stanza à A Fère, com'è sottutinenti, par assuma a tinenza, pochi mesa dopu, vicinu à un righjimentu di stanza à Valence, in u sudu-livanti di a Francia.[23] À quiddi tempi s'innamurò prima di Caroline, a figliola di Anna du Colombier[24] è in seguitu di Louise-Marie-Adelaide de Saint-Germain, in tremindù i casi fù rifiutatu. A so prima rilazioni fù incù una prustituta[25] In 1787 turrò à Parighji,è dopu viaghjò in Corsica è infini righjunsi u righjimentu à Auxonne.

Nabulionu à 23 anni, tinenti culuneddu di a Vardia Naziunali.

Frattantu u ghjovanu Nabulionu cuntinuava à ditestà sicritamenti a Francia è i francesi è à cultivà a causa di l'indipindenza di a Corsica, com'è tistimuniatu significativamenti da un scrittu soiu di 1787:[26]

Francesi, non solu ci aveti purtatu via tuttu ciò chì ci era caru, ma aveti ancu currottu i nosci custumi. A situazioni attuali di a me patria, è l'impussibilità di mutà la, sò dunqua un novu mutivu par fughja una terra in a quali socu ubbligatu par duveri, à ludà omini chì par virtù divaria inveci udià. Quandu ghjugnaraghju in a me terra, chì attitudina aduttà, chì linguaghju tena? Quandu a patria ùn hè più, un bon' patriottu devi mora.
Nabulionu Bonaparte, 1787
U capitanu Bonaparte à l'assediu di Tulonu.

À u scoppiu di a rivuluzioni in u 1789, Nabulionu, vintannincu è oramai ufficiali[27] di u rè Luigi XVI, riiscì à ottena una longa licenzia grazia à a quali poti vultà si ni à u sicuru in Corsica. À quandu ghjuntu quà s'unì à u muvimentu rivuluziunariu di l'isula assumendu u gradu di tinenti culuneddu di a Vardia Naziunali. In 1791 s'innamurò di Manesca Pillet ma fù rifiutatu da edda, è dopu à essa statu par parechji mesa à Auxonne u 1 ghjugnu fù inviatu in u 4º righjimentu d'artigliaria à Valence[28] incù u gradu di prima tinenti. Di ghjinnaghju 1792 pruposi a so candidatura com'è tinenti culuneddu è fù elettu (incù parechji dubbiti,[29] u 28 marzu,[30] in seguitu sarà mumintaniamenti retrucessu à u rangu di capitanu. Par i so cuntinui viaghji in Corsica, suparendu u tempu chì l'era cuncessu da a licenzia militara, risicò di essa cunsidaratu disartori,[31] priaccupatu vultò in Parighji in u stessu annu.

U generali Bonaparte in u periodu di a prima campagna d'Italia.

In u frattempu in Corsica infuriava a guerra civili scuppiata par appuntu in 1793. Dapoi 1792 dighjà l'eccessi rivuluzionarii è l'instaurazioni di u "Tarrori" aviani spintu l'eroi naziunali di l'indipindenza corsa, Pasquali Paoli (chì era riintratu triunfalamenti in u so Paesi in u 1790, dopu à u longu esiliu chì l'era statu impostu da i Rè di Francia), à piglià i distanzi da Parighji è à ripiglià a lotta par l'indipindenza di a Corsica. Accusatu di tradimentu è visatu da un mandatu d'arrestu emissu da a Cunvinzioni naziunali u 2 aprili 1792, Paoli, u 17 aprili, appiddendu ni dirittamenti à tutta a pupulazioni corsa affinch'edda difindissi a so patria è i so probbii dritti. A famiglia Buonaparte, chì puri avia sustinutu Paoli à u tempu di a rivolta contru Ghjenuva è dopu contru à l'Armati di Luigi XV (u babbu Carlu è forsi ancu a mamma participàni accantu à Paoli à a battaglia di Ponti Novu contru à i francesi), scelsi parò a causa francesa.
Di frivaghju 1793 Nabulionu cummanda 350 omini di l'11º battaglionu versu l'isula di a Matalena è u 22 frivaghju sbarca à Santu Stefanu è l'attaccò. Ma ùn riiscì micca chì li mancò l'appoghju privistu di a curvetta Fauvette.[32]

Nabulionu fughjì rapidamenti in Aiacciu è da quì si ritirò incù a famiglia intreia, accusatu di tradimentu, à Tulonu. U 12 sittembri 1793[33] ghjunsi à u quartieri generali di Cartaux. In sei sittimani riurganizò i forzi par l'assediu di a cità, priparò 100 pezzi di grossu calibru è raccolsi parechji ufficiali cumpetenti. Incù l'appoghju di Gasparin, unu di i trè cummissarii à Tulonu, riiscì à avè u cuntrollu di l'artigliaria d'assediu, è intantu divintò capu di battaglionu, u 19 uttrovi.[34] À Cartaux successi Doppet è dopu u capaci generali Jacques François Dugommier. Tandu feci a cunniscenza di Andoche Junot chì dopu sarà guvarnadori di Parighji. Dopu, u 1 dicembri hè numinatu da u generali Dugommier aiutanti generali. Riiscì à cunquistà u forti di l'Eguillette, chjamatu a piccula Gibilterra, è dopu l'altri forti di dicembri 1793, eppo libarò u portu di Tulonu da i monarchichi è da i truppi inglesi chì l'appughjavani; fù u so prima clamurosu è avvinturosu successu militaru, chì li valsi a nomina à generali di brigata u 22 dicembri[35] è l'attinzioni di u futuru membru di u Dirittoriu Paul Barras, chì l'aiutarà dopu in a succissiva scalata à u puteri. A so amicizia incù Augustin Robespierre, frateddu di Maximilien, u libarò prima da l'arresti in casa custrettu in u 1794[36]. Ma dopu u feci cada in disgrazia u lindumani di u 9 termidoru è a cunsiguenti fini di u Tarrori. Fù arristatu incù l'accusi di spiunaghju è dopu libaratu.[37] I so avvinturi galanti u portani à siducia Louise Gauthier, moglia di un diputatu è à fidanzà si, u 21 aprili 1795 incù Désirée Clary.[38]

Eppuri a furtuna li fù favurevuli quandu u 13 vindemiaiu (5 uttrovi 1795) Barras u numinò, à l'impruvisu, cummandanti di a piazza di Parighji, incù l'incaricu di salvà a Cunvinzioni naziunali da a minaccia di i monarchichi (rialisti). Incù l'aiutu di Gioacchino Murat à u cummandu di a cavaddaria, Nabulionu culpì spiitatamenti i ribeddi scunghjurendu un novu colpu di Statu. In seguitu à u trimenti successu, Barras u numinò generali di u Corpu d'armata di l'Internu.[39]

UniversalEditButton.png

L'ortografia è a grammatica di 'ssu articulu devenu esse verificate. Ci pudete cuntribuisce.

La campagna d'Eghjttu è di Siria[mudificà | edità a fonte]

In lu 1798 lu Direttoriu, preoccupatu per l'eccessiva pupolarità è per lu nutevole prestighju di Bonaparte, l'affidò l'incaricu di occupà l'Eghjttu per cuntrastà l'accessu inglese à l'India è dunque per dannegghjarla ecunomicamente. Un indiziu di la devoziune di napuleone à li principi di l'Illuminismu fu la so' decisione di affiancà l'studiosi à la so' spediziune: la spediziune d'Eghjttu ia lu meritu di far riscoprire, Dopu à centinaia di anni, la grandura di quella terra, è fu prupriu l'opera di napuleone à far nascè la moderna eghjttologhja, suprattuttu grazie à la scuperta di la Stele di Rosetta da parte di li soldati à lu seguitu di la spediziune. napuleone aveva da anni accarezzatu l'idea di una campagna in uriente, sognandu di segue le orme di Alessandru Magnu è essendu di l'idea chì «L'Europa hè una tana di talpe. Tutte le grandi personalità venenu da l'Oriente»[40].

Napoleone è li soi ghjènerali in Eghjtto, Jean-Léon Gérôme

Dopu à un'impurtante vittoria in lu la battaglia di le Piramidi, napuleone schjacciò li mamelucchi di Murad Bey è entrandu à lu Cairu divenne padrone di l'Eghjttu. Pochi ghjorni dopo, lu 1º agostu 1798, la flotta di napuleone in Eghjttu fu cumpletamente distrutta da l'ammiragliu Horatiu in lu son, in lu la baia di Abukir, cusicché napuleone rimase bloccatu à terra. Dopu à una ricogniziune annant'à lu Mar Rossu, napuleone decise di recà siin Siria, col pretestu di insegue lu governatore di Acri Ahmad Jazzar Pascià chì aveva tentatu di attaccarlu. ghjuntu però lu 19 marzu 1799 dinanzi à San ghjovanni d'Acri, l'antica furtezza di li crociati in Terra Santa, napuleone perse più di due mesi in un inutile assediu è la campagna di Siria si cuncluse cù un fallimentu.

