Regnu di Napuli

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
03-Regno Napoli di qua dal Faro.jpg

Regnu di Napuli[1] hè u nome incù u quale hè cunnisciutu in a sturiugrafia muderna l’anticu Statu talianu esistutu da u XIV à u XIX seculu è stesu à tuttu u meridione cuntinintale talianu, u quale nome ufficiale fù à l'iniziu Regnu di Sicilia citeriore, pè distingue lu da u regnu stesu annantu à l’isula omonima in u stessu periodu. A dinuminazione trova a so origine in età nurmana; u Regnu nurmanu di Sicilia fù unu statu istituitu in u 1130, incù capitale Palermu, incù l’assignazione à Ruggeru II d'Altavilla di u titulu di Rex Siciliae da l’antipapa Anacletu II, titulu cunfirmatu in u 1139 da papa Innucenzu II. U novu Statu indipindente è suvranu insistia annantu à tutti i territorii di u Meziornu è di a Sicilia, attistendu si cum'è u più ampiu di l'antichi Stati taliani. In seguitu à a ruvina di a famiglia imperiale di l'Hohenstaufen, chì era succeduta à l'Altavilla, papa Urbanu IV numinò in u 1263 Carlu I d'Angiò novu Rex Siciliae. Ma u pisante fiscalismu angioinu è a scuntentezza diffusa à tutti i strati di a pupulazione siciliana diterminonu a rivolta di u Vespru; suvitò a guerra di i nuvant'anni trà Petru III d'Aragona, maritu di l’ultima erede di l'Hohenstaufen, è l'Angiò. Scunfittu, u 26 di sittembre di u 1282 Carlu d'Angiò lasciò definitivamente a Sicilia in manu à l’Aragunesi.

À a stipulazione di a Pace di Caltabellotta (1302) suvitò a furmale divisione di u regnu in duie: Regnum Siciliae citra Pharum (cunnisciutu in a sturiugrafia muderna cum'è Regnu di Napuli) è Regnum Siciliae ultra Pharum (ancu cunnisciutu per un breve periodu cum'è Regnu di Trinacria, cunnisciutu in a sturiugrafia muderna cum'è Regnu di Sicilia). Per via di cunsiquenza stu trattatu pò esse cunsideratu l’attu di fundazione cunvinziunale di l’entità pulitica nota cum'è Regnu di Napuli. U regnu, cum'è statu suvranu, visse una grande fiuritura intellettuale, ecunomica è civile sia sottu e varie dinastie angioine (1282-1442), sia incù a ricunquista aragunese d'Alfonsu I (1442-1458), sia sottu u guvernu di un ramu cadettu di a casa d'Aragona (1458-1501); tandu a capitale era celebra per u splindore di a so corte è u mecenatisimu di i suvrani. In u 1504 a Spagna unita scunfisse a Francia, è u regnu di Napuli fù da tandu unitu dinasticamente à a munarchia ispanica, à tempu à quellu di Sicilia, finu à u 1707, è tremindui fubbenu guvirnati cum'è duie vicereami distinti ma incù a dicitura cumuna ultra et citra Pharum è incù a cunseguente distinzione storiugrafica è territuriale trà Regnu di Napuli è Regnu di Sicilia. Bench'è i duie regni, di novu riuniti, ottensinu l’indipendenza incù Carlu di Borbone ghjà in u 1734, l’unificazione ghjuridica definitiva di tremindui i regni si ebbe solu in u dicembre di u 1816, incù a fundazione di u statu suvranu di u Regnu di e Duie Sicilie.

U territoriu di u Regnu di Napuli currispundia à a somma di quelli di l’attuale rigione d'Abruzzu, Molise, Campania, Puglia, Basilicata è Calabria è cumprendia ancu parechji arie di l’oghjincu Laziu meridiunale è orientale appartinenti finu à u 1927 à a Campania è à l’antica Terra di Lavoru[2].

Da u Regnu di Sicilia à u Regnu di Napuli[mudificà | edità a fonte]

Origine di l’unità territuriale: i Nurmani è i Svevi[mudificà | edità a fonte]

Cristu incuruneghja à Ruggeru II, mosaicu in a Chjesa di a Martorana in Palermu.

