Vai al contenuto

Catedrale Santa Maria Assunta di Bastia

À prupositu di Wikipedia

A catedrale Santa Maria Assunta hè una catedrale cattolica rumana situata in Bastia in u dipartimentu di a Corsica Suprana. Hè una catedrale, vale à dì ch'ella era a chjesa di u vescu. Era u sediu di a diocesi di Mariana trà u 1570 è u 1802, data di a so suppressione è di u so attaccamentu à a diocesi d'Aiacciu.

In Bastia hè chjamata Santa Maria o Santa Marì.

Hè cunsiderata cum'è a più maestosa di Corsica[1]. Hè quì chì u guvernatore ghjenuvese passava u pudere. L'anzianu guvernatore presentava à u novu e chjave di a cità è u scettru di u reame di Corsica purtati nant'à un piattu d'argentu.

In u coru c'eranu dui sedioni : quellu di u vescu, à manu manca, è quellu di u guvernatore, à manu diritta.

Dopu à una iscrizzione in u 1929, a catedrale Santa Maria hè stata classificata à i munumenti storichi in u 2000.

Orìgine[mudificà | edità a fonte]

À l'epica ghjenuvese, a cità di Bastia hè spartuta in duie parochje : a cità alta, Terra Nova, dipende di a chjesa di Santa Maria. A cità bassa, Terra Vechja, dipenda di a chjesa di San Ghjuvanni[1].

A prima chjesa : Santa Maria di a Cunsulazione, o Santa Maria l'Arrimbata[mudificà | edità a fonte]

A custruzzione di a catedrale Santa Maria hè ligata à a storia di a cità di Bastia. In u 1380, u guvernatore Leonello Lomellini face custruisce un castellu nant'à u poghju trà i dui porti (Ficaghjola è Portu Cardu). Stu castellu hè chjamatu in talianu La Bastìa. Sta furtificazione permette di rende u locu più siguru è permette u so sviluppu. E prime case nascenu in u 1476, e prime muraglie di a citatella in u 1481.

In u 1488 si decide di custruisce una chjesa. I travagli principianu in u 1489. A chjesa porta tandu u nome di Santa Maria della Consolazione o Santa Maria del Soccorso. Hè custruita nant'à un pentone, i bastiacci a chjamanu tandu Santa Maria l'Arrimbata.

In u 1496 a chjesa ùn hè ancu compia. Ma u vescu di Mariana, Monsignore de Fornari ne vole fà a so residenza, vale à dì a so catedrale. Da tandu, i veschi anu preferitu stà in citatella di Bastia piuttostu ch'è in u paese di u Viscuvatu.

In u 1510 i travagli sò compii.

Ma e guerre facenu danni durante u seculu XV. Bastia tandu hè brusgiata. In u 1563 a chjesa hè arruvinata.

In u 1563 u vescuvatu d'Accia hè rattacatu à quellu di Mariana. A diocesi porta u nome di "vescuvatu di Mariana è d'Accia".

In u 1570 u papa chjama à munsignore Centurione vescu di Mariana è d'Accia. Ghjunghje in Corsica in u 1571. Tandu u sediu di u viscuvatu hè trasferitu in Bastia[1].

A custruzzione di a catedrale[mudificà | edità a fonte]

A prima petra

A custruzzione principia in u 1604 è dura quindeci anni. Principia tandu a distruzzione di a chjesa antica di Santa Maria l'Arrimbata. I travagli duranu quindeci anni. Si pò vede nant'à u latu (carrughju di u Palazzu Viscuvile) una lastra chì ammenta a prima petra messa in u 1604 da Munsignore Geronimo del Pozzo.

Ma in u 1611 a volta si ne fala. A catedrale minaccia di falassine cumplettamente. Hè grazia à una impurtante dunazione chì a chjesa hè salva. Hè un riccu capitanu chì hà fattu furtuna trà l'America è a Spagna, Giovanni Pasquale Corso, mortu in Seviglia in u 1612 chì finanza a ricustruzzione.

In u 1619 i travagli sò compii. Una grande scrizzione hè messa nant'à a porta d'entrata. Serà più tardi messa in l'entrata, da nentru à diritta.

A lastra di a fine di i travagli di a catedrale, posta in u 1619

U 17 di lugliu 1725 a catedrale hè cunsacrata da Munsignore Giulio del Pozzo, u nipote di Geronimo.

