A Lingua Corsa (Santu Casanova)

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

A Lingua Corsa hè un testu di Santu Casanova (1850-1936). Hè statu publicatu in Primavera Corsa in u 1927.[1]

A Lingua Corsa[mudificà | edità a fonte]

Un filosofu di l’antichità ha dettu chì a più gran' disgrazia par un populu hè quella di perde a so lingua, perdita ancu più irriparabile cà quella di a libertà. A libertà si ripiglia qualchì volta dopu lutte sanguinose, è mette sempre un raggiu di spiranza in la bandera di i patriotti valurosi. Tistimonii degni di l’ammirazione universale sò a Pulonia è l’Irlanda chì dopu tanti seculi d’oppressione anu rottu e catene vargugnose è pisante di a schiavitù. Mentre chì a lingua, persa una volta hè persa par sempre. Un populu incapace di parlà l’idioma di u so paese, ch’ùn sente più e dulcezze musicale di quella voce ch’hà annannatu a so infanzia è cunsulatu e so svinture, dimintichendu l’insignamenti più nobili è più sacri di a famiglia, prununcia ellu stessu a so sintenza di morte.

Tistimoni d’avant’à a storia, d’una simile sciagura, sò i populi Etruschi, dispersi da i nimici, ùn n’avendu cunsirvatu nisun ligame di a lingua par riunì si, so intruti in le tenebre di a morte, è oghje stessu, i più dotti trà i scenziati sò incapaci di leghje e scrizzione funebre chì figuranu nantu i so munumenti. Una simile calamità s’affaccava à l’orizzonte torbidu è minacciosu di i nostri distini. A Corsica, sempre delusa in le so spiranze, avia cunsirvatu almenu in senu à i so fuculari una lingua ricca, espressiva è forte par cantà e so aligrezze è piegne i so doli.

Dipoi qualchi tempu uni pochi di mudernisti currompenu a lingua materna cù certe espressione ch’ùn so più nè corsefrancese. Ogni ghjornu stu sciarabià, barbaru di nome è di fatti, face prugressi in le nove ginarazione, è si nò ùn pigliemu misure eficaci è pronte vinarà u momentu chì a nostra lingua, parlata da tant’eroi è scritta da tanti pueti, si ne falarà par Golu cume e carchere di l’antichi patriotti. Tutti i Corsi sanu chi a nostra penna ùn s’hè mai stancata di ramintà à i figlioli u passatu gloriosu di i babbi. In versi cume in prosa, particularmente par mezu di A Tramuntana, avemu prudottu, in Corsica è fora di Corsica, un muvimentu patriotticu è un ritornu salutiferu à l’antica lingua. Quante volte in lu corsu di a nostra longa carriera di scrittore avemu dipintu e billezze di u nostru paese, i fiori di e nostre valle, e surgente di i nostri monti, e dulcezze di u nostru clima, a purezza di u nostru celu, i custumi di i nostri campagnoli, a tennera puesia di i vociari, l’impricazione sulenne di a vindetta, a melodia pietosa di e campane, l’ospitalità tradiziunale di i nostri fuconi è i sacrifizii di l’eroi corsi offerti ginarosamente sopr’à l’altare di a Patria.

Tutte st’idee è tant’altre si ponu esprime maravigliosamente par mezu di a nostra lingua cusì ricca è cusì dolce. Insignata ci da l’affetu di e nostre mamme, ch’ùn cunniscianu nè grammatiche, nè dizziunarii, sta lingua deve ritruvà un postu d’onore in le scole, in le cunvarsazione, in li ghjurnali è in li libri.

Par questu dumandemu l’unità di tutti l’omi di core chì volenu cunsirvà stu patrimoniu cum'è un ricordu priziosu di l’antichi.

Cum'è i Baschi di i Pirinei, cum'è i Pruvinzali di Mistral è cum'è i Brettoni, tutti ghjilosi di a so lingua è di a so litteratura, ancu noi, o Corsi, mittemu ci à l’opara.

Evviva a lingua corsa.

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. P. 7-8.

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]