Platone

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca

Platonu (o Platone) (in grecu anticu Πλάτων, traslittaratu in Plátōn; Atena, 428 a.C./427 a.C. - Atena, 348 a.C./347 a.C.) hè statu un filosofu grecu anticu. Incù u so maestru Socrati è u so addevu Aristoteli hà postu i basi di u pinsamentu filusoficu uccidintali.[1][2][3]

Biugrafia[mudificà | edità a fonte]

Platonu, ditagliu di a Scola di Atena di Raffaeddu, chì l'hà ritrattu incù u voltu di Liunardu da Vinci.

Nascì à Atena, in u demu (una suddivisioni di u territoriu di l'antica Attica) di Collito, da parenti aristucratichi: u /babbu Aristonu, chì/ch'è vantava trà i so antinati Codro, l'ultimu lighjindariu rè di Atena, l'imposi u nomu di u missiavu, veni à dì Aristocle; a mamma, Perittione, sicondu Diogene Laerzio, discindia da u famosu lighjislatori Sulonu[4][5][6]

A so data di nascita hè fissata da Apollodoru di Atena, in a so Crunulugia, à l'uttantuttesima Olimpiadi, in u settimu ghjornu di u mesi di Targellione, veni à dì à a fini di maghju di u 428 a.C.[7] Ebbi dui frateddi, Adimantu è Glauconu, citati in a so Ripublica, è una suredda, Potone, mamma di Speusippo, futuru addevu è succissori, à a so morti, à a dirizzioni di l'Accademia di Atena.

Fù un altru Aristone, un luttadori d'Argo, u so maestru di ginnastica, chì li deti u nomu "Platonu" à causa di a so larghezza (da u grecu πλατύς, platýsi, chì significheghja "ampiu") di i spaddi, chì praticava infatti u pancraziu, una spezia di lotta o pugilatu.

Altri dani di u nomu un'altra dirivazioni, com'è l'ampiezza di a fronti o a maistà di u stili litterariu. Diogene Laerzio, rifiriscendu si à Apuleiu,[8] l'Olimpiodoru[9] è a Eliano,[10] informa ch'eddu avaria cultivatu a pittura è a puisia, scrivendu ditirambi, lirichi è tragedii, chì avariani avutu in seguitu, à tempu cù i mimi, un'impurtanza fundamintali par a scrittura di i so dialoghi.

I viaghji è l'incontru incù Socrati[mudificà | edità a fonte]

Fraquintò l'eracliteu Cratilu è u parmenideu Ermogene, ma ùn hè micca certu ch'è l'infurmazioni fussi riali chì avaria pussutu ghjustificà a so succissiva duttrina, influinzata sottu parechji aspetti da u pinsamentu di i so dui grandi pridicissori, Eraclitu è Parmenidi, da eddu cunsidarati com'è l'autentichi fundatori di a filusufia.

Avaria participatu à trè spidizioni militari, duranti a guerra di u Peloponnesu, à Tanagra, à Corintu è à Delio, da u 409 a.C. à u 407 a.C., annu chì, avendu cunnisciutu à Socrati, avaria distruttu tutti i so cumpusizioni puetichi par didicà si cumplittamenti à a filusufia.[11]

Fundamintali fubbi u so incontru incù Socrati chì, dopu a parintesa di u guvernu, uligarchicu è filu-spartanu, di i Trenta tiranni, chì ni facia parti u ziu di Platonu Crizia, fù accusatu da u novu guvernu dimucraticu di impietà è di curruzzioni di i ghjovani è cundannatu à morti in 399 a.C.

Dopu a morti di u maestru saria andatu à Megara incù altri addevi di Socrati, è dopu à Cirene, friquintendu u matematicu Tiadoru di Cirene è sempri in Italia, i pitagorichi Filolao è Eurito. Da quì, si saria ricatu in Egittu, induva i [preti|preta] l'avariani varitu da una malatia. Ma a fundatezza di a nutizia di sti viaghji hè moltu dubbia.


I primi dialoghi[mudificà | edità a fonte]

A parta da 395 a.C. Platonu avaria principiatu à scriva i primi dialoghi, in i quali affronta u prublemu culturali rapprisintatu da a figura di Socrati è a funzioni di i sufisti: nascini cusì, in un pussibuli ordini cronulogicu:

U prima viaghju à Siracusa[mudificà | edità a fonte]

Certu hè inveci ch'è Platonu, intornu à u 388 a.C., dopu à avè cunnisciutu u pitagoricu Archita, guvarnadori di Taranto, sii statu à Siracusa, guvirnata da Dionigi I, ind'eddu strinsi amicizia cù u cugnatu di u tirannu, Dione,[11] chì s'intarissò incù favori à i prugrammi pulitichi di Platonu. Ma opposta fù l'attitudina di Dionigi chì custrinsi Platonu à abbandunà Siracusa par Atena; fattu sbarcà in l'isula di Egina, numica di Atena, ci vinì fattu prighjuneri è resu schiavu; par so furtuna, u sucraticu Anniceride di Cirene u riscattò. Ma ancu st'episodiu, narratu incù varianti da Diogene Laerzio,[12] hè moltu dubbiosu.

