Boccacciu

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
Ritrattu di Boccacciu da Raffaello Sanzio Morghen (1758-1833)

Giovanni Boccaccio (in corsu Ghjuvanni Boccacciu, ma à spessu simpliciamenti Boccacciu) (natu in 1313 in Certaldo in Tuscana - mortu u 21 di dicembri 1375 in a so cità nativa) hè un scrittori fiurintinu.[1]

A so opara in tuscanu, in particulari a so racolta di nuveddi u Decamerone, chì ebbi un enormu successu, u faci cunsidarà com'è unu di i criatori di a litteratura taliana in prosa.

Biugrafia[mudificà | edità a fonte]

Boccacciu hè u figliolu naturali di un impurtanti omu d'affari, Boccaccino di Chelino, urighjinariu di Certaldo è risidendu in Firenza è chì, liatu à a cumpagnia di i Bardi, particularamenti putenti in Napuli, hà fattu parechji viaghji in Parighji. Boccaciu u suvita in u 1327 in 'ssa cità par i studii di drittu canonicu. Bench'è u drittu è u cummerciu l'intaressini pocu, s'integra faciuli à a corti di u rè Robert di Napuli induva eddu hà l'occasioni di lià si incù i nobili di a corti di a Casa d'Anjou. Quà, cumencia dinò à cultivà i so cunniscenzi litterarii, leghji i classichi latini, a litteratura cavaddaresca francesa, Danti è Petrarcu. Cumencia dinò à ridighja i so primi testi d'ispirazioni curtesa, in prosa, com'è u Filocolo, o in versi, com'è u Teseida. Cumponi dinò un puema epicu annantu à a guerra di Troia : u Filostrato. Infini, hè à Napuli ch'eddu vivi a so prima passioni amurosa par una signora ch'eddu cugnoma Fiammetta.

Dittagliu di un affrescu traspostu annantu à legnu ripprisintendu Boccaciu è cumpostu da Andrea del Castagno (versu 1450).

À a fini di l'annu 1340, rientra in Firenza par causa di a faddita di i Bardi. U ritornu hè dugliosu : Boccacciu hè tristu di chittà Napuli è si ritrova in una situazioni ecunomica difficiuli. Puri, scontra à Petrarcu incù quali si amicheghja. Da a so ghjuvantù, s'hè accupatu di puisia. A so ammirazioni par Danti ùn li parmittendu micca d'aspirà à u prima rangu frà i pueti, s'hè lusingatu di ottena u sicondu ma da tantu ch'eddu cunnosci i puisii di Petrarcu, perdi ogni spiranza è tira in u focu a più grandi parti di i so versi lirichi, sunetti, canti è altri puisii amurosi. Cuntinueghja eppuri à scriva : A commedia delle Ninfe conta l'amori di una ninfa è di u so pastori, altri opari, l'Amorosa visione, u Ninfale d'Ameto è u Ninfale fiesolano più alligorichi, l'Elegia di signora Fiammetta hè u racontu di stili autubiugraficu di una ghjovana Napulitana tradita da u so amanti.

In u 1348, Boccacciu assisti à i danni chì a pesta nera pruvucheghja in tutta l'Auropa. Hè podarsi 'ssa pandemia chì u dicidi à ridighja u so capilavoru : u Decamerone. L'opara hè un successu è si diffonda assà largamenti dopu u 1353. Li vali a ricunniscenza di i so paghjesi è offri nuveddi missioni intarissanti da u guvernu cumunali di Firenza. In 'ssa cità, và à accupà a catedra chì veni di essa criata par a spiigazioni di Danti.