L'isula di Sicilia è l’Italia meridiunale sana à sudu di u Trontu è di u Liri eranu i territorii chì furmavanu u Regnu di Sicilia, custituitu difatti in u 1127-1128 quandu u conte di Sicilia Ruggeru II d'Altavilla unificò sottu à u so duminiu i diversi feudi nurmani di l’Italia Meridiunale (Ducatu di Puglia è Calabria). U titulu di Rè di Sicilia fù istituitu da l’Antipapa Anacletu II finu da u 1130 è ligittimatu dopu, in u 1139, da Papa Innucenzu II. À a fine di u seculu XII, in seguitu à a scunfitta di Federicu Barbarossa, u Statu Puntificiu avia avviatu incù Innucenzu III una pulitica di espansiunismu di u putere timpurale; papa Innucenzu IV, in linia incù u so pridicissore, rivendicò i dritti feudali di u Statu di a Chjesa annantu à u Regnu di Sicilia, chì i tituli rigali annantu à u Statu eranu stati assignati à i nurmani (Ruggeru II) da papa Innucenzu II. Quandu però Arrigu VI, figliolu di u Barbarossa, spusò Custanza d'Altavilla, ultima erede di u Regnu di Sicilia, u territoriu nurmanu passò sottu à a curona sveva, diventendu un centru strategicu di a pulitica imperiale di l'Hohenstaufen in Italia, in particulare incù Federicu II[3].

U suvranu Svevu, in a duplice pusizione di Imperatore di u Sacru Rumanu Imperu Germanicu è rè di Sicilia, fù unu di i protagunisti di a storia medievale eurupea: si preoccupò per u più di u Regnu di Sicilia, dilighendu à i principi germanichi parte di i so puteri in i territorii di oltr'Alpe. A principale ambizione di u suvranu fù quella di crià un Statu cuesivu è efficiente: nubiltà feudale è cità duvianu risponde unicamente à u rè, in un Statu assai centralizatu rettu da un capillare cumplessu burocraticu è amministrativu, chì truvò in a Custituzione di Melfi a so massima sprissione.[4]

Durente u regnu di Federicu II, e nove vie cummerciale in direzzione di a Tuscana, di a Pruvenza è in definitiva di l’Europa, eranu sempre più vantaghjose è rindimentose rispettu à quelle di u Mediterraniu meridiunale, induve à spessu i traffichi eranu ostaculati da l’ingerenza di i Saraceni è l’incustanza di diversi Regni Islamichi.[5] Federicu II fundò à Napuli u Studium, vale à dì a più antica università statale d'Europa, destinata à furmà e mente di a classa dirigente di u Regnu.

À a morte di Federicu ([1250]), u figliolu Manfredi assunse a regenza di u Regnu. Una scuntentezza diffusa è a resistenza di i ceti baronali è citatinu à u novu suvranu sfuciò infine in una viulenta sollevazione contru le impusizione pruvinenti da a corte regia. In questu i rivultati truvonu u sustegnu di papa Innocenzo IV, desidarosu di stende a so auturità in u Meziornu. Tantu i feudatari quantu a classa, tipicamente urbana, cumposta da burocrati, notai è funziunarii, desidaravanu più indipendenza è maiò rispiru da u cintralismu munarchicu; per via di cunsiquenza Manfredi tentò una midiazione. U novu suvranu affruntò i cunflitti incù una dicisa pulitica di diccentramentu amministrativu chì tendeva à intigrà in a gistione di u territoriu, più di chì i ceti baronali, ancu e cità.[6]

Pure senza cede à e richieste di autonumia pruvinenti da l’ambiente urbanu, u novu suvranu valurizò moltu più di u babbu a funzione di e cità cum'è poli amministrativi, favurendu ancu l’inurbanizazzione di i baroni; quessa fece affiurà, accantu à a più antica nubiltà baronale, una nova classa burocratica urbana, chì in vista di una promuzione suciale, investì parte di i guadagni in l’acquistu di grandi patrimonii terrieri.[7] Tale mutamenti di a cumpusizione di a classa dirigente urbana indussenu ancu nove relazione trà e cità è a curona, annunziendu e prufonde trasfurmazione di a successiva età angioina.[8]

