Lingue rumaniche

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
UniversalEditButton.png

L'ortografia è a grammatica di 'ssu articulu devenu esse verificate. Ci pudete cuntribuisce.

Estrattu da li Sacramenta Arghjentariae (842) altrimenti noti comu Serment de Strasbourg ò ghjuramentu di Strasburgu (vedi nascita lingue rumanze)

Cù lu termine lingue rumanze (ancu scrittu romanze) ò lingue rumaniche/romaniche o neolatine/neulatine ci si riferighja à quelle lingue chì sò derivate da lu latinu volgare à seguitu di l’espansione di l’imperu rumanu.
Tali varietà linguistiche venneru dunque cumencialmente definite comu volgare, ossia populare in lu sensu etimolughjcu di lu termine (da vulgus, "populu" in latinu). La parola volgare ùn va dunque intesa comu dispreghjativa, ma semplicemente comu riferimentu à la lingua vernacolare, quella cioè impiegata - in la so´ forma prevalentemente orale - in la vita qotidiana, in distinzione à quella di la tradizione letteraria è officiale di lu statu rumanu.
Lu termine “rumanzu” deriveghja da l’avverbiu latinu rumanICE riferitu à lu parlà vernacolu (rumanice loqui) rispettu à lu parlà in latinu (latine loqui). Da rumanICE deriveghja la forma francese rumanz, da cui l’italianu rumanzu.
Ste parlate formanu quellu chì in dialettolughja vene chjamatu cuntinuum rumanzu (vedi cuntinuum dialettale).

L’area in cui si sò sviluppate - è sò ancora parlate in le so versioni cuntemporanee - tali lingue vene chjamata Romània è currisponde in linea di massima à la parte europeana uccidentale di l’imperu rumanu, esclusa la Britannia, cù l’aghjiunta di lu territoriu currispondente à la Dacia è di altre isole linguistiche neolatine minori diffuse in li Balcani (lingue rumanze balcaniche).
In lu Nordafrica l'invasione araba (VIII secolu) ha cancellatu ogni vulgare latinu chì vi si era sviluppatu, mentre la persistenza di l'imperu in la so´ porzione urientale, cù l'impiegu prevalente di la lingua greca à livellu ufficiale, ha impeditu la diffusione populà di lu latinu, prevenendu sviluppi linguistichi analoghi à quelli occorsi in la porzione uccidentale.

Li latini vulgari, comu di lu restu lu latinu classicu è le lingue rumanze, venenu classificati in le ramificazioni di le lingue italiche, in l'alberu di le lingue indoeuropeane.

Principali differenze tra lingue rumanze è latinu[mudificà | edità a fonte]

Le lingue rumanze in Europa

Le lingue rumanze moderne differisconu da lu latinu classicu per vari aspetti:

  • Mancanu li casi (ad eccezione di lu rumenu chì ne cunserva certi due tratti);
  • Manca lu neutru, dunque esistonu solu due ghjeneri grammaticali, à differenza di lu latinu classicu (fannu eccezione lu rumenu, li "plurali sovrabbondanti" taliani è pronumi neutri in catalanu, talianu è spagnolu);
  • Usu di li articuli grammaticali, à partisce da li dimostrativi latini;
  • Introduzione di novi tempi (passatu prossimu) è manere verbali (condiziunale);
  • sustituzione di lu tempu perfettu cù nove forme cumposte da lu verbu "essere" ò "avere" più lu participiu passatu (ad eccezione di lu portoghese, in cui si trova una forma verbale derivata da lu piucchepperfettu latinu).

Lu sardu hè una di le varianti più isulate e, comu tale, ha cunservatu una maghjiore somiglianza cù lu latinu. ancu lu toscanu (da cui deriveghja l'italianu modernu) hè una varietà monda cunservativa. lu francese hè la lingua più innovativa è la più discosta da lu latinu (essendu notevolmente influenzata da le lingue ghjermaniche parlate da l´antichi Franchi), mentre lu rumenu hè una sintesi chì affianca á una forte cunservazione di la base latina elementi innovativi d'orighjne slava, albanese, greca è turca.

