Malumore

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

Malumore hè una puesia di Antone Bonifacio (1866-1933). Hè stata publicata in L'Annu Corsu in u 1927 è ristampata in a racolta di puesie Frutti d'imbernu.

Malumore[mudificà | edità a fonte]

Chi piacè di vive solu
Persu in questa gran cità
O ancu megliu à u Granaghjolu
S'è putessi stà culà
Duve ci hè trè case è un fornu
È la pace notte è ghjornu !
Soga so un caratteracciu
Ch'ùn m'incontru cun nisunu ;
Ma à me pare stu mundacciu
Gattivone ed impurtunu ;
L'omi, è certu, stimu pocu,
So da teme più ch'è u focu...
Per esempiu in 'ssa Bastia
Un ci hè mezu di campà ;
Or c'impera a jelusia
Un ci caghja più buntà ;
È li pregu — state à sente —
Chì li ghjunga un accidente
Fattu n'aghju la sperienza
Amicacci ùn ci n'è più ;
Di franchezza ognunu hè senza
E bandita è la virtù ;
L'interessu o a vanità
Chi ti cerca stà à guidà.
Si' adrittura sbajucatu ?
Un circà amici o parenti ;
E se d'oru si' fasciatu
Ma di danne un la ti senti
Pe u cumunu si' un incrocchju
Chi si spucchja lu pidocchju.
Si' tu imbece generosu ?
Sempre è pocu ciò chi dai ;
Ghj'è ch' un trovi più riposu,
O ladrò, che tu lu fai :
Cusì rendi a sucietà
Qualcusella chi li va...
Se ti ficchi ind'i salotti
Ciaschedun ti face festa ;
Tù la fumi à i ghjuvanotti :
Oh ! guardate chì gran testa !
Ma allor' quandu ti ne vai
Si' un sumeru pien di guai...
S'è tù scrivi ind'i ghjurnali
Che sia prosa, che sia rima,
Si' vindutu à i capurali
È ti perdi onore è stima ;
È ùn pinsà d'avè talentu :
I to' scritti sò un spaventu !
Sorti solu ? Duve va
U sgiò Tiziu stamatina ?
Di sicuru và à truvà
Qualchì donna à la marina :
L'altra notte — ci hanu dettu —
L'hanu vistu à lu Puntettu...
Hai pigliatu a moglie ricca ?
Sò i danari una gran cosa ;
Ma distinta ella ùn n'hè micca
Anzi hè vechja è rughjinosa ;
È si dice ch'è u so' oru
Tù lu sciuppi ch'è un dicoru !
Hè fors' ella onesta è bona ?
È garbata è assai gentile ?
Ti la fanu civittona,
Senza core, anima vile ;
È si' spessu un omu leccu
Più curnutu ch'è lu beccu.
Riesci in tuttu ciò chì fai
Senza nulla di traversu ?
Ghjè perchè cuscenza ùn n'hai
È di scrupuli si' schersu :
In 'ssu modu ognunu avria ..
È danari è signuria...
I to' affari vanu male ?
Hè ch'ùn sai ben guvirnà ;
Anzi si' un gran bernacale
Ch'ùn sà mancu più cuntà :
Caru amicu, vali pocu
Pè 'sse lingue, ohimè ! di focu...
Chi piacè di vive solu
Persu in questa gran cità
O ancu megliu à u Granaghjolu
S'è putessi stà culà,
Duve c'è trè case è un fornu
È la pace notte è ghjornu.

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]