L'incurunazione di Manfredi

Manfredi cuntinuò inoltre à ligittimà e pulitiche ghibelline, cuntrullendu dirittamente l’"Apustolica Legazia di Sicilia", corpu puliticu-ghjuridicu in a quale amministrazione di e diocese è di u patrimoniu ecclesiasticu era dirittamente gistita da u suvranu, ereditaria è senza a midiazione papale. In questi anni papa Innocenzu IV sustense una serie di rivolte in Campania è Puglia chì purtonu à l’interventu direttu di l’imperatore Corradu IV, fratellu maiò di Manfredi, u quale infine ripurtò u Regnu sottu a giurisdizione imperiale. Succedette à Corradu IV u figliolu Corradinu di Svevia è, finch'è questu ultimu fù ancura minorenne, u guvernu di a Sicilia è di l'Apustolica Legazia fù presa da Manfredi: ellu, parechje volte scomunicatu per cuntrasti incù u papatu, ghjunghjì à pruclamà si rè di Sicilia[9].

Mortu Innocenzu IV, u novu papa di origine francese Urbanu IV, rivendichendu dritti feudale annantu à l’isula[10] è timendu una pussibile futura, diretta annessione di u Regnu di Sicilia à u Sacru Rumanu Imperu Germanicu, chjamò in Italia Carlu d'Angiò, conte d'Angiò, Maine è Provenza, è fratellu di u rè di Francia, Luigi IX: in u [1266] u vescu di Roma u numinò rex Siciliae. U novu suvranu da a Francia partì tandu à a cunquista di u regnu, scunfighjendu prima Manfredi in a battaglia di Beneventu, eppoi Corradinu di Svevia à Tagliacozzu, u 23 di aostu [1268].

Li Hohenstaufen, l'a quale linia maschile si era estinta incù Corradinu, fubbenu eliminati da a scena pulitica taliana mentre li angioini si assicuronu u duminiu annantu à u Regnu di Sicilia. A calata di Corradinu, eppuri, fù a premissa di impurtante sviluppi, perchè e cità siciliane, chì avianu accoltu benevolmente Carlu d'Angiò dopu à a battaglia di Beneventu, eranu di novu passate à sustene a parte ghibellina. A svolta anti-angioina annantu à l’isula, mutivata da l’eccessiva prissione fiscale di u novu guvernu francese, ùn ebbe cunsequenze pulitiche immediate, ma fù u prima passu versu a successiva guerra di u vespru.

A grande spiculazione finanziaria chì a guerra avia cumpurtatu (li angioini si eranu indebitati incù i banchieri guelfi di Firenza), purtò à una serie di nove tassazione è gabelle in tuttu u regnu, chì si aghjunsenu à quelle chì u rè impose quandu ebbe à finanzià una serie di campagne militare in uriente, in a spiranza di assughjittà à u so duminiu i resti di l’anticu imperu bizantinu[11].

L’Angioini[mudificà | edità a fonte]

A battaglia di Beneventu

L'avventu di Carlu I annantu à u tronu, diventatu Rè grazia à l’investitura Papale è pè drittu di cunquista, ùn marcò eppuru una vera è propria ruttura incù a duminazione Sveva, ma si rializò in un quatru di sustanziale stabilità di l’istituzione munarchiche è in particulare di l’impiantu fiscale. U rinfurzamentu di u cumplessu di guvernu avveratu nanzu da Federicu II offria infatti à a dinastia Angioina una struttura Statale solida annantu à a quale ripone u propriu putere. U primu rè angioinu cunsirvò senza discuntinuità e magistrature elettive di i burocrati regii è in l’amministrazione cintrale assuciò strutture di u Regnu svevu incù l’istituzione di a munarchia francese.

L'eredità di l’organisazione di u Statu federicianu, riutilizata da Carlu I, però punia di novu u prublemu di l’oppusizione cunghjunta di e cità è di a nubiltà feudale: e stesse forze chì durente u regnu di Manfredi avianu appughjatu a dinastia francese contru à i Svevi. U suvranu angioinu, nonustante i richjami di u Papa, guvirnò incù un forte assolutismu, ignurante di e pritese di a nubiltà è di a classa urbana, ch'ellu ùn cunsultò mai eccituatu pè l’aumentu di e tasse divutu à a guerra contru à Corradinu.

