Lighjenda di a torra di Capiteddu

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
A torra di Capiteddu

Esistini parechji variazioni di a lighjenda assuciata incù a torra di Capiteddu. Eccu a lighjenda chì si conta in Frassetu:

A torra di Capiteddu era in littica incù Aiaccini è Bastelicacci. Ognunu dicia chì a torra era a soia. Aiaccini sò ghjunti incù i cateni par lià la. È Bastilicacci ùn sapiani comu fà. Sò vinuti in Frassetu à truvà un certu Sfratatu. Sfratatu era maliziosu è l'hà cunsigliatu cusì:

- T'aveti i capri.

- Isiè.

- T'aveti i funi novi?

- Isiè, l'avemu.

- Allora hè bedda simplicia: faleti in Capiteddu è lieti a torra incù i funi eppo dopu tireti forti.

Tandu i Bastilicacci sò falati in Capiteddu è ani liatu a torra incù i funi. C'erani dunqua Aiaccini chì tiravani incù i cateni è Bastilicacci chì tiravani incù i funi. Ma a funi hè laccia è à misura ch'eddi tiravani, i funi stinzavani è Bastilicacci rinculavani. Tandu videndu quissa, è di paura chì a torra si ni caschessi, Aiaccini si sò missi à briunà:

- Arristeti chì a torra hè a vostra!

Fù cusì chì a torra di Capiteddu hè diventata bastilicaccia.

Da veda dinò[mudificà | edità a fonte]


E legende di Corsica
A magunella di Petrosu - Legenda di a Spusata - Lighjenda di a stantara d'Apricciani - Legenda di u Frate è a Sora - Legenda di u lavu di Crenu - Legenda di u Scuntumatu - Lighjenda di a torra di Capiteddu - Lighjenda di u limitu trà Frassetu è Bastelica - Lighjenda di i Scali di u rè d'Aragona - Pristaticci