Santa Ghjulia

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
A crucifissione di Santa Ghjulia, di Hieronymus Bosch

Santa Ghjulia hè stata un martiriu cristianu, vinirata com'è santa da a Chjesa cattolica chì l'hà dichjarata patrona di a Corsica è di Livornu. Hè ricurdata è affistata u 22 maghju.

Storia[mudificà | edità a fonte]

Ci hè una minzione di Ghjulia in una Passio di u VII seculu scritta parechji seculi dopu à a so morte è intricciata di miti è ligende. Ghjulia appartinia à una nobile è aristucratica famiglia rumana, a gens Iulia.

Virsione di a tradizione orale corsa[mudificà | edità a fonte]

A cappella edificata in Nonza ind'ella ci hè a funtana mintuvata in a virsione di tradizione orale corsa

Sicondu a tradizione orale corsa, Ghjulia nascì in Nonza, un picculu paese situatu annantu à a punta punente di u Capicorsu, in u seculu III. In quelli anni, particularmente feroci eranu state e persicuzione contr'à i cristiani, è l'oramai decadente Imperu Rumanu, in u tentativu di fà rinasce da e cennere e vechje divinità pagane, in u 303 organizò grandiose feste à e quale fù invitata à participà tutta a pupulazione. In particulare, molte donne funu inviate per onurà u Pantheon Latinu, è frà elle ci era ancu Ghjulia. Quandu li fù ordinatu di inchjinà si di fronte à a statua di Ghjove, quella si ricusò è andò à inghjinuchjà si per prigà davante à e porte chjuse d'una chjesa. Quessa fece infurià a ghjente prisente, chì li imposenu di rinnigà a so fede cristiana. À u so nettu rifiutu, a cundannonu à u suppliziu di a croce. Ma, videndu a calma è a sirenità di a Santa, li strapponu i seni è i ghjittonu davante à un cantone. È dopu a crucifissonu. À i pedi di a petra listessu ghjornu cuminciò à scaturisce una surghjente calda, induv'ella fù custruita una cappella chì sempre oghje si pò ammirà in Nonza, di a quale Santa Ghjulia hè patrona.

Siconda virsione[mudificà | edità a fonte]

Affrescu di Santa Ghjulia à Brescia

Sicondu a Passio Ghjulia era una ricca è nobile donna di a cità di Cartagine, chì cascò in ruvina è chì, schiava, fù acquistata da un mercante sirianu chjamatu Eusebio, chì a fece girà u mondu incun ellu. In un di sti viaghji, a nave d'Eusebio naufragò annantu à e coste di a Corsica, induv'ellu regnava un dispotu chì si facia chjamà 'guvernadore', di nome Felice. I naufragati, addisperati, fecinu sacrifizii à i dei, mentre Ghjulia ricusò chì era di riligione cristiana. U guvernadore Felice avia puntatu l'ochji annantu à quella dolce è bella schiava, è cherse à u mercante Eusebio di pudè la acquistà. À a risposta negativa di u mercante, Felice s'adirò, è una sera, prufitendu d'una briachina di u mercante sirianu, si fece purtà davante à Ghjulia, prumittendu li a libertà da a cundizione di schiava s'ella avissi fattu un sacrifiziu à i dei. Tandu a donna averia rispostu "eiu sò dighjà libera sirvendu Ghjesù Cristu u me Signore, mentre ùn puderia mai esse lu s'è servissi i vostri iduli pagani." U guvernadore, siccatu, tentò parechje volte di cunvince la, ma à la fine, ricivendu l'ennesima risposta negativa, ordinò ch'è, u ghjornu siguente, à a schiava fussenu strappati i capelli, ch'ella fussi flagellata, è à l'ultimu ch'ella fussi crucifissata com'è u Diu ch'ella amava. Quella notte, parechji monachi abitanti di l'isula di Gurgona fubbenu infurmati in sognu di ciò chì avia da accade à Ghjulia a matina dopu è si culluconu à u risvegliu incù e so barche per righjunghje u locu di u martiriu. Ghjunti à poche cintunare di metri da a costa di a Corsica, vissenu a croce chì era inchjudata à e mane è à i pedi di a povara donna è vissenu ch'è, fissata à a croce, ci stava una carta incù a storia di u martiriu è u so nome, Ghjulia. Annantu à 'ssa carta, sicondu i monachi chì ricuperonu u corpu di l'infelice, era scrittu "da mane angeliche".

U cadaveru fù traspurtatu dopu annantu à Gurgona è quà, Ghjulia, unta d'olii aromatichi, fù ripulita è diposta in un sarcofagu.

Prete Galletti[mudificà | edità a fonte]

Santa Ghjulia: illustrazione in u libru di prete Galletti di u 1863

Ghjuvan' Anghjulu Galletti, dettu "prete Galletti" ci conta in a so Storia Illustrata di a Corsica, a storia di santa Ghjulia:[1] Mintuveghja e duie virsione, quella di a tradizione orale corsa, è quella di i monachi di Gurgona.

E reliquie[mudificà | edità a fonte]

Si ritene ch'è e reliquie di Santa Ghjulia funu prima custudite à Nonza è dopu prilevate, in epica alta-medievale, da i monachi benedittini di Gurgona. In u 762, a moglia di Desideriu, l'ultimu rè di i Longubardi, volse ch'è e reliquie di a santa fussenu purtate da Gurgona in a cità di Brixia, chì hè oghje Brescia, è in u 763 d.C. papa Paulu I, sicondu parechji, averia dedicatu à a martire una chjesa. Attualmente, e reliquie di a santa ricunnisciute da a Chjesa si trovanu in trè lochi : in Nonza, chì pussede duie vertebre è una parte di u craniu, in Livornu, induve sò cunsirvati un ditu è pochi frammenti ossei è à Brescia, chì hè in pussessu di a grande parte di i resti custuditi in a chjesa paruchjale di u paese Prealpino (dedicata à a santa), quartiere à a periferia nordu di a cità.

Cultu[mudificà | edità a fonte]

U libru liturgicu Martirologiu Rumanu minziuneghja à u 22 maghju: "In l'isula di Corsica, cummemurazione di santa Ghjulia, vergine è martire".

Inoltre, in un dicretu di a Cungregazione di i riti di u 5 aostu di u 1809, Santa Ghjulia hè stata dichjarata patrona principale di a Corsica.[2] Difatti, Santa Ghjulia è Santa Divota sò, à i ghjorni d'oghje, e duie patrone principale di Corsica.

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. P. 321-322
  2. Casta (2006).

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]

  • Francescu Ghjiseppu Casta, Santa Ghjulia, in Serpentini, Antone Lurenzu (dir.), Dizziunariu storicu di a Corsica, Albiana, 2006
  • Galletti, Storia illustrata di a Corsica, Parigi, 1863
  • Vincent J.O'malley, Saints of Africa, Our Sunday Visitor, 2001, ISBN 0-87973-373-X
  • S. Remigio di Reims, Racontu ligindariu di u martiriu di Santa Ghjulia Vergine Martire

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]

Fonte[mudificà | edità a fonte]

'Ss'articulu pruvene in parte da l'articulu currispundente di a wikipedia in talianu.