Lingua inglese

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
Inglese (English)
Criatu da: {{{criatori}}} in lu {{{annu}}}
Cuntestu: {{{cuntestu}}}
Altri nomi: Inglesu
Parlatu in: Regnu Unitu, USA, Canada, Australia è altri 49 paesi
Righjoni:Parlatu in:
Piriudu: {{{piriudu}}}
Parsoni: 541-1.400 milioni
Classifica: 4
Scrittura: {{{scrittura}}}
Tipulugia: SVO isulante - tonica
Filugenesi:

Lingue indoauropeane
 Germaniche
  Uccidentali
   Inglese
    
     
      
       
        
         
          
           
            
             
              

Statutu ufficiali
Nazioni: nisciuna
Rigulatu da: micca officialmente
da l'Oxford English Dictionary
Codici di classificazioni
ISO 639-1 en
ISO 639-2 eng
ISO 639-3 eng  (in inglesu)
SIL ENG  (in inglesu)
SIL {{{sil2}}}
Estrattu in lingua
Dichjarazioni univirsali di li diritti di l'omu - Art.1
All human beings are born free and equal in dignity and rights. They are endowed with reason and conscience and should act towards one another in a spirit of brotherhood.
Lu Babbu Nostru
All human beings are born free and equal in dignity and rights. They are endowed with reason and conscience and should act towards one another in a spirit of brotherhood.
Traslittarazioni
{{{traslittarazioni}}}
Lingua - Alencu di li lingui - Linguistica
Lu logu di Wikipedia Visitighja la Wikipedia in Lingua inglese!
Lu logu di Wikipedia Visitighja la Wikipedia [[:{{{codice2}}}:|in {{{nome2}}}]]!
Lu logu di Wikipedia Visitighja la Wikipedia [[:{{{codice3}}}:|in {{{nome3}}}]]!
Anglospeak(800px).png
Distribuzione geografica dell'inglese.
Pilcrow.svg Quista pagina pudaria cuntena carattari Unicode.

L'inglesu (nomu nativu English, IPA: [ˈɪŋglɪʃ]) hè una lingua induaurupea appartinenti à u ramu uccidintali di i lingui germanichi, incù l'ulandesu, l'altu è bassu tedescu, u fiammingu è u frisonu. Cunserva sempri un'evidenti parintedda cù u sassonu cuntinintali (dialettu di u bassu tedescu). L'inglesu accupa una pusizioni tuttu à fattu particulari, micca solu rispettu à i lingui germanichi, ma ancu à l'internu di u gruppu linguisticu induauropeu: hà talmenti simplificatu è altiratu a so probbia struttura da avvicinà si oramai à una lingua isulanti piuttostu ch'è à una lingua flessiva. Inoltri, da u puntu di vista di u vucabulariu cunteni molti tarmini di urighjina non germanica, è in particulari latina: si valuta in oltri u 50% l'afflussu di tarmini latini dirivati da u francesu, pinitrati in u lessicu inglesu in bona parti grazia à l'accupazioni nurmana in i seculi dopu u 1066 (quandu i Duchi di Nurmandia cunquistàni l'Inghilterra anglo-sassonu incù a Battaglia di Hastings), ma ancu in u Rinascimentu, par influssu di u latinu coltu è scentificu. Par sta raghjoni, una di i carattaristichi più evidenti di u lessicu inglesu hè a ricchezza di coppii di sinonimi, di i quali l'unu di urighjina germanica, l'altru di urighjina latina, par indicà listessu ughjettu o cuncettu ma incù accizioni è sfumaturi diversi, par asempiu: freedom/liberty, pig/pork, spear/lance, first/prime, opening/aparture, fire/focus, amount/quantity (bench'è in st'ultimu casu ancu amount diriveghja di manera indiretta da u latinu à montem à traversu u francesu anticu amonter, chì hà purtatu ancu à u talianu "ammuntà") etc.

Trà i lingui di grandi diffusioni, l'inglesu hè verusimilamenti più apartu à l'intrata di novi vucabuli di urighjina straniera, sii a causa di u so ampiu usu com'è lingua franca, sii in virtù di l'urighjina mista latinu-germanica di gran' parti di i radichi, sii - prubabilamenti - ancu grazia à l'estrema puvartà di diclinazioni è disinenzi tipichi chì ni carattarizeghjini i sustantivi. In u corsu di u XX seculu l'inglesu hè divintatu, infatti, a lingua franca par eccillenza, abbattendu a pricidenti supremazia di u francesu, chì à so volta avia sustituitu u latinu à fini di cumunicazioni diplumatica è scentifica. Hè oghji ancu un strumentu par a cumunicazioni frà etnii privi di cunnissioni culturali, scentifichi o pulitichi.

Si calculeghja chì quiddi chì parlani inglesu com'è lingua materna (English as a native language, ENL) siini circa 350 milioni, mentri sò circa 300 milioni i parlanti di l' English as a second language (ESL), veni à dì chì parlani inglesu accantu à a lingua naziunali o nativa. Sò infini circa 100 milioni i parlanti di l' English as à foreign language (EFL), veni à dì chì ani amparatu l'inglesu à scola, in paesi induva sta lingua ùn hè micca in usu. U numaru di quiddi chì usani l'inglesu com'è lingua siconda o straniera supareghja dunqua quiddu di quiddi chì u parlani da a nascita.

Distribuzioni giugrafica[mudificà | edità a fonte]

L'inglesu hè usatu com'è lingua materna (ufficiali o di fattu) in i siguenti paesi:

L'inglesu hè imprudatu com'è lingua ufficiali in: Botswana, Bangladesh, Camerun, Isuli Cook, Figi, Filippini, Gambia, Ghana, Hong Kong, India, Kenya, Kiribati, Lesotho, Malawi, Malta, Mauritius, Namibia, Nauru, Nigeria, Pakistan, Palau, Papua Nova Guinea, Portu Ricu, Samoa Uccidintali, Seychelles, Sierra Lione, Singapore, Sudan di u Sudu, Isuli Salomone, Tuvalu, Swaziland, Tanzania, Uganda, Vanuatu, Zambia è Zimbabwe.

