Napuli

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
Napuli

Veduta da u parcu urbanu di i Camaldoli

Nome ufficiale: Napoli
Blasone
Statu: Flag of Italy.svg Italia
Regione: Blank.gifRegione-Campania-Stemma.svgBlank.gif Campania
Pruvincia: Template:IT-NA
Cuurdinate: 40° 51' 22" N - 14° 14' 47" E
Altitudine: 17 m
Superificia: 117,27 km²
Pupulazione: 962.162 ab.
Densità: 2.630,5 ab./km²
Merre: Luigi De Magistris
Codice pustale: da 80100 à 80147
Codice ISTAT: 063049
Indicativu tel.: 081
Nome di l'abitanti: napulitani, partenupei
Santu patrone: San Gennaru è altri 50 cumpatroni
Festa patrunale: 19 settembre
Situ ufficiale
Napuli
Pusizione di Napuli in Italia

Napuli[1] (Nàpule in napulitanu, prununzia ˈnɑːpulə o ˈnɑːpələ) hè una cumuna taliana di 962.162 abitanti, capilocu di l'omonima cità metropulitana è di a regione Campania.

Terza cumuna in Italia pè pupulazione, Napuli hè trà e più pupulose è densamente appupulate aree metropulitane di l'Unione europea. [2]

Fundata da i Cumani in u VIII seculu a.C., fù trà e cità più impurtante di a Magna Grecia, grazie à u raportu privilegiatu cun Atene, è esercitò una nutabile influenza cummerciale, culturale è religiosa nant’à e pupulazione italiche circunvicine tantu da diventà a sede di a scola epicurea di Filudemu di Gadara è Sirone. Dopu u crollu di l'Imperu rumanu, in u VIII seculu a cità furmò un ducatu autonomu indipendente da l'Imperu bizantinu; in seguitu, da u XIII seculu è pè circa seicentu anni, fù capitale di u Regnu di Napuli; cù a Risturazione diventò capitale di u Regnu di e Duie Sicilie sott’à i Borbone finu à l'Unità d'Italia. Pè mutivi culturali, politichi, storichi è suciali hè stata, da l'evu anticu finu à i ghjorni nostri, una di e cità principale di l'Occidente.

Sede di l’Università di i Studii di Napuli Federicu II, a più antica università statale d'Europa, ospita altresì l'Orientale, a più antica università di studii sinolugichi è orientalistichi di u cuntinente è a Scola militare "Nunziatella", una di e più antiche accademie militare à u mondu, eletta patrimoniu storicu è culturale di i Paesi di u Mediterraniu da a parte di l'Assemblea parlamentare di u Mediterraniu. Locu di origine di a lingua napulitana, hà esercitatu è esercita un forte rollu in numerosi ambiti di u sapè, di a cultura è di l'imaginariu cullettivu à livellu naziunale è internaziunale.

Centru di a filosufia naturalistica di u rinascimentu è centru illuminista di livellu europeu[3], hè stata à longu un puntu di riferimentu globale pè a musica classica è l'opera attraversu a scola musicale napulitana, dendu, trà l'altru, origine à l'opera buffa.

Cità da l'impunente tradizione ind’è l’ambitu di l’arte figurative, chì affonda e proprie radiche in l'età classica, hà datu locu à muvimenti architettonichi è pitturali originali, cum’è u rinascimentu napulitanu è u baroccu napulitanu, u caravaggisimu,[4] a scola di Pusillipu è u Liberty napulitanu è dinù à arte minore ma di impurtanza internaziunale, cum’è a purzellana di Capudimonte è u presepiu napulitanu.

Hè à l'origine di una forma distintiva di teatru, di una canzona di fama mundiale è di una particulare tradizione culinaria chì cumprende alcuni alimenti chì assumenu u rollu di simbuli glubali, cum’è a pizza napulitana, è l'arte di i so pizzaioli chì hè statu dichjaratu da l'UNESCO patrimoniu immateriale di l'umanità.

