Regnu di Napuli

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
03-Regno Napoli di qua dal Faro.jpg

Regnu di Napuli[1] hè u nome incù u quale hè cunnisciutu in a sturiugrafia muderna l’anticu Statu talianu esistutu da u XIV à u XIX seculu è stesu à tuttu u meridione cuntinintale talianu, u quale nome ufficiale fù à l'iniziu Regnu di Sicilia citeriore, pè distingue lu da u regnu stesu annantu à l’isula omonima in u stessu periodu. A dinuminazione trova a so origine in età nurmana; u Regnu nurmanu di Sicilia fù unu statu istituitu in u 1130, incù capitale Palermu, incù l’assignazione à Ruggeru II d'Altavilla di u titulu di Rex Siciliae da l’antipapa Anacletu II, titulu cunfirmatu in u 1139 da papa Innucenzu II. U novu Statu indipindente è suvranu insistia annantu à tutti i territorii di u Meziornu è di a Sicilia, attistendu si cum'è u più ampiu di l'antichi Stati taliani. In seguitu à a ruvina di a famiglia imperiale di l'Hohenstaufen, chì era succeduta à l'Altavilla, papa Urbanu IV numinò in u 1263 Carlu I d'Angiò novu Rex Siciliae. Ma u pisante fiscalismu angioinu è a scuntentezza diffusa à tutti i strati di a pupulazione siciliana diterminonu a rivolta di u Vespru; suvitò a guerra di i nuvant'anni trà Petru III d'Aragona, maritu di l’ultima erede di l'Hohenstaufen, è l'Angiò. Scunfittu, u 26 di sittembre di u 1282 Carlu d'Angiò lasciò definitivamente a Sicilia in manu à l’Aragunesi.

À a stipulazione di a Pace di Caltabellotta (1302) suvitò a furmale divisione di u regnu in duie: Regnum Siciliae citra Pharum (cunnisciutu in a sturiugrafia muderna cum'è Regnu di Napuli) è Regnum Siciliae ultra Pharum (ancu cunnisciutu per un breve periodu cum'è Regnu di Trinacria, cunnisciutu in a sturiugrafia muderna cum'è Regnu di Sicilia). Per via di cunsiquenza stu trattatu pò esse cunsideratu l’attu di fundazione cunvinziunale di l’entità pulitica nota cum'è Regnu di Napuli. U regnu, cum'è statu suvranu, visse una grande fiuritura intellettuale, ecunomica è civile sia sottu e varie dinastie angioine (1282-1442), sia incù a ricunquista aragunese d'Alfonsu I (1442-1458), sia sottu u guvernu di un ramu cadettu di a casa d'Aragona (1458-1501); tandu a capitale era celebra per u splindore di a so corte è u mecenatisimu di i suvrani. In u 1504 a Spagna unita scunfisse a Francia, è u regnu di Napuli fù da tandu unitu dinasticamente à a munarchia ispanica, à tempu à quellu di Sicilia, finu à u 1707, è tremindui fubbenu guvirnati cum'è duie vicereami distinti ma incù a dicitura cumuna ultra et citra Pharum è incù a cunseguente distinzione storiugrafica è territuriale trà Regnu di Napuli è Regnu di Sicilia. Bench'è i duie regni, di novu riuniti, ottensinu l’indipendenza incù Carlu di Borbone ghjà in u 1734, l’unificazione ghjuridica definitiva di tremindui i regni si ebbe solu in u dicembre di u 1816, incù a fundazione di u statu suvranu di u Regnu di e Duie Sicilie.

U territoriu di u Regnu di Napuli currispundia à a somma di quelli di l’attuale rigione d'Abruzzu, Molise, Campania, Puglia, Basilicata è Calabria è cumprendia ancu parechji arie di l’oghjincu Laziu meridiunale è orientale appartinenti finu à u 1927 à a Campania è à l’antica Terra di Lavoru[2].

Da u Regnu di Sicilia à u Regnu di Napuli[mudificà | edità a fonte]

Origine di l’unità territuriale: i Nurmani è i Svevi[mudificà | edità a fonte]

Cristu incuruneghja à Ruggeru II, mosaicu in a Chjesa di a Martorana in Palermu.

L'isula di Sicilia è l’Italia meridiunale sana à sudu di u Trontu è di u Liri eranu i territorii chì furmavanu u Regnu di Sicilia, custituitu difatti in u 1127-1128 quandu u conte di Sicilia Ruggeru II d'Altavilla unificò sottu à u so duminiu i diversi feudi nurmani di l’Italia Meridiunale (Ducatu di Puglia è Calabria). U titulu di Rè di Sicilia fù istituitu da l’Antipapa Anacletu II finu da u 1130 è ligittimatu dopu, in u 1139, da Papa Innucenzu II. À a fine di u seculu XII, in seguitu à a scunfitta di Federicu Barbarossa, u Statu Puntificiu avia avviatu incù Innucenzu III una pulitica di espansiunismu di u putere timpurale; papa Innucenzu IV, in linia incù u so pridicissore, rivendicò i dritti feudali di u Statu di a Chjesa annantu à u Regnu di Sicilia, chì i tituli rigali annantu à u Statu eranu stati assignati à i nurmani (Ruggeru II) da papa Innucenzu II. Quandu però Arrigu VI, figliolu di u Barbarossa, spusò Custanza d'Altavilla, ultima erede di u Regnu di Sicilia, u territoriu nurmanu passò sottu à a curona sveva, diventendu un centru strategicu di a pulitica imperiale di l'Hohenstaufen in Italia, in particulare incù Federicu II[3].

U suvranu Svevu, in a duplice pusizione di Imperatore di u Sacru Rumanu Imperu Germanicu è rè di Sicilia, fù unu di i protagunisti di a storia medievale eurupea: si preoccupò per u più di u Regnu di Sicilia, dilighendu à i principi germanichi parte di i so puteri in i territorii di oltr'Alpe. A principale ambizione di u suvranu fù quella di crià un Statu cuesivu è efficiente: nubiltà feudale è cità duvianu risponde unicamente à u rè, in un Statu assai centralizatu rettu da un capillare cumplessu burocraticu è amministrativu, chì truvò in a Custituzione di Melfi a so massima sprissione.[4]

Durente u regnu di Federicu II, e nove vie cummerciale in direzzione di a Tuscana, di a Pruvenza è in definitiva di l’Europa, eranu sempre più vantaghjose è rindimentose rispettu à quelle di u Mediterraniu meridiunale, induve à spessu i traffichi eranu ostaculati da l’ingerenza di i Saraceni è l’incustanza di diversi Regni Islamichi.[5] Federicu II fundò à Napuli u Studium, vale à dì a più antica università statale d'Europa, destinata à furmà e mente di a classa dirigente di u Regnu.

À a morte di Federicu ([1250]), u figliolu Manfredi assunse a regenza di u Regnu. Una scuntentezza diffusa è a resistenza di i ceti baronali è citatinu à u novu suvranu sfuciò infine in una viulenta sollevazione contru le impusizione pruvinenti da a corte regia. In questu i rivultati truvonu u sustegnu di papa Innocenzo IV, desidarosu di stende a so auturità in u Meziornu. Tantu i feudatari quantu a classa, tipicamente urbana, cumposta da burocrati, notai è funziunarii, desidaravanu più indipendenza è maiò rispiru da u cintralismu munarchicu; per via di cunsiquenza Manfredi tentò una midiazione. U novu suvranu affruntò i cunflitti incù una dicisa pulitica di diccentramentu amministrativu chì tendeva à intigrà in a gistione di u territoriu, più di chì i ceti baronali, ancu e cità.[6]

Pure senza cede à e richieste di autonumia pruvinenti da l’ambiente urbanu, u novu suvranu valurizò moltu più di u babbu a funzione di e cità cum'è poli amministrativi, favurendu ancu l’inurbanizazzione di i baroni; quessa fece affiurà, accantu à a più antica nubiltà baronale, una nova classa burocratica urbana, chì in vista di una promuzione suciale, investì parte di i guadagni in l’acquistu di grandi patrimonii terrieri.[7] Tale mutamenti di a cumpusizione di a classa dirigente urbana indussenu ancu nove relazione trà e cità è a curona, annunziendu e prufonde trasfurmazione di a successiva età angioina.[8]

L'incurunazione di Manfredi

Manfredi cuntinuò inoltre à ligittimà e pulitiche ghibelline, cuntrullendu dirittamente l’"Apustolica Legazia di Sicilia", corpu puliticu-ghjuridicu in a quale amministrazione di e diocese è di u patrimoniu ecclesiasticu era dirittamente gistita da u suvranu, ereditaria è senza a midiazione papale. In questi anni papa Innocenzu IV sustense una serie di rivolte in Campania è Puglia chì purtonu à l’interventu direttu di l’imperatore Corradu IV, fratellu maiò di Manfredi, u quale infine ripurtò u Regnu sottu a giurisdizione imperiale. Succedette à Corradu IV u figliolu Corradinu di Svevia è, finch'è questu ultimu fù ancura minorenne, u guvernu di a Sicilia è di l'Apustolica Legazia fù presa da Manfredi: ellu, parechje volte scomunicatu per cuntrasti incù u papatu, ghjunghjì à pruclamà si rè di Sicilia[9].