L'inglesu s'hè affirmatu di fattu com'è u standard par a cumunicazioni scentifica à altu è altissimu liveddu, essendu imprudatu com'è lingua prifirinziali par u scambiu di infurmazioni scentifichi trà parsoni di lingui diffarenti, par a publicazioni di cuntribuzioni in i principali rivisti scentifichi di qualsiasi sittori è par i rilazioni in i cungressi internaziunali.

Storia di a lingua inglesa[mudificà | edità a fonte]

In u so longu sviluppu l'inglesu si hè nutevulamenti altiratu. Cunvinziunalamenti si dividi l'evuluzioni diacronica di a lingua in cinqui fasi:

  • Anglusassonu
  • Inglesu anticu (opara di rifirimentu: u Beowulf)
  • Inglesu mediu (opara di rifirimentu: The Canterbury Tales, è, par a prununcia di u Middle English Ormulum)
  • Prima inglesu mudernu (opari di rifirimentu: quiddi di Shakespeare è Marlowe)
  • Inglesu mudernu

Hè pussibuli estrapulà di i dati apprussimativi trà i molti pruposti, è dì chì l'Anglusassonu và da l'invasioni di a Britannia à opara di Sassoni, Juti è Angli (V seculu d.C.) finu à a più massiccia è siconda fasa di cristianisazioni di l'isula. L'Inglesu anticu rimpiazza tandu l'Anglusassonu, ancu in virtù di a supremazia di u dialettu West Saxon annantu à quiddu anglicu, divutu à u rinfurzamentu di a situazioni ecunomica è pulitica di i stati di u sudu di l'Inghilterra rispettu à quidda di u nordu (zona di i 5 regni) sinu à l'invasioni nurmana.

L'Inglesu mediu si pò fà tarminà intornu à l'iniziu di u XVI seculu.

U Prima inglesu mudernu copri un periodu di tempu, chì và da Shakespeare sinu à a mità di u Setticentu. L'Inglesu mediu và da u Setticentu, incù a comparsa di rumanzi com'è Robinson Crusoe di Defoe, insinu à i nosci ghjorna.

Bench'è a lingua parlata si sii evoluta in quiddi seculi (par asempiu, in inglesu mudernu a prununcia di molti paroli usati in l'opari di Shakespeare hè diffarenti da quidda di u prima inglesu mudernu),[1] a so struttura hè ferma sustanzialamenti immutata.

Anglusassonu è Anticu inglesu[mudificà | edità a fonte]

Sicondu u resucontu di u Venerabile Beda, i sterpi germanichi di l'Angli, di i Sassoni è di l'Ghjuti, partiti da u Ghjutland è da l'Alimagna sittintriunali è da a futura Danimarca, si stalletini in quidda rigioni di a Britannia chì hè oghji l'Inghilterra in u 499 d.C. I Ghjuti si stabilini in u Cantium (Kent), l'Angli in l'Anglia uriintali, in i Midlands è in Northumbria, i Sassoni in l'Essex, in u Middlesex è in u Wessex - veni à dì rispittivamenti regnu di i Sassoni uriintali, di mezu è uccidintali. Sottu a spinta di i novi vinuti i Celti in parti si spustàni à punenti (North Walas, West Walas o Galles, Sûth Walas o Cornuvaglia).

A parta da u X seculu l'atoni brevi à, è, o è u tendini à cunfluiscia in u sonu indistintu schwa [ə] mori friquenti in l'inglesu mudernu. L'Inglesu anticu, à diffarenza di u Mediu inglesu, pussedi una ricca flissioni, sii numinali ch'è virbali. I genari sò trè, maschili, feminiccia è neutru. Com'è in tedescu, u nomu in l'Anticu inglesu prisenta quattru casi: numinativu, genitivu, dativu, accusativu.

Mediu inglesu[mudificà | edità a fonte]

U Mediu inglesu hè u nomu datu à a lingua storica chì hà com'è urighjina i diversi formi di inglesu parlatu in u periodu cumpresu trà l'invasioni nurmana è u tardu Rinascimentu inglesu. Grazia à Geoffrey Chaucer u Mediu inglesu emersi com'è una lingua litteraria, soprattuttu grazia à a so più celebru opara, i Canterbury Tales.

Incù Ghjuvanni Senzaterra guasgi tutti i pussidimenti francesi funi persi (fora di l'Isuli di u Canali, ultimu branu di u Ducatu di Nurmandia). A parta da a Guerra di i Cent'Anni i liami incù a Francia, dunqua, s'addibuliscitini. U vechju pruvverbiu "Jack wold be à gentilman if he cold speke Frensk" cuminciò à perda moltu di u so significatu. In Inghilterra cuminciò à pricisà si un novu standard, basatu annantu à u dialettu di Londra è di i Home Counties.

Inglesu mudernu[mudificà | edità a fonte]

L'intruduzioni di a stampa in Inghilterra à opara di William Caxton in u 1476 cuntribuì à a fissazioni di l'ortugrafia ma, apposta ch'è ebbi locu prima ch'è si cuncludissi u grandi spustamentu vucalicu, ditarminò u prima grandi divariu trà scrittura è prununcia.
Dopu a nascita di a Ghjesgia d'Inghilterra nascì l'esigenza di una virsioni inglesa di a Bibbia. In u 1611 fù data à i stampi l'Authorized Version. A stampa, a Riforma è l'affirmazioni di u cetu mediu ("middle class") ebbini com'è cunsiquenza a diffusioni di quidda chì era in traccia d'affirmà si com'è lingua standard.

