Lighjenda di a stantara d'Apricciani

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
A stantara d'Apricciani, esposta in a bocca di Sant'Antone, à l'entre di u paese di Vicu

A lighjenda di a stantara d'Apricciani è assuciata incù a stantara d'Apricciani, chì hè esposta à l'intrata di u paese di Vicu. Sicondu 'ssa lighjenda, a stantara saria. Ci era una ghjovana pastore chì era andata à fà a vucata. Avia lavatu i so panni, ma era andata à coglie i fiori, invece di rientrà si ne in casa incù i so panni. A mamma l'avia chjamata parechje volte è l'avia dittu di rivene in casa, chì ci era bisognu di i panni. Ma ùn ci era mezu. È a pastore si ne stava à coglie i fiori. Tandu a mamma, in colara, briunò: "Ch'è tù secchi per u sempre, tù è i to panni !". Fù cusì, dice a lighenda, chì a ghjovana pastore hè diventata statua di petra.

'Ssa lighjenda di a petra d'Apricciani s'assumiglia à quella di a Spusata è ancu à quella di u Frate è a Sora.

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]

Referenze[mudificà | edità a fonte]

  • Galletti, Storia illustrata di a Corsica - Histoire illustrée de la Corse, 1863.
WikiLettera

'Ssu artìculu hè in custruzzione. Pudete cuntribuisce à a so redazzione.


E legende di Corsica
A magunella di Petrosu - Legenda di a Spusata - Lighjenda di a stantara d'Apricciani - Legenda di u Frate è a Sora - Legenda di u lavu di Crenu - Legenda di u Scuntumatu - Lighjenda di a torra di Capiteddu - Lighjenda di u limitu trà Frassetu è Bastelica - Lighjenda di i Scali di u rè d'Aragona - Pristaticci