Mortu Innocenzu IV, u novu papa di origine francese Urbanu IV, rivendichendu dritti feudale annantu à l’isula[10] è timendu una pussibile futura, diretta annessione di u Regnu di Sicilia à u Sacru Rumanu Imperu Germanicu, chjamò in Italia Carlu d'Angiò, conte d'Angiò, Maine è Provenza, è fratellu di u rè di Francia, Luigi IX: in u [1266] u vescu di Roma u numinò rex Siciliae. U novu suvranu da a Francia partì tandu à a cunquista di u regnu, scunfighjendu prima Manfredi in a battaglia di Beneventu, eppoi Corradinu di Svevia à Tagliacozzu, u 23 di aostu [1268].

Li Hohenstaufen, l'a quale linia maschile si era estinta incù Corradinu, fubbenu eliminati da a scena pulitica taliana mentre li angioini si assicuronu u duminiu annantu à u Regnu di Sicilia. A calata di Corradinu, eppuri, fù a premissa di impurtante sviluppi, perchè e cità siciliane, chì avianu accoltu benevolmente Carlu d'Angiò dopu à a battaglia di Beneventu, eranu di novu passate à sustene a parte ghibellina. A svolta anti-angioina annantu à l’isula, mutivata da l’eccessiva prissione fiscale di u novu guvernu francese, ùn ebbe cunsequenze pulitiche immediate, ma fù u prima passu versu a successiva guerra di u vespru.

A grande spiculazione finanziaria chì a guerra avia cumpurtatu (li angioini si eranu indebitati incù i banchieri guelfi di Firenza), purtò à una serie di nove tassazione è gabelle in tuttu u regnu, chì si aghjunsenu à quelle chì u rè impose quandu ebbe à finanzià una serie di campagne militare in uriente, in a spiranza di assughjittà à u so duminiu i resti di l’anticu imperu bizantinu[11].

L’Angioini[mudificà | edità a fonte]

A battaglia di Beneventu

L'avventu di Carlu I annantu à u tronu, diventatu Rè grazia à l’investitura Papale è pè drittu di cunquista, ùn marcò eppuru una vera è propria ruttura incù a duminazione Sveva, ma si rializò in un quatru di sustanziale stabilità di l’istituzione munarchiche è in particulare di l’impiantu fiscale. U rinfurzamentu di u cumplessu di guvernu avveratu nanzu da Federicu II offria infatti à a dinastia Angioina una struttura Statale solida annantu à a quale ripone u propriu putere. U primu rè angioinu cunsirvò senza discuntinuità e magistrature elettive di i burocrati regii è in l’amministrazione cintrale assuciò strutture di u Regnu svevu incù l’istituzione di a munarchia francese.

L'eredità di l’organisazione di u Statu federicianu, riutilizata da Carlu I, però punia di novu u prublemu di l’oppusizione cunghjunta di e cità è di a nubiltà feudale: e stesse forze chì durente u regnu di Manfredi avianu appughjatu a dinastia francese contru à i Svevi. U suvranu angioinu, nonustante i richjami di u Papa, guvirnò incù un forte assolutismu, ignurante di e pritese di a nubiltà è di a classa urbana, ch'ellu ùn cunsultò mai eccituatu pè l’aumentu di e tasse divutu à a guerra contru à Corradinu.

Incù a morte di Corradinu, per manu di l’Angioini, i dritti svevi annantu à u tronu di Sicilia passonu à una di e figliole di Manfredi: Custanza di Hohenstaufen, chì u 15 di lugliu 1262 avia spusatu u rè d'Aragona Petru III. U partitu ghibellinu di Sicilia chì precedintamente si era organizatu intornu à i svevi Hohenstaufen, assai scuntente di a suvranità francese annantu à l’isula, circò u sustegnu di Custanza è di l’aragunese, pè organizà a rivolta contru à l’angioini.

Principiò cusì a rivolta di u Vespru. Questa hè stata à longu cunsiderata l’esprissione di una ribellione pupulare spuntanea contru u pesu di a fiscalità è u guvernu tirannicu "di a gattiva Signuria Angioina", cum'è a definì Dante Alighieri; ma sta interpritazione hà lasciatu oramai spaziu à una valutazione più attenta à a cumplissità di l’avvinimenti è à a multiplicità di l’attori in campu.

Un rollu cintrale deve esse senza dubbitu attribuitu à l’iniziativa di l’aristucrazia raffurzata si in età Sveva, di più arradicata in Sicilia, chì sentia minacciate e so pusizione di putere da e scelte di u novu suvranu: a priferenza accurdata da l’Angiò à Napuli, u so strettissimu ligame incù u Papa è i mercante Fiurintini, a tindenza à affidà impurtante funzione di guvernu à omini pruvinenti da u Meziornu peninsulare.

Frà sti oppunenti si distinguinu pè attivismu e famiglie aristucratiche emigrate chì, dopu à l’esecuzione di u ghjovanu Corradinu, avianu divutu rinuncià à certi dritti è bè patrimoniali, ma chì gudianu di u sustegnu di e cità Ghibelline di l’Italia centru-sittentriunale. Inoltre incù a perdita di cintralità di a Sicilia, ancu e forze produttive è cummerciale, chì avianu in principiu sustinutu a spedizione Angioina, si truvonu in netta contrappusizione incù a criscente egemunia di u Meziornu peninsulare.

Inoltre ùn hè da sottustimà l’interferenza di agente esterni cum'è a munarchia Aragunese, in quellu periodu in grande contrappusizione incù u bloccu francese è angioinu, e cità Ghibelline, è persinu l’imperu Bizantinu, furtamente trafaricatu da i prugetti espansiunistichi di Carlu chì l’avia ghjà strappatu Corfù è Durazzu oramai parte di u Regnu di Sicilia.

E guerre di u Vespru[mudificà | edità a fonte]

A rivolta pupulare antiangioina principiò à Palermu u 31 di marzu 1282 è si sparghjì in a Sicilia sana. Petru III d'Aragona sbarcò in Trapani d’aostu di u 1282 è scunfisse l’armata di Carlu d'Angiò mentre l’Assediu di Messina, chì durò bè 5 mesi da maghju à sittembre 1282. U Parlamentu sicilianu incurunò Petru è a moglia Custanza, figliola di Manfredi; difatti, da quellu mumentu vi fubbenu dui suvrani incù u titulu di "rè di Sicilia": l’Aragunese, pè investitura di u Parlamentu sicilianu, è l’Angioinu, pè investitura papale.

U 26 di sittembre di u 1282 Carlu d'Angiò scappò definitivamente da u campu di armi in Calabria. Qualchì mese più tardi, u papa regnante Martinu IV scomunicò Petru III. Ciononostante ùn fù micca più pussibile pè Carlu di vultà in l’arcipelagu sicilianu è a residenza regia angioina fù itinerante trà Capua è a Puglia mentre parechji anni, finch'è incù u successore di Carlu I, Carlu II d'Angiò, Napuli fù definitivamente scelta cum'è nova residenza di a munarchia è di l’istituzione cintrale in u cuntinente[12]. Incù Carlu II a dinastia ebbe a so residenza fissa in u Maschju Angioinu.