In u 1362, in seguitu à a maladizioni di un frati ciartusinu, Boccacciu stà una prufonda crisa riligiosa è si ritira in sulitariu in u campu paternu di Certaldo. Và sin'à fà u prugettu di distrughja tutti i so manuscritti, ma Petrarcu u dissuadi, cunvincendu lu ch'eddu devi fà par a prosa ciò ch'eddu stessu hà fattu par a puisia. Prestu, da i so opari, Boccaciu và à piazzà si sopra à tutti i prusatori di a penisula taliana, chì ni firmarà à longu u mudeddu. Listessu annu, hè accoltu da Niccolò Acciaiuoli à u casteddu di Montegufoni.

Trà 1365 è 1366, Boccacciu ridighji u Corbaccio, opara chì ripiglia a tradizioni di a satira misogina di modu muralistu. Hè a so ultimu opara in tuscanu. Incuraghjitu da Petrarcu, incù qualessu eddu intratteni una currispundenza rigulari, riveni à u latinu è cumponi parechji trattati, biugrafii, di i egloghi è epistuli. Vinireghja à Danti è li cunsacra un Trattatello in laude di Danti è l' Esposizioni sopra a Commedia di Danti.

Ritiratu à Certaldo, campa a fini di a so vita in a miseria. Infini, in u 1373-1374, hè invitatu da a cità di Firenza à fà a littura publica di a Divina Cummedia di Danti in a ghjesgia Santu Stefanu di Badia. Ma a so gattiva saluta u custringhji à arristà è si ni mori in Certaldo in u 1375, un annu dopu a sparizioni di Petrarcu.

S'è Danti hè cunsidaratu com'è u fundatori di a puisia taliana, Boccacciu hè generalamenti ammissu com'è u criatori di a prosa taliana.

Opari[mudificà | edità a fonte]

Opari in talianu[mudificà | edità a fonte]

Opari di ghjuvantù[mudificà | edità a fonte]

A caccia di Diana[mudificà | edità a fonte]
Diana cacciadora (Maestru di a Scola di Fontainebleau)

Boccaciu scrivi à Napuli versu 1334, A caccia di Diana. Hè un brevi puema eroticu cumpostu da deci ottu canti furmati in terzini. A trama si pò riassuma cusì : Mentri chì u pueta hè affannatu da i so peni amurosi, un spiritu inviatu da a dea Diana cunvucheghja quiddi di Napuli, i più beddi, à a Corti "di l'alta idea", chjamendu li cù u so nomu, picculu nomu è ancu u so nomu ipocuristicu. Vidati da quidda scunnisciuta amata da u pueta, i signori ghjungnini in una vaddi è si bagnani in a vadina. Dopu, Diana forma quattru gruppi è a caccia cumencia. I predi riuniti annantu à un prati, a dea invita i signori à fà un sacrifiziu à Ghjovi è à didicà si à u cultu di a castità. L'amata da Boccaciu si ribedda è, à nomu di tutti, dichjara chì a so inclinazioni hè bedda diffarenti. Diana sparisci in u celi, a donna ghjintili (l'amata da u pueta) diclama una prighera à Venera. Quidda apparisci è trasforma l'animali catturati - frà eddi, u pueta sottu à forma di un cervu - in affascinanti ghjuvnotti. U puema si tarmineghja esaltendu l'imaghjina di u puteri ridinttori di l'amori (leitmotiv in l'opara di Boccacciu).

'Ssu puema custituisci un lodu di a biddezza di i donni di a cità, ciò chì l'avvicina di a Vita nuova di Danti. Eppuri, cumporta chjari influenzi di a puisia lisandrina.

Filocolo[mudificà | edità a fonte]
Statua di Boccacciu di u Piazzali di l'Uffizii à Firenza.

Filocolo hè un rumanzu in prosa, longu è imbrugliatu, chì conta a lighjenda di Floire è Blancheflor, di tradizioni francesa è assà diffusa in diversi virsioni à u Medievu. Hè assà pussibuli chì Boccacciu si fussi ispiratu da l'opara tuscana Il Cantare di Fiorio e Biancofiore, quidda essendu basata annantu à un puema francesu di u seculu XII.