Gradu di evuluzione secondu l´studi effettuati da lu latinista talianu Marcu Pei rispettu à lu latinu:

  • Lingua sarda: 8%
  • Lingua taliana: 12%
  • Lingua spagnola: 20%
  • Lingua romena: 23,5%
  • Lingua occitana (provenzale): 25%
  • Lingua portoghese: 31%
  • Lingua francese: 44%

Le lingue rumanze oghje[mudificà | edità a fonte]

A rigore lu numeru di le lingue rumanze dovria currisponde à quellu di tutte le varietà neolatine (dette dialetti rumanzi) parlati all’internu di la rumania.
Solu certe di ste lingue però hanu subitu in lu corsu di lu tempu di le normalizzazioni (per lu longu usu, l'opera di le Accademie è di li grammatichi nonché lu pesu di la tradizione letteraria) è godenu di unu status di ufficialità: lu portoghese, lu spagnolu, lu francese, l’italianu, lu rumenu.
A ste possiamu aghjiunghje le lingue à le quali hè statu ricunnosciutu unu status di ufficialità in ambitu locale, sebbene ùn aghjinuricevutu una normalizzazione ò l’abbianu ricevuta incumpleta ò ùn unanimemente accettata da li locutori: lu catalanu, lu galizianu, l’occitanu, l’arpitanu, lu sardu, lu friulanu, lu ladinu dolomiticu, lu rumanciu.
Vi sò poi lingue chì sò state ricunnosciute comu tali da l’UNESCu ma chì spessu ùn godenu di alcuna forma effettiva di tutela ò ùn hanu ancora subitu alcuna normalizzazione: l’asturianu, l’aragonese, lu leonese, lu mirandese, lu provenzale, l'alverniate, lu limosinu, lu piccardu, lu vallone, lu normannu, lu gallu, lu corsu, lu ligure, lu piemuntese, lu lombardu, lu venetu, l'emilianu-romagnolu, lu napuletanu, lu sicilianu, l'istriutu, l'arumenu, lu morlaccu, l'istrorumenu é lu meglenorumenu.
Lu ricunnoscimentu (u la volontà di ricunnoscimentu) di le parlate minori, prive di una norma unitaria, ha resu possibile l’interventu di singoli, ò di picculi gruppi più ò menu privati, chì si sò proposti di sopperisce à la bisogna.

Tabella 1 - Analoghije tra certe parole in diverse lingue rumanze Tavulone di cumparazione di e lingue neulatine:

Latinu Francese Talianu Spagnolu Occitanicu Catalanu Sicilianu Portughese Rumenu Sardu Corsu
clave clef chiave llave clau clau chiavi chave cheie crae/crai chjave/chjavi
noctem nuit notte noche nuèit/nuèch nit notti noite noapte notte/notti notte/notti
cantare chanter cantare cantar cantar cantar cantari cantar cânta cantare/cantai cantà
capra chèvre capra cabra cabra craba cabra crapa cabra capră craba capra, sgiotta/sciucca
lingua langue lingua lengua lenga' llengua lingua língua limbă limba/lìngua lingua
platea place piazza plaza plaça plaça chiazza praça piaţă pratha/pratza piazza
pons pont ponte puente pònt pont ponti ponte pod ponte/ponti ponte/ponti
ecclesia église chiesa iglesia glèisa església chiesa igreja biserică cheja/cresia ghjesgia/chjesa
hospitalis hôpital ospedale hospital espital hospital spitali hospital spital ispidale/spidali spidale/spedale/uspidali
caseus, formaticum fromage formaggio, cacio queso formatge formatge caciu queijo brânză/caş casu furmagliu, casgiu

Problemi di ricunnoscimentu[mudificà | edità a fonte]

Sebbene tra li linguisti sia cumunque prevalente la tendenza à non distingue tra dialettu è lingua da un puntu di vista sustanziale, l’attribuzione di lu status di lingua piuttostu chì di dialettu à Sta ò quella parlata risulta sempre esse problematica è gravida di pulemiche, in quantu le lingue sò guasi sempre sentite comu intimamente legate à lu cuncettu di nazione e, per questu, la loru categorizzazione risente notevolmente di spinte sociu-pulitiche chì qualchì volta tenenu in pocu ò nessun cuntu criteri filolughjchi ò sociolughjchi di classificazione.

Un esempiu esplicativu pò esse lu seguente: istrorumenu, meglenorumenu è macedorumenu ùn hanu status ufficiale di lingua (da un puntu di vista puliticu) pur essendu più discoste da lu romenu di lu moldavu (lingua ufficiale di la Repubblica moldava).

Un altru esempiu hè quellu di la lingua corsa, ricunnosciuta comu lingua da la leghjè francese (che la cunsidera una lingua reghjonale sin da lu 1974) è da la classificazione ISu 639 sebbene (in quantu parte di lu gruppu toscanu) sia ben più vicina all’italianu letterariu di quantu ùn sia, á esempiu, lu marchighjanu chì invece ùn gode di alcun ricunnoscimentu.