In u 1995 u centru storicu di Napuli hè statu ricunnusciutu da l'UNESCO cum’è patrimoniu mundiale di l'umanità, pè i so eccezziunali munumenti, chì testimunieghjanu a successione di culture di u Mediterraniu è di l'Europa. In u 1997 l'apparatu vulcanicu Somma-Vesuviu hè statu elettu da a stessa agenzia internaziunale (cun u vicinu Miglio d'Oro, in cui ricadenu dinù i quartieri urientali di a cità) trà e riserve mundiale di a biosfera.

Geografia fisica[mudificà | edità a fonte]

Territoriu[mudificà | edità a fonte]

Napuli sorge quasi à u centru di l'omonimu golfu "duminatu" da u Vesuviu è delimitatu à levante da a penisula surrentina incù Punta Campanella, à punente da i Campi Flegrei incù Monte di Procida, à nordu punente-levante da u versante meridiunale di a piana campana chì si estende da u lagu Patria ind'è u Nolanu.

U territoriu di Napuli hè cumpostu da molti rilevi cullinari (a cullina di i Camaldoli, u più altu, ragghjunghje i 452 m s.a/u.m.), ma dinù da isule è penisule à strapiombu nant’à u Mare Tirrenu.

U territoriu urbanu, limitatu à occidente da u vulcanu Campi Flegrei, è à oriente da u Somma-Vesuviu hà una storia geolugicamente cumplessa. U sustratu nant’à u quale poghje a cità hà origine eminentemente vulcanica, è hè u prudottu di una vicata di eruzzione di i dui cumplessi.

Secondu a classificazione sismica naziunale, Napuli hè situata ind'a zona 2 (sismicità media).

Climu[mudificà | edità a fonte]

Napuli gode di un climu mediterraniu, cun inverni dolci è piuviscosi è estate calde è secche, ma cumunque rinfrescate da a sciuscietta marina chì raramente manca nant'à u so golfu. Secondu a classificazione Köppen, Napuli, ind’a so fascia custiera, appartene à a zona Cs′a o climu temperatu caldu cun aridità estiva è u massimu di e precipitazione in autunnu[5]. U sole splende mezu mezu pè 250 ghjorni l'annu.[6] A particulare cunfurmazione morfologica di u territoriu di u capilocu, cumunque, hè tale da fà in modu chè a cità pussedi à u so internu differenti microclimi, cun a pussibilità puru di incuntrà variazione climatiche dinù significative spustendu si di pochi chilometri.

Secondu a classificazione climatica taliana, Napuli hè situata ind’a zona C.

Origine di u nome[mudificà | edità a fonte]

Statere di u 275 a.C.

L'etimolugia di u nome «Napuli» deriva da u termine grecu Neapolis (Νεάπολις) chì significa «cità nova». A radica di u nome Neapolis si riferisce à l'arrivu di novi culoni, dunca à una epoikia. In rialità, fù un veru è propriu trattu distintivu di l'epuca greca. A cità assorbia nove cumpunente è ogni volta rinascia cum’è Neapolis, a "Cità Nova" appuntu: dopu a so rifundazione, l'installazione cunfirmò u propriu nome incù l'aghjunta di a cumpunente ateniese, pithecusana è osca.[7]

Storia[mudificà | edità a fonte]

Evu anticu[mudificà | edità a fonte]

Vasu di a civilizazione di u Gaudo
Veduta di l'area duve sorse a polis greca
A sirena Partenope

I scavi archeologichi nant’à u territoriu anu dimustratu chè u locu esattu duve sorse a cità, vale à dì a cullina di Pizzofalcone è l'area circustante, hè statu frequentatu/occupatu quasi ininterruttamente da u Neoliticu mediu.

Parthènope fù fundata da i Cumani in u terzu quartu di l'VIII seculu a.C., secondu a logica di una creazione di approdi è furtezze ind’u golfu (epineion).

A cità sappe prematuratamente differenziassi da a cità madre è assume una pusizione cumpetitiva rispettu à ella. À a fine di u VI seculu a.C., ind’a sfera di u climu di stasis in vigore a Cuma pè tutta a durata di a parabula di Aristodemu, fù rifundata da oligarchi cum’è Neapolis (nova cità). A "Nova Cità" fù cuncepita cum’è una "seconda Cuma": u dimostra pè esempiu a fedele ripresa di l'organizazione in fratrie.