L'opara hè prubabilamenti stata cumposta trà 1336 è 1338, à a dumanda di Fiammetta, com'è l'afferma Boccaciu in u prulogu. U titulu, invintatu da l'autori, significheghja calchì cosa com'è " fatica d'amori ", in gattivu grecu.

A storia si forma intornu à i svinturi di dui ghjovani amurosi. Fiorio, figliolu di u rè Felici di Spagna, è Biancofiore, urfanedd accolta à a corti par pietà, chì hè in rialità a figliola di una famiglia di nobili rumani, morti à u mumentu di u so Piligrinaghju in San Ghjacumu di Cumpostelle. I dui ghjuvanotti sò stati addivati insemu è si sò innamurati à l'aduliscenza. U rè, par impidiscia a so unioni, vendi Biancofiore com'è schiavu à i marcanti chì a cedini à l'amiragliu d'Alissandria. Florio, addispiratu, piglia u nomu di Filocolo è parti in cerca di a so amata. Quandu eddu a ritrova, a so idantità hè scuparta ed hè riduttu in cattività. L'amiragliu cundanna i dui ghjuvanotti à morti. Eppuri, ghjustu innanzi a so esecuzioni, l'amiragliu ricunnosci u so nipoti in Florio è scopri l'urighjini di Biancofiore. I dui amanti poni tandu vultà in Italia è uniscia si.

In u prulogu di l'opara, dopu una discrizzioni di l'urighjini di u riamu di Napuli usendu numarosi allusioni mitulogichi, Boccacciu conta u so scontru incù Fiammetta è com'eddu hè natu u so amori par edda, sculunnendu la un Sabatu Santu in a ghjesgia di un cunventu. Hè edda chì li hà chertu di scriva un puema in " vulgaru", veni à dì un rumanzu. A parsona pò classificà u Filocolo in u genaru litterariu di u rumanzu bizantinu.

Filostrato[mudificà | edità a fonte]
A visita di Boccacciu à a figliola di Danti

Filostrato hè un puema narrativu furmatu di tondu à a tematica classica. Hè divisu in ottu canti scritti in ottava rima. U titulu, furmatu da una parola greca è una parola latina, si pò traducia apprussimativamenti da " Abbattutu da l'amori ".

A tematica di u puema hè tirata da a mitulugia greca : Boccaciu conta l'amori di Troïlos, figliolu di Priamu, à l'incontru di Cressicda, figliola di Calchas, l'induvinu grecu aiutu d'Agaminnonu. Troïlos vinci l'amori di Cressida incù l'aiutu di u so amicu Pandare. Eppuri, à u mumentu di un scambiu di prighjuneri, Cressida hè inviata in u campamentu grecu. Quà, l'aroi grecu Diomede s'innamora di edda è a ghjovana donna s'innamora dinò di eddu. Troïlos si rendi contu di a tradimentu dia so amata quandu u troianu Deifobe li porta un vistitu di Diomede pigliatu à u mumentu di una battaglia, adurnatu da un broccu appartinendu à Cressida. Furiosu, Troïlos si lancia in a battaglia cù u fini di affruntà u so rivali. Inflighji i perditi à i truppi grechi, ma hè acciaccatu da Achilli nanzu ch'eddu aghji pussutu truvà à Diomede.

A storia ùn hè micca dirittamenti ispirata da u mitu, ma da u Rumanzu di Troia, elaburazioni medievali francesa di a lighjenda troiana scritta da Benoît di Sainte-Maure (seculu XII) chì Boccaciu n'hà lettu a virsioni taliana di Guido delle Culonna. U puema di Boccacciu hà dopu truvatu ecu in Troïlus è Criseyde di Geoffrey Chaucer.

A storia di Filostrato pò essa letta com'è a trascrizzioni litteraria di i so amori incù Fiammetta. L'ambianza di u puema richjama a corti di Napuli, è a psiculugia di i parsunaghji hè discritta da suttili noti. Ùn esisti micca accordu annantu à a data di a cumpusizioni : certi pensani chì u testu hè statu scrittu in u 1335, quandu certi altri cunsidareghjani ch'eddu data di u 1340.