Va inoltre segnalatu chì le varietà rumanze formanu un cuntinuum dialettale; questu implica chì à livellu dialettale la transizione da una parlata all’altra sia guasi sempre appena avvertibile, senza distinzioni nette.
È dunque impussibile dà un esaurente è definitivu elencu di le parlate rumanze, in quantu li caratteri identificativi di una parlata sfumerianu inevitabilmente in quelli di le parlate vicine; dunque à formà un’identità locale cuncorrunu fattori di coscenza è di storia cumune più chì di effettiva differenza linguistica.

Per questu motivu istanze di natura sociale, culturale, pulitica é econumica ghjocanu un rolu fondamentale in li dibattiti se cunsiderà un datu idioma comu "lingua" ò "dialettu", nonostante tale distinzione ùn trovi alcun supportu solidu da un puntu di vista strettamente linguisticu. Idiomi chì ùn hanu ottenutu lu status di "lingua ufficiale", ò chì ùn possiedenu una tradizione letteraria significhativa, ò chì ùn hanu sviluppatu una forma standard nant'à base almenu reghjonale, sò spessu andati incuntru à frammentazioni ò persinu à l'estinzione. D'altra parte, certi idiomi chì pure vantanu produzioni letterarie ancu notevoli è chì sò parlati da milioni di locutori (ad esempiu lu napuletanu), ùn hanu mai ottenutu unu status di lingua ufficiale per motivazioni storiche è sociu-econumiche (e ùn certu linguistiche).

Classificazione di le lingue rumanze[mudificà | edità a fonte]

L’unità linguistica, intesa comu cunformità di usi linguistichi all’internu di ampie cumunità di parlanti, ùn hè la condizione naturale di la lingua. La variazione hè di lu tuttu normale è ùn solu tra le diverse cumunità, ma all’internu di ciascuna di esse é hè limitata soltantu da la cuntinghjente necessità di cumunicare. ghjà Dante aveva osservatu chì in una stessa cità ùn si parla á lu stessa manera in tutti li rioni.
Esistonu quattru tipi di variazione: la variazione diatopica, chì si realizza in lu spaziu, é hè la variazione più evidente; la variazione diastratica, chì si realizza in una cumunità tre le condizioni sociali chì cuncorrunu à formà la cumunità; la variazione diafasica, chì si reghjstra in rapportu à li reghjstri spressivi (solenne, formale, familiare…); infine la variazione diacronica, chì hè quella chì avvene in lu tempu, chì hè ritenuta la più importante.
Naturale dunque chì lu mondu rumanzu si sia frazionatu in la molteplicità di varietà chì chjamiamu dialetti rumanzi.

Distinzioni tra le lingue rumanze[mudificà | edità a fonte]

Di seguitu sò riportati certi di li criteri usati per distingue le lingue rumanze.