Dopu à sti travaglioni e cappelle laterale sò pocu à pocu decurate.

U campanile hè altu di 38 metri. Hè statu fattu in u 1620.

Architettura[mudificà | edità a fonte]

L'edifiziu attuale hè custruitu à u principiu di u XVIIu seculu (trà u 1604 è u 1625). A catedrale hè longa di 44 metri è 70, larga di 23 metri è 35, hè alta 17 metri è 10, misurati à l’indrentu. E trè nave di a chjesa sò decurate d’oru è di màrmeru in stile baroccu.

A facciata[mudificà | edità a fonte]

A facciata principale di a catedrale

A facciata hè stata rifatta parechje volte. A prima, fatta in l'anni 1604 à 1629 ùn avia nundaà chì vede cun l'attuale. Era di stile baroccu. A sapemu per via d'un dissegnu cunservatu in l'archiviu di Ghjenuva.

À u XVIIIu e vulute sò supresse è si facenu nichje pè e statue.

In u 1937 ci hè una risturazione. Avà hè di stile neoclassicu.

U pianu[mudificà | edità a fonte]

U pianu di a catedrale ripiglia u pianu di l'antica catedrale, quella di a Canonica di Lucciana. Ci sò trè nave à cantu à l'altre cù un'asside meza circundaria.

Face 44,70 m di longu, 23,35 m di largu è hè alta di 17,10 m.

A nave centrale hè larga di 8,31 m cù un una volta à botte.

Ci sò quattru travate, strutturate di pilastri in forma di croce. E nave laterale sò più strette.

Santa Maria hè stata custruita per esse una catedrale : u coru hè prufondu è grande, fattu per ch'elle sianu stallate e stalle è u sedione di u vescu. Era a chjesa principale di a Corsica, quandu Bastia era a capitale.

A ricca decurazione barocca di a cattedrale di Santa Maria

Decurazione interiore[mudificà | edità a fonte]

A catedrale Santa Maria presenta un decoru internu riccu di stile baroccu. Era a chjesa maiò di a Corsica à l'epica ghjenuvese, quandu Bastia era a capitale di a Corsica.

U pavimentu[mudificà | edità a fonte]

U pavimentu d'orìgine era in petra di Brandu. Hè statu cambiatu à u seculu XIX. E vechje petre sò state compre è messe in a chjesa di San Ghjisè in Bastia. Dopu à un'epidemia di cholera in u 1866, i paruchjani anu organizatu seanze di preghere è fattu u votu d'imbellisce a catedrale. Tandu una sottuscrizzione publica hè lanciata. Hè l'architettu bastiacciu Paul-Augustin Viale chì ne hè incaricatu.

Ci sò trè marmeri chì sò utilizati : marmeru biancu di Carrara, grisgiu turchinu di Corti, rossu di Levanto. Nant'à u bassu di i pilastri si mette marmeru di u Bivincu.

Una lastra hè messa in l'entrata pè rammintà stu fattu.

I stucchi[mudificà | edità a fonte]

I rilievi di i stucchi d'oru di i capitelli è di e curnice sò stati fatti in u 1621 da u maestru Francesco Marengo, di La Spezia. Hè ellu chì hà fattu dinù i decori di a chjesa San Roccu di Bastia.

A pittura di a volta[mudificà | edità a fonte]

U decoru di a volta hè recente, rifattu à u XIXu. E pitture chì si vedenu coprenu un decoru più anticu. Carlo Tuticci hè fattu l'ornamenti è Geronimo Sari u grande medaglione centrale. Hè statu compiu in u 1835.

I cappelli di veschi[mudificà | edità a fonte]

Vicinu di u coru, appiccicati si ponu vede sette cappelli. Rapresentanu i sette veschi insepelliti in a catedrale.

A statua di a Madonna d'argentu[mudificà | edità a fonte]

Prucessione di u 15 d'agostu, per Santa Maria

Si pò vede una statua di a Vergine chì pesa 200 chilò. Hè l'opera di un uttinariu sienese, Gaetano Macchi, chì l'ha fatta à u XIXu seculu grazie à i doni di Bastiacci. Ogni 15 d'agostu hè purtata in prucessiò.

A statua in argentu di a Madonna

L'òrgani[mudificà | edità a fonte]

L'òrgani di u XIXu seculu sò l'opera di i fratelli Serassi di Bergamu. Anu rimpiazzatu l'òrgani più vechji, vinduti à a chjesa di u paese di Pedicroce in Orezza.