L'espansioni culuniali di l'Inghilterra diffusi a parlata in vasti tarritorii di l'America di u Nordu, di l'Africa, di l'Asia è di l'Uceania.
L'indipindenza di l' Stati Uniti currisposi à a furmazioni di una varietà d'inglesu, diffarenti da u standard britannicu, chì s'hè affirmata dopu à liveddu mundiali in u XX seculu.

U grandi spustamentu vucalicu[mudificà | edità a fonte]

U grandi spustamentu vucalicu hè a più impurtanti altirazioni funetica di a storia di a lingua inglesa. Si pò affirmà chì eddu purtò l'inglesu à a so prununcia attuali. U grandi spustamentu vucalicu ùn ebbi micca locu in a stessa ebbica in i diversi rigioni (in parechji, particularamenti à u Nordu, hè assenti in i parlati lucali à i ghjorna d'oghji); si pò quantunqua pona u so iniziu à u XV seculu è cunsidarà lu scumpiitu à a fini di u XVI.

U grandi spustamentu vucalicu riguarda i vucali longhi:

Altri fatti funetichi[mudificà | edità a fonte]

Trà i dittonghi [iu] è [ɛu] cunfluiscini in [juː] (muti). [juː] tendi à simplificà si in [uː] dopu l, r, [tʃ] è [dʒ] (rude, chew, June).
[au] passa à [ɔː] (law).

I spiranti allongani u sonu di una à chì i pricedi: mass [maːs], bath [baːθ], staff [staːf].

L' r, frà altru distinata à scumpariscia dopu vucali, impidisci u grandi spustamentu vucalicu intruducendu un schwa: door [door], clear [cliar].

Scumpariscini i soni [x] è [ç], fora di in prestiti com'è u scuzzesu loch [lɔx] o in i grecisimi (è.g. chemistry [ˈxeːmiztri] , . U gh chì i ripprisintava perdi ogni sonu incausendu l'allungamentu di a vucali pricidenti (bright, night) ([briçt] > [braɪt], [niçt] > [nait]) oppuri, spezii in fini di parola, diventa [f] (cough). Casu particulari hè u prunomu di prima parsona I, chì diriveghja da l'anticu igh (cfr. tedescu ich), ma in u passaghju da u Mediu inglesu à l'Inglesu mudernu, oltri à u grandi spustamentu vucalicu subitu da a vucali longa [iː], hà vistu cada ancu in a lingua scritta u digramma gh.

[hw] diventa [w] (fora di u Nordu) ma si manteni a grafia wh.

[j] tendi à fonda s'incù a cunsunanti pricidenti: ocean [ˈoːsjən] > [ˈoːʃən], measure [ˈmeːziər] > [ˈmeːʒər], futuri [ˈfjuːtər] > [ˈfjuːtʃər], è cetara.

Un di i fatti più impurtanti hè a scumparsa di l' r postvucalica. Quissa hè una carattaristica tipica di u Sudu, assenti sempri oghji da i Midlands versu u nordu è in Scozia. È assenti in i Stati Uniti fora di in u New England uriintali è in u Sudu.

Sustantivu[mudificà | edità a fonte]

U plurali in -s s'afferma dicisamenti. Fermani parechji formi incù umlaut (foot, feet) è parechji plurali in nasali (oxen).

Aghjittivi[mudificà | edità a fonte]

L'aghjittivi sò nurmalamenti invariabili, ma ci sò casi in i quali u genaru di a lingua antica si hè prisirvatu, par asempiu blond cambia à blonde incù sustantivi feminicci.

Verbi[mudificà | edità a fonte]

Diminuiscini nutevulamenti i verbi forti (oramai chjamati "irregulari"). Indrentu à 'ssa catiguria scumparisci à spessu a distinzioni trà priteritu è participiu passatu (cling, clung, clung).
U cunghjuntivu si riduci finu guasi à scumpariscia. In i rari casi in i quali hè adupratu hè indistinguibili da l'indicativu fora di i casi in i quali hà una forma diffarenti (terza pers. sing. adisinenziali [he do], forma be di u verbu essa).

A disinenza di a terza parsona singulari oscilla frà -(è)th (miridiunali) è (è)s (sittintriunali). Sarà st'ultima forma à privala finalmenti.

A forma prugrissiva (to be ...ing) diventa rigulari.

A custruzzioni to be + participiu passatu (I am com'è) diventa molta rara incù l'affirmazioni di to have in sta funzioni. Inoltri, à u priteritu, i verbi rigulari tarmineghjani incù u sonu [d], [t] o [id] (asempiu: "Danced" [t], "changed" [d], "Started" [id]).

Influenza di i lingui rumanichi annantu à l'inglesu[mudificà | edità a fonte]

A lingua germanica di l'isuli britannichi, ancu s'eddu hè difficiuli di parlà di un anticu inglesu unitariu, subì una nutevuli latinisazioni in dui fasi principali:

  1. l'arrivu di i monachi à u seguitu di Agostino di Canterbury (primatu di a Ghjesgia anglicana in 601)
  2. a scunfitta, in u 1066, di Aroldo II, ultimu rè anglusassonu, da parti di Guglielmu u Conquistadori, pratindenti à u tronu inglesu chì divastò è sprupriò tutti i terri è i bè di u paesi chì passàni à i vassalli è veschi nurmani à eddu fideli: stu mumentu terribuli, in u quali Wulfstan, l'arcivescu di York volsi veda a fini di u mondu ("Repent, for the Day of the Lord is at hand", "Pintiti vi, ch'è u Ghjornu di u Signori hè à i porti"), era distinatu à cambià par sempri u voltu di l'Isuli britannichi.