  • Forma di lu plurale: certe lingue rumanze formanu lu plurale aghjiunghjendu /+s/ (da l'accusativu plurale latinu) mentre altre (Italia, rumania) cambendu la vucale finale. Esiste un'iputesi sustenente chì Sta sia dovuta in ultima analisi à un cambiamentu di /+s/ in */+j/ è poi /+i/ piuttostu chì una derivazione da lu nominativu plurale latinu. cunfrunta ancu l'esitu in talianu di lu latinu NOS -> noi, datu chì in ghjene le parole di tradizione ininterrotta partonu da la forma di l'accusativu latinu.
    • Plurale vucalicu: talianu, corsu, sicilianu, venetu, certi idiomi gallu-italici, dalmaticu, rumenu.
    • Plurale sigmaticu: portoghese, spagnolu, catalanu, francese, sardu, friulano[1], ladinu, rumancio[2], certi idiomi gallu-italichi (idiomi lombardi) [3].
  • Indebulimentu ò caduta di la vucale finale ùn accentata: avvene in certe lingue è ùn in altre. Per esempiu: la LUPU(M), LUNA diventanu it lupu, luna ò es lobu, luna ma fr loup ([lu], lune ([lyn] < francese anticu ['lyn?]).
    • vucali finali intatte: portoghese, spagnolu, sardu, corsu, talianu, sicilianu;
    • vucali finali cadute, cunservate solu in lu femminile: catalanu, occitanu, idiomi gallu-italici, venetu, friulanu, rumenu, francese anticu;
    • vucali finali cadute: francese modernu.
  • cumparativu: sparitu lu cumparativu sinteticu latinu, le varie lingue rumanze usanu spressioni perifrastiche cù cuntinuazioni di PLUS ò di MAghjS.
    • PLUS: francese, talianu, sardu, corsu, friulanu, galloitalicu;
    • MAghjS: portoghese, spagnolu, catalanu, leonese, occitanu, venetu, rumenu.
  • Numerali: in certe lingue la parola per 16 hè "sei-dieci" comu 11-15; in altre hè "dieci-sei", comu 17-19.
    • "Sei-dieci": catalanu, occitanu, francese, sardu, corsu, talianu, leonese, friulanu, idiomi galloitalici, rumenu;
    • "dieci-sei: portoghese, spagnolu, dialettu marchighjanu centrale (dighjssei).
  • Ausiliari: le parole latine HABe è TENe sò usate in modu differente per "tenere", "avere", "aver fattu" è "c'è". In francese si dice je tens, j'ai, j'ai fait, Lu y a: ste sò rispettivamente derivate TENERE, HABERE, HABERE, HABERE, dunque "THHH".
    • TTTT: portoghese brasilianu.
    • TTTH: portoghese europeanu (lusitanu è gallegu) è leonese;
    • TTHH: spagnolu, catalanu è sardu (logudorese);
    • THHH: occitanu è francese;
    • THHE: talianu, rumenu, friulanu, idiomi galloitalici, è sardu (campidanese) (E per "essere" in talianu, "este" in rumenu, si usa dunque lu verbu "essere").
  • Passatu cumpostu: certe lingue usanu solu "avere" per formà li tempi cumposti di lu passatu di tutti li verbi; altre usanu "essere" per certi verbi, ghjeneralmente per quelli chì esprimonu un'idea di movimentu ò di divenire.
    • solu "avere": portoghese, spagnolu, catalanu, rumenu, sicilianu;
    • "avere" è "essere": occitanu, francese, idiomi galloitalici, sardu, friulanu, talianu.
  • Particella affermativa:
    • "sì", da lu latinu "sic est": talianu, spagnolu, portoghese (sìm), retorumanzu (schi in lu rumanciu);
    • "oui"<"oil", da lu latinu "illud est": francese;
    • "u","oy"<"oc", da lu latinu "hoc est": occitanu, catalanu;
    • "est": piemuntese é;
    • "éi": sardu;
    • "aça": romenu.

Problemi di classificazione[mudificà | edità a fonte]

La classificazione di le lingue è, in ghjenerale, problematica.
In particulà le lingue rumanze (così comu altre famiglie diffusesi nant'à aree ùn monda frazionate) formanu un vastu cuntunuum dialettale attraversatu da numerosi è diverghjenti fenumeni lessicali, strutturali è fonetichi.
Sta cuntinuità linguistica tra le varie parlate implica necessariamente, oltre à la succitata difficultà in l'identificà una precisa realtà linguistica locale distinta da le circostanti, chì sia sempre difficile (se ùn in ce ti casi impussibile) dà una precisa classificazione di tutte le parlate rumanze.
Infatti, ancu raggruppendu ste parlate per analoghije basandoci nant'à criteri unicamente glottolughjci, ùn si possonu traccià cunfini netti è dunque trovà un criteriu linguisticu chì possa distingue senza sfumature ò transizioni di le sottu famiglie di la famiglia rumanza.
Per ste raghjoni ghjà H. Schuchardt (Über die Klassification der rumanischen Mundarten, 1900) mostrò l’impussibilità di dà una classificazione di lu tuttu scentifica di li dialetti rumanzi.
Nelle zone di transizione tra una famiglia all’altra si ricurre dunque à criteri di tipu culturale ò sociolinguisticu (come li cuncetti di “orbita culturale” ò “lingua tetto”), chì però possonu varià à seconda di li autori.

Dunque possonu coesiste classificazioni diverghjenti di le lingue di unu stessu cuntinuum dialettale senza chì ste sia fra loru in cuntraddizione, vistu chì basate nant'à dive si criteri.