L'amministrazione angioina[mudificà | edità a fonte]

Benchì l’ambizione angioine in Sicilia fussenu inibite da e numerose scunfitte militare, Carlu I circò di cunsulidà u so putere propriu in a parte cuntinintale di u regnu, tramettendu annantu à a precedente pulitica barunale guelfa parte di e riforme chì ghjà u vechju Statu Svevu cuncretizava pè rinfurzà l’unità territuriale di u Meziornu[13]. Da e prime invasione longubarde bona parte di l’econumia di u regnu, in u principatu di Capua, in Abruzzu è in u Contadu di u Molise, era gistita da i munasteri benedettini (Casauria, San Vincenzu à u Volturnu, Montevergine, Montecassinu)[14], chì in molti casi avianu accrisciutu i so privilegii finu à diventà vere è proprie signurie lucale, à suvranità territuriale è in cuntrastu spessu incù i feudatari laici vicini.[15][16] L'invasione nurmana prima, e lotte frà l’antipapa Anacletu II, sustinutu frà altri da i benedettini, è u papa Innocenzu II, è infine a nascita di u regnu di Sicilia minonu e base di a tradizione feudale benedettina. Dopu à u 1138, scunfittu Anacletu II, Innocenzu II è e dinastie nurmane sprunonu in l’Italia meridiunale u monachesimu cistercense; molti munasteri benedettini fubbenu convertiti à a nova regula chì, limitendu l’accumulazione di bè materiale à e risorse necessarie pè a produzzione artigianale è agricula, pruibia a pussibilità per i novi cenobi di custituisce patrimonii è signurie feudale[17]: u novu ordine investia cusì e risorse in riforme agrarie, artigianatu, meccanica è assistenza suciale, incù valetudinaria (spidale), farmacie è chjese rurale.

U monachesimu francese truvò tandu u sustegnu di i vechji feudatari nurmani, chì pobbenu cusì cuntrastà attivamente l’ambizione timpurale di u cleru lucale[18]: annantu à stu cumprumessu si innestò a pulitica di u novu suvranu Carlu I; quellu fundò di e so manu l’abbazie cistercense di Realvalle (Vallis Regalis)[19] à Scafati è Santa Maria di a Vittoria à Scurcola Marsicana[20], è favorì e filiazioni di e storiche abbazie di Sambucina (Calabria), Sagittariu (Basilicata), Sterpetu (Terra di Bari), Ferraria (principatu di Capua), Arabona (Abruzzu) è Casamari (Statu Puntificiu), diffundendu à u cuntempu u cultu di l’Assunzione di Maria in u Meziornu. Cuncesse dinù nove cuntee è ducati à i militari francesi chì appughjonu a so cunquista di u napulitanu[21].

I principali centri munastichi di produzzione ecunomica eranu stati cusì svinculati da l’amministrazione di pussidimenti feudali è l’unità di u Statu, à quandu superata l’auturità pulitica benedettina, si fundava oramai annantu à l’antiche baronie nurmane è annantu à l’assettu militare datendu da Federicu II. Carlu I infatti cunsirvò l’antichi giustizierati federiciani, accriscendu u putere di i presidenti rispittivi: ogni pruvincia avia un giustiziere chì, oltre à esse à capu di un impurtante tribunale, incù duie corte, era ancu u vertice di a gistione di u lucale patrimoniu finanziariu è di l’amministrazione di u tisoru, ricavatu da e tassazione di l’universitates(cumuni). L'Abruzzu fù divisu in Aprutium citra (flumen Piscariae) è Aprutium ultra (flumen Piscariae); molte di e cità sveve, cum'è Sulmona, Manfredonia è Melfi, persenu u so rollu cintrale in u regnu in favore di cità minore o antiche capilochi decaduti cum'è Sanseveru, Chieti è L'Aquila, mentre in i territorii chì eranu stati bizantini (Calabria, Puglia) si cunsulidò l’assettu puliticu principiatu da a cunquista nurmana: l’amministrazione periferica, chì i grechi affidavanu à un sistemu capillare di cità è diocese, trà u patrimonium publicum di i funziunarii bizantini è u p. Ecclesiae di i veschi, da Cassanum à Gerace, da Barolum à Brundisium, fù sustituita definitivamente da l’ordine feudale di a nubiltà fondiaria. In u Meziornu e sedii di i giustizieri (Salernu, Cosenza, Catanzaru, Reggiu, Tarantu, Bari, Sanseveru, Chieti, L’Aquila è Capua) o di impurtante arcidiocesi (Beneventu è Acheruntia), più chì a nova capitale, firmonu l’unichi centri stati dutati di pesu puliticu o attività finanziarie, ecunomiche è culturale.

A campagna di Carlu I in oriente è a nascita di u regnu d'Albania (Durazzu).

Carlu perse però, pè alcuni pruvvidimenti puntifici, l’ultime regalie di u napulitanu, quale u drittu di u suvranu di numinà l’amministratori regi in e diocese incù sedii vacanti: tale privilegii finu à tandu in u Meziornu eranu sopravvissuti à a riforma greguriana chì stabiliscìa chì solu u puntefice duvia gode di a facultà di numinà è dipone veschi (libertas Ecclesiae)[22].

U 7 di ghjinnaghju 1285 murì Carlu I d'Angiò è u succedette Carlu II. Incù l’ascesa à u tronu di Napuli di questu suvranu, a pulitica regia ebbe una svolta: da quellu mumentu, in seguitu à a guasi custante belligeranza trà i regni di Sicilia (Napuli) è di Trinacria (Sicilia), a pulitica di a dinastia angioina si interissò soprattuttu di ottene un bonu cunsensu à l’internu di u Regnu. Infatti fubbenu da un latu aumintati i privilegii à a nubiltà feudale, indispinsevule à a causa di a guerra, ma da l’altru, guasi à vulè bilancià l’eseguì si di i putentati feudali, fubbenu accurdate da i suvrani à e cità, in gradi diversi à siconda di l’impurtanza chì elle avianu, nove libertà è autonumie. Queste oramai pudianu eleghje i ghjurati, vale à dì i ghjudici incù funzione amministrative è di cuntrollu è i sindaci, ripprisintanti di a pupulazione vicinu à u suvranu. Si vinì cusì à crià à Napuli è in altre rialità urbane di u Meziornu una criscente cunflittualità trà nubiltà citatina è u populu pussedente, à u quale successivamente u Rè Robertu cuncesse a pussibilità di entre dirittamente in l’amministrazione di u Statu. Pè certi versi si vinì à crià, almenu in e principale cità di u Regnu una situazione rassomigliante à u cuntrastu esistente ancu in i cumuni è in e signurie di l’Italia centru-sittentriunale, ma a pace di u Rè servia da equilibratrice è a figura di u suvranu da arbitru, postu ch'è l’auturità di u Rè era quantunque indiscutibile. Si cunfigurò cusì un ghjocu di equilibriu trà cità è rialità rurale-feudale abilmente gistitu da a munarchia, chì sottu l’egida di Robertu d'Angiò ghjunse à regulamentà è traccià nettamente e sfere di influenza di nubiltà feudale, cità è demaniu regiu.[23]

In Sicilia invece, à a morte di Petru III, rè d'Aragona è Sicilia, u duminiu annantu à l’isula fù trastagliatu da i so duie figlioli Alfonsu III è Ghjacumu I di Sicilia. Questu ultimu firmò u Trattatu d'Anagni di u 12 di ghjugnu 1295, cedendu i dritti feudali annantu à a Sicilia à papa Bonifaziu VIII: u puntefice in cambiu cuncesse à Ghjacumu I a Corsica è a Sardegna, cunferendu cusì a suvranità di a Sicilia à Carlu II di Napuli, erede di u titulu di rex Siciliaeda parte angioina.