A fundazioni di l'Accademia[mudificà | edità a fonte]

"Platonu in a so Accademia", disegnu di u pittori svidesu Johan Wilhelm Carl Wahlbom (1810-1858).

In 387 a.C. Platonu hè à Atena; avendu acquistatu un parcu didicatu à Academu, è ci fonda una scola ch'eddu intituleghja Accademia in onori di l'eroi è a cunsacra à Apollu è à i Musi. Nantu à l'asempiu oppostu à quiddu di a scola fundata da Isocrate in 391 a.C. è basata nantu à l'insignamentu di a ritorica, a scola di Platonu hà i so radichi in a scenza è in u metudu chì ni diriveghjau, a dialettica; par stu mutivu, l'insignamentu si svolghji à traversu dibattiti, à i quali participeghjani i stessi addevi, diretti da Platonu o da l'addevi più anziani, è ancu cunfarenzi tinuti da illustri parsunaghji di passaghju à Atena.

In vinti anni, da a criazioni di l'Accademia à u 367 a.C., Platonu scrivi i dialoghi in i quali si sforza di ditarminà i cundizioni chì parmettini a fundazioni di a scenza; tali sò:

Noti[mudificà | edità a fonte]

  1. A dici par asempiu u prufissori Battista Mondin: "Platonu hè filosofu di prima trinca, u filosofu par eccillenza. Senza dubbitu ancu a figura d'Aristoteli risplendi di luminosu fulgori. Ma […] nissunu altru filosofu hà influinzatu quant'è Platonu u distinu di a filusufia uccidintali. I so duttrini gnuseulogichi, mitafisichi, etichi, pulitichi, estetichi, assimilati da u cristianesimu, sò divintati eredità pirmanenti di a cultura medievali è di a cultura muderna. A figura di Platonu hè fundamintali, ghjigantesca è puliedrica. Più ch'è a storia di a filusufia interessa ancu a storia di a puisia, di a litteratura è di a lingua greca. […] A straurdinaria grandezza di Platonu hè stata ricunnisciuta in ogni tempu" (Storia di a matafisica, vol. I, pag. 139, E.S.D., 1998, ISBN 978-88-7094-313-9).
  2. "The safest general characterization of the European philosophical tradition is that it consists of a series of footnotes to Plato" (A. N. Whitehead, in Process and Reality, p. 39, Free Press, 1979).
  3. "A filusufia pustiriori, a noscia filusufia, ùn hè altru ch'è una cuntinuazioni, un sviluppu di a forma litteraria intrudutta da Platonu". (Ghjorghju Coddi, A nascita di a filusufia, Adelphi, Milanu 2011, p. 13.)
  4. "Crizia, un di i Trenta è Glauconu erani figlioli di Callescro. Glaucone era babbu di Carmide è di Perittione. Da Perittione è Aristone, nascì Platonu, sestu da Sulonu" (Diogene Laerzio, à cura di Marceddu Ghjiganti, Diogenes Laertius Viti di i filosofi, Laterza, 1962, III, 1)
  5. Diogene Laerzio, Viti, III, 1, 1 - (in inglesu) una virsioni in inglesu, traduzioni di C.D. Yonge
  6. Crizia era cucinu di Carmide è u so tutori (in Platonu, Charm. 154b è 155a). Carmide era frateddu di Perittione par u quali Platonu era cucinu in prima gradu di Carmide è in sicondu gradu di Crizia. (in J. Kirchner, Prosopografia attica. Vol. I)
  7. Fonti imprudata ancu da Diogene Laerzio (III, 1-41), cfr. Sturiugrafia filusofica antica, pag. 26 è 72.
  8. Ibid., Platonu è a so duttrina, I, 2.
  9. Ibid., Vita di Platonu, 2, 3.
  10. Ibid., Storia varia, II, 30.
  11. 11,0 11,1 Biugrafia di Platonu.
  12. D. Laerzio, Viti, III, 19, 20.

Da veda dinò[mudificà | edità a fonte]

Liami[mudificà | edità a fonte]