Antone Bonifacio

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca

Antone Bonifacio (1866-1933) hè statu un autore è pueta corsu.

Biugrafia[mudificà | edità a fonte]

Antone Bonifacio nascì in Granaghjolu d'Ersa, in u Capicorsu u 19 di ghjinnaghju di u 1866. Fù prufissore in l'insignamentu sicundariu, in i culleghji o in i licei d'Aiacciu, Corti, Bastia è Nizza. Antone Bonifacio era cugnumatu Tiziu. Hà fundatu l' Annu Corsu à Nizza, incù Paulu Arrighi in u 1923. Antone Bonifacio fù un autore di teatru: U Scupatu, All'urna (1923). Hà scrittu dinù bon'parechje puesie, da 1916 à 1921, chì sò state publicate dopu in Frutti d'Imbernu in u 1925. Parechje di e so puesie sò state misse in musica da Petru Santu Leca (1879-1951): Ti tengu cara è Sott'a lu Ponte.

Antone Bonifacio hà scrittu dinù A Prima Grammatichella Corsa in u 1926, chì u fine n'era l'unificazione di a scrittura corsa.

Antone Bonifacio morse in Nizza u 4 di ghjunghju di u 1933. Carulu Giovoni li fece tandu u seguente omagiu:[1]

« ùn hà mai scrittu un versu in vanu. Ogni riga era pregna à murale è savviezza. »

A parlata d'Antone Bonifacio era quella di u Capicorsu, più pricisamente quella di u so paese di Granaghjolu d'Ersa. Hà scrittu prima parechje opere in talianu o in francese, ed hè vinutu più dopu à a scrittura in lingua corsa.

Opere[mudificà | edità a fonte]

Teatru[mudificà | edità a fonte]

Puesia[mudificà | edità a fonte]

Prosa[mudificà | edità a fonte]

Linguistica[mudificà | edità a fonte]

  • A prima grammatichella corsa (1926)

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. Multedo (1997).
  2. P. 53-57.

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]

Ligami[mudificà | edità a fonte]

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]