Nebbiu

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

U Nebbiu hè una rigione di Corsica chì si stende intornu à San Fiurenzu, situata à punente di u Capicorsu è à l'estu di a Balagna.[1] L'etimulugia fattu ricullà u nome di 'ssa rigione à a prisenza friquente di nebbia.

Sient'è Infcor[2] u Nebbiu si definisce cusì : Antica cità chì hà lasciatu u nome à a regione chì accinghje u golfu di San Fiurenzu, cumposta di l’Agriate, e pieve di Santu Petru di Tenda, Muratu, Oletta è San Fiurenzu..

U lavu di Padula

Geugrafia[mudificà | edità a fonte]

Rilievu[mudificà | edità a fonte]

U Nebbiu hè delimitatu à u nordu da u golfu di San Fiurenzu, è per u restu da una cresta muntagnosa stesa dapoi Guadalone annantu à linea di cresta capicursina sin à a Serra di Tenda. Cumprende :

  • a Cima di Guadalone (1073 m) à u nordu ;
  • a Serra di Pignu (960 m) è u monte A Torra (852 m) à l'estu, a fruntiera incù l'agglumerazione bastiaccia o Bagnaghja ;
  • a Cima di Tafoni (1117 m) è a Cima di Tanaria (1224 m) à u sudu, daretu à e quale scorre u Golu ;
  • u monte Astu (1535 m) à punente, in u massicciu di Tenda, aldilà di u quale si apre a valle di l'Ostriconi.

A parte cintrale di u Nebbiu hè occupata da a pianura di a Conca d'Oru. À u nordupunente, u desertu di l'Agriate, si prisenta cum'è una vigata di valle oghje sterile, trà basse linie di cresta. L'Agriate sò duminate da u monte Genuva (418 m).

Geolugia[mudificà | edità a fonte]

In u cuntestu di a furmazione di a Corsica, a rigione hè esciuta di ghjacimenti marini furmati à u Mesuzoicu, à u mumentu di l'apertura di a mare Téthys, chì à u cretaceu superiore si sò truvati carriati in altitudine incù ofiolite ingenerate per cumprissione di a placca africana contru à a placca europea.

À l'estu di San Fiurenzu, scorre a Strutta, fiumicellu chì si lampa in mare in Olzu. 'Ssu fiumicellu attraversa una zona geologica sedimintaria di u sicundariu, di prima trinca incù e so culline calcarie à vette attundate è à traversu e quale hà scavatu u so lettu, criendu scugliere bianche.

Versu u mare si trova imprighjunatu a puddinga di San Fiurenzu. Currisponde à una spiaghja fussile di cotule rose datendu di a fine di u Terziariu o di u principiu di u Quaternariu. 'Ssi terreni sò circundati da rocce anziane granitiche in l'Agriate è u massicciu di Tenda à tempu cù altri affiuramenti versu u Pignu. A più grossa struttura chì ferma currisponde à matticci metamorfichi o matticci lustrati chì sò difatti à l'origine, rocce sedimintarie chì sò state sottumesse à forte prissione à u mumentu di l'elevazione erciniane eppo alpine. Ci vole ancu à mintuvà a prisenza di rocce verde basiche (gabbru è serpentinita), è di striscione di calcarii cristallini (aspettu di marmeru). L'inseme hè ricupertu in certi lochi di terreni quaternarii chì currispondenu à l'alluvioni di e terrazze fiumarecce di e vadine di u Nebbiu.

Idrugrafia[mudificà | edità a fonte]

L'Alisu in San Fiurenzu

Dui fiumi bagnanu u Nebbiu :

  • l'Alisu, chì si scola in a pianura di a Conca d'Oru sin'à San Fiurenzu prima di lampà si in u so golfu.

Annantu à a Furmicaiola, fiumicellu chì si lampa in u Salinelle, u so affluente, hè statu custruitu unu rampale furmendu u lavu di Padula.

In u Desertu di l'Agriate scolanu parechji picculi fiumi custieri, cum'è u Liscu è u fiume Santu.

Accessu stradale[mudificà | edità a fonte]

L'accessu à a rigione di u Nebbiu si face per via di diverse strade :

I stradoni D62, D82 è D5 facenu cunghjunzione à a foce di Santu Stefanu, à u giratoghju ricente.

Storia[mudificà | edità a fonte]

Preistoria[mudificà | edità a fonte]

A rigione hè stata occupata da l'omu assai anticamente. Era abitata à u Neuliticu cum'è ne tistimunieghjanu e vistighe di a so occupazione chì sò stati scuperti à u Monte Revincu in l'Agriate, o ancu à u II millenniu a.c. cum'è l'attestanu e pitture rupestre di a caverna Grotta Scritta in Olmeta di Capicorsu, è prubabilmente più innanzu (à u seculu III a.c. in Cucuruzzu, à u seculu V a.c. per Filitosa).

