A magunella di Petrosu

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

A Magunella hè una lighjenda d'U Petrosu ind'u rughjone di Castellu. Conta a storia di a strega d'u sangue è di l'anima.

A Lighjenda[mudificà | edità a fonte]

Tantu tempu fà l'abitati di U Petrosu vivìanu in u terrore tutale.

Avìanu paura pà sè stessi è pà i so figlioli.

Arrivìanu à spirà ch'a notte è l’uscurità, l’ora d'u bughju più bughju, ùn arrivasse mai à tuccà li.

Davanti à le chjese, ind'e dumeniche di Pasqua, venìanu affisse enormi croci criate da a suvrapusizzione di ossa di maiale.

E persone si armavanu cù fucili caricati cù pruiettili in farru battutu è i più ghjuvani venìanu incaricati di crià sacchetti cuntinenti una muneta d’argentu ciascunu.

Risultati immagini per muneta d'argentu

“Hà lunghi capelli neri!”

Risultati immagini per lunghi capelli neri

“Hè vechja è si prisenta avvolta ind'u manteddu”

Risultati immagini per vechja cùn u manteddu

“Hè un’urribile vechja da u voltu sfiguratu, ti dicu!”

Risultati immagini pà voltu cùn maschera

E persone si guardavanu cù circuspettu è nessunu si fidava di nessunu…

Esistìa una storia chì venìa narrata da parente à parente, da vicinu à vicinu ad amichi, chì dicìa chì era pà spavintà i bambini è fà li andà à dorme, è chi invece, dicìa di esse statu prisente à l’evvenimentu.

Ci si chiudìa in casa, inseme à e proprie paure. I più grandi davanti à porte è finestre è i più picculi in camere senza finestre.

Si narrava chì da quelle parti ugni 20 anni era solita apparì una strega.

Tutti la conoscìa cùn u nome di Magunella, è no, ùn era una strega buna.

Prendìa di mira i bambini più picculi è facìa di e so anime è di u so sangue a so risorsa di vita.

Si narrava chì sè questa entrìa è a persona chì a vedìa, riuscisse à sparà la, sarìa pututa murì à pattu però, chì fusseru pruiettili di farru battutu.

Pà quelli chì ùn si lasciavanu prende da queste voci, avìanu i bambini chì venianu attaccati di notte è à questi venìa suchjatu u sangue. I bambini spessu si ammalavanu è poi murìanu. À menu chì, a stessa strega, pà qualsivoglia ragione ùn turnasse pà cuncede li una cura.

Si dice chì una volta cumpiuta questa azione a strega, strasfurmatasi in picculu insettu, andasse ind'u logu più prufondu d'u boscu, è rigurgitasse tuttu u sangue, sè à u centru d'u sangue venìa posta una muneta d’argentu richjusa dentru un sacchettu, questu sarìa diventatu un amuletu contru ugni tipu di Magunella, in gradu di pruteghje si.

Avìanu ancu pensatu bè à un modu pà intrappulà culei chì si pensava assumesse e sembianze di a strega, sè si entrava in una chjesa, una di e dumeniche di Pasqua è sè à a porta di questa vi fusse affissa una croce di ossa, a strega ùn sarìa più uscita.