Vai al contenuto

10 uttrovi

À prupositu di Wikipedia
(Reindirizzamentu da 10 d'uttrovi)
Ottobre
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

U 10 uttrovi hè u 283esimu ghjornu (u 284esimu ghjornu s'è l'annata hè bisesta) di u calendariu gregorianu.

Evenimenti[mudificà | edità a fonte]

Nascite[mudificà | edità a fonte]

Morte[mudificà | edità a fonte]

Celebrazione[mudificà | edità a fonte]

Feste[mudificà | edità a fonte]

I Santi[mudificà | edità a fonte]

Santu Cerbone.

Cerbone serebbi natu in l'Africa settentriunale da genitori cristiani. Per fughje i Vandali ariani, si ne vense in Italia. Hè statu vescu di Populonia, accantu à Piumbinu. Per fughje e persecuzioni lombarde, si ne andò in l'isula d'Elba duv'ellu hè mortu u 10 uttobre di l'annu 575. Oghje, e so reliquie sò in a cattedrale di Massa Marittima.

A vita di San Cerbone hè cunnusciuta soprattuttu grazia à i Dialoghi di San Gregoriu Magnu chì avia digià 35 anni quandu Cerbone morse. U gran papa conta chì u rè di i Goti, chì tandu occupavanu à Roma, dete Cerbone à un orsu. Quellu, invece di manghjassilu li leccò i pedi per fà capì chì, versu issu santu omu, i cori umani eranu feroci, allora chì quelli di e bestie eranu quasi umani.

In Populonia, Cerbone dicia a so messa nanzu à l'alba. U populu chì stava in e campagne, si lagnò à u papa. Era troppu prestu è ùn pudianu assiste à l'uffiziu. A scusa di San Cerbone era chì, à issa ora, l'anghjuli li cantavanu a messa, dopu più. U papa mandò dui legati per fà vene à Cerbone in Roma. Cerbone disse a so messa è partì. I legati l'accumpagnonu senza avè avutu u tempu di manghjassi un buccone è di beiesi una candella d'acqua. Per istrada, si lagnavanu da a sete. Allora Cerbone a li cacciò, munghjendu duie cerve salvatiche.

"Vai hà vede u papa è ùn li porti mancu un rigalu" dissenu i legati. Accantu à Roma, Cerbone si parò nanzu una ruchjata d'oche: "U rigalu, ecculu". Prisentò l'oche à u papa è po disse à l'ocelli: "Avà andatevine puru". L'oche stinzonu l'ale è si ne andeinu.

U lindumane, Cerbone disse a so messa in chjesa di San Petru, nanzu à u pisà di u ghjornu, in prisenza di u papa. "L'anghjuli ùn si sentenu cantà" disse u papa. "Metti u to pede nantu à u meiu", disse Cerbone. E' u papa intese l'anghjuli chì cantavanu "Gloria in excelsis Deo".

Nanzu di more in l'isula d'Elba, Cerbone disse à i so chierici: "Purterete u mio cadaveru in Populonia, è ùn temite i Lombardi; vi assicurgu chì ùn vi feranu nunda". Cusì fecenu. Tramezu à l'isula d'Elba è Populonia, schjatta un tempurale. Da e dui parte di a barca, piuvia chì ne falava ma, sopra à a barca, mancu una goccia d'acqua.

Casate: Cervoni.

Paesi è cità: In Corsica, u cultu di San Cerbone era ancu più spartu chè in Toscana. Più di 20 chjese l'eranu dedicate. E più cunnusciute eranu quelle di Gavignanu, Felicepianu, Campi, Ghjuvellina, Zuani, Guagnu è Guzzone. Oghje, hè sempre celebratu in Petracurbara è Cerbone hè u santu patrone di u Poghju d'Oletta.[1]

In Corsica[mudificà | edità a fonte]

Ligami[mudificà | edità a fonte]


I mesi di l'annu
Ghjennaghju - Ferraghju - Marzu - Aprile - Maghju - Ghjugnu - Lugliu - Aostu - Settembre - Uttobre - Nuvembre - Dicembre