Mutazioni semantichi di i lemmi francesi[mudificà | edità a fonte]

Di solitu, quandu una parola straniera hè intrudutta in una lingua, subisci ciò ch'è Baugh è Cable,[2] adattendu un terminu da a butanica, chjamani "arrested development". In inglesu hè pussibuli truvà molti paroli francesi in a "forma" in a quali funi impurtati in Inghilterra à l'ebbica di u Medievu: si cunfronta default (in inglesu) incù défaut (in francesu), subject (in inglesu) incù sujet (in francesu). Si pò paragunà à u fattu chì dopu à un travasu, a pianta ùn cresci più par un certu periodu, mentri un'altra di listessa ità cuntinueghja à sviluppà si nurmalamenti: i paroli francesi, quandu ùn funi micca rimanighjati da l'umanisti in u XVI seculu ani dunqua cunsirvatu a "forma" incù a quali erani stati intrudutti in u Medievu in un cuntestu linguisticu à eddi stranieri.

À diffarenza di a forma, u significatu di i paroli impristati da u francesu (chì in Francia firmeti sustanzialamenti immutati), duviti inveci adattà si in l'inglesu à causa di a cuncurrenza di altri paroli anglusassoni incù listessu significatu: à spessu cambiendu lu, o incausendu l'estinzioni di u terminu. Cusì, par asempiu, mentri courir ùn fù micca accaticatu com'è run, i paroli chì si rifirìani à a vita di l'alta sucità (francofuna) succesini megliu, com'è court (francesu mudernu cour) è chivalry (sensu di cavaddaria). È dinò: par "porcu" esistini dui paroli diffarenti: pig hè a bestia viva, chì divintava pork quandu era cucinata da i ricchi nurmani (i paisani anglusassoni ùn pudiani micca permetta si di manghjà mori carri di porcu, parò l'addivavani par i prubitarii nurmani). Ma esistini parechji altri "coppii sinonimichi", in i quali u terminu currenti hè di radica germanica (anglusassona) mentri quiddu "altu" hà una radica latina (francesa). Si tratta di un finominu tipicu di a lingua inglesa, non certu limitatu à u duminiu alimintariu, ma stesu ancu à cuncetti metafisichi, induva l'accizioni elevata tendi sempri à sviluppà u terminu di radichi latinu-francesi (à diffarenza, par asempiu, di ciò chì avveni in tedescu). Ni sò asempii: - ox, cow, calf (boiu, vacca, viteddu); beef, carri di manzu (da u francesu boeuf, boiu); - time (tempu crunulogicu); tense (tempu grammaticali; da u francesu temps); - freedom (libartà); liberty (l'idea di libartà); - strength (forza); force (forza in fisica). In altri casi hè ancu difficiuli à truvà accizioni beddi distinti in i dui tarmini sinonimi, quiddu germanicu è quiddu latinu, com'eddu accadi par asempiu incù wedding, marriage, matrimony, espousal (matrimoniu).

Stu scenariu cumplessu in u quali i paroli di urighjina rumanza lottani par a sopravvivenza contru à quiddi anglusassoni, rifletti u cunflittu beddu più drammaticu trà civiltà anglusassona è nurmana: dopu u distaccu puliticu di l'Inghilterra da a Francia (in u XIII seculu) u francesu persi, parò, vigori: una tistimunianza ridicula ni hè u parsunaghju di a Monaca in i Canterbury Tales (I raconti di Canterbury), chì parla di manera maccaronica, pruvuchendu cusì l'ilarità di la ghjenti.

L'ità muderna[mudificà | edità a fonte]

Bon'parechjii funi i paroli eliminati sii in l'anglusassonu sii in u francu-nurmanu, par quantu in u lessicu l'avantaghju pendi nittamenti in favori di u mondu rumanzu par l'influenza asercitata da u pristigiu litterariu di u mondu rumanzu è dunqua da u Rinascimentu. In l'ità lisabettana si (ri) introdussini tarmini francesi in forma più muderna è molti lemmi taliani prima scunnisciuti (si pensa solu à l'influenza di i formi litterarii com'è u sunettu, a cummedia di l'arti, a musica taliana è a tragedia senechiana pruvinenti di mudeddi taliani). U tiatru lisabettanu sfruttò frà altru a prisenza di una cumpagnia numarosa di attori è littarati taliani.

L'ità cuntimpuranea[mudificà | edità a fonte]

Stu prucessu di trasfurmazioni hè sempri in corsu à i ghjorna d'oghji: i verbi irrigulari, influinzati da quiddi di urighjina rumanza, adoprani pocu à pocu -è, par u passatu è u participiu passatu (par asempiu burnt > burned è dreamt > dreamed) mentri i genitivi sassoni sò oramai usati in i formi più simplici: The Oxford Police (induva Oxford hè usatu com'è simpliciu aghjittivu) hè moltu più friquenti di Oxford's Police, è a -m di u dativu anglusassonu di whom (chì), hè oramai assenti in a cunvarsazioni infurmali. Tutti 'ssi finomini sò indicatori di u longu prucessu chì hà avvicinatu l'inglesu à u mondu rumanzu più ch'è tutti l'altri lingui germanichi, senza perda puri i qualità fundamintali chì da eddu a distinguiscini.

Funulugia[mudificà | edità a fonte]

Vucali[mudificà | edità a fonte]

I vucali di l'inglesu varieghjani moltu da dialettu à dialettu, par via di cunsiquenza, i vucali si poni trascriva incù simbuli diffarenti sicondu i diffarenti articulazioni.

Monuttonghi[mudificà | edità a fonte]

Monuttonghi di Received Pronuncia[3]
Antiriori Cintrali Pustiriori
longa brevi longa brevi longa brevi
Chjusa ɪː ɪ ɵː ɵ
Media ɛː ɛ ɜː ə
Aparta a (ʌ) ɑː ɔ
Monuttonghi di l'inglesu australianu
Antiriori Cintrali Pustiriori
longa brevi longa brevi longa brevi
Chjusa ɪ ʉː ʊ
Media e ɜː ə ɔ
Aparta æː æ a
UniversalEditButton.png

L'ortografia è a grammatica di 'ssu articulu devenu esse verificate. Ci pudete cuntribuisce.