Sempre menu cundiziunata da a Tirannia di i Dinumenidi à Siracusa, Neapolis sappe in breve tempu sia sustituissi à a cità madre in i cummerci marittimi sia assume u cuntrollu nant’à u golfu chì da Golfu Cumanu diventò Golfu Neapulitanu.[8] Grazie à u raportu privilegiatu cun l'Atene di Pericle, a cità inaugurò u so rollu egemonicu ind’è u mondu oscu-campanu è "internaziunale" ind’è u Mediterraniu.

À a fine di u V seculu a.C., pè evità e divastazione, si alliò incù a pupulazione osca, suscitendu tuttavia l'ira di Cuma.

In u 326 a.C. fù cunquistata da i Rumani, cunservendu però caratteru è istituzione greche finu à a cunquista bizantina, tantu da pudè esse definita «… a metropuli di l’ellenismu d’occidente».[9] In istu longu periudu a cità effettuò vari rolli, da putenza marittima[10] (almenu finu à u scaticamentu à opera di Silla) à centru culturale (in u I seculu a.C. è in u I seculu d.C.) è locu è residenza di l’Imperatori è di u riccu patriziatu rumanu chì trascurria quì e pause di guvernu.

À parte da u 2 d.C. è finu à u III o IV seculu fù sede di i ghjochi isulimpichi fatti in onore di Cesare Ottavianu Augustu pè l'aiutu prestatu à a cità dopu un terramotu, chì si svoglianu trà lugliu è aostu ogni quattru anni, in cuncumitanza cun i ghjochi à Olimpia in Grecia. À tale prupositu fù edificatu u tempiu di i ghjochi Isulimpichi, ritruvatu in u 2003, durante i scavi pè a gara di a Metropulitana di piazza Nicola Amore. Ind’è u Museu Archeologicu Naziunale di Napuli si cunserva un cippu pumeriale, pruvenente da u territoriu di Capua, in cui si leghje a scritta "IVSSV IMPERATOR CAESARIS QVA ARATRVM DVCTVM EST" (Pè vulè di l'imperatore Cesare fù fissatu stu solcu pè duve passò l'aratu) chì testimuneghja a vuluntà di rifundà a cesariana Colonia Iulia Felix da a parte di Ottavianu, in cunfurmità à e decisione di u patre aduttivu, ossia Gaiu Giuliu Cesare[11]. Successivamente à Napuli l'anticu cultu paganu di Cesare Augustu fù sustituitu da San Cesariu diacunu è martire di Terracina, u santu sceltu pè u so nome à annunzià u novu caratteru cristianu di a putenza di i Cesari.

In u 79 a cità fù dannighjata da a terribile eruzzione pliniana chì spanticò Pompei è Erculanu (st'ultima era una so periferia).[12]

Cù u termine di l'età antica è l’imminenza di l’invasione barbariche, a cità si chjose ind’è so muri. E zone un tempu destinazione di l'aristucrazia rumana cadinu preda di e razzie è di l'incuria.

In u 476 l'ultimu imperatore rumanu d'occidente Romulu Augustu fù imprigiunatu ind’è u Castel dell'Ovo, allora villa rumana furtificata.

Età medievale[mudificà | edità a fonte]

U Ducatu di Napuli[mudificà | edità a fonte]

U ducatu autonomu di Napuli, furmalmente pruvincia bizantina sopravvissuta finù à u 1139

In u 536 Napuli fù cunquistata da i bizantini durante a guerra gotica è restò fermamente in manu di l'imperu dinù durante a sussequente invasione lungubarda, diventendu in seguitu ducatu autonomu. U primu duca, secondu a tradizione, seria statu Basiliu, annuminatu in u 660-61 da l'Imperatore bizantinu Custante II,[13] ancu sì hè prubabile chì ellu fussi statu precedutu da altre persone cun i stessi compiti, chì eranu cumunque espressione di e cusiddette "famiglie purente" citadine. A vita di u ducatu fù caratterizata da cuntinue guerre, principalmente difensive, contru à i putenti principati lungubardi vicini è i cursari musulmani (genericamente definiti Saraceni), pruvenenti pè u più da l’Africa di u Nordu o da a Sicilia, chì era stata cunquistata da l’Aghlabidi à parte da u 827. Celebre hè à tale prupositu a battaglia navale di Ostia i u 849.