Nascita di u regnu[mudificà | edità a fonte]

U trattatu d'Anagni però ùn purtò à una pace durevule; quandu Ghjacumu I lasciò a Sicilia pè guvirnà l’Aragona, u tronu palermitanu fù affidatu à u fratellu Federicu III chì guidò l’ennisima ribellione pè l’indipendenza di l’isula è fù poi incurunatu da Bonifaziu VIII rè di Sicilia (rex Trinacriae). Federicu III però perse l’appoghju di parechji baroni siciliani; pè cunsirvà u titulu regale, pè a prima volta ricunnisciutu da a Santa Sede, firmò incù Carlu di Valois, chjamatu da Martinu IV à ristabilì l’ordine in Sicilia, a pace di Caltabellotta in u 1302.

À a stipulazione di a Pace di Caltabellotta seguitò a divisione furmale di u regnu in dui parte: Regnum Siciliae citra Pharum (Regnu di Napuli) è Regnum Siciliae ultra Pharum (Regnu di Sicilia). Si cuncludia cusì definitivamente u longu periodu di e guerre di u Vespru. Fubbinu cusì furmalmente distinti da l'anticu Regnu di Sicilia nurmannu-svevu, u Regnu di Trinacria, sottu u cuntrollu di l’Aragunesi incù a capitale Palermu, è u Regnu di Sicilia oltre u fanale incù capitale Napuli, sottu u cuntrollu di l’angiuini. Carlu II allora rinunciò à a ricunquista di Palermu è iniziò una vicata di interventi legislativi è territuriali pè adattà Napuli a u rollu di nova capitale di u Statu: allargò i muri d’accinta citadine, ridusse l’incalcata fiscale è ci installò a Gran Corte di a Vicaria.

Ruggeru da Fiore, cunduttieru pugliese, fù unu di l’attori principali di i Vespri Siciliani

Ind’è u 1309 u figliu di Carlu II, Robertu d'Angiò, vense incurunatu da Clemente V re di Napuli, torna però incù u titulu di rex Siciliae, oltre chì di rex Hierosolymae.

Incù istu suvranu a dinastia angiuinu-napuletana raghjunse u so apogeu. Rubertu d'Angiò, dettu "u Saviu" è "pacificatore d'Italia", rinfurzò l'egemunia di u Regnu di Napuli, punendu a lega Guelfa à l’ordini di ellu stessu è di u so reame, oppunendu si à e pretese imperiali di Arrigu VII è Ludovicu u Bavaru nant’à u restu di a penisula, riiscendu dinù, grazie à a so astuta è cauta pulitica, à diventà signoru di Genuva.

In u 1313 riprese a guerra trà Angiuini è Aragunesi; l'annu successivu, u parlamentu sicilianu, ùn rispettendu micca l'accordu parafatu incù a Pace di Caltabellotta, cunfirmava Federicu cun u titulu di rè di Sicilia è ùn micca più di Trinacria, è ricunnuscia cum’è erede di u regnu u figliolu Petru. Rubertu tentò a ricunquista di a Sicilia in seguitu à l'attaccu cunghjuntu di e forze imperiale è aragunese à u Regnu di Napuli è à a lega Guelfa. Sebbene e so truppe ghjunghjissinu à occupà è sacchighjà Palermu, Trapani è Messina, l'attu fù più punitivu chì di cuncreta cunquista, infatti u suvranu angiuinu ùn fù micca in gradu di prusegue in una longa guerra di frazu è fù custrettu a rinuncià.

Sott’à a so guida l’attività cummerciale si intensifichetenu, fiurisceranu e loghje è e curpurazione, Napuli diventete a cità più vivace di u Bassu Medievu in Italia, grazie à l'effettu di l'attività mercantile intornu à u novu portu chì diventete forse u più muvimentatu di a penisula chì attirava in locu imprese cummerciale chjuche è grande, operente in u campu di i tissuti è di i drappi, di l’oreficerie è di e spezie.[24] Què fù dinù duvutu à a presenza di banchieri, cambiatori è assicuradori fiurentini, genuvesi, pisani è veneziani, disposti à assume si risichi assai grandi puru di assicurà si rapidi è cunsiderevuli prufitti muvimentendu l'ecunumia di una capitale sempre più cosmopolita.[25]

Inoltre u suvranu, ind’è so custante funzione di arbitru trà nubiltà è populu grassu, ridusse u numeru di sedie nubiliare pè limità ne l'influenza à vantaghju di i populares.[26]

Rubertu u Saviu

Ind’è sti anni a cità di Napuli rinfurzò u so pesu puliticu ind’à penisula, dinù cù u sviluppu di a propria vucazione umanistica. Rubertu d'Angiò era assai stimatu da l’intellettuali taliani di u so tempu cum’è u Villani, u Petrarca, Boccacciu è Simone Martini. Propriu u Petrarca volse da ellu esse interrugatu pè pudè cunsegue a gloria puetica è u definì "U Rè più saviu dopu Salomone". À u cuntrariu ùn gose mai di e simpatie di u filu-imperiale Dante Alighieri chì u definì "Re da sermone".

U suvranu raccolse à Napuli in una scola, ùn interdettu micca à l’influenze di l'averruisimu, un impurtante gruppu di teologhi sculastichi. Ellu affidete à Niculaiu Deoprepiu di Reggiu Calabria a traduzzione di l’opere di Aristotele è Galenu pè a bibliuteca di Napuli.[27] Da a Calabria inoltre vensenu ind’à nova capitale Leonziu Pilatu è u basilianu Barlaamu di Seminara, celebre teologu chì affrontete in quelli anni in Italia e dispute duttrinale sorte attornu à u filioque è à u credu nicenu[28]: u monacu fù dinù in cuntattu incù Petrarca, di chè fù maestru di grecu, è Boccacciu chì u cunnuscete propriu à Napuli[29].

Impurtante dinù da u puntu di vista artisticu fù l'apertura di una scola giottesca è a presenza di Giotto in cità pè affriscà a Cappella Palatina ind’è u Maschio Angioino è numerosi palazzi nubiliari, inoltre sott’à Rubertu d'Angiò si diffuse u stile goticu in tuttu u Regnu, à Napuli u Rè edifichete a Basilica di Santa Chjara, sacrariu di a dinastia Angiuina. U Regnu di Napuli si distinse in quellu periudu pè una cultura tutalmente uriginale chì accustava à elementi tipicamente Italichi è Mediterranei dinù particularità di e corte di l'Auropa centrale, truvendu una sintesi trà u cultu di i valori cavallereschi, a puesia Pruvenzale è e currente artistiche, puetiche è i custumi tipicamente Italichi.

A pace trà angiuini è aragunesi[mudificà | edità a fonte]

U rè Rubertu designete cum’è so erede u figliolu Carlu di Calabria ma dopu a morte di st'ultimu, u suvranu fù custrettu à lascià u tronu à a so giovana nipote, Ghjuvanna d'Angiò figliola di Carlu. Intantu si raghjunse un primu accordu di pace trà Angiuini è Aragunesi, dettu a «Pace di Catania» l'8 di nuvembre 1347. Ma a guerra frà Sicilia è Napuli si seria chiusa sultantu u 20 di aostu 1372 dopu ben nuvanta anni, incù u Trattatu di Avignone firmatu da Ghjuvanna d'Angiò e Federicu IV d'Aragona cun l'accunsentu di Papa Gregoriu XI. U trattatu affirmava u ricunnuscimentu reciprocu di e munarchie è di i rispettivi territorii: Napuli à l’Angiuini è a Sicilia à l’Aragunesi, estendendu u ricunnuscimentu di i tituli reali dinù à e rispettive linee di successione.