Fonetica[mudificà | edità a fonte]

Lu sistema vocalico di l'AI cunsta di sette vocali, chì possonu esse brevi ò lunghe:

  • a (aperta se breve, chiusa se lunga)
  • æ ([æ] ò [æ:])
  • e ([?] se breve, [e:] se lunga)
  • i
  • o (aperta se breve, chiusa se lunga)
  • u ([?] ò [u:])
  • y (ai)

La lungura di le vocali ùn veniva indicata graficamente.

A partisce da lu X secolu le atone brevi a, e, o è u tendonu à cunfluisce in lu sonu indistintu schwa [?] così frequente in l'inglese mudernu.

Li dittonghi sò:

Tra le cunsonanti:

  • c rende li soni [k] (cynn, stirpe) è [t?] (c di cena) (spræc [spræt?], discorsu).
  • g può indicà li soni [j] (gêar, annu) ò [?] (gh) (dagas, ghjorni).
  • h rende li soni [h], [x] (fricativa sorda velare) ò [ç] (ted. ich).
  • ð è þ possonu rende indifferentemente li soni [ð] ò [?], esattamente comu th in l'inglese mudernu.
  • sc si leghjè [?] (sc di scena) (wascan ['wa?an], lavare).

sustantivi[mudificà | edità a fonte]

L'AI, à differenza di l'IM, possede una ricca flessione, sia nominale chì verbale. li ghjeneri sò tre, maschile, femminile è neutru.

Come in tedescu, lu nome in l'AI presenta quattru casi: nominativu, ghjenitivu, dativu, accusativu. Le classi di declinazione più frequenti sò tre:

  • Nomi maschili è neutri in -a-. Questa classe currisponde à li nomi indoeuropeani in -u-s, ghjerm. -a-z, lat. -u-s)
  • Nomi femminili in -u- (currispondenti à l'IE -a-, ghjerm -u, lat. -a)
  • Nomi maschili, femminili è neutri in nasale (ted. Name, Friede).

Altre declinazioni menu frequenti sò la atematica, quella in -r-, quella di li neutri cù plur. in -ru.

Declinazione in -a-, stân, masch., "petra"
sing. plur.
nom stân stân-as
ghjen stân-es stân-a
dat stân-e stân-um
acc stân stân-as
Declinazione in -a-, land, neutru, "terra"
sing. plur.
nom land land
ghjen land-es land-a
dat land-e land-um
acc land land
Declinazione in -u-, cearu, femm., "dolore"
sing. plur.
nom cear-u cear-a
ghjen cear-e cear-a
dat cear-e cear-um
acc cear-e cear-a'

I sustantivi atematici, masch. è femm., cambianu à lu plurale la vocale tematica in cunseguenza di un anticu umlaut: fôt, masch. "pede", plur. fêt.

Aghjèttivi[mudificà | edità a fonte]

L'aghjèttivi, secondu una caratteristica di le lingue ghjermaniche, segonu una declinazione forte, cù le desinenze di li pronumi, è una debule, cù le desinenze di li sustantivi in nasale. Un aghjèttivu segue la declinazione debule quandu hè precedutu da un articulu, un dimostrativu ò un possessivu, la forte In l'altri casi.

Pronumi personali[mudificà | edità a fonte]

Prima persona
sing. duale plur.
nom ic wit
ghjen mîn uncer ûre
dat unc ûs
acc unc ûs
seconda persona
sing. duale plur.
nom þû ghjt
ghjen þîn incer êower
dat þê inc êow
acc þê(c) inc(it) êow
Terza persona sing.
masch. femm. neutro
nom hêo hit
ghjen his hire his
dat him hire him
acc hine hî(e) hit
Terza persona plur.
tutti li ghjeneri
nom hî(e)
ghjen hira
dat him
acc

Articulu definitu[mudificà | edità a fonte]

L'articulu definitu si presenta in la forma per lu maschile, sêo per lu femminile, ðæt per lu neutru. Quest'ultima forma supravvive in l'IM the è that.

Articulu indefinitu[mudificà | edità a fonte]

L'articulu indefinitu ( ò indeterminativu) a\an hè invariabile. lu si usa dananzi à li sustantivi singolari numerabili

  • Si usa an dananzi á una parola chì inizia per sonu vocale, e.g. an eagle, an honor, an F major chord. L'usu tipicu si trova dananzi á una parola chì inizia per vocale ò "h" silente.
  • Si usa a dananzi á una parola chì inizia per sonu cunsonante, e.g. a cat, a house, a U-turn. L'usu tipicu si trova dananzi á una parola chì inizia per cunsonante ò "h" aspirata (che si cunsidera comu cunsonante).

Verbi[mudificà | edità a fonte]

Come in ghjene in le lingue ghjermaniche li verbi si dividonu in due categorie: forti è debuli. in li forti la vocale tematica muta passandu da lu presente à lu preteritu à lu participiu passatu è da lu singolà à lu plurale. P.es. da singan (cantare) si ha pret. sang, pret. plur. sungon, part. pass. ghjesunghjen. li verbi debuli formanu lu preteritu mediante le desinenze -ede, -ode, -de, -te. Esistonu varie iputesi nant'à l'orighjne di questa desinenza in dentale tipicamente ghjermanica. secondu certi autori deriveria da l'agglutinazione di lu verbu ghjermanicu per "fare" (qualcosa di lu tipu "I did changhje", "I changhje-did", "I changhjed"), secondu altri da la particella , "to".
li verbi forti, mondu numerosi in AI, tenderannu, cù lu passà di li secoli, in gran parte à scumparisce ò à cunfluisce in la più "regulare" declinazione forte. Quelli chì si sò mantenuti sò in effetti li verbi di usu più frequente, dunque menu propensi à venir "regularizzati".

