A Citatella di Bastia

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
A Citatella di Bastia

A Citatella (o Citadella) hè un quartieru stòricu di a cità di Bastia. A so custruzzione ricolla à a presenza ghjenuvese in Corsica.

Pianu di a Citatella, Etienne-François Ferdinand Raibaud, 1866 (museu di Bastia)


Storia[mudificà | edità a fonte]

A Citatella di Bastia vista da meziornu

A citatella di Bastia hè fundata à u XIVu seculu da i Ghjenuvesi. Tandu, a capitale di a Corsica hè Biguglia, induv'ellu stanu i guvernatori. Ma i Ghjenuvesi cunsideranu chì u locu hè pocu siguru. Hè cusì chì in u 1380 u guvernatore Leonello Lomellini decide a custruzzione d'una furtificazione nova, chjamata Fortino o Castello della Bastìa.

Hè sta prima torre chì diventerà u sìmbulu di a cità. Oghje ùn esiste più. Si truvava induv'ellu ci hè u bastione San Carlu, vale à dì sopr'à u giardinu Romieu.

Funtana di u Giardinè (piazza Guasco) : u stemma di a cità di Bastia


In u 1475, un ghjenuvese, Antonio Tagliacarne face custruisce una vintina di case. Hè cusì ch'ellu nasce u quartieru di Terra Nova, oppostu à Terra Vechja, chì currisponde à u quartieru di U Vechju Portu, chjamatu prima Portu Cardu. Diventerà u primu podestà di Bastia.

Durante i seculi, cù e guerre trà Corsi, Francesi è Ghjenuvesi, e muraglie di a cità sò sempre distrutte è ricustruite, è furtificazione nove sò create : u Palazzu di i Guvernatori, differenti bastioni (bastione San Giovanni, bastione San Carlo, bastione Santa Maria).[1][2]

Munumenti[mudificà | edità a fonte]

U Palazzu di i Guvernatori

U Palazzu di i Guvernatori[mudificà | edità a fonte]

Di a prima furtificazione di a Citatella, in talianu Castello della Bastia o dinù Fortino ùn ferma più nunda. Era situatu in locu è piazza di u bastione San Carlu, sopr'à u giardinu Romieu.

U bastimentu attuale di u Palazzu di i Guvernatori hè statu custruitu à partesi da u 1448 è finitu in u primu quartu di u XVIu seculu[3].

U palazzu ghjova di locu di residenza principale pè i guvernatori da a fine di u seculu XV sin'à a fine di a duminazione ghjenuvese, à u XVIIIu seculu. Ghjuvava dinù di locu di ghjustizia è di prigiò.

Cù a duminazione francese, ghjuvava di caserna pè l'armata. Tandu hà pigliatu u nome di Caserne Watrin.

Diventa un museu in u 1908. Durante a seconda guerra mundiale, l'Alemani feranu saltà i lochi nanzu di parte è certi bastimenti distrutti. In u 1952, u Statu hà datu stu locu à a municipalità di Bastia.



U Palazzu di i Nobili Dodeci[mudificà | edità a fonte]

U Palazzu di i Nobili Dodeci

U Palazzu di i Nobili Dodeci hè statu creatu versu u 1703. Era un'istituzione riservata à i Corsi, è sopr'à tuttu à e grande famiglie corse. I dodeci cunsiglieri eranu eletti per dui anni. Avianu cum'è funzione d'aiutà u guvernatore. Ponu esse cunsiderati cum'è i deputati di e pieve. Cù a duminazione francese u bastimentu hè ricuperatu da l'armata chì ci mette i so scagni. Oghje sò quelli di u serviziu di u patrimoniu di a municipalità di Bastia.

Si trova Piazza di Corte, chjamata in francese Place du Donjon.


E muraglie di a cità[mudificà | edità a fonte]

E muraglie e più antiche sò state edificate à u XVu seculu. Cù e guerre è e destruzzione successive, sò state fatte è rifatte parechje volte, trà 1575 è 1626.

E porte[mudificà | edità a fonte]

Si francanu duie porte per entre in Citatella. L'entrata si face si trova corsu Favale. A prima hè chjamata Porte Louis XVI. A porta hè stata cumplettamente rifatta in u 1775. U locu si chjama "E Loghje". Si pò vede una petra cù u stemma (in gattivu statu) di a cità di Ghjenuva (dui griffoni) sopr'à una di ste porte.

A prima porta di a citatella, corsu Favale. Chjamata dinù "Porte Louis XVI"


A segonda porta di a citatella

Si pò vede una petra in gattivu statu cù u stemma di a Republica di Ghjenuva sopr'à una di ste porte. S'induvinanu dui grifoni è una curona.

U stemma di a Republica di Ghjenuva, sopr'à una porta di a citatella di Bastia


A Catedrale Santa Maria[mudificà | edità a fonte]

Santa Maria

In u 1570, a sede di u viscuvatu di Mariana hè trasferitu in Bastia. A catedrale Santa Maria hè stata custruita nant'à u locu d'una chjesa più antica, chjamata Santa Maria della Consolazione. Era appughjata nant'à un scogliu, è hè per quessa ch'ella chjamata dinù Santa Maria l'Arrembata.

I travagli principianu in u 1604 è duranu quindeci anni.

A chjesa hè di stile baroccu. A facciata principale, rifatta à u seculu XIX hè di stile neoclassicu. Ci sò trè nave. I decori barocchi sò ricchi assai.

Nentru a catedrale

Ci si pò vede dinù una statua d'argentu di a Madonna, fatta à u XIXu. Hè l'opera d'un artistu di Siena à u XIXu seculu, Gaetano Macchi. Hè stata fatta grazia à i doni di i Bastiacci. Hè purtata in prucessione ogni quindeci d'agostu pè i carrughji di a cità;

L'organi sò di u XIXu sò stati fatti da i fratelli Serassi, di Bergamu.
U campanile hè statu custruitu in u 1620.