L'erede di Rubertu, Ghjuvanna I di Napuli, avia spusatu Andria d'Ungheria, duca di Calabria è fratellu di u rè d'Ungheria Luigi I, discendenti entrambi da l’angiuini partenupei (Carlu II). In seguitu à un misteriosu cumplottu Andria fù uccisu. Pè vindicà ne a morte, u 3 di nuvembre 1347 u rè d'Ungheria scese in Italia incù l'intenzione di ditrunizà Ghjuvanna I di Napuli. Benchè u suvranu ungherese più volte avessi pretesu da a Santa Sede a dipusizione di Ghjuvanna I, u guvernu puntificiu, residente allora à Avignone è puliticamente ligatu à a dinastia francese, cunfirmete sempre u titulu di Ghjuvanna nonustante e spedizione militare chì u rè d'Ungheria intraprese in Italia. A regina di Napuli, da a so parte, priva di una discendenza uterina, aduttete cum'è figliolu è erede à u tronu Carlu di Durazzu (nipote di Luigi I d'Ungheria), finchè dinù Napuli ùn fù micca direttamente implicata ind’è i scontri pulitichi è dinastichi chì seguitetenu u Scismu d'Occidente: à corte è in cità si cuntrapposenu direttamente un partitu filufrancese è un partitu lucale, u primu schieratu à favore di l'antipapa Clemente VII è cumandatu da a regina Ghjuvanna I, u secondu à favore di u papa napuletanu Urbanu VI chì truvete u sustegnu di Carlu di Durazzu è di l'aristucrazia Napuletana. Ghjuvanna privò allora Carlu di Durazzu di i diritti di successione à favore di Luigi I d'Angiò, fratellu di u rè di Francia, incurunatu rè di Napuli (rex Siciliae) da Clemente VII in u 1381. Ellu, à a morte di Ghjuvanna I (uccisa pè ordine di u stessu Carlu di Durazzu in u Castellu di Muru Lucanu in u 1382), scese però inutilmente in Italia contr’à Carlu di Durazzu, è quì murì in u 1384. Carlu restò unicu suvranu, è lasciò Napuli à i figlioli Ladislau è Ghjuvanna pè rende si quindi in Ungheria à rivendicà ne u tronu: ind’è regnu transalpinu fù assassinatu in un cumplottu.

In verde u Regnu d'Ungheria

Prima chì i dui eredi Ladislau è Ghjuvanna raghjunsenu a maturità, a cità campana cadì in pusessu di u figliolu di Luigi I d'Angiò, Luigi II, incurunatu rè da Clemente VII u 1º di nuvembre 1389. A nubiltà lucale aversò u novu suvranu è in u 1399 Ladislau I pobbe rivendicà militarmente i so diritti nant’à u tronu scunfighjendu u rè francese. U novu rè sappe risturà l'egemunia napuletana ind’è l'Italia meridiunale intervenendu direttamente ind’è i cunflitti di tutta a penisula: in u 1408, chjamatu da papa Innocenzu VII pè arrichetà e rivolte ghibelline in a capitale puntificia, occupava bona parte di u Laziu è di l'Umbria ottenendu l'amministrazione di a pruvincia di Campagna è Marittima, è occupendu poi Roma è Perugia sott’à u puntificatu di Gregoriu XII. In u 1414, dopu avè scunfittu definitivamente Luigi II d'Angiò, ultimu suvranu in testa di una lega organizata da l'antipapa Lisandru V è cerchendu di arginà l'espansiunismu partenupeu, u rè di Napuli arrivò à e porte di Fiurenza. Incù a so morte tuttavia ùn vi fubbenu micca successori à cuntinuà e so imprese è e cunfine di u regnu turnetenu ind’è u perimetru storicu; a surella di Ladislao però, Ghjuvanna II di Napuli, à a fine di u scismu d'Occidente, ottense u ricunnuscimentu definitivu da a Santa Sede di u titulu reale pè a so famiglia.

Succeduta à Ladislao in u 1414 a surella Ghjuvanna, u 10 di aostu 1415 si maritò Ghjacumu II di Burbone: dopu chì u maritu tentò di piglià persunalmente u titulu reale, una rivolta in u 1418 u custrinse à turnà in Francia indù si ritirò in un munasteru francescanu. Ghjuvanna in u 1419 era a sola regina, ma e mire espansiunistiche ind’è u napuletanu di l’angiuini di Francia ùn cessetenu micca. Papa Martinu V chjamò in Italia Luigi III d'Angiò contr’à Ghjuvanna chì nun vulia micca ricunnosce i diritti fiscali di u Statu Pontificiu nant’à u regnu di Napuli. A minaccia francese perciò avvicinò u regnu di Napoli à a corte aragunese, tantu chì a regina aduttò Alfonsu V d'Aragona cum’è u so figliolu è erede finchè Napuli fù sott’à l'assediu da e truppe di Luigi III. Quandu l’aragunesi liberetenu a cità in u 1423, occupendu u regnu è scunghjurendu a minaccia francese, i raporti incù a corte lucale ùn fubbenu micca facili, tantu chì Ghjuvanna, cacciatu Alfonsu V, à a so morte lasciò u regnu in eredità à Rinatu d'Angiò, fratellu di Luigi III.

Periodu di a dinastia aragunese[mudificà | edità a fonte]

A Curona d'Aragona in u 1443

Incù a morte senza eredi di Ghjuvanna II di Napuli u territoriu di u regnu di Napuli fù trastagliatu da Rinatu d'Angiò, chì ne rivendicava a suvranità in quantu fratellu di Luigi I d'Angiò, figliolu aduttivu di a regina di Napuli Ghjuvanna II di Napuli, è Alfonsu V d'Aragona rè di Trinacria, Sardegna è Aragona, precedente figliolu aduttivu poi ripudiatu di a stessa regina. A guerra chì ne scaturì cuinvolse l’interessi di l’altri stati di a penisula, frà chè a signuria di Milanu di Filippu Maria Visconti, chì intervense in un primu mumentu in favore di l’angiuini (battaglia di Ponza), poi definitivamente cù l’Aragunesi. In u 1442 Alfonsu V cunquistò Napuli[30] è ne assunse a curona (Alfonsu I di Napuli), riunifichendu u territoriu di l'anticu Statu svevu-nurmannu sott’à a so regenza incù u titulu di rex Utriusque Siciliae, installendu a capitale ind’a cità campana è impunendu si, nun sultantu militarmente, ind’è u cuntestu puliticu talianu.

In u 1447 po, Filippu Maria Visconti designò Alfonsu erede à u ducatu di Milanu, arricchendu furmalmente u patrimoniu di a curona aragunese. A nubiltà di a cità lumbarda però, temendu l'annessione à u regnu di Napuli, pruclamò Milanu libera cumuna è instaurendu l'Aurea Republica Ambrusiana; e cunseguente rivendicazione aragunese è napuletane fùbbenu cuntrastate da a Francia, chì in u 1450 dete u sustegnu puliticu à Francescu Sforza pè impatrunissi militarmente di Milanu è di u ducatu. L'espansiunisimu ottumanu, chì minacciava i cunfini di u regnu di Napuli, impedì à i napuletani l'interventu contru à Milanu, è papa Niccolò V inizialmente ricunnuscì u Sforza cum’è duca di Milanu, po riiscì à interessà Alfonsu d'Aragona ind’è a lega italica, un'allianza chì ghjuvava à cunsulidà u novu urdinamentu territuriale di a penisula.

A pulitica interna di Alfonsu I: umanismu è centralismu[mudificà | edità a fonte]

Alfonsu u Magnanimu in un disegnu di Pisanellu

A corte di Napuli ind’è st'epuca fù una di e più raffinate è aperte à e nuvità culturale di u Rinascimentu: eranu ospiti di Alfonsu Lurenzu Valla, chì propriu durante u sughjornu partenupeu dinunziò u falzu storicu di a dunazione di Custantinu, l'umanistu Antone Beccadelli è u grecu Emanuele Crisolora. À Alfonsu si deve dinù a ricustruzzione di Castel Novu. L'urdinamentu amministrativu di u regnu rimase grossu modu quellu di l'età angiuina: fubbenu ridimensiunati però i puteri di l’antichi ghjustizierati (Abruzzu Ultra è Citra, Cuntadu di Mulise, Terra di Lavoru, Capitanata, Principatu Ultra è Citra, Basilicata, Terra di Bari, Terra d'Otrantu, Calabria Ultra è Citra), chì cunservetenu funzione prevalentemente pulitiche è militare. L'amministrazione di a ghjustizia fù invece cunferita in u 1443 à e corte barunale, in u tentativu di ricunduce l’antiche ghjerarchie feudale ind’è l'organismi burocratichi di u Statu centrale.