Ri turnatu à lu Cairo, napuleone scunfisse lu 25 lugliu 1799 un esercitu di oltre diecimila ottomani guidati da Mustafa Pascià à Abukir, prupriu duve l'annu prima era statu privatu di tutta la so' flotta. Preoccupatu tuttavia di le terribili nutizie chì ghjunghjèvanu da la Francia (l'esercitu in ripiegamentu su tutti li fronti, lu Direttoriu ormai privu di putere) è cunsapevole chì la campagna d'Eghjttu ùn aveva cunseguitu li fini sperati, napuleone, lasciatu lu cumandu à lu ghjènerale Kléber, s'imbarcò in gran segretu lu 22 agostu annant'à la fregata Muiron (preda bellica ex veneziana)[41] à la volta di la Francia.

lu 18 brumaiu è lu cunsolatu[mudificà | edità a fonte]

Lu ghjènerale Bonaparte à lu cunsigliu di li Cinquecento.

Lu 9 ottobre 1799 Bonaparte sbarcò à Fréjus è la so' corsa versu Parighj fu accumpagnata da l'entusiasmu di l'intera Francia, certa chì lu ghjènerale fosse turnatu in patria per assumè lu cuntrollu di la situaziune ormai inghjèstibile e, in effetti, era questa la so' intenziune. ghjuntu à Parighj, ellu riunì li cuspiratori decisi à ruvescià lu Direttoriu. da la so' si schjerarunu lu fratellu magghjore ghjuseppe è suprattuttu lu fratellu Lucianu, allora presidente di lu cunsigliu di li Cinquecentu, chì cù lu cunsigliu di l Anziani custituiva lu putè leghjslativu di la repubblica. da la so' napuleone riuscì à avè lu membru di lu Direttoriu Roghjèr Ducos è suprattuttu Emmanuel Joseph Sieyès, lu celebre autore di l'opuscolu Che cusa hè lu Terzu Stato? è ideologu di punta di la burghesia rivoluziunaria. Inultre, da la so' si schjerò l'astutissimu ministru di l esteri Talleyrand è lu ministru di la polizia Joseph Fouché. Barras, lu membru più influente di lu Direttoriu Dopu à Sieyès, cunsciu di le capacità di napuleone, accettò di fà sida parte[42].

Fatta trapelà la falsa nutizia di un cumplottu realista per ruvescià la repubblica, napuleone riuscì à far vutà à lu cunsigliu di l Anziani è à lu cunsigliu di li Cinquecentu una risoluziune chì trasferisse le due Camè lu 18 brumaiu (9 novembre) fori Parighj, à Saint-Cloud; napuleone fu numinatu cumandante in capu di tutte le furze armate. Ciò fu fattu per evità chì durante lu colpu di Statu qualche diputatu putesse sollevà li cittadini parighjni per difendè la Repubblica da lu tentativu di napuleone. L'intenziune di napuleone era quella di purtà le due Camè à vutà autonomamente lu su scioglimentu è la cessione di li puteri in lu le sue mani. ùn fu cusì: lu cunsigliu di l Anziani rimase freddu à lu discorsu pasticciatu di napuleone per far pressione su di esso, mentre quandu napuleone entrò in lu la sala di lu cunsigliu di li Cinquecentu li diputati l'si lanciarunu cuntru chjedendu di vutà per rendè Bonaparte forilegghjè (cosa chì voleva significà l'arrestu è la ghigliottina)[43]. in lu mumentu in cui sembrava chì lu colpu di Statu fosse prussimu à la catastrofe, à succorrè napuleone ghjunse lu fratellu Lucianu, chì in lu le vesti di presidente di li Cinquecentu uscì da la sala è arringò le truppe schjerate à l'esterno, ordinandu chì disperdesseru li diputati terroristi. Memorabile lu mumentu in cui puntò la so' spada à lu collu di napuleone è dichjarò: «Micca esiterei un attimu à uccidè miu fratellu se sapessi chì custui stesse attentandu à la libertà di la Francia»[44]. Le truppe, in gran parte veterani di le campagne di napuleone, à lu cumandu di lu cugnatu di quest'ultimo, lu ghjènerale Victor Emanuel Leclerc è di lu futuru cugnatu ghjoacchinu Murat, entrarunu cù le baionette innestate è disperseru li diputati. In serata, le Camè venivanu sciolte è fu votatu lu decretu chì assegnava li pieni puteri à tre cunsoli: Roghjèr Ducos, Sieyès è napuleone.

lu cunsolatu[mudificà | edità a fonte]

numinati cunsoli pruvvisori, li tre novi padroni di la Francia redighjèvanu insieme à due cummissioni apposite una nova costituziune, la custituziune di l'annu VIII che, ratificata cù un plebiscitu pupolare, leghjttimava lu colpu di Statu. L'evoluziune di la rivoluziune si stava ormai riportandu versu furme di governu più aristocratico, dimostrandosi ùn praticabili parechji di le tiurie rivoluziunarie emerse in lu la rivoluziune. in lu pensieru politicu di Sieyès, lu cunsolatu saria duvutu esse un governu di li nutabili, chì assicurasse la democrazia attraversu un cumplessu equilibriu di puteri. questu prughjèttu fu mandatu à l'aria da napuleone lu quale, pur in tiuria detentore di lu solu putè esecutivo, aveva in realtà facile ghjocu in lu lu scavalcà quellu leghjslativu frammentatu in ben quattru Camere. Fattosi numinà Primu cunsole, ossia cuncretamente superiore à qualsiasi altru putè di lu Stato, Napuleone ricostruiva la Francia cù una struttura amministrativa furtemente accentratrice ma cusì perfetta chì hè fermata tale finu à ogghj: la Francia veniva fraziunata in dipartimenti, distretti è cumuni, rispettivamente amministrate da prefetti, suttoprefetti è sindaci. Le casse di lu Statu venivanu risanate da le cunquiste di guerra è da la fondaziune di la Banca di Francia, nonché da l'introduziune di lu francu d'arghjèntu chì puneva fine à l'era di l assegnati è di l'inflaziune. La lunga lotta cuntru lu Cattolicesimu si cuncludeva cù lu cuncordatu di lu 1801, ratificatu da papa Piu VII, chì stabiliva lu Cattolicesimu «relighjone di la magghjoranza di li francesi» (benché ùn relighjone di Statu), ma ùn ricunsegnava à lu cleru li beni espropriati durante la rivoluziune. In lu campu di l'istruziune, napuleone istituì li licei è li politecnici, per furmà una classe dirighjènte preparata è indottrinata, ma tralasciò l'istruziune elementare, essendu di l'idea chì lu pupolu duvesse rimanè in una certa ignoranza per garante un governu stabile è un esercitu ubbidiente[45]. Lu cunsolatu di Napuleone divenne «a vita» cù lu plebiscitu di lu 2 agostu 1802. Si apriva la strada à l'istituziune di l'Imperu napuleonicu.

Lu Codice napuleonicu[mudificà | edità a fonte]

Napoleone Bonaparte primu cunsole, dettagliu di un ritrattu di Antoine-Jean Gros.

Durante l'esiliu à Sant'Elena, napuleone suttolineò più volte chì la so' opera più impurtante, quella chì saria passata à la storia più di le centinaia di battaglie vinte, saria statu lu so' codice civile, lu Codice napuleonicu. Indubbiamente, la so' frase colse in lu segnu.

Lu Codice napuleonicu leghjttimò alcune di le idee illuministiche, fu esportatu in tutti li paesi duve ghjunseru le armate di napuleone, fu presu à modellu da tutti l'Stati di l'Europa cuntinentale è ancora ogghj hè la base di lu dirittu italianu. Istituita l'11 agostu 1799, la cummissione incaricata di redighjère lu codice civile (cumposta da lu Secundu cunsole Jean-Jacques Réghjs de Cambacérès è da quattru avvocati), fu presieduta monda spessu dallu stessu napuleone, lu quale ne legghjèva le bozze durante le campagne militari è inviava à Parighj, da lu fronte, le sue idee annant'à lu prughjèttu [46]. lu 21 marzu 1804 lu Codice Civile, da subitu ribattezzatu Codice napuleonico, entrava in vigore.

Lu Codice eliminava definitivamente li retagghj dell'ancien réghjme, di lu feudalesimu, di l'assolutismu, è creava una sucietà prevalentemente borghese è liberale, di ispiraziune laica, in lu la quale venivanu cunsacrati li diritti di eguaglianza, sicurezza è pruprietà. trá li principi di la Rivoluziune, venivanu salvaguardati quelli di la libertà personale, di l'uguaglianza davanti à le legghjè, di la laicità di lu Statu (ghjà sancita da lu cuncordatu) è di la libertà di cuscienza, di la libertà di lu lavoru. lu Codice era statu però pensatu è redattu suprattuttu per valurizzà l'ideali di la burghesia; perciò andava suprattuttu à regolamentà questioni rigurdanti li cuntratti di pruprietà è la stessa leghjslaziune riguardante la famiglia era di natura cuntrattualistica[47]. La struttura familià chì lu Codice cunsacra hè di tipu paternalistico: lu babbu pò far imprighjonà li figlioli per sei mesi senza cuntrollu di le autorità è amministra li beni di la muglie. Veniva tuttavia garantitu lu divorziu, benché resu più cumplessu rispettu à l'epoca rivoluziunaria.

Per l'Italia lu valore di lu Codice napuleonicu fu fondamentale, vistu chì essu fu portatu In l'stati creati da napuleone è cunfluì poi in lu codice civile italianu di lu 1865. Di eguale valore è impurtanza sò pure l'altri codici: quellu di prucedura civile, emanatu in lu 1806, quellu di lu cummerciu (1807), quellu di prucedura penale (1808) è lu codice penale di lu 1810.

