Cesare Borgia

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

Cesare Borgia[1], dettu u Valentinu (Subiaco, 13 sittembre 1475 - Viana, 12 marzu 1507), hè statu un cunduttiere, cardinale è puliticante talianu, figliolu illegittimu di u papa Lisandru VI. Fù una di e più figure contruverse di u Rinascimentu talianu.

Dapoi a prima età Cesare fù destinatu à a carriera ecclesiastica da u babbu cardinale. À l'iniziu feci i so studii à l'Università di i Studii di Perugia, è dopu studiò a teulugia à Pisa. Quand'ellu ottensi i so esamini, u so babbu diventatu papa u feci elevà à u rangu di cardinale.

In seguitu à a morte di u so fratellu Ghjuvanni duca di Gandia, turrò à u statu laicu. Circò di spusà in un prima tempu a figliola di u rè di Napuli, per cuntinuà a pulitica filoaragunese di u Papa. Ma in seguitu spusò a principessa francese Charlotte d'Albret, ottinendu tandu u titulu di duca di u Valentinois. Grazia à ste nozze, Cesare è Lisandru VI s'allionu à u rè Luigi XII di Francia riguardu à e so rivendicazione in territoriu talianu.

Cesare Borgia guidò l'armata francese à a cunquista di u ducatu di Milanu è incù l'appoghju di u papa iniziò a ricunquista di i territoriu di a Rumagna, battendu i signurotti lucali, frà i quale Catalina Sforza, ricivendu in seguitu da u babbu u titulu di duca di Rumagna. Invasi dopu u regnu di Napuli guidendu e truppe francese. In u 1502 righjuntu prestu un grande putere puliticu, riiscì à difende si da a cuspirazione di a Magione, incausendu per ingannu i traditori è fendu li strangulà à Senigallia. 'Ssa vindetta culpì assai l'opinione publica, tantu chì Niccolò Machjavelli a citò ne U Principe, un libru ch'ellu scrissi, basendu si annantu à a figura di u Valentinu.

Dopu à a morte di Lisandru VI, Cesare riiscì à fà eleghje papa Pio III, chì però murì pocu dopu. In seguitu, fù elettu papa Ghjuliu II chì tolsi à u duca u guvernu di a Rumagna, urdinò u so arrestu è a so riclusione in Castel Sant'Anghjulu. Dopu à esse evaso, si rifughjò à Napuli, induv'ellu fù arristatu è cunduttu in Spagna, induv'ellu fù incarceratu annantu à ordine di u rè. Dopu à una rucambulesca evasione si ricò ind'è u cugnatu Ghjuvanni III d'Albret, rè di Navarra. Morsi in u 1507 à Viana, mentre assidiava l'armata ribella di u conte de Lerín.

Biografia[mudificà | edità a fonte]

Ghjuventù è vita ecclesiastica[mudificà | edità a fonte]

Pussibile ritrattu di Cesare quand'ellu studiava in Perugia, realizatu da u Pinturicchio.[2]

Cesare Borgia nascì in a rocca abbaziale di Subiaco u 13 sittembre di u 1475, primugenitu di u cardinale valencianu Rodrigo Llançol Borgia, nipote di papa Callistu III, è di a so amante Vannozza Cattanei, chì da ellu, in più di Cesare, ebbe Ghjuvanni, Lucrezia è Goffredo.

Cesare fù spintu versu a carriera ecclesiastica da u babbu. Rodrigo vulia ch'è Cesare ricevissi una furmazione culturale adatta à a carriera ecclesiastica. In u 1489 fù inviatu à studià à l'Università di Perugia, induv'ellu firmò dui anni. In u 1491 si cullucò in Pisa per suvità a laurea in drittu à a Sapienza, induv'ellu insignava drittu canonicu u rinumatu ghjuristu Filippo Decio. Mentre l'anni di studiu vissi cum'è un gran' principe. A so cumpagnia era cumposta per u più di spagnoli. Era statu prisintatu à Lurenzu de Medici è era in stretti rapporti incù parechji membri di a so famiglia. Un cullega di soiu à l'università pisanu era Ghjuvanni de Medici, u so coetanu, ma più avanzatu in a carriera ecclesiastica, apposta ch'ellu era dighjà cardinale è futuru papa Lione X. In u periodu di residenza à Pisa ricevì a nutizia chì inghjennò una svolta decisiva in a so vita : u 11 aostu 1492 Rodrigo Borgia era statu elettu Papa, incù u nome di Lisandru VI.

