Lingua di diavulu

À prupositu di Wikipedia
(Reindirizzamento da Serapias cordigera)
Jump to navigation Jump to search
A lingua di diavulu
Serapias cordigera.jpg
Serapias cordigera
Classificazione scentifica
Regnu Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classa Magnoliopsida
Ordine Asparagales
Famiglia Orchidaceae
Generu Serapias
Nome binuminale
Serapias cordigera
Aiton, 1753

A Lingua di diavulu (o Lingua di diavuli) (Serapias cordigera) hè un fiore chì face parte di a famiglia di l'Orchidaceae. U nome scentificu deriveghja da a latinu cor = core è gerere = purtà, incù un rifirimentu à a morfulugia coriforme di l'epichilu di u labellu di u fiore.

Descrizzione[mudificà | edità a fonte]

Ditagliu di u fiore

A lingua di diavulu hè una pianta erbacea bulbosa, incù fustu altu 20-50 cm, verde in fondu è russicciu in testa. L'apparatu radicale hè custituitu da 2, in rari casi 3, rizotuberi. E foglie, lineare o lungarine, sò di culore verde incù striature viulacee. E brattee sò argintine incù vinature purpurine. I fiori, da 5 à 10, rossu-brunastri, sò raggruppati in un'infiuriscenza densa. I sipali è i petali sò uniti è formanu un elmu chì fascia guasi cumplittamente a basa di u labellu; quellu hè bipartitu in un ipochilu guasi cumplittmente cupartu da l'elmu tipalicu, dutatu di duie callusità basale lucide, purpureu-nirastre, divergente, è un epichilu largu (19-32 mm x 12-23 mm), à forma di core, rivoltu versu u bassu, incù una parte cintrale assai pilosa.

Fiurisce da aprile à ghjugnu.

Distribuzione è ambiente[mudificà | edità a fonte]

A lingua di diavulu hà un areale atlanticu-mediterraniu, chì si stende da a penisula iberica è da u nordu Africa sinu à a Turchia. Hè abbastanza prisente in Corsica. In Italia si trova soprattuttu in l'arie custiere tirreniche è annantu à l'isule. Hè rara annantu à u virsante adriaticu, eccittuatu in Puglia induve ellu hè abbastanza cumunu[1]. Hè incerta a prisenza in Sicilia [2]. In Francia cuntinentale, si trova in Pruvenza.

A lingua di diavulu si trova in i prati umiti, in l'ulivete, in e castagnete è in e quercete, sinu à 1100 m d'altitudine.

Ripruduzione[mudificà | edità a fonte]

Com'è a maiò parte di e spezie di Serapias si riproduce per impullinazione entumofila grazia à l'opera di l'insetti pronubi chì si cullocanu à l'internu di l'elmu tipalicu.

Tassunumia[mudificà | edità a fonte]

A spezia appartene à u gruppu Serapias vomeracea (sezzione Bilamellaria).

U numeru cromusomicu di a lingua di diavulu hè 2n=36.

Ibridi[mudificà | edità a fonte]

Serapias cordigera pò dà vita à ibridi incù altre spezie di Serapias trà e quale [3]:

  • Serapias x ambigua Rouy ex E.G.Camus (1892) (S. cordigera x S. lingua)
  • Serapias x godferyi A. Camus (1926) (S. cordigera x S.neglecta)
  • Serapias x gennaioi A. Turcu & P.Medagli (2011) (S. cordigera x Serapias orientalis apulica)
  • Serapias x halacsyana Soó (1931) (S. cordigera x S. bergonii)
  • Serapias x kelleri A.Camus (1926) (S. cordigera x S. vomeracea)
  • Serapias x provincialis H. Baumann & Künkele, (1989) (S. cordigera x S. olbia)
  • Serapias x rainei E.G. Camus (S. cordigera x S. parviflora)

Hè statu inoltre discrittu un ibridu intergenericu incù u generu Anacamptis:

  • x Serapicamptis debeauxii (E.G.Camus) J.M.H.Shaw, 2005 (A. papilionacea x S. cordigera)

Spezia simile[mudificà | edità a fonte]

A lingua di diavulu si sceglie da Serapias neglecta per via di a culurazione più scura ch'è u labellu è per l'ipochilu guasi cumplittamente cupartu da l'elmu tipalicu.

Prutezzione[mudificà | edità a fonte]

Com'è tutte l'urchidee, a lingua di diavulu hè prutetta da a cunvinzione internaziunale di Washington (CITES) chì interdisce u cummerciu di e spezie di fauna è di flora minacciate di sparizione.

In Corsica[mudificà | edità a fonte]

A lingua di diavulu hè cumuna in Corsica.

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. GIROS 2009, op. cit., p.152
  2. Delforge 2006, op. cit., p.264
  3. Serapias: World checklist of selected plant families, The Board of Trustees of the Royal Botanic Gardens, Kew.

Referenze[mudificà | edità a fonte]

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]