Le opposiziuni realista è ghjacobina[mudificà | edità a fonte]

La sera di lu 10 ottobre 1800 napuleone, mentre assisteva à un'opera à lu Théatre de la République, saria duvutu cadè suttu le pugnalate di quattru sicari, ma lu cumplottu fu sventatu à l'ultimu mumentu grazie à una soffiata, chì cunsentì à la polizia di intervene arrestandu li quattru attentatori prupriu in teatru. L'eventu passerà à la storia cù lu nome di cunghjura di li pugnali.

Pocu dopo, la nutte di Natale di lu medesimu annu napuleone, la muglie è lu so' seguitu scamparunu miracolosamente à un attentatu dinamitardu in lu le strade di Parighj, mentre si recavanu à l'Opera. napuleone ne approfittò per mettè fori legghjè li ghjacobini, parechji di li quali venneru esiliati in Guyana, è disperdè li monarchici. L'opposiziune ùn demordeva e, oltre à una intensa attività libellistica, si ia nutizia di attentati in preparaziune cuntru di lui. difatti ellu era odiatu sia da li ghjacobini, chì Dopu à le misure di ricunciliaziune naziunale, quali l'amnistia ghjènerale è lu dirittu à lu rientru per li nobili emigrati per scampà à lu terrore, temevanu volesse restaurà la monarchja, sia da li realisti, chì lu cunsideravanu cume l'usurpatore di lu leghjttimu suvranu Luighj XVIII.

In lu marzu 1804, per dà un segnale furte à li Borboni, chì ancora cumplottavanu per ri turnà annant'à lu trunu francese, napuleone fece catturà à Ettenheim, cittadina di lu statu di lu Baden situata pressu lu cunfine francese, lu duca di Enghien, legatu à la famiglia reale esiliata, chì fu inghjustamente accusatu di cuspiraziune cuntru lu Primu cunsole è fucilatu subitu dopu. L'eventu destò l'indignaziune di tutte le corti europee per l'arrogante violaziune di la suvranità di unu statu esteru da parte di la Francia è per la sorte riservata à lu poveru duca, è cunferì un'ombra negativa à l'immaghjne europea di lu Bonaparte, à la quale invece l'allora Primu cunsole teneva moltissimu. Lu ghjènerale Moreau, implicatu in lu cumplottu realista ma idolu di li ghjacobini, venne invece cundannatu à soli due anni di carcere, successivamente cundonati cù la pussibilità di espatrià In l'Stati Uniti, da duve però Moreau ri turnerà in lu 1813 per unirsi à l'esercitu russu è more durante la battaglia di Dresda.

Guerra in Europa, ascesa à l'Imperu[mudificà | edità a fonte]

Napoleone annant'à lu trunu imperiale, Jean-Auguste-Dominique Ingres

Durante l'assenza di napuleone impegnatu in Eghjtto, li francesi eranu stati ripetutamente battuti in Italia è in ghjèrmania da l´austriaci (battaglia di Novi) à Cassanu d'Adda è annant'à lu Renu. La nova coalizione antifrancese aveva ruvesciatu la Repubblica napuletana di lu 1799, fondata da li francesi, è quella Romana è la Repubblica Cisalpina. lu 6 magghju 1800, sei mesi Dopu à lu colpu di Statu di lu 18 brumaio, napuleone assunse novamente lu cumandu di l'esercitu francese. cù una marcia esemplà valicò le Alpi à lu passu di lu Gran Santu Bernardu, un'impresa chì colse di sorpresa l'Austriaci, li quali venneru rapidamente battuti à Montebellu, mentre napuleone ri turnava à Milanu. lu 14 ghjugnu 1800 si cumbatté la battaglia di Marengu. Fu la più celebre di la battaglie napuleoniche in Italia, la più dura ma definitiva. à le tre di lu pomerigghju napuleone aveva perso: à le ottu di la sera lu so' trionfu era cumpletu. à ruvescià le sorti di la battaglia fu lu ghjènerale Desaix che, ghjuntu annant'à lu campu cù nove truppe, annientò l'esercitu austriacu di lu ghjènerale Melas, dighjà certu di la vittoria, ma morì in battaglia.[48] à Milanu venne pruvvisoriamente ricostituita la Repubblica Cisalpina chì verrà sustituita Dopu à li cumizi di Lione da la Repubblica Italiana (1802-1805)

La pace in Italia venne sancita cù la pace di Luneville, chì in pratica ricunfermava lu precedente trattatu di Campoformiu violatu da l´Austriaci.

In lu 1802 venne pruclamatu Presidente di la Repubblica Italiana (Lu patriziu milanese Francescu Melzi d'Eril ne fu numinatu vice Presidente), titolu chì cunserverà sinu à lu 17 marzu 1805 quandu assumerà quellu di Re d'Italia.

cun la pace di Amiens di lu 1802 pure l'Inghilterra firmava la pace cù la Francia. napuleone aveva distruttu la nova coalizione antifrancese, assicurandosi pure l'appogghju di lu zar di Russia Alessandru I. Per due anni l'Europa fu finalmente in pace.

In lu 1802 napuleone vendette una parte di lu Nord America à li Stati Uniti cume parte di l'Accordu annant'à la Louisiana: ellu aveva appena frontegghjatu un grossu prublema militare quandu l'esercito, mandatu à ricunquistà Santu dumingu, Dopu à avé affrontatu la rivolta capegghjata da Toussaint L'Ouverture, fu colpitu da la febbre ghjalla. La rivolta fu cumunque stroncata.[49] cù le furze di l'uvest in cundiziuni tali da ùn puter aghjre, napuleone capì chì ùn avria pututu difendè la Louisiana è decise di venderla (8 aprile 1803). ellu ristabilì, in lu 1802, la schjavitù in lu le colonie francesi.

Dopu à chì napuleone ia allargatu la so' influenza à la Svizzera è à la ghjèrmania, una disputa su Malta furnì à l'Inghilterra lu pretestu in lu 1803 per dichjarà guerra à la Francia è furne sustegnu à li monarchichi francesi chì à ellu si opponevanu.

Autoincoronaziune in nutre-Dame[mudificà | edità a fonte]

La Corona Ferrea, utilizzata durante l'incoronaziune di napuleone à Re d'Italia.
Particolà de l'Incoronaziune di napuleone I, opera di Jacques-Louis David.

Ormai cunsole à vita, napuleone era in pratica suvranu assulutu di la Francia. lu 18 magghju 1804 lu Senatu lu pruclamò imperatore di li francesi. lu 2 dicembre di lu stessu anno, in lu la cattedrale di nutre-Dame à Parighj, fu celebrata la cerimonia di incoronaziune: Dopu à chì le insegne imperiali furunu benedette da papa Piu VII, napuleone incoronò prima sé stessu imperatore di li francesi, è dunque imperatrice so' muglie Joséphine de Beauharnais[50]. sò apocrife le voci secundu cui napuleone avria strappatu la corona da le mani di lu Papa durante la cerimonia, per ùn assugghjèttà sià l'autorità puntificia: Piu VII si aspettava la mossa è ùn toccò mai la corona cù le sue mani[51]

Successivamente, lu 26 magghju 1805 in lu Domu di Milanu, napuleone fu incoronatu Re d'Italia cù la Corona Ferrea, custodita in lu Domu di Monza à parte da lu 1946.

Rinasceva in Francia la monarchja, ma ùn era la stessa monarchja ruvesciata in lu 1792, privata di li puteri dighjà in lu 1789. napuleone ùn era «re di Francia è di Navarra per grazia di Dio», cume citavanu le furmule dell'Ancien Réghjme, ma «Imperatore di li francesi per volontà di lu pupolo». Fu in sustanza un novu re di li francesi, tantu chì da ellu hanu urighjne parechji di le attuali monarchje moderne europee; è fu in effetti una monarchja, vistu chì napuleone era padrone assuluto, pure se una monarchja chì però ùn si rifaceva à la nobiltà feudale di l'Ancien Réghjme, ma in lu la quale si attuavanu certi princìpi illuministichi di la burghesia.

La cunquista di l'Europa[mudificà | edità a fonte]

L'imperu di napuleone à lu so' apoghjèu in lu 1811:

In lu 1805 si furmò in Europa la terza coalizione cuntru napuleone; ellu aveva trascorsu l'ultimu annu annant'à le custe di la Normandia, à preparà una vasta operaziune militare cù l'alleanza di la Spagna cuntru l'Inghilterra ma, cumprendendu la situaziune troppu sfavorevole, turnò improvvisamente annant'à li soi passi è si mise à lu cumandu di la Grande Armata che, à marce furzate, ghjunse rapidamente in lu core di l'Europa per scunfigghjère le furze nemiche annant'à lu cuntinente. napuleone aveva fattu bene li soi cunti: lu 21 ottobre, infatti, à largu di Trafalgar la flotta francese cumandata da lu mediocre ammiragliu Pierre-Charles Villeneuve veniva cumpletamente annientata da l´inglesi à lu cumandu di Horatiu in lu son, chì morì durante lu scuntro, colpitu da un tiru di moschettu. Svanivanu per sempre li sogni di invasione di l'Inghilterra.