Incù a morte di Corradinu, per manu di l’Angioini, i dritti svevi annantu à u tronu di Sicilia passonu à una di e figliole di Manfredi: Custanza di Hohenstaufen, chì u 15 di lugliu 1262 avia spusatu u rè d'Aragona Petru III. U partitu ghibellinu di Sicilia chì precedintamente si era organizatu intornu à i svevi Hohenstaufen, assai scuntente di a suvranità francese annantu à l’isula, circò u sustegnu di Custanza è di l’aragunese, pè organizà a rivolta contru à l’angioini.

Principiò cusì a rivolta di u Vespru. Questa hè stata à longu cunsiderata l’esprissione di una ribellione pupulare spuntanea contru u pesu di a fiscalità è u guvernu tirannicu "di a gattiva Signuria Angioina", cum'è a definì Dante Alighieri; ma sta interpritazione hà lasciatu oramai spaziu à una valutazione più attenta à a cumplissità di l’avvinimenti è à a multiplicità di l’attori in campu.

Un rollu cintrale deve esse senza dubbitu attribuitu à l’iniziativa di l’aristucrazia raffurzata si in età Sveva, di più arradicata in Sicilia, chì sentia minacciate e so pusizione di putere da e scelte di u novu suvranu: a priferenza accurdata da l’Angiò à Napuli, u so strettissimu ligame incù u Papa è i mercante Fiurintini, a tindenza à affidà impurtante funzione di guvernu à omini pruvinenti da u Meziornu peninsulare.

Frà sti oppunenti si distinguinu pè attivismu e famiglie aristucratiche emigrate chì, dopu à l’esecuzione di u ghjovanu Corradinu, avianu divutu rinuncià à certi dritti è bè patrimoniali, ma chì gudianu di u sustegnu di e cità Ghibelline di l’Italia centru-sittentriunale. Inoltre incù a perdita di cintralità di a Sicilia, ancu e forze produttive è cummerciale, chì avianu in principiu sustinutu a spedizione Angioina, si truvonu in netta contrappusizione incù a criscente egemunia di u Meziornu peninsulare.

Inoltre ùn hè da sottustimà l’interferenza di agente esterni cum'è a munarchia Aragunese, in quellu periodu in grande contrappusizione incù u bloccu francese è angioinu, e cità Ghibelline, è persinu l’imperu Bizantinu, furtamente trafaricatu da i prugetti espansiunistichi di Carlu chì l’avia ghjà strappatu Corfù è Durazzu oramai parte di u Regnu di Sicilia.

E guerre di u Vespru[mudificà | edità a fonte]

A rivolta pupulare antiangioina principiò à Palermu u 31 di marzu 1282 è si sparghjì in a Sicilia sana. Petru III d'Aragona sbarcò in Trapani d’aostu di u 1282 è scunfisse l’armata di Carlu d'Angiò mentre l’Assediu di Messina, chì durò bè 5 mesi da maghju à sittembre 1282. U Parlamentu sicilianu incurunò Petru è a moglia Custanza, figliola di Manfredi; difatti, da quellu mumentu vi fubbenu dui suvrani incù u titulu di "rè di Sicilia": l’Aragunese, pè investitura di u Parlamentu sicilianu, è l’Angioinu, pè investitura papale.

U 26 di sittembre di u 1282 Carlu d'Angiò scappò definitivamente da u campu di armi in Calabria. Qualchì mese più tardi, u papa regnante Martinu IV scomunicò Petru III. Ciononostante ùn fù micca più pussibile pè Carlu di vultà in l’arcipelagu sicilianu è a residenza regia angioina fù itinerante trà Capua è a Puglia mentre parechji anni, finch'è incù u successore di Carlu I, Carlu II d'Angiò, Napuli fù definitivamente scelta cum'è nova residenza di a munarchia è di l’istituzione cintrale in u cuntinente[12]. Incù Carlu II a dinastia ebbe a so residenza fissa in u Maschju Angioinu.