Un esempiu di AI: lu Padre Nostru

Fæder ûre,
þû þe eart on heofonum,
sî þîn nama ghjehâlgod.
Tôbecume þîn rîce.
ghjewurþe ðîn willa on eorðan swâ swâ on heofonum.
Ûrne ghjedæghwâmlîcan hlâf syle ûs tô dæg.
And forgyf ûs ûre gyltas, swâ swâ wê forgyfað ûrum gyltendum.
And ne ghjelæd þû ûs on costnunghje,
ac âlys ûs of yfele.
Sôþlîce.

Mediu Inglese (MI)[mudificà | edità a fonte]

Template:Vedi anche Lu Mediu inglese, ò Middle English, hè lu nome datu à la lingua storica chì ha comu orighjne le diverse forme di inglese parlatu in lu periodu cumpresu tra l'invasione normanna è lu tardu Rinascimentu inglese. Grazie à ghjeoffrey Chaucer lu Mediu inglese emerse comu una lingua letteraria, suprattuttu grazie à la so´ più celebre opera, li Canterbury Tales.

Con ghjovanni Senzaterra pressoché tutti li possedimenti francesi andarunu perduti (tranne le Isole di lu Canale, ultimu brandellu di lu Ducatu di Normandia). à partisce da la Guerra di li Cent'Anni li legami cù la Francia, quindi, si affievolironu. lu vecchju proverbiu "Jack wold be à ghjentilman if he cold speke Frensk" cominciò à perde mondu di lu so' significatu. In Inghilterra cominciò à delineà si un novu standard, basatu nant'à lu dialettu di Londra è di le Home Countes.

Inglese mudernu[mudificà | edità a fonte]

L'introduzione di la stampa in Inghilterra á opera di William Caxton in lu 1476 cuntribuì à la fissazione di l'ortografia ma, vistu chì ebbe locu prima chì si cuncludesse lu Great Vowel Shift, determinò lu primu grande divariu tra scrittura è pronuncia.
dopu à la nascita di la chjesa d'Inghilterra nacque l'esighjenza di una versione inglese di la Bibbia. in lu 1611 fu data à le stampe l'Authorized Version. La stampa, la Riforma è l'affermazione di lu cetu mediu ("middle class") ebberu comu cunseguenza la diffusione di quella chì si andava affermandu comu lingua standard.

L'espansione coloniale di l'Inghilterra diffuse la lingua in vasti territori di l'America di lu Nord, di l'Africa, di l'Asia è di l'uceania.
L'indipendenza di li Stati Uniti currispose à la formazione di una varietà d'inglese, diversa dallu standard britannicu, chì si saria affermata à livellu mondiale in lu XX secolu.

lu Grande Spostamentu Vocalicu (Great Vowel Shift)[mudificà | edità a fonte]

Lu grande spostamentu vocalicu ò Great Vowel Shift (GVS) hè la più importante alterazione fonetica di la storia di la lingua inglese. Si può affermà chì ellu portò l'inglese à la so´ pronuncia attuale. lu GVS ùn ebbe locu in la stessa epoca in le diverse reghjoni (in alcune, particularmente à lu Nord, hè assente in le parlate locali à lu ghjornu d'oghji); si può cumunque porre lu so' iniziu à lu XV secolu è cunsiderà lu cumpiutu à la fine di lu XVI.

Lu GVS riguarda le vocali lunghe:

Altri fatti fonetichi[mudificà | edità a fonte]

Tra li dittonghi [iu] è [?u] cunfluiscunu in [ju:] (mute). [ju:] tende à semplificà si in [u:] dopu à l, r, [t?] è [d?] (rude, chew, June pronunciati comu rood, chou, joon).
[au] passa à [?:] (law).

Le spiranti allunganu lu sonu di una a chì le preceda: mass [ma:s], bath [ba:?], staff [sta:f].

La r, peraltru destinata à scumparisce dopu à vocale, impedisce lu GVS introducendu unu schwa: door [do?], clear [kli?].

Scumpaionu li soni [x] è [ç], tranne in prestiti comu lu scozzese loch [lox] ò in li grecismi (e.g. chemistry [xemiztri] , . lu gh chì li rappresentava perde ogni sonu causandu l'allungamentu di la vocale precedente (bright, night) ([briçt] > [brait], [niçt] > [nait]) oppure, specie in fine di parola, diventa [f] (cough). Casu particulà hè lu pronume di prima persona I, chì deriva da l'anticu *igh (cfr. tedescu ich), ma in lu passaghjiu da lu MI à l'Inglese mudernu, oltre à lu GVS subitu da la vocale longa [i:], ha vistu cade pure in la lingua scritta lu digramma gh.

[hw] diventa [w] (tranne chì à lu Nord) ma si mantene la grafia wh.

[j] tende à fonde si cù la cunsonante precedente: ocean ['o:sj?n] > ['o:??n], measure ['m?zj?r] > ['m???], future ['fju:tjur] > ['fju:t??], etc.

Unu di li fatti più importanti hè la scumparsa di la r postvocalica. Questa hè una caratteristica tipica di lu Sud, assente ancor oghji da li Midlands versu nordu è in Scozia. hè assente In l'Stati Uniti tranne in lu New England urientale è in lu Sud.

sustantivu[mudificà | edità a fonte]

Lu plurale in -s si afferma decisamente. Restanu certe forme cù umlaut (foot, feet) è certi plurali in nasale (oxen).

Aghjèttivi[mudificà | edità a fonte]

L'aghjèttivi sò normalmente invariabili, ma ci sò casi in cui lu ghjene di la lingua antica si hè preservatu, e.g. blond cambia à blonde cù sustantivi femminili.