Senza ch'ellu avissi mai ricivutu l'ordini sacerdutali, u babbu, in u 1491, u feci numinà vescu di Pamplona è in u 1492 arcivescu di Valencia, arcidiocesi chì era dighjà stata a soia è ancu prima di u so ziu Callistu III. Di l'arcivescuvatu però Cesare ùn presi mai pussessu, per via di a guasi immediata designazione cum'è cardinale u 20 sittembre 1493, è in u 1495 cum'è guvernadore generale è legatu d'Orvieto.

In seguitu à l'omicidiu di u fratellu Ghjuvanni, duca di Gandia carissimu à u babbu, chersi è ottensi da Papa Lisandru VI a dispensa da a vita ecclesiastica da a quale era pocu attrattu, abbandunendu a cardinalizia in u 1498. Si dedicò dopu à a carriera militare à u postu di u fratellu defuntu.

À a corte di Luigi XII[mudificà | edità a fonte]

Prubabile ritrattu di Cesare Borgia.

U 1a uttrove Cesare Borgia partì per a Francia per spusà Carlotta d'Aragona, figlia è erede presuntiva di Federico I di Napuli, à l'epica ospitata da u rè di Francia, matrimoniu chì l'averia permessu di rivendicà per ellu u Regnu di Napuli. Una suttile trama pulitica era in opera trà u stessu Luigi XII è u Papa, u quale, desidarosu d'offre un tronu à u figliolu, trattò incù u suvranu un scambiu di favori: in cambiu di a manu di a principessa Carlotta à u so figliolu Cesare, u Papa dichjarava nulle e precedente nozze di Luigi XII incù Ghjuvanna di Valois, di manera ch'ellu pudissi spusà a veduva di Carlu VIII, u so predecessore, a rigina Anna, duchessa di Britagna.

Per Lisandru VI ùn fù micca difficiule di fà appruvà u divorziu in un cuncistoriu. U pontefice riiscì non solu à assignà un omagiu ultiriore à u rè, ma dinù à favurisce dopu u figliolu: cunferì a berretta cardinalesca à u so ministru Georges d'Amboise.

Ùn fibbenu micca simplici, invece, i niguziati per Cesare Borgia, ghjuntu in Francia in grande pompa. E so bardature d'oru è i cavalli ferrati d'argentu ùn impressiononu micca a principessa napulitana, chì si ricusò di spusà lu è nigò ogni tipu di neguziatu. Di fronte à stu rifiutu, Cesare ùn firmò micca a bolla papale cuntinente l'annullamentu di u matrimoniu di u rè.

Solu dopu à parechji mesi, durente i quali Cesare Borgia fù trattinutu in a residenza di u munarcu francese, senza esse custrettu à cede ma essendu privatu di a pussibilità d'esce, a cumplessa cunvinzione fù risolta incù un comprumessu: à Cesare fù data cum'è sposa a nipote di u rè, Charlotte d'Albret, originaria di a rigione spagnola di a Navarra. Cum'ella era cunvinuta, Cesare Borgia rimissi a bolla di divorziu à Luigi XII, u quale ottensi prestu a custituzione d'un tribunale ecclesiasticu per ghjudicà a validità di a so unione incù Ghjuvanna è u 17 dicembre 1498, in a chjesa di Saint-Denis à Amboise, fù pronunciata a dichjarazione di nullità di u matrimoniu. U spusaliziu di Cesare incù Charlotte fù cilibratu u 12 maghju 1499. In seguitu à quessa ottensi u titulu di duca di u Valentinois. Vene da quì u cugnome di "duca Valentinu".

E campagne militare[mudificà | edità a fonte]

In l'inguernu di u 1499 i francesi, alliati incù Venezia, ghjunsinu in Italia à a cunquista di u ducatu di Milanu, è Ludovico u Moru, vista l'allianza frà u Papa, a Serenissima è a Francia ùn poti ch'è fughje da Milanu è lascià campu liberu à i cunquistatori. Forte di u faciule successu, u percorsu di l'armata francese (incù Cesare Borgia cum'è tinente di u rè) pruseguì à u di quà di u Po sinu à ghjunghje in Rumagna, territoriu à quellu tempu sottu u putere timpurale di u papatu. Papa Lisandru VI, chì era statu tinutu infurmatu di e manovre di a truppa, inviò à i signori di Pesaro, Imola, Forlì, Faenza, Urbino è Camerino, una lettera in a quale i dichjarava dicaduti da i so feudi, spianendu cusì a strada à a cunquista di u figliu è dunendu li un principatu sanu.