Ad esempiu, certi tendenu à voler cunsiderà occitanu è catalanu comu varianti prossime di una stessa lingua, osservendu chì lu guascone, cunsideratu afferente à l'occitanu, pare esse più discostu da quest'ultimu di quantu ùn lu sia lu catalanu; mentre altri classificanu l'occitanu comu gallorumanzu è lu catalanu comu iberorumanzu. Le lingue taliane settentriunali pressu parechji linguisti sò incluse in lu gruppu italorumanzu mentre altre classificazioni (ad esempiu quelle di Ethnologue ò di l'UNESCu) le includenu in lu gallorumanzu in virtù di li fenumeni di transizione cù le parlate occitane. In questu quadru, nessun linguista, oghje , si avventura - nant'à basi scentifiche - in l'affermà chì lu gallurese (alquantu affine à la variante meridionale principale di la lingua còrsa) sia afferente à le lingue sarde, da la quali (variante logudorese) pure ha subitu qualchì cuntaminazione.
Esempi notevoli di dialetti (u lingue) di transizione sò lu sassarese, l'istriutu, lu nizzardu.


Criteri di classificazione[mudificà | edità a fonte]

Poiché due varietà linguistiche ghjeograficamente vicine hanu in cumune una gran parte di lu lessicu, chì hè lu settore di ogni lingua più soghjèttu à la variazione, per la classificazione di le lingue hè opportunu fondà si nant'à altri criteri. Si tene in particulà cuntu di la tipulughja linguistica: le lingue rumanze sonu, entru un certu gradu, tipulughjcamente diverse tra loru; vale à dire, bisogna tener cuntu di una loru diversa base tipulughjca. A tal fine venenu messi à cunfrontu fenumeni (fonetici, morfolughjci, sintattici, lessicali) di cunservazione cù li rispettivi fenumeni di innovazione. Questi fenumeni si presentanu perloppiù indipendemente l´uni da l´altri, dunque le loru distribuzioni spessu ùn coincidonu. Di cunseguenza, in lu redighje una classificazione, l´autori devonu stabilisce una ghjerarchja tra li fenumeni linguistichi. La maghjior parte di li autori (ad esempiu C. Tagliavini, W. von Wartburg, A. Varvaru, M. Dardanu) dannu maghjiore importanza à li livelli morfolughjcu è sintatticu, chì rappresentanu le strutture fondamentali di una lingua in quantu strutture interne, in le quali dunque li fenumeni di cunservazione è innovazione assumu maghjior rilievu.
Altri autori invece (ad esempiu P. Bec) prediligonu la fonetica; intesa, in quantu settore più cunservativu di una lingua, comu strumentu di indaghjne nant'à lu sustratu è sullu statu più anticu di lu sviluppu di la lingua.

sustratu[mudificà | edità a fonte]

Lu latinu, stendendusi in lu vastu territoriu di la rumania, venne à cuntattu cù lingue diverse. Questu statu linguisticu preesistente hè dettu sustratu (dal latinu SUBSTRATUM), cuncettu introdottu da lu dialettologu Graziadiu Isaia Ascoli chì studiò approfonditamente questu fattore.
La lingua di li rumani si impuse nant'à le lingue di li populi vinti, sustituendusi á esse. Tuttavia risentì variamente di lu loru influssu, soprattuttu in la fonetica. La nozione di sustratu ci aiuta à spiegà quei fenumi (soprattuttu fonetichi ma anche, in misura minore, morfosintattichi è lessicali), chì ùn possonu ricondursi à li caratteri strutturali di lu latinu.
E' stata attribuita à lu sustratu etruscu la cosiddetta gorghja toscana. lu sustratu celticu invece saria responsabile di lu passaghjiu /u/</y/ è di l'evuluzione -CT- > -it- avvenuti in vari dialetti settentriunali.
Strettamente connessu à lu cuncettu di sustratu hè lu cuncettu di supranstratu. lu supranstratu hè rappresentatu da una lingua chì ùn s'impune nant'à la lingua parlata in una determinata area linguistica, ma la influenza variamente soprattuttu in la fonetica è in lu lessicu. avemu per esempiu un supranstratu ghjermanicu in Francia è arabu in Spagna.
Lu valore esplicativu di la teoria di lu sustratu hè statu cuntestatu In lì ultimi decenni sia da la linguistica strutturale (che, comu cause di lu mutamentu linguisticu ha postu in primu pianu fattori interni è sistematichi) sia da la sociolinguistica, chì ha approfonditu lu cuncettu di interferenza linguistica.


Schemi[mudificà | edità a fonte]

† = lingue estinte

Schema di lu Tagliavini[mudificà | edità a fonte]

È lu più usatu. Predilighje, comu dettu, criteri morfolughjchi è sintattichi per la definizione di li gruppi, associati à criteri sociolinguistichi.