L'amministrazione angioina[mudificà | edità a fonte]

Benchì l’ambizione angioine in Sicilia fussenu inibite da e numerose scunfitte militare, Carlu I circò di cunsulidà u so putere propriu in a parte cuntinintale di u regnu, tramettendu annantu à a precedente pulitica barunale guelfa parte di e riforme chì ghjà u vechju Statu Svevu cuncretizava pè rinfurzà l’unità territuriale di u Meziornu[13]. Da e prime invasione longubarde bona parte di l’econumia di u regnu, in u principatu di Capua, in Abruzzu è in u Contadu di u Molise, era gistita da i munasteri benedettini (Casauria, San Vincenzu à u Volturnu, Montevergine, Montecassinu)[14], chì in molti casi avianu accrisciutu i so privilegii finu à diventà vere è proprie signurie lucale, à suvranità territuriale è in cuntrastu spessu incù i feudatari laici vicini.[15][16] L'invasione nurmana prima, e lotte frà l’antipapa Anacletu II, sustinutu frà altri da i benedettini, è u papa Innocenzu II, è infine a nascita di u regnu di Sicilia minonu e base di a tradizione feudale benedettina. Dopu à u 1138, scunfittu Anacletu II, Innocenzu II è e dinastie nurmane sprunonu in l’Italia meridiunale u monachesimu cistercense; molti munasteri benedettini fubbenu convertiti à a nova regula chì, limitendu l’accumulazione di bè materiale à e risorse necessarie pè a produzzione artigianale è agricula, pruibia a pussibilità per i novi cenobi di custituisce patrimonii è signurie feudale[17]: u novu ordine investia cusì e risorse in riforme agrarie, artigianatu, meccanica è assistenza suciale, incù valetudinaria (spidale), farmacie è chjese rurale.

U monachesimu francese truvò tandu u sustegnu di i vechji feudatari nurmani, chì pobbenu cusì cuntrastà attivamente l’ambizione timpurale di u cleru lucale[18]: annantu à stu cumprumessu si innestò a pulitica di u novu suvranu Carlu I; quellu fundò di e so manu l’abbazie cistercense di Realvalle (Vallis Regalis)[19] à Scafati è Santa Maria di a Vittoria à Scurcola Marsicana[20], è favorì e filiazioni di e storiche abbazie di Sambucina (Calabria), Sagittariu (Basilicata), Sterpetu (Terra di Bari), Ferraria (principatu di Capua), Arabona (Abruzzu) è Casamari (Statu Puntificiu), diffundendu à u cuntempu u cultu di l’Assunzione di Maria in u Meziornu. Cuncesse dinù nove cuntee è ducati à i militari francesi chì appughjonu a so cunquista di u napulitanu[21].

I principali centri munastichi di produzzione ecunomica eranu stati cusì svinculati da l’amministrazione di pussidimenti feudali è l’unità di u Statu, à quandu superata l’auturità pulitica benedettina, si fundava oramai annantu à l’antiche baronie nurmane è annantu à l’assettu militare datendu da Federicu II. Carlu I infatti cunsirvò l’antichi giustizierati federiciani, accriscendu u putere di i presidenti rispittivi: ogni pruvincia avia un giustiziere chì, oltre à esse à capu di un impurtante tribunale, incù duie corte, era ancu u vertice di a gistione di u lucale patrimoniu finanziariu è di l’amministrazione di u tisoru, ricavatu da e tassazione di l’universitates(cumuni). L'Abruzzu fù divisu in Aprutium citra (flumen Piscariae) è Aprutium ultra (flumen Piscariae); molte di e cità sveve, cum'è Sulmona, Manfredonia è Melfi, persenu u so rollu cintrale in u regnu in favore di cità minore o antiche capilochi decaduti cum'è Sanseveru, Chieti è L'Aquila, mentre in i territorii chì eranu stati bizantini (Calabria, Puglia) si cunsulidò l’assettu puliticu principiatu da a cunquista nurmana: l’amministrazione periferica, chì i grechi affidavanu à un sistemu capillare di cità è diocese, trà u patrimonium publicum di i funziunarii bizantini è u p. Ecclesiae di i veschi, da Cassanum à Gerace, da Barolum à Brundisium, fù sustituita definitivamente da l’ordine feudale di a nubiltà fondiaria. In u Meziornu e sedii di i giustizieri (Salernu, Cosenza, Catanzaru, Reggiu, Tarantu, Bari, Sanseveru, Chieti, L’Aquila è Capua) o di impurtante arcidiocesi (Beneventu è Acheruntia), più chì a nova capitale, firmonu l’unichi centri stati dutati di pesu puliticu o attività finanziarie, ecunomiche è culturale.

A campagna di Carlu I in oriente è a nascita di u regnu d'Albania (Durazzu).