Si cunsidera un altru impurtante passu versu l’ottenimentu di l'unità territuriale in u regnu di Napuli a pulitica di u rè, dedicata à stimulà pasturizia è muntera: in u 1447 Alfonsu I appruvete una vicata di lege, trà cui l'impusizione à i pastori abruzzesi è mulisani di invernà ind’è e cunfine napuletane, in u Tavoliere, indù assai di i terreni cultivati fubbenu trasfurmati dinù furzatamente in pascure. Istituì inoltre, cù a sede prima à Lucera è poi à Foggia, a Dogana della mena delle pecore in Puglia (Dugana di a cunduzzione di e pecure in Puglia) è l'impurtantissima rete di i tratturi (stradotti) chì da l'Abruzzu (chì da u 1532 ebbe avutu u so distaccamentu di a Dugana, a Doganella d'Abruzzo) cunducianu à a Capitanata. Queste dispusizione risullevetenu l'ecunumia di e cità interne frà L'Acula è a Puglia: e risorse ecunomiche ligate à a pasturizia migratoria di l'Appenninu abruzzese un tempu si spargulianu ind’è u Statu Puntificiu, indù fin’allora avianu invernatu e grege[31].

Cun e dispusizione aragunese l’attività ligate à a muntera implicò, prevalentemente ind’è e cunfine naziunale, l’attività artigianale lucale, i mercati à bestie trà Lancianu, Castel di Sangru, Campubassu, Isernia, Buianu, Agnone, Larinu finu à u Tavoliere di e Puglie, è a struttura burocratica sorta attorn’à a dugana, predisposta à a manutenzione di i stradotti è à a tutela ghjuridica di i pastori, diventò, nant’à u mudellu di u Concejo de la Mesta castiglianu, a prima basa pupulare di u Statu centrale mudernu ind’è u regnu di Napuli[32]. In misura minò u stessu fenomenu si verificò frà a Basilicata è a Terra d'Otrantu è e cità (Venosa, Ferrandina, Matera) ligate à a muntera versu u Metapontu. À a so morte (1458) Alfonsu spartì novamente e curone lascendu u Regnu di Napuli à u so figliolu illeghjittimu Ferdinandu (leghjittimatu da papa Eugeniu IV è numinatu duca di Calabria), mentre tutti l’altri tituli di a curona d'Aragona, acchjusu u regnu di Sicilia, andonu à so fratellu Ghjuvanni.

Don Ferrante[mudificà | edità a fonte]

Ischia, castellu aragunese

Dunque rè Alfonsu lasciò un regnu perfettamente inseritu ind’è e pulitiche taliane. A successione di u figliolu Ferdinandu I di Napuli, dettu Don Ferrante, fù sustenuta da u stessu Francescu Sforza; i dui novi suvrani inseme intervensenu ind’à republica di Fiurenza è scunfissenu e truppe di u cunduttieru Bartulumeu Colleoni chì insidiavanu i puteri lucali; in u 1478 e truppe napuletane intervensenu novamente in Toscana pè arginà e cunsequenze di a cunghjura di i Pazzi, è po in Val Padana in u 1484, alliate incù Fiurenza è Milanu, pè impone à Venezia a pace di Bagnolu.

Trionfu di rè Ferdinandu

U putere di Ferrante però, durante a so regenza, risicò seriamente di esse minacciatu da a nubiltà campana; in u 1485 trà a Basilicata è Salernu, Francescu Coppola conte di Sarnu è Antonellu Sanseverino principe di Salernu, incù l'arripoghju di u Statu Puntificiu è di a republica di Venezia, fubbenu l’instigadori di una rivolta incù ambizione guelfe è rivendicazione feudale angiuine contr’à u guvernu aragunese chì, centralizendu u putere à Napuli, minacciava a nubiltà rurale. A rivolta hè cunnusciuta cum’è cunghjura di i baroni, chì fù organizata ind’è u castellu di u Malcunsigliu di Miglionicu è fù sopraffatta in u 1487 grazie à l'interventu di u ducatu di Milanu è di a republica di Fiurenza. Pè un breve periudu a cità di l'Acula passò à u Statu Puntificiu.[33] Un'altra cunghjura filoangiuina parallela, trà Abruzzu è Terra di Lavoru, fù guidata da Ghjuvanni di a Rovere ind’è u ducatu di Sora, terminata cù l'interventu mediatore di papa Alessandru VI.

Nonostante i scunvulgimenti pulitichi, Ferrante cuntinuò ind’à capitale Napuli u mecenatu di u patre Alfonsu: in u 1458 sustense a fundazione di l'Accademia Puntaniana, ingrandò i mura citadine è custruse Porta Capuana. In u 1465 a cità ospitò l'umanistu grecu Custantinu Lascaris è u ghjuristu Antone D'Alessandro, è ancu in u restu di u regnu Francescu Filelfo, Ghjuvanni Bessarione[34]. À a corte di i figlioli di Ferdinandu l’avantaghji umanisti presenu però un caratteru assai più puliticu, decretendu frà l’altre cose l'aduzzione definitiva di u tuscanu cum’è lingua litteraria dinù à Napuli: hè di a seconda metà di u XV seculu l'antolugia di rime nota cum’è Racolta aragunese, chè Lurenzu de' Medici inviò à u rè di Napuli Federicu I, in cui si prupunia à a corte partenupea u fiurentinu cum’è mudellu di vulgaru illustru, di par dignità litteraria incù u latinu. L’intellettuali napuletani accolsenu u prugrammu culturale mediceu, riinterpretendu in modu originale i stereotipi di a tradizione tuscana. Nant’à l'esempiu di u Boccacciu, Masucciu Salernitano digià avia stesu, attornu à a metà di u Quattrucentu, una racolta di nuvelle in cui e truvate satiriche fubbenu purtate à esiti estremi, cù invettive contru à e donne è e ghjerarchie ecclesiastiche, tantu chè a so opera fù inserita ind’è l'Indice di i libri pruibiti da l'Inquisizione. Un veru è propriu canone letterariu fù inauguratu invece da Jacopo Sannazaro chì, in u so prosimetrum Arcadia, pè a prima volta espose in vulgare è in prosa i topoi pasturali è mitichi di a puesia bucolica virgiliana è teocritea, anticipendu di seculi a tendenza di u rumanzu mudernu è cuntempuraneu à aduttà cum’è riferimentu pueticu un sustratu mitologicu-esutericu.

L'ispirazione bucolica di Sannazaro si caratterizò dinù cum’è contrapesu à i stereotipi curtighjani di i petrarchisti, di i pruvenzali è siciliani, o di u stilnovismu; è in u ritornu à una puetica pasturale si leghje una chjara cuntrappusizione umanistica è filologica di a mitolugia classica à l’icone feminile di i pueti tuscani, frà cui Dante è Petrarca, chì allusivamente esprimianu e tendenze pulitiche è suciale di e cumune è di e signurie d'Italia. Sannazaro po fù dinù mudellu è ispirazione pè i pueti di l'Accademia di l'Arcadia, chì propriu da u so rumanzu presenu u nome di a so scola litteraria.[35]

Ghjuvanni Pontano, unu di i massimi espunenti di l'umanismu rinascimentale
Napuli in u Quattrucentu (Tavula Strozzi)

Digià da a prima grande epidemia di pesta (XIV seculu) chì interessò l'Europa, e cità è l'ecunumia di u Meziornu estremu fubbenu pisantemente culpite, tantu da rende quellu territoriu, chì da a prima culunizazione greca era restatu pè seculi unu di i più pruduttivi di u Mediterraniu, una vasta campagna spupulata. I territorii custieri piani (pianura di u Metapontu, piana di Sibari, Piana di Sant'Eufemia), oramai abbandunati, eranu diventati padule è infestati da u paludismu, à l’eccezzione di a piana di Seminara, indù a pruduzzione agricula accantu à quella di a seta sustenia una debule attività ecunomica ligata à a cità di Reggiu.