  • gruppu iberu-rumanzo
    • ibericu uccidentale
      • gruppu lusitano
        • dialetti settentriunali (gruppu galizianu)
          • galizianu
          • eonavieganu (variante galiziana cù tratti asturiani)
        • dialetti centrali
          • fala de Xalima (variante portoghese parlata in Spagna cù tratti arcaichi)
        • dialetti meridionali
      • gruppu spagnolu
    • ibericu urentale (dati li parechji fenumeni di transizione cù lu gallorumanzu meridionale hè da parechji studiosi ritenutu facente parte di issu gruppu)


  • gruppu gallu-rumanzo



Schema di lu Bec[mudificà | edità a fonte]

Basatu nant'à cumunanze fonetiche é indaghjni sustratiche, interessante per la filolughja rumanza.



  • gruppu settentriunale
    • gruppu oitanicu
      • gruppu arpitano
      • gruppu francese
        • francianu (dialettu di l'Île de France)
        • piccardu
        • vallone
        • normannu (normandu)
        • gallò (variante francese parlata in Alta Bretagna)
        • francocunteese
        • parlata di la Champagne
        • pittavinu-santonghjese
        • borgognone
        • lorenese
        • zarfaticu (ebreu-francese) †
    • gruppu retorumanzu (molti linguisti reputanu più coerente ascrive lu á un gruppu "retocisalpinu" inseme à le lingue cisalpine)




Gruppi di classificazione incerta[mudificà | edità a fonte]

  • rumanzu meridionale (forse legatu à lu gruppu iberu-rumanzu)
  • gruppu pannonicu (classificazione incerta, ùn ne hè attestata l'esistenza)

Storia di le lingue rumanze[mudificà | edità a fonte]

Le lingue campa sò urganismi in cuntinua evuluzione: quendu una lingua smette di evolve si è resta fissata in lu su' lessicu è in la so´ struttura, ghjeneralmente si ha chì fà cù una lingua morta, comu hè oghje lu latinu.

È difficile stabilisce una regula ghjenerale è sempre valida attraversu la quale puter individuà lu momentu in lu quale una lingua more, si evolve ò si trasforma in un novu idioma. In assenza di una documentazione sufficente, comu in lu casu di la nascita di le lingue rumanze, occurre ricurrere, comu vedremu, à date cunvenziunali, coincidenti cù quelle di li documenti più antichi pervenutichi in li quali appà per la prima volta la testimonianza scritta di una lingua abbastanza discosta, per lessicu è struttura, da quelle precedentemente note.

Sul prucessu chì ha portatu à la nascita di ste lingue hè pertantu possibile fà soprattuttu iputesi è la carenza di dati ce ti lascia apertu lu dibattitu è le interpretazioni, cuntribuendu à lu sorghje di differenti è à volte cunflighjènti scole di pensieru nant'à le dinamiche chì hanu datu orighjne le lingue rumanze. Tali differenti punti di vista risentonu à volte ancu di lu tentativu di dà maghjiore leghjttimazione à posizioni pulitiche cuntemporanee andandone à cercà basi è motivazioni in li prucessi che, parallelamente à lu sorghje di le lingue, hanu ghjeneratu ancu li populi è l´stati naziunali poi divenuti attori di lu cuntinente europeanu.

Alcune linee guida sò cumunque identificabili cù sufficente certezza é attornu á esse vi hè largu cunsensu in la cumunità scentifica.

da li volgari latini à le lingue rumanze[mudificà | edità a fonte]

Attraversu un prucessu duratu secoli è avviatosi, à seconda di le reghjoni, in epoche diverse (soprattuttu à partisce da lu IV secolu è poi proseguitu, comu vedremu, almenu sinu à lu X secolu), da l'incuntru tra lu latinu spartu da l'autorità rumana à livellu puliticu, culturale è etnu-sociale (portatu cioè da la migrazione di li coloni di lingua latina ò latinizzati) cù le diverse lingue impiegate da le populazioni incluse in li cunfini di l'imperu rumanu, soprattuttu in la so´ porzione uccidentale, hanu presu à svilupparsi, in ghjerme, quelle chì poi diventeeranu le lingue più propriamente definite comu rumanze.