Carlu perse però, pè alcuni pruvvidimenti puntifici, l’ultime regalie di u napulitanu, quale u drittu di u suvranu di numinà l’amministratori regi in e diocese incù sedii vacanti: tale privilegii finu à tandu in u Meziornu eranu sopravvissuti à a riforma greguriana chì stabiliscìa chì solu u puntefice duvia gode di a facultà di numinà è dipone veschi (libertas Ecclesiae)[22].

U 7 di ghjinnaghju 1285 murì Carlu I d'Angiò è u succedette Carlu II. Incù l’ascesa à u tronu di Napuli di questu suvranu, a pulitica regia ebbe una svolta: da quellu mumentu, in seguitu à a guasi custante belligeranza trà i regni di Sicilia (Napuli) è di Trinacria (Sicilia), a pulitica di a dinastia angioina si interissò soprattuttu di ottene un bonu cunsensu à l’internu di u Regnu. Infatti fubbenu da un latu aumintati i privilegii à a nubiltà feudale, indispinsevule à a causa di a guerra, ma da l’altru, guasi à vulè bilancià l’eseguì si di i putentati feudali, fubbenu accurdate da i suvrani à e cità, in gradi diversi à siconda di l’impurtanza chì elle avianu, nove libertà è autonumie. Queste oramai pudianu eleghje i ghjurati, vale à dì i ghjudici incù funzione amministrative è di cuntrollu è i sindaci, ripprisintanti di a pupulazione vicinu à u suvranu. Si vinì cusì à crià à Napuli è in altre rialità urbane di u Meziornu una criscente cunflittualità trà nubiltà citatina è u populu pussedente, à u quale successivamente u Rè Robertu cuncesse a pussibilità di entre dirittamente in l’amministrazione di u Statu. Pè certi versi si vinì à crià, almenu in e principale cità di u Regnu una situazione rassomigliante à u cuntrastu esistente ancu in i cumuni è in e signurie di l’Italia centru-sittentriunale, ma a pace di u Rè servia da equilibratrice è a figura di u suvranu da arbitru, postu ch'è l’auturità di u Rè era quantunque indiscutibile. Si cunfigurò cusì un ghjocu di equilibriu trà cità è rialità rurale-feudale abilmente gistitu da a munarchia, chì sottu l’egida di Robertu d'Angiò ghjunse à regulamentà è traccià nettamente e sfere di influenza di nubiltà feudale, cità è demaniu regiu.[23]

In Sicilia invece, à a morte di Petru III, rè d'Aragona è Sicilia, u duminiu annantu à l’isula fù trastagliatu da i so duie figlioli Alfonsu III è Ghjacumu I di Sicilia. Questu ultimu firmò u Trattatu d'Anagni di u 12 di ghjugnu 1295, cedendu i dritti feudali annantu à a Sicilia à papa Bonifaziu VIII: u puntefice in cambiu cuncesse à Ghjacumu I a Corsica è a Sardegna, cunferendu cusì a suvranità di a Sicilia à Carlu II di Napuli, erede di u titulu di rex Siciliaeda parte angioina.

Nascita di u regnu[mudificà | edità a fonte]

U trattatu d'Anagni però ùn purtò à una pace durevule; quandu Ghjacumu I lasciò a Sicilia pè guvirnà l’Aragona, u tronu palermitanu fù affidatu à u fratellu Federicu III chì guidò l’ennisima ribellione pè l’indipendenza di l’isula è fù poi incurunatu da Bonifaziu VIII rè di Sicilia(rex Trinacriae). Federicu III però perse l’appoghju di parechji baroni siciliani; pè cunsirvà u titulu regale, pè a prima volta ricunnisciutu da a Santa Sede, firmò incù Carlu di Valois, chjamatu da Martinu IV à ristabilì l’ordine in Sicilia, a pace di Caltabellotta in u 1302.

