Luiggi Giafferi

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
Ritrattu di Luigi Giafferi in a Storia di Corsica di Prete Galletti

Luigi Giafferi (1668-1748) hè statu un officiale è puliticante corsu, unu di i trè generali fundatori di a nazione corsa incù Filibertu Evaristu Ciattoni è Andria Ceccaldi.[1] Prima ministru di u rè Teudoru di Neuhoff, quest'ultimu u numineghja regente in u 1736 sin'à u so ritornu in u 1738.

Biugrafia[mudificà | edità a fonte]

Principiu di vita[mudificà | edità a fonte]

Luiggi Giafferi hè natu in Talasani in 1668. D'una famiglia di capizzoni corsi, diventa capitanu in l'armata viniziana in u 1694 à solu 24 anni induv'elli servenu dighjà i so dui fratelli. Vultatu in Corsica, hè elettu nobile docedi in u 1700 (i dodici nobili), ciò chì currisponde à l'attuali membri di l'Assemblea di Corsica eppo, in u 1706 diventa oratore di Corsica.

Generale di a Nazione corsa[mudificà | edità a fonte]

In u 1730 apparisce cum'è unu sustegnu di a Ripublica di Genuva ma messu in causa da i rivultati si lega cun elli. Incù l'aiutu di i Spagnoli, i rivultati organizeghjanu una marchjata versu Bastia, è hè designatu tandu generale di a Nazione corsa. U so prima attu hè di firmà unu armistiziu di quattru mesi incù i rivultati. Esclusu dopu d'una pace accurdata da i Genuvesi à tutti i corsi chì si sottumetterianu, scrive à Ghjuvanni Gastone de Medici, granduca di Tuscana, è à Filippu V di Spagna, rè di Spagna, per dumandà li l'incurpurazione di a Corsica in unu di 'ssi dui riami.

In prighjò[mudificà | edità a fonte]

In 1732, dopu una vigata di battaglie Luigi Giafferi si rende à u principe di Kulmbach eppo hè rimessu à unu cummissariu chì u chjude in una prighjò di Bastia. Serà dopu dipurtatu à Genuva per esse finalmente assignatu in residenza à Savone. A pena di morte pare inevitevule ma Giafferi hè sustenutu da u papa Clemente XII, u rè Luigi XV di Francia, u rè Filippu V di Spagna, u granduca di Tuscana, Ghjuvanni Gastone de Medici, u rè Fredericu Gugliemu Ia di Prussia o u principe Eugène di Savoia Carignan. Serà finalmente cappiatu.

Capu supremu è cummandante di a Nazione corsa[mudificà | edità a fonte]

Cappiatu, Giafferi diventa culunellu in l'armata di u duca di Parme, futuru Carlu III di Spagna, è dopu qualchì vultà clandestini in Corsica, d'aprile 1734, à a Cunsulta di San Pancraziu di Biguglia hè numinatu davanti 4 000 persone capu supremu è cummandante di a Nazione corsa. S'agisce tandu di u prima ghjornu di l'indipendenza di a Corsica[2]. Occuperà 'ssa funzione sin'à u ghjunta à u putere di rè Teudoru.

Capu è generale di Corsica[mudificà | edità a fonte]

Di maghju 1734, à a Cunsulta di Corti, 600 delegati ricunnoscenu Luigi Giafferi cum'è capu è generale di l'armate corse è magistratu supremu di u riame. Hè tandu ch'ellu principia u riarmamentu di e truppe corse per a vittoria tutale contru à Genuva.

Primatu di Corsica[mudificà | edità a fonte]

Di ghjinnaghju 1735 Giafferi hè elettu primatu di u Riame di Corsica è piglia a decisione di spiantà parechji paesi per impidisce i Genuvesi di stallà si in quelli paesi. Hè tandu cunfirmatu in e so funzione.

D'aostu 1735 cù l'aiutu di a maiuranza di i Corsi rispinghje i Genuvesi à u mare è custruisce parechje furtificazione. Di sittembre 1735 prova una volta di più di raccuncià i capi corsi è pripara incun elli un attaccu destinatu à rispinghje definitivamente i Genuvesi. 'Ss'attaccu serà unu disastru, è Giafferi si pripara tandu à l'esiliu. Acciacati, i Corsi stanu ind'è elli, è certi principianu dighjà à neguzià a pace, ma incù Ceccaldi, Aitelli, Orticoni è Sebastianu Costa, scontra Teudoru di Neuhoff. Organizeghjanu tandu unu viaghju à traversu l'Europa per cunvince parechji autorità di righjunghje a so causa. A corte d'Inghilterra furnisce una nave armata di 3000 fucili da a quale Giafferi sbarca incù Teudoru di Neuhoff.

Prima ministru[mudificà | edità a fonte]

D'aprile 1736 hè numinatu Prima ministru è marchese ereditariu da Teudoru di Neuhoff. Crea tandu una Custituzione munarchica chì privede unu impositu mudestu, un'università, un ordine di nubiltà, decurazione (cum'è l'ordine di a Chjave d'Oru o l'ordine di a Delivrande) è l'accessione di i Corsi à tutti l'impieghi publichi ch'ellu appruverà u rè stessu. Ma sottu a prissione di i Genuvesi, Teudoru Prima deve chittà l'isula per andà à circà u rinforzu. Numineghja tandu Luigi Giafferi cum'è regente di nuvembre 1736.

Regente[mudificà | edità a fonte]

Mentre l'assenza di Teudoru Prima, Giafferi affrimerà di manera custante u so sustegnu à u rè è neguzierà incù i Genuvesi. Hè incaricatu di scrive un assaghju in a quale ellu ferà parte di l'intentu di i Corsi di diventà sughjetti di u rè di Francia. Dopu à una scunfitta di i Naziunali, parte finalemente in esiliu à Napuli.

Omagi[mudificà | edità a fonte]

Giafferi hà datu u so nome à un carrughju di Bastia, u carrughju Luigi Giafferi[3].

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruvene in parte da l'articulu currispundente di a wikipedia in francese.
  2. Cronica d'A Corsica
  3. Info Guida Francia.

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]

Articuli cunnessi[mudificà | edità a fonte]

Ligami esterni[mudificà | edità a fonte]