In u 1444 Isabella di Chiarumonte spusò Don Ferrante è purtò in dota à a curona napuletana u principatu di Tarantu, chì à a morte di a regina in u 1465 fù suppressu è unitu definitivamente à u regnu. In u 1458 arrivò ind’è u Meziornu d’Italia u cumbattente albanese Ghjorghju Castriota Scanderbeg pè sustene u rè Don Ferrante contr’à a rivolta di i baroni. Digià precedentemente u Scanderbeg vense à sustegnu di a curona aragunese à Napuli sott’à u regnu di Alfonsu I. U cunduttieru albanese ottense in Italia una vicata di tituli nubiliari, è i pusessi feudali annessati, chì fubbenu rifugiu pè e prime cumunità di arbereschi: l’albanesi, spatriati in seguitu à a scunfitta da parte di Magumetu II di u partitu cristianu ind’è i Balcani, si installonu in zone di u Mulise è di a Calabria, sin da allora spupulate.

Una ripresa di l’attività ecunomiche in Puglia turnò incù a cuncessione di u ducatu di Bari à Sforza Maria Sforza, figliolu di Francescu Maria Sforza duca di Milanu, offerta da Don Ferrante pè cunfirmà l'allianza frà Napuli è a città lumbarda.[36] Succedutu Ludovicu u Moru à Sforza Maria, i sfurzeschi trascuronu i territorii pugliesi in favore di a Lumbardia, finchè u Moru li cedete à Isabella d'Aragona, erede leghjittima à a regenza di Milanu, in cambiu di u ducatu lumbardu. A nova duchessa in Puglia iniziò una pulitica di migliuramentu urbanisticu di a cità, à a quale seguitò una legera ripresa ecunomica durata finu à u guvernu di a figliola Bona Sforza è à a successione à u titulu reale di Napuli di Carlu V.

In u 1542 u vicirè Pedro di Toledo emise u decretu di espulsione pè l’ebrei da u regnu di Napuli. L’ultime cumunità chì digià da a grande diaspora di u II seculu si eranu installate frà Brindisi è Roma sparinu da e realtà urbane in cui avianu truvatu accuglienza. Ind’è porti di a costa pugliese è ind’è e principale cità di a Calabria, è dinù incù alcune debule presenze in a Terra di Lavoru, dopu a crisa di l'ecunumia cenubitica di u XVI seculu, l’ebrei eranu l'unica fonte efficace di l’attività finanziarie è cummerciale: oltre à u privilegiu esclusivu, accurdatu da l’amministrazione lucale, di esercità l’imprestitu di denaru, e so cumunità gestivanu impurtanti settori di u cummerciu di a seta, relittu di quellu sistemu ecunomicu di u mediterraniu chì in u Meziornu sopravvisse à l’invasione barbare è à u feudalisimu[37][38].

L’invasione francese è l'iniziu di u vicireame spagnolu[mudificà | edità a fonte]

A battaglia di Fornovo inde e gallerie vaticane

À Don Ferrante successe u primunatu Alfonsu II in u 1494. In u stessu annu Carlu VIII di Francia scese in Italia à scunvoglie u dilicatu equilibriu puliticu chì e cità di a penisula avianu raghjuntu ind’è l’anni precedenti. L'occasione cuncernete direttamente u regnu di Napuli: Carlu VIII s’avantava di una luntana parentella cù l’angiuini rè di Napuli (a mammona paterna era a figliola di Luigi II d'Angiò chì tentò di suttrae u tronu partenupeu à Carlu III di Napuli è à Ladislau I di Napuli), sufficente pè pudè rivendicà u titulu reale. Incù a Francia prese pusizione dinù u ducatu di Milanu: Ludovicu Sforza, dettu u Moru, avia spussessatu l’eredi leghjittimi di u ducatu Gian Galeazzu Sforza è so moglia Isabella d'Aragona, figlia di Alfonsu II, sposi ind’è u matrimoniu cun u quale Milanu avia sugellatu l'allianza incù a curona aragunese. U novu duca di Milanu ùn si oppose micca à Carlu VIII, chì si resse contr’à u regnu aragunese; evitendu a resistenza di Fiurenza, u rè francese occupò in tredici ghjorni a Campania è pocu dopu intrì in Napuli: tutte e pruvince si sottumessenu à u novu suvranu d'oltre alpa, salvu chì e cità di Gaeta, Tropea, Amantea è Reggiu.

L’aragunesi si rifugionu in Sicilia è cerconu u sustegnu di Ferdinandu u Catolicu, chì inviò un cuntingente di truppe cumandate da Gonzalo Fernández de Córdoba chì impegnonu in battaglia in Calabria a furmazione francese. L'espansionismu francese spalluccò però dinù u papa Lisandru VI è Massimilianu d'Asburgu à custituì una Lega contr’à Carlu VIII, pè cumbatte lu è infine scunfighje lu ind’à battaglia di Fornovo: à a fine di u cunflittu a Spagna occupò a Calabria, mentre a republica di Venezia acquistava i porti principali di a costa pugliese (Manfredonia, Trani, Mola, Monopuli, Brindisi, Otrantu, Pulignanu è Gallipuli). Alfonsu II morse durante l’operazione militare, in u 1495, è Ferrandinu ereditò u tronu, ma li sopravvivì un solu annu senza lascià eredi, tuttavia riiscendu à ricustituì rapidamente una nova armata napuletana chì à u gridu di Ferro! Ferro! (chì deriva da u desperta ferro di l’almogàver) scacciò i francesi di Carlu VIII da u Regnu di Napuli.[39]

Ritrattu di cavaliere, si presume chè u cavaliere ritrattu possa esse Ferrandinu
A battaglia di u Gariglianu di u 1503

In u 1496 diventò rè u figliolu di Don Ferrante è fratellu di Alfonsu II, Federicu I, chì duvete novamente affruntà l’ambizione francese nant’à Napuli. Luigi XII duca d'Orléans avia ereditatu u regnu di Francia dopu a morte di Carlu VIII; avendu u rè d'Aragona Ferdinandu u Catolicu ereditatu u tronu di Castiglia stipulò un accordu (Trattatu di Granada, nuvembre 1500) cun i suvrani francesi pretendenti u tronu di Napuli, pè scumpartissi l'Italia è spussessà l’ultimi aragunesi ind’a penisula. Luigi XII occupò u Ducatu di Milanu, duve catturò Ludovico Sforza, è, d'accordu cun Ferdinandu u Cattolicu, si mosse contr’à Federicu I di Napuli. L'accordu frà francesi è spagnoli avia previstu u scumpartimentu di u Regnu di Napuli frà e dui curone: à u suvranu francese, Abruzzu è Terra di Lavoru, è ancu u titulu di rex Hierosolymae è, pè a prima volta, di rex Neapolis; à u suvranu aragunese, Puglia è Calabria cun i tituli ducali annessi. Incù tale trattatu l'11 nuvembre di u 1500 u titulu di rex Siciliae fù dichjaratu decadutu da u papa Lissandru VI è unitu à a Curona d'Aragona[40].

In u mese d'aostu di u 1501 i Francesi intrinu à Napuli; Federicu I di Napuli si rifugiò à Ischia è, infine, cedete a propria suvranità à u rè di Francia in scambiu di alcuni feudi inde l'Angiò. Nonustante l'occupazione di u regnu fusse riisciuta cun successu pè entrambi, i dui rè ùn si trovanu micca cuncordi cum’è effettuà u trattatu di scumpartimentu di u regnu: fermonu indefinite e sorte di a Capitanata è di u Cuntadu di Mulise, nant’à i cui territorii sia francesi chì spagnoli rivendicavanu a suvranità. Ereditatu u regnu di Castiglia da Filippu u Bellu, u novu rè spagnolu cercò un secondu accordu, incù Luigi XII, pè cui i tituli di rè di Napuli è duca di Puglia è Calabria serianu andati à a figliola di Luigi, Claudia, è à Carlu d'Asburgu, u so prumessu sposu (1502).

E truppe spagnole chì occupavanu a Calabria è a Puglia, cumandate da Gonzalo Fernández de Córdoba è fedele à Ferdinandu u Catolicu, ùn rispettonu però i novi accordi è caccionu da u Meziornu d’Italia i francesi, à cui fermò a sola Gaeta fin’à a so definitiva scunfitta ind’a battaglia di u Gariglianu in u dicembre 1503. I trattati di pace chì seguitetenu ùn fubbenu mai definitivi, tuttavia si cuncurdò almenu chè u titulu di rè di Napuli appartenesse à Carlu d'Asburgu è à a prumessa sposa Claudia. Ferdinandu u Catolicu però cuntinuò à pussede u regnu cunsiderendu si erede leghjittimu di u ziu Alfonsu I di Napuli è di l’antica curona aragunese di Sicilia (regnum Utriusque Siciliae).