Teseida[mudificà | edità a fonte]

Siont'è parechji autori, a Teseida (u so nomu cumplettu essendu Teseida di i nozzi d'Emilia ") hè u prima puema epicu cumpostu in talianu. Com'è in Filostrato, a rima apradata hè l' " ottava rima ". Boccaciu conta i guerri chì l'aroi grecu Teseiu purtò contru à l'Amazoni è contru à a cità di Teba. U puema hè divisu in dodici canti, imitendu l' Eneide di Virghjiliu è a Tebaide di Stace.

L'epupea custituisci u sughjettu principali ma Boccacciu ùn tralascia micca cumplittamenti u tema amurosu. A Teseida conta l'affruntamentu trà dui ghjovani abitanti di Teba, Palemon è Arcita, cù u fini di cunquistà l'amori d'Emilia, suredda d'Ippolitu (a righjina di l'Amazone). L'opara cunteni una longa è cumplicata lettara à Fiammetta, è ancu dodici sunettus chì riassumini i dodici canti di u puema.

Comedia delle ninfe fiorentine[mudificà | edità a fonte]
U Trionfu di Venera, di Agnolo Bronzino

A Comedia delle ninfe fiorentine (Cummedia di i ninfi fiurintini), dinò cunnisciuta sottu à u nomu di Ninfale d'Ameto o simpliciamenti Ameto sicondu u nomu di u parsunaghju principali, fù prubabilamenti cumposta trà 1341 è 1342. Si tratta di una favula idilliaca alligorica, scritta in prosa, altirnendu frammenti in terzini incatinati. 'Ssa forma ùn hè micca nuvedda, chì si trova in numarosi opari medievali, com'è a Vita nuova di Danti o Di nuptiis Philologiae è Mercurii (Nozzi di Mercuriu è a Filulugia), di Martianus Capella. Una volta di più, u tema di Boccacciu risedi in u puteri ridenttori di l'amori chì parmetti à l'umanu di passà da l'ignuranza à a cunniscenza è à a cumpriensioni di u misteru divinu.

A opara cumencia incù u pastori Ameto chì vaga in i boschi d'Etruria induva eddu sculonna un gruppu di magnifichi ninfi bagnendu si à u sonu di u cantu di Lia. Ameto, affascinatu da u cantu di a ninfa, s'innamora di edda è si svela à i ninfi. U ghjornu cunsacratu à Venera, setti ninfi si riuniscini intornu à Ameto è li contani i so storii amurosi. Dopu à avè ascultatu i so raconti, Ameto, annantu à l'ordini di a dea, piglia un bagnu purificadori chì li parmetti di capiscia u significatu alligoricu di i ninfi (chì ripprisentani i virtù tiulugali è cardinali), quidda di u so scontru incù Lia (chì implicheghja a so probbia trasfurmazioni da u statu animali à umanu, aprendu a pussibilità di cunnuscia à Diu).

Tema è ambianza sò eppuri assà diffarenti ; a struttura di 'ssa opara annuncia dighjà quidda di a so opara principali u Décamerone.

Amorosa visione[mudificà | edità a fonte]