In realtà l'aversione trà cristianisimu è islamu truvò ind’è u meziornu italicu ampii spazii di cunvergenza in nome di a politica è di i cumuni interessi cummerciali. Questi ultimi determinanu di fattu una sustanziale amicizia trà Napuli è u mondu musulmanu, tantu chì ci fù u disinvoltu impiegu da parte napuletana (ma di solitu campana, duvendu si cumprende in questu discorsu dinù Amalfi) di mercenarii, pè u più arrulati ind’è l'insediamentu di u Traetto (in arabu ribāṭ). Prulungatu creatore di questa pulitica fù u vescu di Napuli è duca Attanasiu II, à dispettu di a scumunica inflitta li da papa Ghjuvanni VIII.

U X seculu fù caratterizatu da una pulitica di neutralità, chì mirò à tene fora Napuli da i ghjochi chì si svuglianu intornu à ella. Da ciò ricavonu avantaghju sia l'ecunumia, chì a cultura, permettendu da un latu u sviluppu di l’industrie tessile è di a lavurazione di u ferru, un avantaghjosu scambiu di materiale litterariu è storicu - sia religiosu sia prufanu, sia grecu sia latinu - trà a cità è Custantinopuli, da cui pruvene pè esempiu u grecu Rumanzu di Lissandru.

U sviluppu di u muvimentu iconuclastu da a parte di Leone III l'Isauricu, è a cunseguente disputa teologica trà quest'ultimu è Papa Gregoriu II, ebbe cum’è cunsequenza u passaggiu furmale di e diocesi di l'Italia bizantina sott’à l'auturità di u patriarcatu di Custantinopuli. Ma, in realità, a dispusizione di Leone III restò inappiicata, è Napuli restò fidele à l'auturità di u Papa. Cum’è ricumpensa pè a pusizione assunta in a disputa, a cità fù elevata à u rangu di pruvincia ecclesiastica intornu à u 990, è Sergiu II ne fù u primu arcivescuvu.

In u 1030 u duca Sergiu IV dete a cuntea di Aversa à a banda di mercenarii nurmandi di Rainulfu Drengot, chì l'avianu affiancatu ind'è l'ennesima guerra contr'à u principatu di Capua, criendu cusì a prima "ufficiale" installazione nurmanda ind'è l'Italia meridiunale. Da a base di Aversa i nurmandi acquistonu una propria struttura suciale è urganizativa è ind'è l’arcu di un seculu fùbbenu in gradu di sottumette tuttu u meziornu d'Italia, dendu vita à u Regnu di Sicilia.

U periodu nurmandu-svevu[mudificà | edità a fonte]

Statua marmigna di Federicu II di Svevia, posta à l'ingressu di u palazzu Reale di Napuli

In u 1139 i nurmandi di Ruggeru II d'Altavilla cunquistetenu a cità, punendu fine à u ducatu: Napuli intrì cusì à fà parte di u territoriu di u Principatu di Capua, in u neunatu Regnu di Sicilia, incù capitale Palermu; però a cità, chì inoltre avia sinu da u VI seculu e sembianze di un centru impurtante[14], cunservò a sede di l'arcidiocesi.

Passatu u Regnu di Sicilia in manu sveva sott'à l'Hohenstaufen, Napuli fù cumpresa ind'è u ghjustizieratu di Terra di Lavoru. Federicu II di Svevia preferì sempre cum'è so residenza Palermu cusì cum'è dinù Castel di u Monte in Puglia, ma à Napuli decise di istituì l'Università da cui uttene e magistrature pè u guvernu di u so reame. Ella, u più anticu istitutu europeu di u so ghjenaru, fù cuncepita cum'è scola indipendente da u putere papale.

