Sant'Elena

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
Sant'Elena vista da u spaziu

Sant'Elena hè un'isula vulcanica di 122 km2, situata per mezu à l'oceanu Atlanticu sudu, à 1930 km di e coste africane è à 3500 km di e coste brasiliane, per 15° 57' S, 5° 42' W. Face parte amministrativamente di Sant'Elena, Ascensione è Tristan da Cunha, territoriu d'oltrimare di u Regnu Unitu.[1] L'isula fubbe scuperta da u navigatore galizianu João da Nova Castella u 21 di maghju di u 1502 è numinata in l'onore d'Elena, mamma di Custantinu Ia. Da u 1657, diventa pussessu di a Cumpagnia inglese di l'Indie orientale.

Per u più cunnisciuta cum'è locu d'esiliu di Napuleone da u 1815 à a so morte u 5 di maghju di u 1821, l'isula li deve u so interessu turisticu chì riposa annantu à l'attraenza di i lochi ch'ellu hà friquintati. In u 1890, u capu zulu Dinizulu ci fubbe ditenutu, prima chì i Britannichi ci imprighjuneghjinu u generale Piet Cronje è 6000 Boers durente a Siconda Guerra di i Boers.

Isula furtezza annantu à u passaghju di e nave di a Cumpagnia di l'Indie, perse u so rollu strategicu à u mumentu di l'apertura di u Canale di Suez.

Geugrafia[mudificà | edità a fonte]

Sant'Elena hè situata in l'Atlanticu sudu, à 1850 chilomitri di e coste africane è 3500 di u Brasile.

Storia[mudificà | edità a fonte]

Scuperta[mudificà | edità a fonte]

L'isula fù scuperta da u navigatore galizianu João da Nova u 21 di maghju di u 1502[2], ghjornu di a festa di santa Elena sient'è l'usu anticu è ortudossu, chì li vale u so nome.

Qualchì avvinturieru è qualchì schiavu a pupuleghjanu. I vilieri, in u corsu di e so longhe travirsate, ci facenu arretta per rinnuvà a so pruvisione d'acqua dolce è di viveri freschi, ciò chì li vale u nome d'" Osteria di l'Oceanu "[3]. In u 1633, una flotta olandese ne piglia pussidimentu à nome di i Paesi Bassi chì l'annessanu senza occupà la. A Cumpagnia britannica di l'Indie orientale chì ùn pussede in i mari australi nissunu puntu di rilasciamentu per e so nave, si ne impatrunisce in u 1659 è l'acconcia prima di cede la à a Curona in u 1834. I guvernadori ci sò tandu numinati. Da u 1815 à u 1821, l'isula hè pristata à u Guvernu britannicu cum'è locu d'esiliu per Napuleone[4].

A ditenzione di Napuleone Ia[mudificà | edità a fonte]

Sant'Elena - A valle di a Cappella

Dopu à i Centu Ghjorni, Napuleone fubbe esiliatu è depurtatu da i Britannichi annantu à Sant'Elena induve ellu sbarcò u 16 d'uttrove di u 1815 à bordu di u HMS Northumberland 1798 6[5]. A ghjunta di Napuleone caghjunò una crescita di a pupulazione di l'isula : circa 1500 suldati inglesi (in più di i 800 militareschi di a cumpagnia di l'Indie) è 500 marinari di a fluttiglia di guerra, è ancu officiali di u guvernu britannicu, accumpagnati da a so famiglia, senza sminticà a piccula culonia francese chì campava in a vicinanza di Napuleone[6]. Inoltre, i Britannichi, timendu un sbarcu di marinari francesi per liberà u prigiunere, rivendiconu l'isula di l'Ascensione - sin'à tandu disabitata - è ci stabilinu una guarnigione.

Napuleone morse u 5 di maghju di u 1821. U lindumane, u guvernadore di l'isula, sir Hudson Lowe, sin'à tandu in perpetuu cunflittu incù u so anzianu prigiunere, vinì in persona à assicurà si di a so morte è dichjarò tandu à a so vicinanza :

« (...) era u più grande nimicu di l'Inghilterra è ancu u meiu ; ma eiu li perdongu tuttu. À a morte d'un cusì grande omu, ùn si deve risente ch'è un prufondu dulore è prufondi rimpienti[7].