Le furze coalizzate prevalentemente austriache è russe (sottu lu novu zar Alessandru I), pure se cù la neutralità di la Prussia, eranu numericamente suverchjanti ma divise. Due li fronti interessati: quellu ghjèrmanico, duve napuleone in persona guidava la Grande Armée è quellu italianu duve lu ghjènerale Masséna guidava l'Armée d'Italie. à nulla valseru la resa di lu ghjènerale nemicu Mack à Ulma (20 ottobre), la battaglia di Caldieru (30 ottobre) è la cunquista di Vienna da parte di ghjoacchinu Murat: lu grossu di l'esercitu nemicu rimaneva difatti intattu. lu 2 dicembre 1805, tuttavia, anniversariu di la so' incoronaziune, napuleone mise fine à la terza coalizione in lu la battaglia di Austerlitz. fermata in lu la storia cume lu so' capolavoru strateghjco, cù la battaglia di Austerlitz napuleone divenne padrone di l'Europa.[52] lu ghjornu Dopu à li suvrani d'Europa chjeseru la pace. L'Austria perdeva pure Venezia, chì veniva unita à lu regnu d'Italia, è perdeva ogni cuntrollu annant'à la ghjèrmania, chì avale si ricostruiva cume cunfederaziune di lu Renu, primu seme di l'unità tedesca suttu lu cuntrollu direttu di napuleone. Si raccunta che, Dopu à avé appresu di Austerlitz, lu primu ministru inglese William Pitt avesse chjestu à una nipote di arrotolà la carta di l'Europa esposta in un corridoiu di casa. «Micca ci servirà per almenu dieci anni»[53].

L'annu seguente napuleone scunfisse la Prussia in lu la battaglia di Jena (14 ottobre 1806).

La quarta coalizione, cumandata da la Prussia, venne scunfitta lu 14 ghjugnu 1807 annant'à le ghjèlide pianure di Friedland, Dopu à li ruvesci alterni di la sanguinosissima battaglia di Eylau: lu zar Alessandru li fu custrettu à firmà la pace, in lu l'incuntru di Tilsit. In quell'incuntru l'Europa venne ufficiosamente divisa in zone d'influenza: si decise, in una nuta segreta allegata à lu trattu di Tilsit, chì li territori trá lu fiume Elba è lu Memel avrianu furmatu la barriera di divisione trá li due grandi imperi[54]. Rimaneva aperta la questione di la Polonia, chì napuleone voleva rendè indipendente, cuntrariamente à le intenziuni di lu zar.

Quandu lu papa rifiutò di adè à l'embargu in li cunfronti di l'Inghilterra, dichjarandu chì le sue qualità di pastore universale l'imponevanu la neutralità, napuleone fece occupà Roma da lu ghjènerale Miollis è lu 7 magghju 1809 ordinò l'annessione di lu Statu puntificiu à l'Imperu francese. lu papa rispose cù una bolla di scumunica è napuleone ordinò à Miollis di precedè à l'arrestu di lu puntefice. pruvvide subitu lu ghjènerale Radet chì lu fece traspurtà, insieme cù lu Segretariu di Statu cardinale Bartolomeu Pacca, à Grenoble,[55] indi à Fontainebleau, duve napuleone riuscì solu quattru anni Dopu à à strappargli l'approvaziune di un novu cuncordato[56].

Lu bloccu cuntinentale è la cunquista di la Spagna[mudificà | edità a fonte]

Napoleone ritrattu durnte la battaglia di Wagram da Horace Vernet.

Per mettè in ghjnocchju l'Inghilterra, unica putenza ancora in armi cuntru la Francia, napuleone avviò un embargu. Tuttavia questu embargo, chjamatu Bloccu cuntinentale (poiché, in lu le intenziuni di lu Bonaparte, tutta l'Europa cuntinentale avria duvutu adè à l'embargu cuntru le isole britanniche) ùn diede li risultati sperati. lu fallimentu di lu bloccu fu duvutu à lu fattu chì parechji paesi europei ùn vi aderirunu cumpletamente, cuntinuandu à mantenè scambi cummerciali cù l'Inghilterra. napuleone inultre, per colpe lu Portogallu chì manteneva aperti li soi porti à la flotta inglese, invase la Spagna è lu Portogallu stesso, mentre successivamente la scelta di la Russia di usce da lu blocco, custringhjèrà napuleone à imbarcà siin una campagna chì per ellu sarà catastrofica.

In lu 1808, sfruttandu un cuntrastu in lu la famiglia reale spagnula trá lu re Carlu IV è lu figlio, lu principe di le Asturie Ferdinando, napuleone custrinse entrambi à abdicà è mise annant'à lu trunu di Spagna lu fratellu ghjuseppe Bonaparte, facendola cusì entrà direttamente in lu l'orbita di l'Imperu francese. cuntemporaneamente le truppe francesi invadevanu è cunquistavanu lu Portogallo; ma la situaziune divenne prestu prublematica. l'inglesi, infatti, feceru sbarcà in Portogallu truppe à lu cumandu di lu ghjènerale sir Arthur Wellesley futuru duca di Wellington, chì riuscì à liberà lu Portogallu, cuntrastandu la campagna in Spagna. Qui, infatti, la pupolaziune era insorta cuntru l'occupaziune francese è aveva iniziatu una durissima guerriglia chì mise in ghjnocchju l'esercitu occupante, custringhjèndu ghjuseppe Bonaparte à la fuga, richjedendu l'interventu direttu di napuleone. Questi scese in Spagna è lu 4 dicembre Madrid si arrendeva à l'imperatore francese. La Spagna rimase cumunque una spina in lu fiancu di napuleone mentre pocu tempu Dopu à ghjunse la nutizia di una nova coalizione appena furmata.

Tra lu 5 è lu 6 lugliu 1809 napuleone scunfisse la quinta coalizione à Wagram, Dopu à avé occupatu Vienna è lu palazzu di Schönbrunn. L'Austria subì pesantissime cundiziuni di pace: lu Trentinu-Altu Adighjè/Sud Tirolu, la Baviera, l'Istria è la Dalmazia furunu perse. L'indennizzu di guerra fu enorme.

La nova Europa di Napuleone[mudificà | edità a fonte]

In lu 1810, l'Europa era definitivamente ridisegnata secundu lu volè napuleonicu. li territori suttu lu direttu cuntrollu francese si eranu spansi ben oltre li tradiziunali cunfini pre-1789; lu restu di l Stati europei era u so' satellite u so' alleatu. lu regnu d'Italia era numinalmente governatu da napuleone, ma rettu da lu viceré Eughjèniu Beauharnais (figliu di primu lettu di la muglie di napuleone Joséphine); lu principatu di Lucca è Piombinu (finu à lu 1809), è dunque bona parte di la tuscana (Da lu 1809), era governata da la sorella Elisa, andata in spusa à lu principe còrsu Felice Baciocchi; à la sorella Paolina, spusata col principe Camillu burghese, andò lu ducatu di Guastalla, poi cedutu à lu regnu d'Italia; lu fratellu magghjore ghjuseppe riceveva lu trunu di Spagna; lu fratellu Luighj riceveva lu trunu d'ulanda, Dopu à avé spusatu Hortense de Beauharnais, figliola di la muglie di napuleone Joséphine; lu fratellu ghjrolamu ia lu regnu di Westfalia; lu ghjènerale ghjoacchinu Murat, poi maresciallu di l'Impero, ia lu regnu di Napoli, Dopu à avé spusatu la sorella di napuleone, Carolina; lu maresciallu Bernadotte ia lu trunu di Svezia, ma ben prestu tradì lu so' ex capu entrandu in lu la coalizione chì lu avria detronizzatu.[57] La cunfederaziune di lu Renu era di fattu suttu lu cuntrollu di napuleone.

Dopu à la pace di Schönbrunn, napuleone è l'austriacu Metternich si eranu accordati per un matrimoniu di Statu. lu 14 dicembre 1809, napuleone divorziò da Joséphine de Beauharnais, la muglie certu infedele ma amatissima[58]: li due rimaseru sempre legati finu à la morte di quest'ultima, avvenuta durante l'esiliu di napuleone à l'Elba. lu 1º aprile 1810 napuleone spusò la figliola di l'imperatore d'Austria, Maria Luisa di Asburgu, nipote di Maria Antonietta, la reghjna decapitata durante la Rivoluziune (Lu chì pruvocò ùn poche polemiche in Francia). cù questu matrimoniu l'Austria si era legata à napuleone, lu chì portava à la creaziune di un'alleanza pressoché indissolubile. napuleone ia un erede leghjttimu da Maria Luisa, natu Dopu à un partu difficile lu 20 marzu 1811. Tuttavia l'erede di l'Impero, Napoleone Francesco, dettu lu re di Roma (Napoleone II), ùn salì in realtà mai à lu trono: napuleone fu detronizzatu pochi anni Dopu à è napuleone II morì successivamente à soli 21 anni.