Antichità[mudificà | edità a fonte]

A carta di Corsica di Tolomeu

I prime cuntatti antichi incù i civiltà steriore si fecenu, in u Nebbiu, per unu debulu cummerciu incù i navigatori mediterranii chì eranu i Fenici (impurtadori di u pinu marittimu in a rigione), i Grechi, l'Etruschi è i Cartaginesi. L'autoctoni cunsirvonu una vita riditata di l'età di u ferru.

Quandu elli invadiscinu a Corsica in 260 a.c] i Rumani ebbenu i cunflitti incù a pupulazione di u Nebbiu, ch'è elli numinavanu i Nebolenses. Frà i numerose battaglie, a ligenda hà ritenutu quessa detta "di u campu di e murte", vicinu à a Mortella, in l'Agriate : e truppe di u centurione Caius Papirius inflissenu una perdita greva à i "Korsi". A scuperta di tombe è di arme rumane pare cunfirmà a tradizione.

A cattidrale di u Nebbiu - Abside

Più di unu seculu dopu à, a pax romana s'era imposta in Corsica è u Nebbiu sembra avè fattu parte di a culonia di Mariana (à u sudu di Bastia). I cità o paesi antichi di a rigione parenu esse stati quessi :

  • Lourinon (o Turrinon), nome citatu da Tolomeu : a cità, verusimilamente situata vicinu di l'attuale chjesa San Michele di Muratu, duvia custituisce a capitale di l'autoctonu/autoctona à u seculu II a.c ;
  • Cersunum : vicinu di u lucalisazione di l'attuale cattidrale di San Fiurenzu, è chì prese u nome di Nebbiu ;
  • Civitas Canelata : situ di l'attuale paese di Canari ;
  • Nuntia : situ anticu di l'attuale Nonza ;
  • Nebbiu chì fubbe l'ogettu di scavi archeulogichi fortuite à u seculu XVI. I resti visibili di 'ssa cità sò stati signalati da Agustinu Giustiniani. Dopu u cronistu Ceccaldi discrisse a scuperta, in u 1553, di una necropola custituita di vasi empiuti d'ossacami, sottu à u situ di custruzzione di a citatella.
Santa Ghjulia: illustrazione in u libru di prete Galletti di u 1863

A campagna di a pianura fubbe l'ogettu di un'impurtante sfruttamentu agriculu. Annantu à 'ssi campi fubbenu inoltre custruite grande villae chì si ne trova oghje e ruvine : caldane di Curone in Olmeta di Tuda, tombe di Vallecalle, è cetera.

À u mumentu di a cristianisazione di l'isula, u Nebbiu si custituì in diocese, è a custruzzione di cappelle predispunia à a futura organisazione amministrativa in pieve. I Vandali, quandu elli invadiscinu a Corsica, impurtonu l'arianismu è fubbenu senza dubbitu l'autori di u martiru di i dui santi lucali. San Fiurenzu seria unu di i 46 veschi di l'Africa esiliati da u sinodu di Cartagine versu a Corsica. À a so morte in u Nebbiu, darà u so nome à a futura cità custruita in a Conca d'Oru. Santa Ghjulia era una ghjovana Cartaginese chì ricusò di rinuncià à a so fede cristiana, à u mumentu di unu sbarcu à Nonza, mentre una festa pagana. Morse crucifissata dopu à numerose turture frà e quale a sezzione di i seni.

Medievu[mudificà | edità a fonte]

A cattidrale di u Nebbiu

Versu u 844, Boniface II di Tuscana, marchese di Tuscana è tutor Corsicæ, abbandona l'isula à i Sarracini chì abbuttavanu e so coste dapoi u 714, è avianu brusgiatu Nonza in u 734, distruttu a cità di Nebbiu in u 824.

À u principiu di u seculu XI 'ssa parte di a Corsica hè liberata di a preputenza sarracina da a cualizione pisana-genuvese. U Nebbiu vivia sottu à unu rigimu feudale populare assucendu u populu à l'affari, criatu da Ugu Colonna.

In u 1077, Grigoriu VII affida l'amministrazione di a Corsica à u vescu di Pisa. L'isula cuntava tandu 6 diocesi : Aleria, Savone, Aiacciu, Mariana, Accia è Nebbiu. In u 1092, u papa Urbanu II numineghja cum'è arcivescu Daibertus, vescu di Pisa, chì diventa in carica di e 6 diocese corsi.