L' Amorosa visione hè un puema alligoricu in terzini incatinati cumpostu, com'è l Ameto, à u principiu di l'annati 1340, quandu l'autori risedi in Firenza. Si dividi in cinquanta canti brevi. Suvitendu a struttura di a visio in somnis (" visioni in sogni"), conta comu una biddissima donna, inviata da Cupidonu à u pueta, l'invita à abbandunà i " vani piaceri " par truvà a vera felicità. A donna vida u pueta versu a porta stretta (ripprisintendu a virtù) di un casteddu chì ni ricusa di francà u zogliu prifirendu acceda ci par via di a maiò (simbulu di a ricchezza è di i piaceri mundani). Dui stanzi di u casteddu sò adurnati da l'affreschi degni di Giotto : quiddi di a prima stanza ripprisentani i trionfi di a Sapienza - circundata da l'alligurii di i scenzi di u trivium (grammatica, dialettica è ritorica) è di u quadrivium (giumitria, aritmetica, astrunumia è musica) -, di a Gloria, di a Ricchezza è di l'Amori. A siconda stanza ripprisenta u trionfu di a Furtuna. Annantu à l'affreschi, numarosi parsunaghji storichi, biblichi è mitulogichi custighjeghjani parechji celibri omini di lettari. In seguitu à a cuntimplazioni di i pitturi, u pueta sorti in u giardinu induv'eddu scontra altri donni : a " bedda Lumbarda " è a " Ninfa sicula " (chì pudaria essa Fiammetta). U puema si tarmineghja di colpu pocu dopu.

L' Amorosa visione prisenta parechji similitudini incù a Divina Cummedia. A critica l'hà dinò paragunata à un'antra opara di carattaru alligoricu, i Trionfi di Petrarcu. Siont'è parechji autori, u mudeddu di 'ssu casteddu alligoricu hè Castelnuovo di Napoli, chì i so stanzi funi dicurati da affreschi di Giotto mentri l'ebbica di Robert d'Anjou.

Elegia di Madonna Fiammetta[mudificà | edità a fonte]

Elegia di Madonna Fiammetta, prubabilamenti scritu trà 1343 è 1344, hè statu qualificatu da a critica di " rumanzu psiculogicu " - u terminu " psiculugia " ùn essendu ancora criatu à l'ebbica. In prosa, si prisenta com'è una longa lettara. A prutagonista, Fiammetta, contu u so amori ghjovanu par Pamfile, in u dicoru in a cità di Napuli. 'Ssa rilazioni si tarmineghja quandu Pamfile devi parta in Firenza. Sintendu si abbandunata, Fiammetta tenta di tumbà si. Versu a fini di l'opara, a prutagonista ripiglia spiranza quandu edda ampara ch'è Pamfile hè di ritornu in Napuli, ma scopri incù amarezza chì si tratta di una parsona purtendu listessu nomu. L'autori didicheghja l'opara à i "donni amurosi".

Malgradu a forti cumpunenti autubiugrafica - a rilazioni di l'autori incù a mistiriosa Fiammetta, chì si svuglì di una manera appena diffarenti -, u so trattamentu di a passioni amurosa trova i riminiscenzi in l'opari litterarii com'è i Eroidi d'Ovidiu, Pamphilus de amore di un autori anonimu, o De Amore d'Andreas Capellanus.

Ninfale fiesolano[mudificà | edità a fonte]

Ninfale fiesolano, scrittu trà 1344 è 1346, hè una favula etiulogica distinata à spiigà i nomi di dui fiumi di Tuscana : Africo è Mensola. D'ispirazioni pastureccia - com'è l Ameto -, hè scritta in ottava rima, è conta a storia di l'amori trà Africo è a ninfa Mensola è ancu a nascita di u so ziteddu, Proneo.

Siont'è 'ss' opara, i cuddini di Fiesole erani stati da i ninfi didicati à u cultu di Diana è a caccia. U pastori Africo s'innamurò di una d'eddi, Mensola, ma, ad ogni volta ch'eddu s'avvicinava, i ninfi scappavani impaurit. U babbu d'Africo, Girafone, pruvò di u dissuada lu, cuntendu li a storia di Mugnone, trasfurmatu in fiumu par avè osatu amà una ninfa. Africo, eppuri, cuntinuò è, aiutatu da Venera, s'unisci à a so amata. Mensola, incinta, fughji a cumpagnia d'Africo. Pinsendu essa disprizzata da a so amata, quiddu si tumbò capicciuttendu si in a vadina chì porta dopu u so nomu. Diana scopri u partu di Mensola è a maladisci. A ghjovana donna si suicidò in u corsu d'acqua chì presi u so nomu. U so figliolu, addivatu da i parenti d'Africo, divintò unu di i primi abitanti di a cità di Fiesole.

