Vai al contenuto

13 d'aostu

À prupositu di Wikipedia
Aostu
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

U 13 d'aostu hè u 225esimu ghjornu (u 226esimu ghjornu s'è l'annata hè bisesta) di u calendariu gregorianu.

Evenimenti[mudificà | edità a fonte]

Nascite[mudificà | edità a fonte]

Morte[mudificà | edità a fonte]

Celebrazione[mudificà | edità a fonte]

Feste[mudificà | edità a fonte]

I Santi[mudificà | edità a fonte]

I Santi Politu è Cassianu.

Politu campava à u seculu terzu, à l'epica di i papa Ziffirinu (203-220), Calistu (221-227), Urbanu (227-233) è Punzianu (233-238).

Era un vescu chì interpretava a duttrina cristiana à a so manera. In disaccordu cù u papa è l'altri veschi, si era fattu eleghje papa da quelli chì pensavanu cum'è ellu. Si pò dì ch'ellu fù u primu antipapa di a Chjesa catolica.

L'imperatore Massiminu (235-238), chì persecutava i Cristiani, mandò u papa Punzianu è l'antipapa Politu à travaglià in e minere di Sardegna. Custì, i dui omi diventonu amichi. Sò morti tramindui da a miseria è i gattivi trattamenti.

U papa Fabianu (240-253) hà fattu vene e salme in Roma è l'hà sepolte cù tutti l'onori devuti à i martiri, quella di Punzianu à u cimiteriu di Calistu, quella di Politu à u cimiteriu di a via Tiburtina.

Etimolugia: da u gr. "hippos" (cavallu) è "lutos" (dumadore).

Nomi: Hippol, Hippolit, Hippolyte, Ippolita, Ippolito, Polita, Politu.

Paesi è cità: Arghjusta Muriccia, pieve di Cruscaglia, Olmiccia, pieve d'Attalà, e Valle di Campulori (a chjesa di Santu Politu essendu distrutta, li anu fattu un altare in una assida di quella di San Cristina).

Prutezzione: Politu hè u santu patrone di i guardiani di prigiò.

Omu si pò dumandà perchè Cassianu hè assuciatu à Politu, ancu si elli sò stati marturiati u listessu annu.

Cassianu era maestru di scola è prufessore di stenografia. Arrestatu cum'è cristianu, ricusò di rinuncià à a so fede. U ghjudice li fece lià e braccie daretu à u spinu è u messe in manu à i so elevi. Quelli, cù i spinzoni chì servianu à incide e tavulette di cera, scrissenu parulle è frase nantu à a so pelle è anu finitu per tumballu.

Etimolugia: da u lat. "cassius" (poveru, privu).

Nomi: Cassiano, Cassianu, Cassien, Cassienne, Cassio, Cassius, Kassia.

Paesi è cità: Bonn.

Prutezzione: stitutori, scrittori.[1]

In Corsica[mudificà | edità a fonte]

Ligami[mudificà | edità a fonte]

I mesi di l'annu
Ghjennaghju - Ferraghju - Marzu - Aprile - Maghju - Ghjugnu - Lugliu - Aostu - Settembre - Uttobre - Nuvembre - Dicembre