Minotauru

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca

U Minotauru (Μινώταυρος) hè una figura di a mitulugia greca. Hè un èssaru mostruosu è feroci, mità omu è mità toru. Era figliu di u Toru di Creta è di Pasifae, righjina di Creta. U so nomu probiu hè Asteriu o Asterionu.

Mitu grecu: l'impresa di Teseiu contr'è u Minotauru[mudificà | edità a fonte]

Minossu, rè di Creta, prigò Poseidonu,u diu di u mari, di invià li un toru com'è simbulu di l'apprizzamentu di i dii versu eddu in qualità di suvranu, prumittendu di sacrificà lu in onori di u diu. Poseidonu accunsintì è li mandò un biddissimu è putenti toru biancu di gran valori. Vista a biddezza di l'animali, parò, Minossu dicisi di tena lu par i so mandrii è ni sacrificò un antru. Poseidonu tandu, par puniscia lu, feci innamurà pirdutamenti Pasifae, moglia di Minossu, di u toru stessu. Nonostanti eddu fussi un animali ed edda una donna, Pasifae disidarava ardentamenti accuppià si incun eddu, è vulia à tutti i costi suddisfà u so probiu desideriu carnali. Ci riiscì nascundendu si drentu una ghjuvenca di legnu custruita par edda da un artista di corti, Dedalu.

Da l'unioni mostruosa nascì u Minotauru, tarmini chì unisci, par appuntu, u prefissu "minos" (chì sicondu i critesi significava rè) incù u suffissu "taurus" (chì significheghja toru). U Minotauru avia u corpu umanoidi è bipedi, ma avia zòcculi, piddiccia buina, coda è testa di toru. Era salvaticu è feroci, parchì a so menti era cumplitamenti duminata da u stintu animali, avendu a testa, è cusì u ciarbeddu, di una bestia.

Minossu feci rinchjuda u Minotauru in u Labirintu di Cnossu custruitu da Dedalu. Quandu Androgeu, figliu di Minossu, murì uccisu da uni pochi d'atinesi infuriati parchì avia vintu troppu à i so ghjochi disunurendu li, Minossu dicisi, par vindicà si ch'è a cità di Atena, sottumissa tandu à Creta, divia invià ogni novi anni setti ziteddi masci è setti ziteddi femini da offra in pastu à u Minotauru, chì si cibava di carri umana. Tandu Teseiu, eroi è figliu di u rè atinesi Egeu, si uffrì di fà parti di i ghjovani par scunfighja u Minotauru. Arianna, figlia di Minossu è Pasifae, si innamurò di eddu.

À a piccula intrata di u labirintu, Arianna deti à Teseiu u celebru "filu d'Arianna", un ghjummeddu (di filu rossu, rializatu da Dedalu) chì l'avaristi parmissu di ùn perda si una volta intrutu drentu. Quandu Teseiu ghjunsi innanzi à u Minotauru, l'affruntò è l'uccisi incù a spada (sicondu altri, attesi ch'eddu si addurmintessi è po u pugnalò, mentri altri virsioni rapportani com'è a peddi di u Minotauru era invulnerabili, mentri u corru di u Minotauru parfuressi ogni armatura, quindi Teseiu usò a so spada par staccà un corru di u Minotauru è incù quistu u trapassò).

Isciutu da u labirintu, Teseiu salpò incù Arianna à a volta di Atena, muntendu veli bianchi in segnu di vittoria. Più dopu, parò, abbandunò a zitedda durmenti annantu à l'isula diserta di Nassu. U mutivu di tali attu è contruversu. Si dici chì l’eroi si saria invaghitu di un'antra o chì si sintia in imbarazzu à vultà in a so patria incù a figlia di u numicu, oppuri chì vensi intimuritu da Dionisu chì, in sognu, l'intimò di lascià la quà, par dopu raghjunghja la ancora durmenti è fà ni a so sposa. Arianna, rimasta sola, iniziò à pienghja, finch'è apparischi à a so prisenza u diu Dionisu, chì par cunfurtà la li dunò una maravigliosa curona d'oru, opara di Efestu, chì fù dopu, à a so morti, mutata da u diu in una custiddazioni splindenti: a custiddazioni di a Curona.

Poseidonu, adiratu contr'è Teseiu, inviò una timpesta chì squarciò i veli bianchi di a navi, custringhjendu l'eroi atinesi à sustituiscia li incù quiddi neri (parò spessu in i varii virsioni a so matri Etra avia avutu un rapportu sissuali incù Poseidonu, quindi in quisti virsioni ancu Poseidonu saristi patri di Teseiu è parciò ùn l'avaristi mai ostaculatu); altri virsioni contani chì par via di l'eccitazioni di a vittoria eddu si sminticò di issà i veli bianchi, oppuri li fù annibbiata a mimoria da i dii com'è punizioni par avè abbandunatu à Arianna. Infatti à Teseiu, prima di parta, fù ricumandatu da u so patri Egeu di purtà dui gruppi di veli, è di muntà à u ritornu i veli bianchi in casu di vittoria, mentri, in casu di scunfitta, avaristi duvutu issà quiddi neri. Egeu, videndu à l'orizonti i veli neri, criditi chì u so figliu fussi statu divuratu da u Minotauru è si ghjittò addispiratu in mari, chì da u so nomu fù chjamatu dopu mari di Egeu, veni à dì Mar'Egeu.

Daretu u mitu si piattanu ancu particulari significati chì i Grechi attribuiscìani à parechji elementi di u racontu. Par asempiu, u tarmini Minossu, attribuitu à u rè di Creta, hè disignatu da parechji studii non com'è u nomu di u solu rè di Cnossu, ma com'è u tarmini genericamenti utilizatu par indicà "i suvrani" in tutta l'isula di Creta. Daretu à u parsunaghju di u Minotauru si stima a divinisazioni di u toru da parti di i Grechi, mentri u starminatu Labirintu di Cnossu hè simbulu di u stupori pruvatu da i Grechi à quandu vistu l'immensi custruzzioni Critesi. À a vittoria di Teseiu si attribuisci inveci l'iniziu di u predominiu di i Grechi annantu à u mar'Egeu. À u cuntrariu, Felici Vinci susteni, in u u so Omeru in u Balticu, chì u mitu di Teseiu è Arianna sii urighjinariu non di a Creta egea, ma di a a so currispundenti terra baltica, idantificata incù a Pomerania. L'autori indicheghja com'è riscontru a prisenza, di fronti à quist'ultima, di l'isula di Bornholm, currispundenti à Nassu, è di a costa di a Scania, induva inveci fù ricullucata Atena.