Verbi[mudificà | edità a fonte]

Diminuiscunu notevolmente li verbi forti (ormai chjamati "irregulari"). à l'internu di questa categoria scumpà spessu la distinzione tra preteritu è participiu passatu (cling, clung, clung).
Lu conghjuntivu si riduce fin quasi à scumparire. in li rari casi in cui hè impiegatu hè indistinguibile da l'indicativu tranne in li casi in cui ha una forma diversa (terza pers. sing. adesinenziale [he du], forma be di lu verbu essere).

La desinenza di la terza persona singolà oscilla fra -(e)th (meridionale) è (e)s (settentriunale). Sarà quest'ultima forma à prevalere.

La forma progressiva (tu be ...ing) diventa regulare.

La costruzione tu be + participiu passatu (I am come) diventa mondu rara cù l'affermazione di tu have in questa funzione.

Ci sò quattru tipi di tempi fondamentali:

  • present simple
  • past simple
  • present cuntinous
  • future

facciamu di li esempi per ogni tipu di tempo

  • present simple: I gu tu the cinema ("iu vadu à lu cinema")
  • past simple: I worked here ("iu travagliavo/lavorai qui")
  • present cuntinos: I'm studying English ("stu studiandu inglese")
  • future: I'm going tu see the British museum ("andrò à vede lu British museum")

Influenza di le lingue rumanze nant'à l'inglese[mudificà | edità a fonte]

Template:Vedi anche La lingua ghjermanica di le isole britanniche, per quantu sia difficile parlà di un anticu inglese unitariu, subì una notevole latinizzazione in quattru fasi principali:

  1. la cunquista di le Gallie è di parte di la Gran Bretagna da parte di Cesà (55-54 a.C.);
  2. la missione apostolica di San Patriziu (370-461) in Irlanda;
  3. l'arrivu di li monaci à lu seguitu di Agostinu di Canterbury (primate di la chjesa anglicana in lu 601)
  4. la scunfitta, in lu 1066, di Aroldu II, ultimu re anglosassone, da parte di Guglielmu lu cunquistatore, pretendente à lu trunu inglese chì devastò é espropriò tutte le terre è li beni di lu paese chì passarunu à li vassalli è vescovi normanni à ellu fedeli: questu momentu terribile, in cui Wulfstan, l'arcivescovu di York volle vede la fine di lu mondu ("Repent, for the Day of the Lord is at hand", "Pentitevi, ché lu ghjornu di lu Signore hè à le porte"), era destinatu à cambià per sempre lu voltu di le Isole britanniche.

Mutazioni semantiche di li lemmi francesi[mudificà | edità a fonte]

Template:Vedi anche Di solitu, quandu una parola straniera hè introdotta in una lingua ella subisce ciò chì Baugh è Cable,[4] adattandu un termine da la botanica, chjamanu "arrested development". In inglese hè possibile trovà parechje parole francesi in la "forma" in cui furunu importate in Inghilterra in lu medioevu: si cunfrunti en. default cù fr. défaut, en. subject cù fr. sujet. dopu à un travasu, la pianta ùn cresce più per un certu periodu, mentre un'altra di la stessa età cuntinua à sviluppà si normalmente: le parole francesi, quandu ùn rimaneghjiate da l´umanisti in lu XVI secolu hanu dunque cunservatu la "forma" cù la quale eranu state introdotte in lu medioevu in quantu isulate in un cuntestu linguisticu à loru estraneu.

A differenza di la forma, lu significatu di le parole mutuate di lu francese (che in Francia rimase sustanzialmente immutatu), dovette invece adattà si in l'inglese à causa di la cuncurrenza di altre parole anglosassoni cù lu stessu significatu: suventi cambiandolu, ò portandu à l'estinzione di lu termine. Così, á esempiu, mentre courir ùn attecchì per la maghjiore frequenza di run, le parole chì si riferivanu à la vita di l'alta società (francofona) ebberu la megliu, comu court (fr. mudernu cour) è chivalry (sensu di cavalleria) é ancora: per "maiale" esistonu due parole diverse: pig hè la bestia viva, chì diventava pork quandu era cucinata da li ricchi normanni (i cuntadini locali ùn putevanu permette si di manghjà carne).

Questu cumplessu scenariu in cui le parole di orighjne rumanza lottanu per la supravvivenza cuntru quelle anglosassoni, riflette lu cunflittu ben più drammaticu tra civiltà anglusassone è normanna: dopu à lu distaccu puliticu di l'Inghilterra da la Francia (XIII sec) lu francese perse, però, vigore: spassusa testimonianza ne hè lu personaghjiu di la Monaca in li Canterbury Tales (I raccunti di Canterbury), chì parla maccheronicamente provocandu l'ilarità di la ghjente.

L'età muderna[mudificà | edità a fonte]

Diverse furunu le parole eliminate sia in l'angoslassone sia in lu francu-normannu, per quantu in lu lessicu lu vantaghjiu penda nettamente in favore di lu mondu rumanzu per l'influenza esercitata da lu prestighju letterariu di lu mondu rumanzu è dunque da lu Rinascimentu. in l'età elisabettiana si (re)introdusseru termini francesi in forma più muderna è parechji lemmi italiani prima incogniti (si pensi solu à l'influenza di le forme letterarie comu lu sonettu, la cummedia di l'arte, la musica italiana è la traghjedia senechjana mutuate nant'à mudelli italiani). lu teatru elisabettianu sfruttò tra l'altru la presenza di una folta cumpagnia di attori è letterati italiani.