L'opara ebbi una grand' influenza annantu à l'opari pasturecci di i seculi siguenti, com'è Stanze d'Angelo Poliziano, o Nencia da Barberino di Larenzu u Magnificu.


Opari di maturità[mudificà | edità a fonte]

Decamerone[mudificà | edità a fonte]
Intarpritazioni da Botticelli di una storia di u Decamerone.

Mentre a pesta chì colpa a cità di Firenza in 1348 è chì u so autori n'hè statu tistimoniu, trè ghjovani omini è setti ghjovani donni si riuniscini in a ghjesgia Santa Maria Novella è pigliani a dicisioni d'isulà si in una villa luntana par fughja a pesta.

In 'ssu locu, par evità di ripinsà à l'orrori visti, i ghjuvanotti si contani i foli l'uni à l'altri. Fermani mentri quattordici ghjorna in a villa ma senza cuntà storii i vennari è sabati. U titulu veni dunqua di 'ssi deci ghurnati di foli. Ogni ghjornu, un participanti teni u rollu di " rè " è dicidi di u tema di i foli. Eppuri, u prima è u nuvesimu ghjorna, 'ssa regula ùn hè micca appiicata. In tutali, l'opara si cumponi di centu raconti di lunghezza disuguali.

I fonti usati da Boccacciu sò varii : di i classichi grecu è rumani à i fabliauss francesi medievali.

Il Corbaccio[mudificà | edità a fonte]

Il Corbaccio hè statu ridattu trà 1354 è 1355. Si tratta di un racontu chì a so trama, fina è artifiziosa, ùn hè ch'è un pritestu par metta in sesta un dibattitu murali è sataricu. Da u so tonu è a so scopu, l'opara si iscrivi in a tradizioni di a litteratura misogina. U titulu faci certamenti rifirimentu à u corbu, cunsidaratu com'è simbulu di gattivu auguriu è di passioni senza cuntrollu. Par certi altri critichi, a parsona u devi à u spagnolu corbacho. U sottutitulu di l'opara hè Labirintu d'amori. A prima edizioni fù rializata in Firenza in u 1487.

U tonu misoginu di u Corbaccio hè prubabilamenti una cunsiquenza di a crisa ch'è pruvucò a rilazioni di l'autori incù un frati siennesu. Esistini numarosi opari litterarii in a tradizioni uccidentali di carattaru misoginu, da Juvenal à Ghjirolmu di Stridon.

A cumpusizioni trova a so fonti in l'amori infruttuosi di Boccacciu. Intrutu in a quarantina, s'hè innamuratu di una bedda veduva ed l'hà addirizzatu i lettari sprimendu u so desideriu è u so amori. A signora hà musciatu 'ssi lettari à i so prossimi, biffendu lu par via di i so urighjini mudesti è di a so ità. 'Ssu libru hè a vindetta di l'autori, dirighjita non solu contru à a veduva, ma contru à tutta a ghjenti feminiccia.

L'autori sunnieghja ch'eddu si culloca in i loca d'incantu, quandu eddu si ritrova di suttrattu in una giungla inestricabili (u Labirintu di L'Amori ch'eddu chjama dinò a Puracaria di Venera). Quà, trasfurmati in animali, scontani i so piccati i disgraziati ingannati da l'amori di i donni. U defuntu maritu di a veduva apparisci sottu à forma di spettru, è li conta in dittagliu l'innumerevuli vizii è diffetti di a so cunsorti. Com'è penitenza, Boccacciu devi svilà ciò ch'eddu hà vistu è intesu.

Noti[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruveni in parti da l'articulu currispundenti di a wikipedia in francesu.