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruvene in parte da l'articulu currispundente di a wikipedia in talianu
  2. À l'origine, prima di a cumparsa di u tuponimu Terra di Lavoru, a rigione era identificata incù u nome di Liburia. Quessa puderia derivà da u nome di un'antica pupulazione, quella di i Leborini (o Liburi). Sicondu un'altra virsione, invece, l’origine di u nome Liburia hè da individuà si in u gentiliziu Libor, prubabilamente diventatu Labor per via d'un errore di trascrizzione o per via d'una distorsione funetica
  3. Atlante Storicu Mundiale DeAgostini à cura di Cesare Salmaggi, Istitutu Geugraficu De Agostini, Novara 1995
  4. Francu Franceschi,Ilaria Taddei, E cità Taliane in u Medievu, XII-XIV seculu, 2014, U Mulinu, Bulogna
  5. Francu Franceschi, Ilaria Taddei, E cità Taliane in u Medievu, XII - XIV seculu, 2014, U Mulinu, Bulogna
  6. Francu Franceschi, Ilaria Taddei, Le cità Taliane in u Medievu, XII-XIV sec, 2014, U Mulinu, Bulogna
  7. Francu Franceschi, Ilaria Taddei, Le cità Taliane in u Medievu. XII-XIV sec, 2014, U Mulinu, Bulogna
  8. Francu Franceschi,Ilaria Taddei, E cità Taliane in u Medievu, XII-XIV sec, 2014, U Mulinu, Bulogna
  9. Catalano G., Studii annantu à a Legazia Apustolica di Sicilia, Reggiu Calabria 1973, 'La legazia di Sicilia, p. 40 è ss.
  10. Delogu P., Gillou A., Ortalli G., Storia d'Italia à cura di Galasso G, vol I, pp 301-316
  11. Ùn coprisinu e spese ecunomiche di e campagne di Carlu I d'Angiò mancu e rendite di e chjese di a Provenza, rigione di i primi feudi di u novu rè di Sicilia, chì u papa Urbanu IV cuncesse à li angioini pè sustene a causa guelfa. "...Urbanu IV dicise di appellà si à un persunaghju putente chì avissi pietà di a chjesa in ruvina è fusse dispostu à cumbatte per a causa di u Signore, oppunendu si à tutti sti mali. È perchè quella inclita sterpa di i Franchi era sempre stata u principale aggrondu di a chjesa in ogni angustia, cum'ella dimostra a storia passata, scelse cum'è fervente difensore di Cristu è di a Chjesa rumana, in quantu cavaliere nobilissimu, valurosu in battaglia è di grande fede, Carlu, figliolu di Luigi, duca di Pruvenza, conte di Forcalquier è di Angiò. Ma perch'elle fusse in gradu di assolve liberamente à i so scopi, u numinò rè di Sicilia è u fece senatore di l’alma Roma, è dete ordine chì in Francia fusse sbandita a cruciata à favore soiu è chì per cinqui anni li fussenu assignate e decime di tutti e chjese di u regnu." (Tommasu Tosco, Gesta imperatorum et pontificum- Di Salvo A., Gasparri S., Simoni F., Fonte pè a storia medievale. Da u XI à u XV seculu, Sansoni, Firenza 1992).
  12. M. Amari, "Gaspar Amicu Storia Pupulare di u Vespru Sicilianu"
  13. Floridi V., A furmazione di a rigione abruzzese è u so assettu territuriale frà u tardu periodu imperiale è u XII seculu, Rivista di l’istitutu di Studii Abruzzesi, XIV 1976.
  14. Tosti A/U., Storia di a Badia di Montecassinu, I-IV, Roma, 1888-1890.
  15. Dell'Omu M., Montecassinu un'abbazia in a storia, Cinisellu Balsamu, Arti grafiche Amilcare Pizzi, 1999.
  16. Wickham C., U prublemu di l’incastellamentu in l’Italia cintrale. L'esempiu di San Vincenzu à u Volturnu. Studii annantu à a sucità di l’Appennini di l’altu Medievu, II, Firenza, 1985.
  17. Exordium parvum ordinis cistercensis, cap. XVI.
  18. Mahn J.B., L'ordine Cistercense è u so guvernu da l'origine à a metà di u seculu XIII, Parigi, 1951.
  19. Qualchì nota annantu à Realvalle da u situ di i cistercensi.
  20. Qualchì nota annantu à Santa Maria di a Vittoria da u situ di i cistercensi.
  21. Galasso G., Storia d'Italia, vol 15, tomu I, Turinu 1992.
  22. Galasso G., Storia d'Italia, vol XV, Utet, Turinu, 1995.
  23. Francu Franceschi, Ilaria Taddei, E cità Taliane in u Medievu, XII-XIV seculu, 2014, U Mulinu, Bulogna