Ugo Foscolo

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
WikiLettera

'Ssu articulu hè in custruzzione. Pudete cuntribuisce à a so redazzione.

Ugo Foscolo

Ugo Foscolo hè statu un pueta, scrivanu è autore di teatru talianu. Era natu u 6 di ferraghju di u 1778 à Zacinto (ìsola greca in u Mare Joniu, in issu tempu pussessione di a Republica di Venezia) è hè mortu u 10 di sittembre di u 1827 à Londra.

Opere[mudificà | edità a fonte]

Dei sepolcri, 1809

Puesia[mudificà | edità a fonte]

  • A Napoleone Bonaparte liberatore (1799)
  • A Luigia Pallavicini caduta da cavallo (1800)
  • All'amica risanata (1802)
  • Non son chi fui, perì di noi gran parte (1802)
  • Che stai? (1802)
  • Te nutrice alle Muse (1802)
  • E tu ne' carmi avrai perenne vita (1802)
  • Perché taccia il rumor di mia catena (1802)
  • Così gl'interi giorni in luogo incerto (1802)
  • Meritamente, però ch'io potei (1802)
  • Solcata ho la fronte (1802)
  • Alla sera (1803)
  • A Zacinto (1803)
  • Alla Musa (1803)
  • In morte del fratello Giovanni (1803)
  • Dei Sepolcri (1806)
  • Le Grazie (nen finì)

Teatru (tragedie)[mudificà | edità a fonte]

  • Tieste (1795)
  • Aiace (1810-1811)
  • Ricciarda (1813)

Prosa[mudificà | edità a fonte]

  • Ultime lettere di Jacopo Ortis (romanz) (1797)
  • Dell'origine e dell'ufficio della letteratura (1809)
  • Essays on Petrarch (1823)
  • Discorso sul testo della Divina Commedia (1825)
  • Discorso storico sul testo del Decamerone (1825)