La campagna di Russia[mudificà | edità a fonte]

Un graficu di Charles Joseph Minard chì mostra la riduziune di l effettivi di la Grande Armée in lu la so' marcia versu Mosca è la susseguente ritirata. Venenu mostrate pure le temperature rilevate in gradi Réaumur

Nonostante l'accordi stabiliti à Tilsit, lu zar Alessandru li di Russia aveva cuminciatu à temè napuleone è rifiutò di collaborà cù ellu riguardu à lu Bloccu cuntinentale, per ùn dannegghjà l'ecunomia russa. Fu questa la principale causa chì spinse napuleone à invadè la Russia in lu 1812 cù ben 655.000 omini, solu un terzu di li quali francesi. li russi, cumandati da Kutuzov, deciseru la tattica di la ritirata piuttostu chì scuntrà sicuntru lu preponderante esercitu napuleonicu. lu 12 settembre in li din turni di Mosca ia lucu la battaglia di burodinu: li russi, scunfitti, ripiegarunu è napuleone entrò à Mosca, cunvintu chì Alessandru avria negoziatu la pace. Stabilitosi in lu Cremlinu, napuleone ùn puteva immaghjnà chì la cità cumpletamente vota nascundesse in realtà un'insidia: in lu la nutte Mosca cuminciò à brusgià, essendu state appiccate le fiamme da certi russi nascosti in lu le case.[59] napuleone, chì aveva tentatu à più riprese di vene à un accordu cù Alessandru li senza riusce neanche à far ricevè li soi messi, perdendu cusì tempu preziusu per la ritirata, vista la prussimità di l'inverno, si rese cuntu di la necessità di ritirarsi. Diede perciò ordine di inizià la ritirata, (e di far saltà lu Cremlinu chì solu per una miracolosa piogghja fu salvatu): era fermatu in Mosca ùn più di trentacinque ghjorni.

La Grande Armata francese soffrì gravi perdite in lu corsu di la ruvinosa ritirata; la spediziune era iniziata cù circa 700.000 omini (di cui pocu menu di la metà eranu francesi) è 200.000 cavalli, à la fine di la campagna pocu più di 18.000 omini ragghjunseru Vilna rimanendu in li ranghi; à questi si agghjunseru poi quarantamila isolati in li ghjorni successivi. In totale più di 400.000 furunu li morti è 100.000 li prighjonieri[60]. Residuarunu inultre solu 10.000 cavalli. trá lu 25 è lu 29 novembre, infatti, li resti di l'armata, distrutta prima da lu caldu è poi da lu freddu (Lu cusiddettu "ghjènerale Inverno")[61] venneru in gran parte annientati da li russi durante lu passagghju di la Beresina. Intanto, napuleone era statu ragghjuntu da la nutizia chì à Parighj lu ghjènerale Malet aveva spartu la nutizia di la morte di l'imperatore è tentatu un colpu di Statu. Angosciatu di le nutizie di tradimentu (Talleyrand è Fouché stavanu ormai tramandu col nemicu)[62], napuleone abbandonò precipitosamente la Russia lasciandu lu cumandu à ghjoacchinu Murat è à Eughjèniu Beauharnais è turnandu in lu la capitale, duve iniziava à ricostrue un novu esercitu di 400.000 omini, in realtà ghjovanissimi è male addestrati. Le putenze europee, cunsce di l'atroce disfatta di Russia, sollevarunu la testa è furmarunu una nova coalizione.

La scunfitta di Lipsia, l'abdicaziune è l'esiliu à l'Elba[mudificà | edità a fonte]

La prima à unirsi à la vittoriosa Russia fu la Prussia che, abbandonandu l'alleanza cù napuleone, si schjerò à fiancu di l'Inghilterra. Era la settima coalizione. napuleone ùn si fece cugliè impreparato, è scunfisse li prussiani prima à Lützen è poi à Bautzen in lu magghju 1813. Ma l'insidia più grande era l'Austria, la quale - ùn rispettosa di li patti - era prunta à scavalcà pure un matrimoniu di statu cume quellu di napuleone cù Maria Luisa pur di scunfigghjère l'odiatu nemicu. in lu corsu di un memorabile è burrascosu scuntru bilaterale à Dresda, napuleone è Metternich ùn riuscirunu à ghjunghjère à un accordo, è lu 12 agostu l'Austria si univa à la coalizione antifrancese. Dopu à un'ultima vittoria francese prupriu à Dresda, le furze napuleoniche si scuntrarunu cù l'eserciti cunghjunti di Austria, Russia, Prussia è Svezia (l'esercitu di quest'ultima era cumandatu da l'ex maresciallu francese Bernadotte) in lu la battaglia di Lipsia, detta "battaglia di le Naziuni" perché vi parteciparunu eserciti di tutta Europa. L'inespertu esercitu francese, furmatu in gran parte da ghjovani reclute, la defeziune di li cuntinghjènti tedeschi è le suverchjanti furze nemiche furunu li fattori chì determinarunu la scunfitta di napuleone à Lipsia. L'esercitu francese fu custrettu à una ruvinosa ritirata attraversu la ghjèrmania in piena insurreziune cuntru l'occupaziune napuleonica, mentre pure l'Olanda si rivoltava è la Spagna era ormai persa.

Rientratu precipitosamente à Parighj, napuleone duveva sube avale l'insubordinaziune di tutti li corpi politici: le Camè denunciarunu solu avale la so' tirannia, la nova nobiltà da ellu creata l'ghjrò le spalle, lu pupolu ormai stancu di la guerra rimase freddo, li marescialli di l'Imperu cuminciarunu à defeziunare: trá li principali, ghjoacchinu Murat chì passò à lu nemicu per cunservà lu regnu di napuli.

Lu ghjornu di Natale di lu 1813 la Francia veniva invasa da l´eserciti di la coalizione. Un mese dopo, lu 25 ghjènnaiu 1814, cunsegnatu à lu fratellu ghjuseppe lu cuntrollu di Parighj è à la muglie Maria Luisa la regghjènza, salutatu lu picculu figliolu chì ùn avria mai più rivisto, napuleone si metteva à lu cumandu di un esercitu di 60.000 veterani di la Vecchja Guardia[63]. Per due mesi, napuleone tenne testa à lu nemicu in quella chì sarà definita da certi la so' campagna più brillante, vincendu à Brienne (propriu duve aveva studiatu l'arte militare), à Champaubert, Montmirail, Chateau-Thierry, Vauchamps, Mormant, Villeneuve, Montereau, Craonne, Laon. Scunfittu infine da le furze prussiane di lu feldmaresciallu von Blücher, da quelle austriache è da quelle russe di Wintzinghjèrode, cunsapevole di ùn puter anticipà le truppe nemiche in marcia su Parighj, napuleone ripiegò su Fontainebleau ove, appresa la nutizia di lu tradimentu di lu ghjènerale Marmont chì si era arresu cù le sue truppe à li alleati, è scuragghjatu da l'attegghjamentu rinunciatariu di lu maresciallu Michel Ney, lu 4 aprile annunciò ufficialmente la so' intenziune di chjedè la pace.

Addii di napuleone à la Guardia imperiale in lu cortile du Cheval-Blanc di lu castellu di Fontainebleau, Antoine Alphonse Montfort

Intantu lu fratellu ghjuseppe era capitolatu è lu nemicu era entratu vittoriosu in Parighj cù à la testa lu zar Alessandru li lu 31 marzo, chì lu ghjornu successivu aveva dighjà fattu affigghjère annant'à li muri di Parighj lu so' proclama indirizzatu à lu pupolu francese.

A Fontainebleau napuleone passò ghjorni duri è difficili. l'ghjunse nutizia chì lu nemicu aveva righjèttatu la so' pruposta di pace chì stabiliva lu ri turnu à li «cunfini naturali» di la Francia. Lu zar Alessandru li l'impose l'abdicaziune. Egli, Dopu à avé più volte tentennato, decise di abdicà in favore di lu figliolu è di la regghjènza di Maria Luisa. Ma lu nemicu decise per un'abdicaziune totale, vistu chì Talleyrand aveva dighjà presu accordi per restaurà annant'à lu trunu li Borboni. napuleone, indignato, minacciò di rimettersi à la testa di li soi eserciti è marcià su Parighj, ma li marescialli lu custrinseru à cedere[64]. L'abdicaziune divenne effettiva lu 6 aprile.

Lu 12, napuleone inghjèrì una furte dose di velenu ma miracolosamente si salvò[65].

Dopu à un memorabile addiu à la Vecchja Guardia, napuleone subì lu dramma di la fuga quando, attraversandu la Francia di lu sud, fu custrettu à indussà un'uniforme austriaca per ùn fine linciatu da la folla[66]. Imbarcatosi precipitosamente su un bastimentu inglese, lu 4 magghju 1814 sbarcò à l'isola d'Elba, duve lu nemicu aveva decisu di esiliarlo, pur ricunoscendogli la suvranità sull'isola è lu titolu di Imperatore.

Stabilitosi à Portoferraiu in li dieci mesi di esiliu napuleone ùn rimase inoperosu ma custruì infrastrutture, miniere, strade, difese, mentre lu cungressu di Vienna chì duveva disegnà la nova Europa di la Restauraziune ipotizzava di esiliarlu in lu l'uceanu.