Sicondu e so ultime vulintà in u casu induve u so corpu ùn duvia micca esse vultatu in Europa, Napuleone fubbe inumatu u 9 di maghju vicinu à una surghjente, in a valle di u Géranium, dinuminata dapoi "valle di a Cappella". U 27 di maghju, tutta a culonia francese chittò l'isula. Dicennovi anni dopu à a morte di Napuleone, u rè Louis-Philippe pote ottene da u Regnu Unitu a ristituzione di e cennere di l'exi imperatore. L'esumazione di u corpu di Napuleone ebbe locu u 15 d'uttrove di u 1840 »

, po fubbe rimpatriatu in Francia è inumatu à l'Invalide in Parigi.

In u 1822, l'abitazione di Longwood fubbe ceduta à un affituariu chì li dete torna l'usu di chjude ch'ella avia innanzu à a ghjunta da Napuleone, tantu chì dopu, i visitadori custatonu ch'è a casa di Napuleone aggrundava

« mulinu, silu, stifale di paglia è ancu cavalli.[8] »
Nabuleone in Sant'Elena, da Francois-Joseph Sandmann

À parte si da u 1854, l'imperatore Napuleone III neguziò incù u guvernu britannicu l'acquistu di Longwood House è di a valle di a Cappella, chì diventonnu pruprietà francese in u 1858, sottu à u nome di Campu francese di Sant'Elena è gistite dapoi da a ministeru di l'Affari stranieri. U paviglione di i Briars, prima dimora di l'imperatore annantu à l'isula, fubbe aghjuntu à u duminiu in u 1959, quandu a so ultimu pruprietariu ne fece donu à a Francia.

Vegetazione[mudificà | edità a fonte]

A vegetazione di l'isula cuntava numerose spezie endemiche à u mumentu di a so scuperta, ma hè statu assai guastata da a prisenza di l'omu. A distruzzione hà principiatu pocu tempu dopu à a scuperta da i Portughesi in u 1502, incù l'intruduzione di capre. Ma ùn ci era nissunu animale erbivoru annantu à l'isula, è a flora ùn era micca adatta à u pasciale. Più tarde, incù u stabilimentu d'una pupulazione permanente da a Cumpagnia inglese di l'Indie orientale in u 1659, numerose piante, cum'è Phormium tenax, sò state introdutte, e quale anu criatu nuvelli paisaghji. Inoltre, l'arburi sò stati assai imprudati per a custruzzione è a cucina, è a distillazione di l'arrack.

S'è l'internu di l'isula era prubabilmente cupertu da una densa furesta tropicale, è ancu a costa, u paisaghju attuale hè assai differente. Ci sò trè grande zone di vegetazione : i machjoni di filette arburescente, annantu à e più parte alte di l'isula, i pasciali à l'altezze medie, è una zona cumplittamente rosa, annantu à e parte basse.

Certe spezie cum'è Acalypha rubrinervis è Nesiota elliptica (olivu di Sant'Elena) sò avà sparite. Altre spezie, cum'è Pelargonium cotyledonis sò diventate rare o in via d'estinzione. Una spezia particulare hè entruta in a Storia: si tratta di u salice chì adumbrava a cappella di Napuleone [9].

Acelli endemichi[mudificà | edità a fonte]

U curriere di Sant'Elena figura annantu à u blasone è a bandera di l'isula.

Parechji sottuspezie d'acelli endemichi di l'isula sò sparite dapoi l'occupazione umana (per via di a caccia, distruzzione di a furesta primaria subtropicale, spezie predatrice introdutte...) : Rantanu di Sant'Elena (Aphanocrex podarces), Puppusgia di Sant'Elena (Upupa antaios), Culombula turchina, Cuccu di Sant'Elena (Nannococcyx psix).

Pupulazione[mudificà | edità a fonte]

Ùn esiste micca una pupulazione indigena annantu à l'isula. L'abitanti di l'isula sò Europei discendenti di Britannichi, Africani discendenti di schiavi è di Chinesi. Tutti l'abitanti parlanu inglese. Ùn ci hè mai statu creolu per avà è e pupulazione d'origine non britannicu ùn usanu più a lingua di i so antenati.