U periudu angiuinu[mudificà | edità a fonte]

San Ludovicu di Tolosa chì incuruneghja u fratellu Rubertu d'Angiò (dipintu di Simone Martini)

Napuli diventò parte di u regnu angiuinu in seguitu à e vittorie di Carlu I d'Angiò nant'à Manfredi di Svevia in u 1266 à Beneventu; è nant'à Curradinu di Svevia à Tagliacozzu in u 1268. Sott'à u regnu di Carlu II d'Angiò, fùbbenu istituiti furmalmente i Sedili, organi amministrativi ripartiti in diverse aree di a cità. Elli pigliavanu a propria urigine da a fratrie di l'epuca greca è da a Magna cura Regis è serianu fermati attivi fin'à u XIX seculu.

In seguitu à a rivolta schjuppata in Sicilia in u 1282 (Vespri siciliani, causati dinù da u spustamentu ufficiale di a capitale da Palermu à Napuli) è u passagiu di l'isula à u duminiu aragunese, Napuli, diventò a capitale di u Regnu di Napuli. Succede à Carlu d'Angiò u figliolu Carlu II è in seguitu u nipote, Rubertu d'Angiò, dettu "u Saviu", chì face di Napuli un centru culturale frà i più vivaci di l'Europa è di u Mediterraniu. À stu periudu ricullanu i sughjorni in cità di Francescu Petrarca, Simone Martini, Giotto (chì ci funderà una scola di pittura giuttesca frà e più impurtante d'Italia) è di Boccacciu, chì in a basilica di San Lurenzu Magiore cunnuscerà Fiammetta, ovveru Maria d'Aquinu è in seguitu rimpiinghjerà i piacevuli anni trascorsi à a corte napuletana. Succederà à u rè Rubertu, a nipote Ghjuvanna I di Napuli in u 1343 è po sarà u mumentu di i d'Angiò di Durazzu in u 1382 incù Carlu di Durazzu, Ladislau I di Napuli è Ghjuvanna II di Napuli.

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruveni in parti o in tutalità da l'articulu currispundenti di a wikipedia in talianu.
  2. Secondu e varie stime, l'area metropulitana di Napuli, analizata da un puntu di vista puramente urbanisticu, cumprende trà i 3.7 è i 5 milioni di abitanti; a cifra cambia secondu i dati à cui si face riferimentu
  3. Napuli, una capitale è u so regnu, Aurelio Musi, Milanu, Touring Editore, 2003
  4. Catalogu di a mostra Caravaggio è caravaggeschi, chì si hè tenutu à u Palazzu Reale da u 10 di ferraghju à u 20 marzu 1963.
  5. Grundriß der Kilmakunde, Wladimir Köppen, editore Walter de Gruyter, Berlinu – Lipsia, 1931, 2° edizione
  6. http://www.portanapoli.com/Ita/meteo.html, Previsione di u tempu è climu à Napuli.
  7. M. Lombardo è F. Frisone, Culonie di culonie: e fundazione sub-culuniale greche trà culunizazione è culunialismu, Atti di u Cunvegnu Internaziunale di studii, Lecce 22-24 ghjugnu 2006, Congedo, Galatina, 2010
  8. Magna Grecia: l'Italia meridiunale da l’origine legendarie à a cunquista rumana, Edipuglia, 1996
  9. Amedeu Maiuri, Sport è impianti spurtivi ind’a Campania antica, Tipografia Artistica, Roma, 1960
  10. U tempiu doricu di u foru triangulare di Pompei, L'Erma di Bretschneider, 2001, p 232, Vulume 2 di Studii di a Soprintendenza archeologica di Pompei, J.A.K.E. de Waede
  11. Laura Chioffi, Novità da Capua. XIV Congressus Internationalis. Epigraphiae Graecae et Latinae. 27. — 31. Augusti MMXII.
  12. Arnold De Vos, Mariette De Vos; Pompei, Ercolano, Stabia, Roma, Editori Laterza, 1982
  13. Francescu Luzzati Laganà, Il ducato di Napoli, in Il Mezzogiorno dai Bizantini a Federico II, pp. 328-329.
  14. Arthur Paul, Il particolarismo napoletano altomedievale: una lettura basata sui dati archeologici, Mélanges de l'école française de Rome, Roma, 1995, pagina 18}}