I "Centu ghjorni"[mudificà | edità a fonte]

Residenza napuleonica à Portoferraiu sull'Isola d'Elba

Pur impegnatu in li lavori sull'Elba, napuleone cuntinuava à ricevè nutizie di la situaziune francese. lu novu suvrano, Luighj XVIII burbone, era invisu à la pupolaziune: in lu solcu di la Restauraziune, Luighj stava lentamente smantellandu tutte le cunquiste di la Rivoluziune leghjttimate da napuleone[67]. Queste nutizie, agghjunte à la voce ormai certa chì li nemichi fosseru prussimi à trasferirlu lontanu da l'Europa, portarunu napuleone à aghjre. Imbarcatosi in gran segretu cù unu sparutu gruppu di granatieri su un bastimento, l'imperatore eluse la sorveglianza inglese è lu 1º marzu 1815 sbarcò in Francia in lu golfu di Cannes. Iniziavanu li legghjèndari "Centu ghjorni". La pupolaziune lu accolse cù un entusiasmu sorprendente, è l'eserciti inviatigli cuntru da Luighj invece di fermarlu si unirunu à lui. lu maresciallu Ney, chì napuleone stessu aveva definitu «Lu più prude di li prudi» Dopu à le sue eroiche imprese in lu la ritirata di Russia, ghjurò allora à lu suvranu burbone chì avria cundottu napuleone à Parighj «in una gabbia di ferro»[68]. Ma quandu li due eserciti si truvarunu l'unu di fronte à l'altru napuleone si fece scuntru à l'esercitu avversariu è gridò «Chi vole sparà à lu so' Imperatore hè liberu di farlo», fu accoltu da un tripudiu è lu stessu Ney crollò trá le sue braccia[69] (sfortunatamente per lui, in seguitu à la scunfitta di napuleone à Waterloo, pagò cù la fucilaziune lu voltafaccia). lu 20 marzu napuleone entrò trionfalmente à Parighj, mentre Luighj era fugghjtu in gran fretta suttu sugghjèrimentu di Talleyrand, lu quale à lu cungressu di Vienna spinse le teste coronate à riprendè la spada cuntru lu despota.

Riorganizzatu in gran fretta l'esercito, napuleone chjese à li nemichi novamente coalizzatisi la pace à la sola cundiziune di mantenè lu trunu di Francia: ùn venne ascoltato[70]. Intanto, in campu politico, l'imperatore aveva ben cumpresu li limiti di lu so' governu precedente è aveva prumulgatu una custituziune magghjormente liberale, ri turnandu più fedelmente à li principi di lu 1789. Per evità una nova invasione di lu solu patrio, napuleone fece la prima mossa spustandu lu cunflittu in lu Belghju. lu so' pianu prevedeva una manovra su due ali chì avrianu divisu è annientatu li prussiani è l'inglesi prima che, superiori di numero, putesseru cunghjunghjèrsi. L'ala destra da ellu cumandata impegnò dunque li prussiani di von Blücher à Ligny è lu maresciallu Ney attaccò l'inglesi di Wellington à Quatre Bras, ma nessunu di li due cumbattimenti ia esitu determinante. cusì si ghjunse à lu fatale 18 ghjugnu 1815, «la ghjornata di lu destino» descritta pure da Victor Hugu, quella di la battaglia di Waterlou. lu pianu strateghjcu ghjènerale di napuleone venne mandatu à l'aria da l'inefficienza di li soi marescialli, principalmente Grouchy, lu quale era statu inviatu à distrugghjère la colonna prussiana sfugghjta à la battaglia di Ligny, ma in pratica cummise l'errore di insegue solu la retroguardia di le furze prussiane chì si eranu intantu riorganizzate è che, grazie à la su determinaziune, riuscirunu à ricunghjunghjèrsi cù Wellington prupriu in lu bel mezzu di la battaglia di Waterlou sì chì le furze inglesi di lu duca di Wellington, unitesi à quelle prussiane, colseru l'opportunità di scunfigghjère li francesi.

Napoleone cumpì ùn pochi errori, trá cui quellu di affidà sià li ghjènerali Davout, Grouchy è à Ney (l'eroe di burodinu), famosu per ardimentu ma ùn per la so' sapienza strateghjca, lu cui cumportamentu inutilmente focosu fu trà li fattori determinanti di la disfatta. Ultimu à arrendersi fu lu ghjovane ghjènerale di la Guardia imperiale Cambronne[71] che, sacrificandu l'intera Guardia, cunsentì à lu restu di l'esercitu scunfittu di ritirà sisenza ulteriori danni à la volta di Parighj.

Napoleone schjerò le sue ultime furze in quadrati è iniziò una lenta, ordinata ma drammatica ritirata. «Wellington hè un pessimu ghjènerale. Stasera ceneremu à Bruxelles», aveva dichjaratu la mattina di la battaglia. In serata, l'imperatore era annant'à la strada di ri turnu per Parighj cunsciu di la certezza di la fine di ogni so' sognu.

Impostagli da la Camera la nova abdicaziune, suttu le pressioni di lu putente Fouché («Avrei duvutu farlu impiccà prima», sbottò napuleone[72]), ellu dichjarò di immolà si«in olocaustu per la Francia» è chjese invanu chì venisse rispettata la so' volontà di porre annant'à lu trunu à l'età ghjusta so' figliolu napuleone II. Le furze nemiche, viceversa, entrarunu à Parighj è rimiseru annant'à lu trunu Luighj XVIII. napuleone si rifughjò à lu castellu di Malmaison, la vecchja casa duve aveva abitatu cù la muglie Joséphine, morta da pocu. La so' intenziune era di fugghjre In l'Stati Uniti, ma rifiutò di travestirsi cume saria statu necessariu per sfugghjre à la cattura, perché ciò avria infamatu lu so' onore[73]. Invece, cù un ghjèstu storico, lu 15 lugliu 1815 napuleone si arrese à li inglesi salendu à burdu di la nave HMS Bellerofont. cundiziune di la cunsegna era la diportaziune in Inghilterra u In l'Stati Uniti, ove intendeva vivè sogghjèttu à lu dirittu cumune è cù lu status di privatu cittadinu. lu capitanu Maitland, in rappresentanza di lu principe regghjènte, venne menu à la parola data, è napuleone venne trattu in arrestu è cundottu da lu Northumberland à Sant'Elena, piccula isola in lu mezzu di l'uceanu Atlanticu.

L'esiliu à Sant'Elena è la morte[mudificà | edità a fonte]

Napoleone à Sant'Elena

Lu 16 ottobre 1815 la nave da battaglia inglese HMS Northumberland ghjunse à Sant'Elena col preziusu caricu. Ivi, cù un picculu seguitu di fedelissimi,[74] fu trasferitu in lu villagghju internu di Longwood, ove rimase finu à lu decessu.

Napoleone dettò le sue memorie è espresse lu so' disprezzu per l'inglesi, personificati in lu l'odiosa figura di lu "carceriere" di napuleone sir Hudson Lowe (che da lu trattamentu duru riservatu à napuleone ùn trasse alcun vantagghju per la so' carriera, anzi fu accusatu di esse statu troppu severu in li cunfronti di l'imperatore francese). ellu dettò à lu cunte de Las Cases lu Memoriale di Sant'Elena è in lu la secunda metà di l'aprile 1821 scrisse ellu stessu le sue ultime volontà è parechji nute à marghjne (per un totale di 40 paghjne).

Longwood House

I dolori á lu stomacu di cui dighjà suffriva da tempo, acuitisi in lu clima inospitale di l'isola è cù lu duru reghjme impustogli, lu cundusseru à la morte lu 5 magghju 1821 à le ore 17:49. Le ultime parole di napuleone furunu Francia è testa di l'armata[75]. ellu chjese di esse seppellitu annant'à le spunde di la Senna, ma fu invece seppellitu à Sant'Elena cume stabilitu dighjà l'annu prima da lu governu inglese. lu governatore Lowe è li soi omini l'tributarunu l'onori riservati à un ghjènerale.

L'autopsia accertò chì la causa fu in effetti un tumore di lu stomacu.

Lu 19 lugliu 1821, pocu Dopu à avé appresu la nutizia di la morte di napuleone, Alessandru Manzoni scrisse la famosa ode Lu cinque magghju, chì ia una furte risonanza in tutta Europa è chì fu tradotta in tedescu da Johann Wolfgang Goethe.

<<Ei fu. Siccome immobile, dato il mortal sospiro, stette la spoglia immemore orba di tanto spiro,così percossa, attonita la terra al nunzio sta, muta pensando all'ultima ora dell'uom fatale; né sa quando una simile orma di pie' mortale la sua cruenta polvere a calpestar verrà.>> da Il cinque maggio di Alessandru Manzoni}}

Lu secundu funerale à Parighj[mudificà | edità a fonte]

Lu 2 agostu 1830, nove anni Dopu à la morte di napuleone, lu re Borbone Carlu X fu custrettu à abdicà è la corona venne cuncessa à Luighj Filippu d'Orléans di idee più liberali. La statua di l'imperatore fu restaurata annant'à la colonna di Place Vendôme è vi furunu richjeste di lu rientru in patria di le spuglie mortali. lu figliolu cadettu di lu re, lu Principe di Joinville, venne incaricatu di ripurtà le spuglie di l'imperatore in Francia è questi, Dopu à avé ottenutu lu permessu di li britannici, diresse una spediziune à Sant'Elena per ripurtà la salma à Parighj. L'8 ottobre 1840 venne riesumata la salma chì si rivelò intatta (anche per l'effettu cunservante di l'arsenicu secundu certi autori), vestita in lu l'uniforme di colonnellu di li cacciatori di la guardia[76]. Ricumpostu lu corpu in una bara di ebano, l'imperatore iniziò lu so' viagghju di ri turnu in Francia, duve arrivò à Cherbourg lu 29 novembre, salutatu da le salve di cannone di lu furte è di le navi militari presenti.