L'età cuntemporanea[mudificà | edità a fonte]

Questu prucessu di trasformazione hè ancora in corsu à lu ghjornu d'oghji: li verbi irregulari, influenzati da quelli di orighjne rumanza, stannu assumendu pocu à pocu la -ed, per lu passatu è lu participiu passatu (ad es. burnt > burned è dreamt > dreamed) mentre li ghjenitivi sassoni sò ormai usati in le forme più semplici: The Oxford pulice (in cui Oxford hè usatu comu semplice aghjèttivu) hè mondu più frequente di Oxford's pulice, è la -m di lu dativu anglosassone di whom (chi), hè ormai assente in la cunversazione informale. Tutti fenumeni indicatori di lu longu prucessu chì ha avvicinatu l'inglese à lu mondu rumanzu più di tutte le altre lingue ghjermaniche, senza tuttavia perde le qualità fondamentali chì da ellu la distingonu.

L'inglese cuntemporaneu[mudificà | edità a fonte]

lu standard britannicu[mudificà | edità a fonte]

La pronuncia di l'inglese standard britannicu hè caratterizzata comu segue:

  • È una pronuncia non-rotica, cioè la r ùn hè mai pronunciata dopu à una vocale à menu chì ùn segua un'altra vocale (anche iniziale di una parola successiva).
  • La l hè velarizzata in fine di sillaba (mill [mi?]), chjara in tutte le altre posizioni.
  • Micca c'è distinzione tra w è wh [w].
  • La o longa si pronuncia comu unu schwa seguitu da /u/ [?u]
  • La u breve (but) ha un sonu mondu apertu, praticamente [a].

Varietà dialettali[mudificà | edità a fonte]

Per ascoltà è paragonà comu si pronuncianu le stesse parole in li vari accenti reghjonali è internaziunali di l'inglese, si può cunsultà la paghjna Sound cumparisons di l'Università di Edimburgu.

La pronuncia dialettale settentriunale (dallu Staffordshire, Leicestershisce è Lincolnshisce versu nord) hè caratterizzata da li seguenti fatti fonetichi.

  • Una vocale derivata da â di l'AI si pronuncia [i?]: stone [sti?n].
  • Lu gruppu wh hè ghjeneralmente pronunciatu [hw].
  • La pronuncia hè rotica (r pronunciata in tutte le posizioni).

Nel Sud

  • h ghjeneralmente ùn hè pronunciata.
  • I dialetti uccidentali (Dorset, Somerset, Devon) sò rotichi è cunservanu la desinenza -eth à la terza persona sing. di li verbi.
  • Nei dialetti urientali (Kent, Dorset) le fricative sorde in iniziu di parola sò sonorizzate: farm [va:m], sea [zi:].

L'inglese d'Irlanda (Hibernu English)[mudificà | edità a fonte]

L'Irlanda si può suddividere, da lu puntu di vista linguisticu in tre aree:

  • La costa urientale, cù Dublinu à lu centru, in cui l'inglese si hè affermatu ghjà in lu XVII secolu. L'inglese parlatu in questa reghjone, denuminatu English Pale, cunserva parechji di li tratti portati in l'isula da li coloni inglesi.
  • Tra le due si trova l'area centrale, in cui l'inglese si hè affermatu tra lu XVII è lu XX secolu.

L'inglese parlatu in Irlanda, specialmente lu Pale, ha subitu poche variazioni à livellu di pronuncia mantenendusi per certi aspetti mondu cunservativu. Perfinu à lu ghjornu d'oghji l'influssu di lu standard britannicu ùn si fa sentisce mondu fori di Dublinu.

A livellu foneticu l'inglese d'Irlanda hè caratterizzatu da li seguenti fenumeni:

  • I dittonghi [ai] è [?i] tendonu à cunfondersi, è si realizzanu, à seconda di la reghjone, comu [?i] ò [ai].
  • La r si pronuncia sempre.
  • La l hè sempre chjara, mai velarizzata.
  • [?] tende à diventà [t] è [ð] [d]. ùn si distingonu parole comu thorn è torn, then è den.
  • [s] è [z] dananzi à cunsonante venenu spessu realizzate comu "sh" [?] è "zh" [?], specialmente à lu sud. Fist si leghjè "fisht".

Nel lessicu si riscuntranu termini peculiari di orighjne gaelica, p.es. slean, vanga.

Lu termine Hiberno deriva da lu nome latinu di l'isula, Hibernia, da Hibernus, "inverno", ovveru "terra dove hè sempre inverno".

Premii Nobel par a litteratura di lingua inglesa[mudificà | edità a fonte]

Altre varietà[mudificà | edità a fonte]

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. Shakespeare's Works and Elizabethan Pronunciation, Oxford, Clarendon Press, 1981.
  2. Baugh, A. è Cable, Th. A History of the English Language. London, Routledge & Kegan Paul, 1978.
  3. Roach, op. cit., p. 242
  4. Baugh, A. è Cable, Th. A History of the English Languaghje. London, Routledghje & Kegan Paul, 1978.

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]

  • Fausto Cercignani. Shakespeare's Works and Elizabethan Pronunciation, Oxford, Clarendon Press, 1981.
  • Dobson, E. J. English Pronunciation 1500-1700, 2 ed. 2 vols, Oxford, Clarendon Press, 1968.
  • (in inglesu) Bryan Garner, Dictionary of Modern Legal Usage, Oxford, Oxford University Press.
  • Maria Fraddosio, ELS: English for Law Students, Napoli, Edizioni Giuridiche Simone, 2004.
  • Barbieri G. – Codeluppi L., How to Tackle Readings in Business and Economics , Milano, LED Edizioni Universitarie, 1993, ISBN 88-7916-033-8
  • Derouaux A.C., Guidebook to Translating from Italian into English, Milano, LED Edizioni Universitarie, 1991, ISBN 88-7916-001-X
  • Roach, Peter (2004). British English: Received Pronunciation. Journal of the International Phonetic Association 34 (2): 239–245. DOI:10.1017/S0025100304001768.

Voci currelate[mudificà | edità a fonte]

Altri proghjetti[mudificà | edità a fonte]

cullegamenti esterni[mudificà | edità a fonte]


Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]