A pupulazione s'inalza à circa 4200 abitanti in u 2008, inchjudendu i visitadori (3900 ùn cuntendu ch'è l'autoctoni), chì si scumpartenu per a maiò parte in l'internu di l'isula, più verdicante. Eppuru, quessa hè in forte calata, apposta ch'ella hà persu 1000 abitanti dapoi u 1998.

A capitale di l'isula hè Jamestown, chì n'hè dinù a cità principale incù 864 abitanti. Situata annantu à a costa, stendendu si annantu à 1.5 km, ma spruvista di portu, hè incasciata trà duie muntagne.

Divisione amministrative[mudificà | edità a fonte]

Distrittu Superf.
km²
Pop.
22 febr.
1987
Pop.
3 di marzu
1998
Pop.
10 febr.
2008
Densità
ab. /km²
District map of Saint Helena.png
Alarm Forest 5,9 ... 289 276 46,8
Blue Hill 36,5 190 177 153 4,2
Half Tree Hollow 1,6 1 075 1 140 901 563,1
Jamestown 3,6 ... 884 714 198,3
Levelwood 14,0 415 376 316 22,6
Longwood 33,4 ... 960 715 21,4
Sandy Bay 15,3 305 254 205 13,4
Saint Paul's 4,4 ... 908 795 69,7
Tutale 121,7 5 644 5 157 4 255 35,0

'Ssi distritti sò ridutti à dui : Livante è Punente. Quattordici ettari formanu u Campu francese di Sant'Elena.

Accessu à l'isula[mudificà | edità a fonte]

Via marittima[mudificà | edità a fonte]

L'isula ùn hè accessibile ch'è per battellu, ma ùn pussede micca porti dutati d'un molu. Una nave britannica u RMS St Helena (RMS per Reale Mail Sirviziu, l'ultimu battellu pustale britannicu sempre in sirviziu), mezu cargò mezunave face a lega incù l'Africa di u Sudu. Ci volenu quattordici ghjorni à u cargò mistu RMS Santu Helena, per percorre l'8000 chilomitri chì spiccanu Cardiff (Paese di Galles) da Jamestown.

Via aeria[mudificà | edità a fonte]

Dopu à assai contruversie, u prugettu d'aeruportu fù abbandunatu per causa di a crise ecunomica mundiale in u 2009. Eppuru, u nuvellu guvernu britannicu di u prima ministru David Cameron dicise di ghjunghju 2010 di rilancià u prugettu chì fù aduttatu di nuvembre 2011. Hè una sucità sudafricana, Basil Read, chì ottense u cuntrattu di 200 milioni di libri, è l'aeruportu duvia apre in u 2015 (data di u 200u anniversariu di u ghjunta in esiliu di Napuleone), incù i buli trà l'isula è l'Africa di u Sudu[10]. Finalmente, l'aeruportu fù inauguratu u 21 di maghju di u 2016.

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruvene in parte da l'articulu currispundente di a wikipedia in francese.
  2. Jules-Sébastien-César Dumont di Urville, Viaghju pitturescu intornu à u mondu, tomu II, p. 547.
  3. Ulane Bonnel, Sant'Elena, terra d'esiliu, Hachette, 1971, 17.
  4. Ghjacumu Macé, Dizziunariu storicu di Sant'Elena, Tallandier, 2004.
  5. Thierry Lentz , Napuleone, Edizione La Boétie, 2013, 82.
  6. Michele Dancoisne-Martineau, Cronache di Sant'Elena: Atlanticu sudu, Perrin, 2011, p. 301.
  7. Napuleone, Larousse, 2015, p.91.}}.
  8. Albertu Benhamou, L'altru Sant'Elena : a cattività, a malatia, a morte è i medichi intornu à Napuleone, 2010, p. 373.
  9. L'altru Sant'Elena, annantu à u situ lautresaintehelene.com, cunsultata u 26 di nuvembre di u 2014.
  10. inRemote UK island colony of St Helena to get airport BBC 3 di nuvembre di u 2011.