Lu corteu funebre di napuleone à Parighj di lu 15 dicembre 1840

Lu 15 dicembre 1840 ia lucu lu funerale solenne à Parighj celebratu cù tutti l'onori di lu rangu imperiale. Dispostu lu feretru su di un carru trainatu da 16 cavalli, scurtatu da li Marescialli di Francia Oudinot è Molitor, l'ammiragliu Roussin è lu ghjènerale Bertrand, à cavallo, annant'à li quattru lati, lu corteu funebre passò suttu l'arcu di trionfu, trá due file di insegne cù l'aquila imperiale, salutatu da le salve di cannone è accoltu da la famiglia regnante in nome di la Francia. lu ghjènerale Bertrand, chì aveva fedelmente accumpagnatu napuleone à l'Elba è à Sant'Elena, venne incaricatu da lu Re di porre la spada è lu copricapu di l'imperatore annant'à la bara, ma ùn vi riuscì per l'emoziune è fu sustituitu da lu ghjènerale Gourgaud. Più tardi, in lu 1843 ghjuseppe Bonaparte inviò lu gran collare, lu nastro, è le insegne di la Leghjon d'Onore chì so' fratellu aveva indossatu.

La tumba monumentale[mudificà | edità a fonte]

La tumba di Napulione in lu la chjesa di Saint-Louis des Invalides

I resti di napuleone riposanu in un monumentu pustu in una cripta à cielu apertu ricavata in lu pavimentu di la cattedrale di Saint-Louis des Invalides, esattamente suttu la cupola dorata. lu monumento, cuncepitu da l'architettu Louis Viscunti, venne terminatu in lu 1861, cunsiste in un immensu sarcofagu di quarzite rossa di la Finlandia, chì cuntiene le 6 bare entru cui hè statu chjusu lu corpu di napuleone: da la più interna à la più esterna avemu una bara in lamiera è poi una in muganu, due bare in piombu, una di ebanu è l'ultima in legnu di quercia. In turnu à lu sarcofagu c'è un logghjatu circolà decoratu cù enormi statue raffiguranti dodichi Vittorie.

Lu trasferimentu da la cappella di Saint-Jérôme duve era stata diposta la salma in lu 1840, à la cripta sala centrale di la cattedrale di Saint-Louis des Invalides venne effettuatu cù cerimonia ùn pubblica lu 2 aprile 1861, à la presenza di l'imperatore napuleone III. La maschera funeraria hè cunservata invece pressu l'Accademia di l Euteleti à San Miniatu in pruvincia di Pisa, cità duve l'antenati di l'imperatore avevanu risiedutu.

All'internu di la cripta hè presente pure la tumba di lu figliolu di napuleone, Napoleone Luighj.

li figlioli[mudificà | edità a fonte]

Napoleone ia un solu figliolu leghjttimo, lu dighjà citatu Napoleone Francescu (18111832), avutu da la secunda muglie Maria Luisa d'Asburgu-Lorena (17911847).

Tuttavia sò nuti per certu almenu due figlioli illeghjttimi:


Si scrisse inultre[78]che lu filosofo, ghjornalista è omu di statu francese, Jules Barthélemy-Saint-Hilae (1805 – 1895), di cui si ha certezza chì fosse un figliolu naturale ma di lu quale ùn si cunosce neppure lu nome di la madre, fosse figliolu illeghjttimu di napuleone Bonaparte, ma ùn vi hè alcuna certezza storica in meritu.

Bibliografia[mudificà | edità a fonte]

In italianu sò attualmente reperibili li seguenti volumi:

Di queste biografie, quelle di lu Dumas è di lu Criscolu sò le più romanzate è piacevoli in lu la lettura, le prime due invece scritte cù pigliu storiograficu dannu una lettura obiettiva di lu personagghju.

Questi due volumi, scritti da unu di li più impurtanti esperti militari di lu periodu napuleonico, offrunu una chjara cumprensione di lu so' ghjèniu tatticu.

  • Emmanuel de Las Cases, Lu memoriale di Sant'Elena, ed. BUR, à cura di Luighj Mascilli Migliorini, 2 voll., Milano, 2004, ISBN 88-17-10790-5
  • napuleone Bonaparte, Autobiografia, à cura di A. Malraux, ed. Arnuldu Mondadori Editore, Milano, 1994, ISBN 88-04-39494-3
  • napuleone Bonaparte, Aforismi politici, pensieri morali è massime annant'à la guerra, ed. Newton & cumpton, Roma, 2002, ISBN 88-8289-780-X

Queste ultime opè fannu parlà napuleone stessu. Principale resta lu Memoriale, la vera autobiografia napuleonica, mentre le ultime due sò raccolte di frasi, lettere, pruclami.

In francese:

  • Max Gallo, Napoléon, Paris, Edition Robert Laffont, 1997, ISBN 2-221-09796-3
  • Adolphe Thiers, Histoe du cunsulat et de l'empire, Paris, Paulin-Leuhreux, 1846-1862

Filmugrafia[mudificà | edità a fonte]

Di seguitu sò citati li film reperibili in lingua italiana chì hanu avutu per sogghjèttu centrale lu personagghju di napuleone Bonaparte è le sue vicende storiche.

Ligami esterni[mudificà | edità a fonte]

Fonti[mudificà | edità a fonte]

'Ss'articulu pruveni in parti o in tutalità da l'articulu currispundenti di a wikipedia in talianu.

Referenze[mudificà | edità a fonte]