A catedrale hè stata classata monumentu storicu in u 1999.

I guatri i più belli sò quelli di l'ultima cena (XVIu seculu) è Santa Maria Assunta (di Leonoro d'Aquila, 1512). L'altare hè fattu di serpentina di u Bivincu.

L'assunzione di a Madonna, di Leonoro dell'Aquila (1512)


L'oratoriu Santa Croce[mudificà | edità a fonte]

A cuntraterna di Santa Croce hè a più antica di a cità. A so origine ricolla à u principiu di u seculu XV. Hè ella chì face custruisce l'oratoriu in u 1542, nant'à u terrenu chì appartene à a Basilica rumana di San Giovanni in Laterano.

L'edifiziu attuale hè statu custruitu in u 1600.


U riccu decoru ch'ellu si pò vede nentru hè di stile barocchetto.

A Casetta[mudificà | edità a fonte]

À l'orìgine hè una casa di a famiglia Tagliacarne. Antonio Tagliacarne hè originariu di Lèvanto in Ligùria. In u 1480 dumanda l'autorizazione à a Republica di Ghjenuva di custruisce unepoche di case in citatella. Diventerà u primu podestà di Bastia, da u 1488 à u 1498.

Si chjama "A Casetta" per via di a taglia di u bastimentu. À l'iniziu era più chjuca, dopu sò stati aghjustati parechji piani. Durante l'epica ghjenuvese, A Casetta ghjova di merrìa. Hè quì ch'ella s'addunisce a "Magnifica Comunità della Bastia", l'equivalente di u cunsigliu municipale.

A Casetta o Casa Tagliacarne

A Casa Zerbi[mudificà | edità a fonte]

À l'origine hè a casa di u vicariu di u guvernatore ghjenuvese. Era dinù a corte di ghjustizia. Hà datu u so nome à u locu : Piazza di Corte. U vicariu era u segondu persunagiu u più impurtante di l'amministrazione ghjenuvese. A casa hè stata custruita da u 1490 à u 1495. Una volta chì u vicariatu hè statu trasferitu in u Palazzu di i Guvernatori, a casa hè diventata pruprietà di a famiglia Centurione. Paulu Zerbi (1582-1635) chì era podestà, a cumprò più tardi. A cullerà d'un pianu è a furtificò. Aghjustò una torra, una cisterna. Da tandu hè cunnisciuta sott'à u nome di "Casa Zerbi".

A Casa Zerbi


U Palazzu Viscuvile[mudificà | edità a fonte]

In u 1570 u viscuvatu di Mariana hè trasferitu in Bastia. In u 1660, u vescu Monsignore Giustiniani compra stu palazzu chì appartenia à e sore di e Turchine. Ingranda è imbellisce u cunventu. Oghje si pò vede solu a facciata, i carrughji sò stati tuppati. Si cuntavanu 32 pezze.

A facciata era decurata. C'era un fruntone di màrmeru cun l'arme di a famiglia Giustiniani. Ma hè statu rottu à a Revuluzione. Si pò vede à u museu di Bastia.

Dopu à a rivuluzione, u palazzu hè abbandunatu. Serà ricuperatu da l'armata chì ne ferà scagni.

U Palazzu viscuvile

A forca[mudificà | edità a fonte]

Si pò sempre vede una di e forche di a citatella induv'elli eranu impiccati i cundannati à morte. Si trova vicinu di a porta d'entrata, sopr'à e butteghe corsu Favale.

A forca

I bastioni ghjenuvesi[mudificà | edità a fonte]

I Ghjenuvesi anu custruitu e prime furtificazione di a citatella in u 1480. Dopu sò stati rifatti parechje volte, trà u 1575 è u 1626. I rampalli sò stati classificati munumenti storichi in u 1935[4]. Si cuntava sei bastioni :

  • U bastione San Ghjuvanni
  • U bastione Santa Maria
  • U bastione San Carlu
  • U Chjostru
  • U Tragone
  • U bastione San Gerolamo

Altri nomi di lochi[mudificà | edità a fonte]

In u 2010 a municipalità di Bastia principia à stabilisce una tupunimia bislingua corsu è francese pè i carrughji di a citatella[5]. I nomi antichi sò ristabiliti. Per esempiu :

  • A Pulverera (La Poudrière)
  • U Giardinè (Place Guasco)
  • Piazza di Corte (Place du Donjon)
  • Carrughju di A Chjappa (rue Saint-Michel)
  • Stretta di Calabraghe (rue de l'Esplanade)
  • Carrughju di a frutta (rue de la paroisse)
  • U Tragone (rue du Dragon)
  • E Loghje
Pannelli di carrughji bislingui in citatella di Bastia

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]

Articuli in leia[mudificà | edità a fonte]

Ligami[mudificà | edità a fonte]

Fonte[mudificà | edità a fonte]

  1. Almanach Bastiais, Tradizione viva di Bastia è di u so circondu, Comité des fêtes de de l'animation du patrimoine de Bastia (2007)
  2. Bastia : le guide, dirigé par Jean-Baptiste Raffalli, Michel-Édouard Nigaglioni, Éditions Du Patrimoine, 2003
  3. http://tice-corse.fr/educorsica/index.php/recherche/226-bastia-u-palazzu-di-i-guvernatori
  4. https://www.pop.culture.gouv.fr/notice/merimee//PA00099158
  5. https://www.corsematin.com/article/haute-corse/bastia-la-premiere-plaque-bilingue-de-la-cite-inauguree-a-la-citadelle