Conti di Corsica

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

I conti di Corsica fubbenu parechji suvrani ereditarii di a Corsica, da u seculu IX à u seculu XI.[1]

L'origine di a feudalità[mudificà | edità a fonte]

À u Medievu, i conti Bonifaziu in u 825 è Adalbertu u so figliolu in u 845, sò stati l'unu appressu à l'altru incaricati da l'imperatore Lothaire Prima di a difesa di a Corsica contru à i Mori. I so discendenti, marchesi in Italia, cunsirvonu 'ssa funzione. Eranu difendidori di a Corsica cum'è l'imperatore era difendidore di Roma[2]. Ci hè statu dinù u conte Ghjuliu Ortoli, di Ancone, chì hè venutu in Corsica in u 773, mandatu da Carulu Magnu per luttà contru à l'invasione di i Mori. 'Ssa famiglia hè stata ricunnusciuta nobile da un arristatu di u Cunsigliu Superiore di a Corsica di u 21 di maghju di u 1772, stabiliscendu a figliazione dapoi Ghjucante, Ottaviu è Ghjuvanninellu Ortoli, vivi à u seculu XVI[3].

In u 951, u capu di i marchesi tuscani hè Oberto-Opizzo, vicariu imperiale per tutta l'Italia, ma suvranu direttu di e cuntee di Luni, di Genuva, di Milanu è di l'Isule. A cuntea di l'Isule era sottu à a ghjurisdizione diretta di i marchesi. I storichi anu riunitu i so discendenti sottu à u nome cunvenziunale d' "Obertenghi". Esistia dinù un ramu di i marchesi d'Italia più anticamente arradicatu in l'isula ch'è l'Obertenghi, chì si divide in Bianchi (i Bianculacci) è in Cinarca (i Cinarchesi).

À u seculu XI, u marchese Albertu Ruffo averia cacciatu fora i Sarracini da Roma è cuntribuitu à a difesa di a Corsica. I so discendenti, marchesi di Massa o di Parodi, annantu à u cuntinente, aghjustonu sempre à i so tituli quellu di marchese di Corsica.

Tutti i discendenti d'Albertu Ruffo purtavanu u titulu di marchese di Corsica, malgradu chì solu parechji frà elli risidianu annantu à u feudu. Un viciconte, un "gastald" o un vicariu amministrava i so bè.

« I conti fubbenu, siont'è a tradizione, i suvrani ereditarii di a Corsica da u seculu IX à u seculu XI, è anu per autore unu conte Biancu chì a so ligenda n'hà fattu un figliolu di l'iputeticu Ugu Colonna.[4] »

À u seculu XIII, i Bianculacci ùn sò più ch'è i vassalli di i Cinarchesi chì, diventati i maestri di u " Dilà di i Monti "[5], ùn cisseranu di pretende à l'auturità suprema.

« In menu di dui centu cinquanta anni, dicessetti frà elli, chì i più celebri sò Giudice (Sinucellu) di Cinarca, Arrigu di la Rocca, Vincentellu d'Istria è Ghjuvan Paulu di Leca, dumineranu a Corsica guasi sana, a maiò parte incù u titulu di conte ch'elli teneranu micca d'unu drittu anticu, bensì di u suffraghju populare.[6] »

À u seculu XIV per rinfurzà u so putere, i signori Cinarchesi averanu bisognu per esse designati Conte di Corsica d'invintà si un antenatu cumunu incù i Conti di u Palazzu[7] chì eranu elli i sputichi discendenti di Bonifaciu. E cundizione essenziale eranu : pussede u Castellu di Cinarca, appartene à a Famiglia Della Rocca è esse designatu à Biguglia o à Merusaglia da l'assemblea di i ripprisintanti di e pieve di Corsica. Cusì hè natu u mitu d'Ugu Colonna u liberatore di i Corsi affucati da i crudeli mori[8].

Conti è Viciconti di Corsica[mudificà | edità a fonte]

L'origine di a Dinastia[mudificà | edità a fonte]

Sient'è Ghjuvanni di la Grossa[mudificà | edità a fonte]

Sient'è altri storichi[mudificà | edità a fonte]

I Successori[mudificà | edità a fonte]

A fine di l'ultimi feudatarii[mudificà | edità a fonte]

Occorse in u 1511 :

« A ruvina di Ghjuvan Paulu è di Rinucciu[9] fubbe ancu quella di u putere feudale in Corsica. Genuva ùn permessi micca à e case di la Rocca è di Leca di rilivà si, i signori d'Istria, d'Ornanu è di Bozzi fecenu a so sottumissione è rinuncionu ormai à ogni rollu puliticu.[10] »

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruvene in parte da l'articulu currispundente di a wikipedia in francese.
  2. Colonna Di Cesari-Rocca è Luigi Villat in Storia di Corsica Anziana libraria Furne Boivin & Cie, Editori 5, carrughju Palatine Parigi VIimu 1916]
  3. A Pieve d'Atallà di Arrigu Ortoli, Presidente d'Onore di l'Accademia Corsa di Nizza - aprile di u 1979
  4. Colonna (1916).
  5. U "Dilà di i Monti" currisponde à pocu pressu à l'attuale dipartimentu di u Pumonte
  6. Colonna (1916).
  7. Palazzu di Poghju di Venacu.
  8. Diunisu Luciani in A Corsica tempa 'lli sarracini, opera in lingua corsa lugliu di u 1998, riassuntu da Ghjuvanni Petru Poli, frivaghju di u 1999
  9. Rinucciu di la Rocca (1458 -1511), signore di Cinarca è d'Istria
  10. Colonna (1916).

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]

  • Colonna Di Cesari-Rocca è Luigi Villat in Storia di Corsica, Anziana libraria Furne Boivin & Cie Editori, 5 carrughju Palatine Parigi, 1916

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]