E cappelle laterale[mudificà | edità a fonte]

  1. Fonti battezimale
  2. Altare di a Madonna di u Càrmine
  3. Statua di A Madonna
  4. Altare di u purgatoriu
  5. Altare di u Rusariu
  6. Coru
  7. Altare di u Sacramentu
  8. Altare di Sant'Agustinu
  9. Altare di Sant'Anna
  10. Altare di a cungregazione di i giardinari è vignaghjoli

E pitture[mudificà | edità a fonte]

L'ascensione, di Leonoro d'Acquila[mudificà | edità a fonte]

Trà i tante pitture, si pò ammintà una Assunzione di a Madonna di Leonoro d'Aquila (o Leonoro dell'Aquila) di u 1512. Hè u guatru u più anticu di a cità di Bastia.

U Rusariu[mudificà | edità a fonte]

In a cappella di u rusariu di u cullaterale dirittu ci hè una grande pittura fatta da un pittore corsu, ma ùn si cunnosce u so nome. Hè di i primi anni di u seculu XVII. Ci si pò vede e grande persunalità bastiacce di tandu à i pedi di a madonna. Ci hè u guvernatore, a so sposa, è parechji nutabili di Bastia. U vescu capirossu hè siguramente Munsignore Geronimo del Pozzo.

U purgatoriu di Badaracco[mudificà | edità a fonte]

U tavulone hè di u pittore ghjenuvese Giuseppe Badaracco (1588-1657). Rapresenta a Madonna cun San Ghjiseppu. In a parte bassa, ci sò l'anime dannate di u purgatoriu chì brusgianu. San Mighele tene una bilancia per ghjudicà l'anime.

A cappella di i giardinari è vinaghjoli[mudificà | edità a fonte]

Ci hè un guatru di u basticciu Anton Benedetto Rostino, fattu in u 1806. San Martinu à cavallu dà un pezzu di a so cappa à un poveru. Sant'Isidoru, patrone di i lavuradori hè rapresentatu cù una pala. In cima, a Madonna è Santa Zita di Lucca a prutetrice di i giardinari.

Sant'Anna[mudificà | edità a fonte]

Stu guatru vene forse da u cunventu Sant'Anghjuli di Bastia. A pittura hè di u bastiacciu Luigi Varese (1797-1852). Rapresenta l'intercessione di San Carlu Borromeu ind'è a Madonna pè i poveri è l'infirmi. Ci hè dinù Sant'Anna è San Ghjuacchinu.

L'altare di Sant'Agustinu[mudificà | edità a fonte]

U guatru hè di u pittore Ottavio Cambiaso. Hè u figliolu di u grande pittore ghjenuvese Luca Cambiaso.

Rapresenta à San Francescu di Sales, Sant'Antone abbate, Sant'Agustinu è Santa Maria Maddalena di Pazzi à i pedi di Cristu. Hè di u principiu di u seculu XVII.

Fonti batezimale[mudificà | edità a fonte]

Si trovanu in u primu altare, à manu diritta in l'entrata. A scultura hè di u seculu XVIIIe. San Ghjuvanni batteza à Cristu.

U benedittinu[mudificà | edità a fonte]

Unu di i dui benedittini di l'entrata hè di u XVIu seculu. Ci vene siguramente da l'antica chjesa di Santa Maria di A Cunsulazione, a prima chjesa custruita à a Citatella. Hè u solu di stu stile in Corsica[1]. Hè fattu di marmeru biancu. U decoru di a vasca chì rapresenta scaglie è perle evucheghja l'acqua.

Unu di i dui benedittini

Festa[mudificà | edità a fonte]

Strada dritta Santa Maria, u carrughju decuratu pè u 15 d'agostu

Santa Maria hè festighjatu ogni 15 d'agostu. A statua hè purtata in prucessione. A citatella hè decurata di i culori turchinu è biancu di a Madonna, cum'è a Strada dritta Santa Maria.

Un arcu hè preparatu à l'entrata di a citatella.

Note è riferenze[mudificà | edità a fonte]

  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 Fernande Maestracci è Michel-Edouard Nigaglioni, Oratoire Sainte-Croix, Ville de Bastia, Direction du patrimoine, 2002, 68 p. (ISBN 2-9514356-1-4)

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]

Ligami esterni[mudificà | edità a fonte]