À u seculu XII, sullicitatu da i genuvesi, in u 1123 u papa Nucente II elevu à a dignità arciviscuvale in u chjesa di Genuva, 3 veschi in Corsica, Mariana, Accia è Nebbiu. Hè trà 1125 è 1140 ch'ella fubbe custruita a chjesa Santa Maria Assunta più cunnisciuta sottu à u vucabulu di cattidrale di u Nebbiu chì si trova à a limita di San Fiurenzu.

U Nebbiu currispondia à l'anziana diocese di San Fiurenzu. Quessa copria Santa Giulia, Tenda è Tuda, pievi diventate in u 1789 rispittivamente cantone di Nonza, cantone di Santu Petru di Tenda è cantone d'Oletta.

E cumune di u Nebbiu eranu e siguente : Barbaghju, Canari, E Ferringule, Muratu, Nonza, Ogliastru, Olcani, Oletta, Olmeta di Capicorsu, Olmeta di Tuda, Patrimoniu, Pieve, Poghju d'Oletta, Rapale, Rutali, San Fiurenzu, San Gavinu di Tenda, Santu Petru di Tenda (chì cumprende u paese di Casta), Soriu, è Vallecalle.

Tempi muderni[mudificà | edità a fonte]

A pruvincia di u Nebbiu[mudificà | edità a fonte]

U Nebbiu era una pruvincia genuvese cumposta di cinqui pievi : Olmetta, Oletta, E Ferringule, Santu Petru, è San Quilicu, di u presidiu di San Fiurenzu induve risede u " tinente " è di a pieve Patrimoniu. In u duminiu ghjudiziariu, San Fiurenzu è Patrimoniu rilevanu di a ghjuridizione di Bastia. A pruvincia di u Nebbiu regia oltre e 5 pieve dighjà citate, i feudi di Nonza, Canari è Brandu[3].

A diocesi di Nebbiu[mudificà | edità a fonte]

U viscuvatu di Nebbiu cupria 5 pievi : Canari, Nonza, Patrimoniu, San Quilicu, è Santu Petru.

Cattidrale di u Nebbiu[mudificà | edità a fonte]

thumb|A navata A chjesa Santa Maria Assunta (chjesa Santa Maria cum'ella hè chajmata à spessu), hè l'anziana cattidrale di u Nebbiu. Hè stata eretta à u seculu XIII. A chjesa servia di cattidrale à u viscuvatu di Nebbiu nanzu u 1789.

Per via di l'insicurezza di e coste è di a malaria chì ci era in i paduli situati à u pede di a pughjola annantu à a quale hè custruitu u munimentu, quellu fubbe abbandunatu da i veschi. À u principiu di u seculu XVI Monsignore Giustiniani, vescu di u Nebbiu, fece riparà è accuncià a cattidrale. Malgradu 'ssi travagli, in u 1576, u munimentu hè dinù abbandunatu. U so campanile hè distruttu à u seculu XIX à a seguita di una ristaurazione radicale di l'edifiziu.

Inu 1611 Monsignore Ruscone face custruisce unu nuvellu palazzu viscuvale vicinu à a cattidrale, palazzu distruttu, eppoi ricustruitu in u 1714 da Monsignore Aprosio. In u 1722 si sà ch'è i travagli di intempiamentu fubbenu effittuati. In u 1748 a cattidrale è u palazzu sò occupati da e truppe genuvese. l'ultimu vescu fubbe Monsignore Santini da 1776 à 1801. À quell'epica u viscuvatu hè incurpuratu à quellu d'Aiacciu.

A cattidrale hè classificata cum'è Munimentu storicu.

Epica cuntimpuranea[mudificà | edità a fonte]

In u 1954 a cumpusizione di i cantoni era :

Da 1971 à 1973, incù a funditura imposta di l'anziani cantoni, sò criati dui nuvelli cantoni :

  • a Conca d'Oru, custituita da l'anziani cantoni d'Oletta è di San Fiurenzu.
  • l'Altu Nebbiu, custituitu da l'anziani cantoni di Lama, di Muratu è di Santu Petru di Tenda.

À i ghjorni d'oghje u territoriu geugraficu di u Nebbiu si cumpone di u Cantone di a Conca d'Oru, di u Cantone di l'Altu Nebbiu eccittuatu e cumune di Lama, Petralba è Urtaca, è di a maiò parte di l'Agriate eccettuatu a parte occidentale chì face parte di Palasca.

E cumune di u Nebbiu sò :

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruvene in parte da l'articulu currispundente di a wikipedia in francese.
  2. Infcor Banca di dati di a lingua corsa, ricacciatu u 23 frivaghju di u 2016.
  3. Francescu Maria Accinelli in a storia di a Corsica vista da unu Genuvese di u seculu XVIII - Trascrizzione d'unu manuscrittu di Genuva - ADECEC Cervioni è l'Assuciazione Franciscorsa Bastia 1974

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]

Ligami esterni[mudificà | edità a fonte]