Minossu

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
Minossu, in l'intarpritazioni di Michelangelu Buonarroti, da u ditagliu di u Ghjudiziu Univirsali in a Cappedda Sistina, rapprisintatu com'hè ghjudici infernali.

Minossu hè un parsunaghju di a mitulugia greca, figliu di Zeus è di Auropa. Minossu fù un rè ghjustu è savviu di Creta. Par quistu mutivu, dopu a so morti, diventa unu di i ghjudici di l' inferni, incù Eacu è Radamantu. In i miti attici inveci hè dipintu com'è estremamenti tirannicu è crudeli. Si conta chì, in seguitu à a morti di u rè Asterioni, patri aduttivu di Minossu, eddu custruì un altari à Poseidonu in ribba à u mari, par dimustrà u so drittu à a succissioni à u tronu. Minossu prigò Poseidonu di invià li un toru par u sacrifiziu è u diu l'esaudì. Ma Minossu ùn sacrificò l'animali, postu ch'è era moltu beddu. Poseidonu, adiratu, feci innamurà di u toru Pasifae, a moglia di Minossu. Da st'unioni nascì u Minotauru, mezu omu è mezu toru. Minossu incaricò dunqua Dedalu di custruiscia un labirintu in u quali nasconda u mostru. Minossu ebbi ottu figli da Pasifae: Catreu, Deucalioni, Glaucu, Androgeu, Acalla, Senodici, Arianna, Fedra. Ebbi inoltri Eussantiu da Dessitea, mentri da a ninfa Paria ebbi Filolau, Crisi, Eurimedonti è Nefalioni. U regnu di Minossu fù carattarizatu da ampii scontri incù i populi vicini, chì eddu riiscì à assughjittà. Cumbattì ancu contr'è Nisu, rè di Megara, chì t'avia un capeddu d'oru à u quali era liata a sorti di a so vita è di a so putenza. A figlia di Nisu, Scidda, si innamurò à u prima istanti di Minossu hè ùn esitò à introducia si di notti in a camara di u patri par taglià li u capeddu d'oru. Andò in seguitu da Minossu uffrendu li i chjavi di Megara è chirendu li di spusà la. Minossu cunquistò Megara ma ricusò di purtà incun eddu à Creta a parricida chì, presa da u scunfortu, si ghjittò in mari è annigò. Minossu attaccò ancu Atena, in seguitu à l'assassiniu di u figliu Androgeu incausatu da u rè Egeu. Scunfitti l'atinesi, Minossu chersi ad eddi in tributu a cunsegna ogni novi anni di setti ziteddi masci è setti ziteddi femini, chì erani dati in pastu à u Minotauru. Tali sacrifiziu cissò solu grazia à l'intarventu di Teseiu, chì incù l'aiutu di Arianna, riiscì à uccida u Minotauru. Sicondu u mitu Minossu fù uccisu in una vasca da bagnu in Sicilia mentri era ospiti in a rocca di u rè sicanu Cocalu. U racontu hè statu ripresu da Diodoru Siculu in a Bibbiuteca storica chì narra com'hè a so lighjindaria tomba si truvava in sottu à un tempiu di Afroditi è com'è Teroni di Akragas avia accupatu quist'arghja sacra incù u prupositu ufficiali di vindicà l’uccisioni di u rè critesu.

Da veda[mudificà | edità a fonte]