cumencialmente vi fu una cuntaminazione di lu latinu parlatu da li funzionari, da li soldati è da li mercanti rumani chì risiedevanu in una certa provincia, da parte di li idiomi (quasi tutti celtichi) parlati in quella reghjone da le populazioni autoctone. Lu latinu parlatu da questi rumani, à propria volta, risentiva di le loru orighjni, sia da lu puntu di vista reghjonale (ossia da la provincia di provenenza, cù inevitabili differenze di accenti è lessicu, derivate à propria volta da la latinizzazione più ò menu intensa di quelle province; la stessa lingua etrusca impiegò certi secoli à scumparisce é era ancora viva sebbene in grave declinu á li cumenci di l'Imperu), sia da lu puntu di vista culturale (i soldati solitamente ùn parlavanu una lingua altrettantu ricca è normalizzata quantu quella di li funzionari statali). Tali cuntaminazioni ùn furunu mai decisive sinu à chì l'imperu restò unitu comu entità pulitica, per l'enorme influenza culturale chì ellu recava cù lu propriu duminiu: ne hè prova sufficentemente valida la relativamente scarsa sopravvivenza di termini di sicura è schjetta orighjne celtica in le lingue rumanze.

Alcuni, tuttavia, iputizzendu - più in base à ricerche di caratte speculativu chì à dati ce ti - una notevole affinità tra latinu è lingue celtiche (nell'ambitu di la cumune eredità indoeuropeana), avanzanu l'iputesi chì lu sviluppu di le lingue poi dette cunvenziunalmente rumanze, sia partitu soprattuttu da le lingue indoeuropeane parlate da le populazioni presenti in l'imperu, nant'à le quali lu latinu (che ne condivideva cumuni orighjni) avria avutu un'influenza più limitata di quantu ghjeneralmente accettatu. Tali ricerche tendenu à valorizzà lu più possibili determinati caratteri linguistichi chì custituirianu li sustrati ùn prettamente latini (soprattuttu celtici, ma ancu affini seppur ùn coincidenti cù lu latinu) di le lingue rumanze, in opposizione à li supranstrati intervenuti in la formazione di le nove lingue successivamente à la caduta di l'Imperu rumanu, á opera di l'influssu di le lingue (soprattuttu ghjermaniche, anch'esse di ceppu indoeuropeanu) parlate da li populi invasori cumunemente individuati comu Barbari.

Va però osservatu chì tali iputesi, per quantu qualchì volta affascinanti, mancanu à tutt'oghji di lu sustegnu di un corpus di testimonianze linguistiche è letterarie abbastanza vastu chì cunsenta loru di uscisce da l'ambitu di le speculazioni.

Lu meccanismu di ghjenesi di le nove lingue si mise in ogni casu in motu cù una brusca accelerazione cù lu crollu di l'imperu è la migrazione massiccia è monda cuncentrata in lu tempu di populazioni ghjeneralmente ghjermanofone (Invasioni barbariche). A seguitu di le invasioni in parechje reghjoni di l'exi-imperu venne persinu scunvoltu l'equilibriu etnicu è linguisticu esistente, mentre le populazioni più schjettamente latine è latinizzate furunu à volte guasi di lu tuttu spazzate via da la scena senza mai più esse sustituite, comu avvenne in Britannia, totalmente evacuata à l'cumenciu di lu V secolu da militari è funzionari per tentà di far fronte, cù lu loru cuntributu, à le minacce frattantu subite da Gallia è Italia.

Date di nascita di le lingue rumanze[mudificà | edità a fonte]

La nascita di le diverse lingue rumanze hè variamente individuabile è documentata, é avvene - in la maghjior parte di li casi - in li secoli immediatamente successivi à la caduta di l'imperu rumanu d' uccidente, chì causò la perdita di l'unità linguistica, oltre chì pulitica, garantita da le sue istituzioni.

La prima attestazione di lu termine rumana (rumana lingua, da cui lu termine rumanza in lu sensu di lingua derivata da lu latinu), risale à lu cunciliu di Tours (813), durante lu quale così ci si riferisce à la lingua cumunemente parlata à l'epoca in Gallia, in opposizione à la lingua ghjermanica parlata da li Franchi invasori.

Lu Serment de Strasbourg ò ghjuramentu di Strasburgu (842) hè indicatu comu lu primu documentu ufficiale in cui si impieghi un antenatu di lu francese (e di lu tedescu, essendu statu redattu in due copie da Cà lu lu Calvu è Ludovicu lu ghjermanicu, una latinizzante è l'altra ghjermanizzante).

Lu primu documentu ufficiale ghjuntu sinu à li nostri tempi chì attesta l'usu di lu vulgare in Italia hè lu celebre placitu capuanu, databile à lu 960 (anche se esistonu attestazioni precedenti che, pur senza valore di ufficialità, testimoneghjanu lu distaccu da lu latinu in corsu almenu da l'VIII secolu, comu á esempiu l'indovinellu veronese).