  1. Errore script
  2. Sicondu ciì ch'eddu rapporta A. Vieusseux, in u so Napoleon Bonaparte: His sayings and his deeds, 2 voll., Charles Knight & Co., 1846., vol. I, à p. 5 "A famiglia Bonaparte era di a classa difinita "famigli di citatini" o nutevuli di Corsica, una spezia di nubiltà minori; apposta ch'è i Ghjinuvesi, chì erani à l'ebbica Signori di Corsica, ùn ricunnisciani micca com'è tali nisciunu patriziu, eccittuatu par quiddi chì erani scritti in u libru d'oru à Ghjenuva. Pari ch'è l'antinati di a famiglia Bonaparte fussini immigrati da Ghjenuva à Aiacciu, incù numarosi altri culoni, versu a fini di u XV seculu. Un'antra famiglia, vali à dì un ramu luntanu di listessa famiglia, da u nomu Bonaparte, o piuttostu Buonaparte, era dighjà stanziata, in 'ssu periodu, in a cità di San Miniato, in Tuscana, è avia, da tandu, pruduttu parechji omini dotti."
  3. Errore script
  4. Gerosa, op. cit., p. 8.
  5. l'Archivi naziunali francesi: attu di battezimu di Carlu Maria Bonaparte. U testu impurtantu hè u siguenti: "Carlu Maria, figliolu di u nobili Ghjaseppu di Bastianu Bonaparte è di a nobili Maria Saveria moglia."
  6. Gerosa, op. cit., p. 5.
  7. Trattu da u dialogu incù Francescu d'Austria in u cunvegnu di Dresda. Si vedi ancu nota à u Moniteur di u 14 lugliu 1805. Particulari in Gerosa, op. cit., pp. 8-9.
  8. Parechji storichi pruclamani com'è data di nascita u 5 frivaghju 1768, mentri Iung afferma ch'eddu sii natu u 7 ghjinnaghju 1768, è chì u stessu Nabulionu aghji falsificatu l'atti di nascita familiali par essa citatinu francesu
  9. Gerosa, op. cit., p. 7 è Andrea Stuart, The Rose of Martinique: A Life of Napoleon's Josephine, ristampa pag 180, Grove Press, 2005. ISBN 978-0-8021-4202-3
  10. De Bourrienne, op. cit., p.XLIII.
  11. Fù numinatu in u tistamentu lascendu li vintimila franchi Gerosa, op. cit., p. 13.
  12. Ludwig (1999), op. cit., p. 8.
  13. I storichi rapportani dati diffarenti: Chateaubriand porta a data di u 12 maghju 1779, Hilaire Belloc afferma u 21 aprili mentri u 23 aprili hè a data ripurtata in i righjistri di a scola, in Gerosa, op. cit., p. 17.
  14. Di diffarenti upinioni Madelin. Gerosa, op. cit., p. 18.
  15. Gerosa, op. cit., p. 23.
  16. Un ghjornu à l'accademia di Brienne sbuttò contru i so cumpagni: "Aspitteti ch'e sii grandi: vogliu fà tantu mali à vo francesi!".Ludwig (2000), op. cit., p. 8.
  17. Bainville, op. cit., p. 93.
  18. Sintì da un pridicatori chì Catone è Cesare brusgiavani in i fiammi, i dui parsunaghji ch'eddu ammirava u più . In Gerosa, op. cit., p. 20.
  19. de Saint-Hilaire, op. cit., p. 16.
  20. Dwyer, op. cit., p. 32.
  21. Bainville, op. cit., pp. 91-92.
  22. Ghjunsi 42imu annantu à 58 candidati, cuprendu in un solu annu ciò ch'è l'altri candidati cuprarani in dui o trè anni di corsu. In Gerosa, op. cit., p. 27.
  23. Bainville, op. cit., pp. 96-97.
  24. Dwyer, op. cit., p. 44.
  25. Cunsumata in u numaru 9 di l'Hotel de Cherbourg induva stava Nabulionu à l'ità di diciottu anni. Racontu dittagliatu in Gerosa, op. cit., pp. 31-32.
  26. Da Stefanu Tomassini, "Amor di Corsica", Feltrinelli Traveler, Milanu, 2000, p. 100, ISBN 88-7108-157-9, citendu u scrittu ghjuvanili di Nabulionu Nantu à u suicidiu, pubblicatu in appendici à Clisson è Eugénie (nuvedda ghjuvanili di u stessu Nabulionu) da Sellerio Editori, Palermu, 1980
  27. Molti ufficiali erani fughjiti à l'estaru è par quissa u corpu si ritruvò in a nicissità d'avè avanzamenti di carriera impruvisi. In Gerosa, op. cit., p. 35.
  28. Dwyer, op. cit., p. 78.
  29. Rapì un di l'ufficiali eletturali. Veda International Napoleonic Congress, L'Auropa scopri Nabulionu, 1793-1804: atti di u Cungressu internaziunali nabulionicu, Cittadella di Alissandria, 21-26 ghjugnu 1997, Vulumu 2, pag 105, Edizioni di l'Orsu, 1999. ISBN 978-88-7694-389-8
  30. Falk, op. cit., p. 70.
  31. Gerosa, op. cit., p. 38.
  32. Gerosa, op. cit., p. 42.
  33. George Moir Bussey, History of Napoleon, p. III, 1840. NO ISBN
  34. Louis Antonine Fauve De Bourrienne, Memoirs of Napoleon Bonaparte, Vulumu 4, p. XXXIV, Wildside Press LLC, 2010. ISBN 978-1-4344-1136-5
  35. Gerosa, op. cit., p. 57.
  36. Fù purtatu in Marseglia. Si veda Falk, op. cit., p. 111.
  37. Laurenti, un cummircianti riccu, pruposi una cauzioni par a quali fù postu à l'arresti dumiciliari. Saliceti à u mumentu di a libarazioni scrissi chì a ditinzioni ùn pudia micca durà più à longu. Gerosa, op. cit., pp. 62-63.
  38. In seguitu moglia di Jean-Baptiste Jules Bernadotte, generali di Nabulionu. A cunniscenza frà i dui si feci di ghjinnaghju-frivaghju 1795. In Frederic Masson, Napoleon: Lover and Husband, ristampa, p. 20, Kessinger Publishing, 2005. ISBN 978-1-4179-5144-4.
  39. Bainville, op. cit., pp. 131-138.
  40. Alexandre Dumas (Babbu ), Napoleone, p. 41
  41. E. Ludwig, op. cit., p. 102
  42. G. ghjèrosa, op. cit., p. 244
  43. Addirittura, durante lu discorsu à lu cunsigliu di l Anziani, l'amicu è intendente di napuleone, Bourienne, duvette zitte lu so' padrone chì arringava scunnessamente l'assemblea cù frasi cume "Iu camminu accumpagnatu da lu Diu di la Guerra è da lu Diu di la furtuna!". E. Ludwig, op. cit., p. 116
  44. E. Ludwig, op. cit., p. 119
  45. ghjèorghjès Lefebvre, Napoleone Bonaparte, p. 112
  46. Curiosu l'episodiu in cui lu stessu napuleone stupì li ghjuristi di lu cunsigliu di Statu citandu cù disinvoltura le legghj romane, apprese da la lettura di le Istituziuni di ghjustinianu, avvenuta in ghjoventù durante un breve periodu di prighjonia. Cfr. Emmanuel de Las Cases, Memoriale di Sant'Elena, p. 612
  47. G. Lefebvre, op. cit., p. 110
  48. Napoleone ùn attribuì la vittoria di Marengu à Desaix, senza pianghjèrne la morte (dirà ellu stessu à S. Elena).
  49. La spediziune era stata affidata à lu cugnatu di napuleone, ghjènerale Victor Emanuel Leclerc, chì morì di febbre ghjalla Dopu à avé catturatu lu capu di li ribelli.
  50. L'incoronaziune imperiale di napuleone custò à l'amministraziune statale 5.151.574 franchi, sei volte di più di quella di Luighj XVI
  51. G. ghjèrosa, op. cit., p. 304.
  52. «Quandu turnerete à casa, vi basterà de "Iu eru cù ellu in lu la battaglia di Austerlitz", è poi raccunterete chì in menu di quattru ore avemu battutu è dispersu un esercitu di 100.000 omini cumandatu da l´imperatori di Russia è Austria» disse napuleone à le sue truppe Dopu à la vittoria. G. ghjèrosa, op. cit., p. 362
  53. G. ghjèrosa, op. cit., p. 364
  54. E. Ludwig, op. cit., p. 200
  55. Lu cardinale Pacca fu separatu poi da lu papa è inviatu à la furtezza di Fenestrelle ove rimase prighjonieru finu à lu 1815.
  56. Bartolomeu Pacca, Napoleone cuntru Piu VII, Roma, 1944
  57. Bernadotte aveva spusatu Désirée Clary, prima fiamma di napuleone, è sorella di la muglie di ghjuseppe Bonaparte.
  58. In li tre ghjorni successivi à la partenza di Joséphine da lu palazzu di le Tuileries, napuleone rimase inoperosu per tre ghjorni, senza ricevè nessunu né far ude un so' ordine. E. Ludwig, op. cit., 253
  59. L'ordine di incendià la cità fu datu da lu governatore civile di Mosca, cunte Rostopcin; la cità cuntinuò à brucià per quattru ghjorni è à la fine restò in piedi solu un terzu di la case. G. ghjèrosa, op. cit., p. 456.
  60. G. Lefebvre, op. cit., p. 421
  61. In realtà ùn fu solu lu freddu l'elementu determinante à la scunfitta, tiuria basata annant'à la ghjustificaziune chì napuleone diede à lu Senatu francese lu 20 dicembre, è annant'à lu so' 29° bollettinu di guerra, per invucà, à discolpa di lu disastru in cui era incorsa la so' campagna, un eventu indipendente da le sue capacità militari. pure durante la marcia di andata vi fu una grande morìa trà li cavalli è trà li soldati à causa di lu gran caldu. Quell'estate fu difatti insolitamente lunga è lu ghjèlu fece la so' cumparsa quandu dighjà l'armata francese era in ritirata è cumbatteva, oltre chì cuntru li russi incalzanti, pure cuntru lu fangu è la mota chì la ostacolavanu furtemente.
  62. G. ghjèrosa, op. cit., p. 483
  63. A. Dumas, op. cit., p. 124
  64. E. Ludwig, op. cit., pp. 341-342
  65. G. ghjèrosa, op. cit., p. 486
  66. G. ghjèrosa, op. cit., p. 487
  67. E. Ludwig, op. cit., pp. 354-355
  68. G. ghjèrosa, op. cit., p. 489
  69. In realtà, quasi certamente, la frase di napuleone fu rivolta à lu 5° corpu davanti Grenoble, prima di scuntrà Ney. cusì sustiene E. Ludwig, op. cit., p. 360
  70. "Iu vogliu serbà soltantu lu putè chì mi hè necessariu per governare", affermò. E. Ludwig, op. cit., p. 363
  71. Notu l'aneddoto, narratu pure da Hugu ne I miserabili, chì à l'imposiziune di resa di l inglesi Cambronne aghjia rispostu semplicemente: «Merde»; altri sustenenu invece chì aghjia rispostu cù un più furmale è militarescu «La Guardia more ma ùn si arrende». ghjèrosa (op. cit., p. 501) cita entrambe le frasi; Dumas (p. 173) prupende per la più celebre parola.
  72. E. Ludwig, op. cit., p. 385
  73. E. Ludwig, p. 388
  74. A napuleone fu cuncessu di fà siaccumpagnà da tre ufficiali più un chirurgu è dodichi dumestici, tutti scelti trà coloru chì lu accumpagnarunu in Inghilterra annant'à lu Bellerophon (ma cù l'esclusione di li ghjènerali Savary è François Antoine Lallemand). à seguitu di le sue pruteste, l'furunu cuncesse quattru persone anziché tre:
  75. E. Ludwig, p. 486; Dumas, p. 186. Romanzata hè la versione chì riporta cume ultima parole quella di Joséphine, chì ellu prununciò ma solu à li inizi di lu deliriu.
  76. G. ghjèrosa, op. cit., p. 520
  77. La nascita di Carlu Leone smentì la cunvinziune chì napuleone fosse sterile, cunvinziune urighjnata da lu fattu chì la muglie ghjuseppina, Dopu à circa dieci anni di matrimonio, ùn l'aveva ancora datu un figliolu nonostante ella ne avesse avuti due da lu precedente maritu. questu fattu dimostrava lu cuntrario: ghjuseppina era divenuta sterile è napuleone iniziò da allora à pensà à lu divorziu chì l'avria cunsentitu di spusà una donna in gradu di dargli un erede di l'imperu. (Max Gallo, Napoléon, Paris, Edition Robert Laffont, ISBN 2-221-09796-3, Ed. italiana Arnuldu Mondatori per Biblioteca Storica de: lu ghjornale, pagg. 496-497)
  78. Jean-Marie Mayeur, Alain Corbin, Arlette Schweitz (dir.), Les immortels du Sénat, 1875-1918. Les cent seize inamovibles de la Troisième République, Paris, Publications de la Sorbonne, 1995, 512 p.
E persunalità storiche di Corsica

Ghjacumu Petru Abbatucci - Bartulumeu Arena - Ghjiseppu Maria Buonaparte - Lucianu Buonaparte - Napulione Buonaparte - Circinellu - Ugo Colonna - Matteu de Buttafuoco - Ghjacintu Paoli - Pasquale Paoli - Rinucciu di la Rocca Dumenicu Rivarola - Sambucucciu d'Alandu - Sampieru Corsu - Vannina d'Ornanu - Vincentellu d'Istria - Zampaglinu di Bucugnà