I vicirè spagnoli[mudificà | edità a fonte]

Manifestu cummemurativu di a Disfida di Barletta

A casa reale aragunese diventata indigena in Italia si era estinta incù Federicu I è u regnu di Napuli cadì sott’à u cuntrollu di i reali di Spagna chì a guvernonu mediante alcuni vicirè. U meziornu d'Italia fermò u pussessu direttu di i suvrani iberichi fin’à a fine di a Guerra di successione spagnola (1713). A nova struttura amministrativa, benchì fortemente centralizata, si sustinia nant’a l’anticu sistemu feudale: i baroni ebbenu modu cusì di rinfurzà a propria auturità è i privilegii fundiari, mentre u cleru vidì accresce u propriu putere puliticu è murale. L’organi amministrativi più impurtanti avianu sede à Napuli è eranu u Cunsigliu Cullaterale, tutaru à u Cunsigliu d'Aragona, organu supremu ind’è l'eserciziu di e funzione ghjuridiche (cumpostu da u vicirè è da trè ghjurecunsulti), a Camera di a Sommaria, u Tribunale di a Vicaria è u Tribunale di u Sacru Cunsigliu Reale.

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruvene in parte da l'articulu currispundente di a wikipedia in talianu
  2. À l'origine, prima di a cumparsa di u tuponimu Terra di Lavoru, a rigione era identificata incù u nome di Liburia. Quessa puderia derivà da u nome di un'antica pupulazione, quella di i Leborini (o Liburi). Sicondu un'altra virsione, invece, l’origine di u nome Liburia hè da individuà si in u gentiliziu Libor, prubabilamente diventatu Labor per via d'un errore di trascrizzione o per via d'una distorsione funetica
  3. Atlante Storicu Mundiale DeAgostini à cura di Cesare Salmaggi, Istitutu Geugraficu De Agostini, Novara 1995
  4. Francu Franceschi,Ilaria Taddei, E cità Taliane in u Medievu, XII-XIV seculu, 2014, U Mulinu, Bulogna
  5. Francu Franceschi, Ilaria Taddei, E cità Taliane in u Medievu, XII - XIV seculu, 2014, U Mulinu, Bulogna
  6. Francu Franceschi, Ilaria Taddei, Le cità Taliane in u Medievu, XII-XIV sec, 2014, U Mulinu, Bulogna
  7. Francu Franceschi, Ilaria Taddei, Le cità Taliane in u Medievu. XII-XIV sec, 2014, U Mulinu, Bulogna
  8. Francu Franceschi,Ilaria Taddei, E cità Taliane in u Medievu, XII-XIV sec, 2014, U Mulinu, Bulogna
  9. Catalano G., Studii annantu à a Legazia Apustolica di Sicilia, Reggiu Calabria 1973, 'La legazia di Sicilia, p. 40 è ss.
  10. Delogu P., Gillou A., Ortalli G., Storia d'Italia à cura di Galasso G, vol I, pp 301-316
  11. Ùn coprisinu e spese ecunomiche di e campagne di Carlu I d'Angiò mancu e rendite di e chjese di a Provenza, rigione di i primi feudi di u novu rè di Sicilia, chì u papa Urbanu IV cuncesse à li angioini pè sustene a causa guelfa. "...Urbanu IV dicise di appellà si à un persunaghju putente chì avissi pietà di a chjesa in ruvina è fusse dispostu à cumbatte per a causa di u Signore, oppunendu si à tutti sti mali. È perchè quella inclita sterpa di i Franchi era sempre stata u principale aggrondu di a chjesa in ogni angustia, cum'ella dimostra a storia passata, scelse cum'è fervente difensore di Cristu è di a Chjesa rumana, in quantu cavaliere nobilissimu, valurosu in battaglia è di grande fede, Carlu, figliolu di Luigi, duca di Pruvenza, conte di Forcalquier è di Angiò. Ma perch'elle fusse in gradu di assolve liberamente à i so scopi, u numinò rè di Sicilia è u fece senatore di l’alma Roma, è dete ordine chì in Francia fusse sbandita a cruciata à favore soiu è chì per cinqui anni li fussenu assignate e decime di tutti e chjese di u regnu." (Tommasu Tosco, Gesta imperatorum et pontificum- Di Salvo A., Gasparri S., Simoni F., Fonte pè a storia medievale. Da u XI à u XV seculu, Sansoni, Firenza 1992).
  12. M. Amari, "Gaspar Amicu Storia Pupulare di u Vespru Sicilianu"
  13. Floridi V., A furmazione di a rigione abruzzese è u so assettu territuriale frà u tardu periodu imperiale è u XII seculu, Rivista di l’istitutu di Studii Abruzzesi, XIV 1976.
  14. Tosti A/U., Storia di a Badia di Montecassinu, I-IV, Roma, 1888-1890.
  15. Dell'Omu M., Montecassinu un'abbazia in a storia, Cinisellu Balsamu, Arti grafiche Amilcare Pizzi, 1999.
  16. Wickham C., U prublemu di l’incastellamentu in l’Italia cintrale. L'esempiu di San Vincenzu à u Volturnu. Studii annantu à a sucità di l’Appennini di l’altu Medievu, II, Firenza, 1985.
  17. Exordium parvum ordinis cistercensis, cap. XVI.
  18. Mahn J.B., L'ordine Cistercense è u so guvernu da l'origine à a metà di u seculu XIII, Parigi, 1951.
  19. Qualchì nota annantu à Realvalle da u situ di i cistercensi.
  20. Qualchì nota annantu à Santa Maria di a Vittoria da u situ di i cistercensi.
  21. Galasso G., Storia d'Italia, vol 15, tomu I, Turinu 1992.
  22. Galasso G., Storia d'Italia, vol XV, Utet, Turinu, 1995.
  23. Francu Franceschi, Ilaria Taddei, E cità Taliane in u Medievu, XII-XIV seculu, 2014, U Mulinu, Bulogna
  24. Marcello Orefice, Il Vecchio Maschio degli Angioini, 2008, Edizioni Scientifiche Italiane, Napuli
  25. Marcello Orefice, Il Vecchio Maschio degli Angioini, 2008, Edizioni Scientifiche Italiane, Napuli
  26. Franco Franceschi,Ilaria Taddei, Le città Italiane nel Medioevo,XII-XIV secolo, 2014, Edizione Il Mulino, Bologna
  27. Summonte G. A., Historia della Città e del Regno di Napoli
  28. Barlaamu di Calabria, Contra latinos
  29. Boccacciu G., Genealogia deorum gentilium
  30. L'assediu finale à a cità iniziò u 10 nuvembre 1441 è si cuncluse incù a so cunquista u 2 di ghjugnu 1442. Alfonsu fece u so ingressu officiale in cità u 26 di ferraghju 1443.
  31. Marino J.A., L'ecunumia pasturale ind’è u Regnu di Napuli, Napuli 1992
  32. Franciosa L., La transumanza nell'Appennino Meridionale (A muntera ind’è l’Appenninu Meridiunale), Napuli 1992
  33. Porzio C., La cunghjura di i Baroni di u regnu di Napuli contr’à u rè Ferdinandu I, Osanna Ed., Venosa (PZ) 1989
  34. Giannetti A., A riorganizazione spaziale di u Regnu di Napuli, in Storia d'Italia, Einaudi ed., Turinu-Milanu 2006, vol XXVI
  35. Corti M., Rivuluzione è reazzione stilistica in u Sannazaro, in Metode è fantasmi, Feltrinelli ed., Milanu 1969.
  36. Autori varii, Enciclopedia Zanichelli 2000
  37. Gianolio E., L’ebrei à Trani è in Puglia in u medievu
  38. Giudecca di Fondi in Terra di Lavoru
  39. Croce B., Storie è legende napulitane
  40. Guicciardini F., Storia d'Italia, V