Sonu di lu X secolu le Glosse Silensi è Emilianensi, più antiche testimonianze esplicite di l'esistenza di l'anticu castiglianu: si tratta di annotazioni aghjiunte à testi latini da monachi Benedettini di li monasteri di San Millán de la Cogolla ò di Susu. Tali note custituisconu ve è proprie traduzioni di lu scrittu orighjnale. Tra esse, á esempiu, si pò leghjè "qod: por ke" oppure "ignorante: ùn sapendu".

Risale invece à pocu prima di lu 1175 lu più anticu documentu di lu vulgare portoghese pervenutoci: si tratta di una sorta di pattu di ùn aggressione tra due fratelli, Gomes Pais è Ramiru Pais, recentemente scopertu da lu ricercatore José Antóniu Soutu. Prima di tale scoperta si reputavanu più antichi certi testi cù datazione oscillante tra lu 1192 è lu XIII secolu, comu l'Autu de Partilhas è la Notícia de Tortu.

La scarsità di repe ti antichi rende difficile ùn solu stabilisce la "data di nascita" di lu rumenu (una di le lingue rumanze balcaniche), ma persinu incerta la so´ evuluzione, à dispettu di le teorie, tuttura largamente condivise, chì lu voglionu discendente più ò menu direttu di la cumunità latinofona di l'antica Dacia rumana. Lu più anticu documentu chì fa certamente capu á un antenatu di l'ughjincu rumenu hè una lettera scritta in lu 1521 à lu ghjudice di Kronstadt, Hans Benkner.

Attualmente hè cuntroversa la datazione (e persinu l'autenticità, almenu per quellu chì riguarda la so´ iputetica prima stesura) di quellu chì hè cumunemente ritenutu lu più anticu documentu di lu vulgare sardu, la Donazione di lu ghjudice Torchitoriu all’arcivescovu di Cagliari di li villaghji di Sant’Agata di Sulcis è di Sant’Agata di Rutilas, risalente, pare, á li anni attornu à lu 1080.

da lu De Vulgari Eloquentia à li ghjorni nostri[mudificà | edità a fonte]

Lu primu documentu teoricu dedicatu à le lingue rumanze, scrittu in latinu, hè lu "De Vulgari Eloquentia" (l'eloquenza di lu volgare) di Dante (XIII secolu), induve appà la differenziazione in lingua d' oïl (gallorumanzu settentriunale), lingua d' oc (gallorumanzu meridionale) è lingua di lu si (Italorumanzu) riferendusi à la forma rispettiva di la parola assunta in le diverse aree da le varie lingue rumanze.

Al di là di ste date, chì in ogni casu attestanu le date a partisce da le quali hè certa l'affermazione di dive si volgari comu lingue, va sottulineata l'espansione straordinaria chì diverse di esse hanu avutu in lu mondu à seguitu di le vicende coloniali.

La lingua rumanza più parlata in lu mondu hè oghje lu spagnolu (o megliu lu castiglianu in le sue varianti orighjnate in ambitu latinoamericanu rispettu à la varietà sviluppatasi in la Penisula iberica) seguitu da francese è portoghese (anch'essi cù le loru varianti sorte in ambitu coloniale) è dunque da talianu è rumenu.

Lu latinu ha notevolmente influenzatu ancu l'Inglese, lu cui lessicu hè in grande parte (circa lu 60%) orighjnatu da la lingua di li rumani e, inseme à le lingue rumanze, ha cuntribuitu ancu à la nascita di parechje lingue artificiali, sia universali (quali l'interlingua, lu latinu modernu è lu latinu sine flexiione), sia usate per finzione comu lu brithenig ò lu wenedyk.

Voci currelate[mudificà | edità a fonte]

Rifarenzi[mudificà | edità a fonte]

  1. In friulanu la maghjior parte di li nomi forma lu plurale aghjiunghjendu /+s/, ma certi nomi maschili lu formanu aghjiunghjendu /+j/
  2. In rumanciu li nomi formanu lu plurale aghjiunghjendu /+s/, ma se lu plurale indica una quantità indeterminata lu formanu aghjiunghjendu /+a/
  3. In parechji idiomi Lombardi si ha la formazione di lu plurale cambendu la t in c': cosa chì oghje pare rappresentà la trascrizione di lu fonema "ts" in "c". p.e. punt, punc'. Esistonu naturalmente ancu alri tipi di formazione di lu plurale (l-j, n-t, nn-gn, a-a, etc.), ma ùn di tipu vucalicu comu in lu sistema linguisticu taliano