Com'era previdibile, nissunu ubbidì à l'ingiunzione di u Papa. A lotta si scatinò di manera trimenda. Una prima spedizione in Rumagna ebbi locu u 21 nuvembre 1499, incù un'armata custituita da fantacini è mercenarii di varie pruvince è nazione. U 11 dicembre Imola era dighjà assaltata. Di ghjinnaghju dopu u duca Valentinu dopu à avè assidiatu Forlì, scunfissi a cuntessa Catalina Sforza, chì per trè sittimane s'era stanghittata in a rocca, à u cummandu di 2.000 omini. Nonustante l'energia è u stintu di guerriera, Catalina fù fatta prighjunera è Forlì fù presa d'assediu da l'invasore, chì s'abbandunonu à atti di viulenza annantu à a pupulazione. Una volta compiu u saccheghju, u duca si poti insidià in cità, ospitatu da u gentilomu forlivese Luffo Numai, chì era cunsigliere di Catalina Sforza.

Ritrattu di Cesare Borgia

Cum'è tinente di u rè di Francia Luigi XII, Cesare si lanciò dopu in a siconda spedizione rumagnola, contru à Rimini, Ravenna, Cervia, Faenza è Pesaro, essendu furmalmente autorizatu chì u Papa avia rivoltu, per via di una bolla à i signori di quelle cità, l'accusa di esse si suttratti à l'autorità pontificia.

U 2 aostu 1500 Cesena si arrese, fù dopu a volta di Rimini è Faenza, induv'elle fubbenu diposte e signurie di i Malatesta è di i Manfredi. In u 1501 si firmava un pattu d'amicizia trà Firenza è Cesare, u quale pocu dopu assidiò Piumbinu è fece occupà l'isule d'Elba è Pianosa. Suvitonu dopu una visita di u pontefice à l'isule occupate è grandi fistighjamenti. Pocu dopu, francesi è Spagnoli, incuraghjiti da u Papa invasenu u regnu di Napuli.

U 25 ghjugnu di u 1501 Lisandru VI scumunicò u rè di Napuli è, u 19 lugliu, Cesare affiancatu da l'armata francese assidiò Capua a quale, dopu à 7 ghjorni fù cunquistata grazia à un tradimentu: Un citatinu di Capua, currottu da Cesare, aprì e porte di a cità è, dopu à un signale prestabilitu, l'armata franca-papali sbuccò in a cità è dete a via à u massacru di a guarnigione militare è di a pupulazione. In u 1502 Cesare guardava dighjà più luntanu. I so obiettivi eranu i ducati di Camerino è Urbino, scaccendu ne i Da Varano[3] è i Montefeltro.

U duca Valentinu era oramai diventatu putentissimu, ma era mal'vistu da parechji di i so più valenti cunduttieri chì, d'uttrove di quellu stessu annu, vicinu à u castellu di i Cavalieri di Malta di Magione, in e vicinanze di u lavu Trasimeno, fecinu una cuspirazione contru à ellu, à u fine d'evità, cum'elli dicianu, "d'esse unu à unu divurati da u dracone". Cesare fù scunfittu in a battaglia di Calmazzo da una lega di capitani di ventura è custrettu à abbandunà u ducatu d'Urbinu oramai sediu di fuculari di rivolta.

A cuspirazione di a Magione[mudificà | edità a fonte]

Cesare Borgia, per assicurà si l'acquisizione di novi pussidimenti, duvite spessu effettuà cuspirazione è atroci delitti contru à nimichi militari è pulitichi (cum'è l'Orsini). Tuttu quessa u fecia senza u minimu scrupulu, chì cuntava dinù annantu à l'appoghju di u babbu Lisandru VI è di i so amichi cardinali. Ma accadia ch'è in certi casi, cum'è quellu incù protagonistu i Vitelli, ch'ellu fusse propriu ellu stessu u bersaghju sceltu da i so antagunisti.

Preoccupatu da a criscente ambizione di Cesare Borgia, Vitellozzo Vitelli, u so cumpagnu in molte imprese di cunquista in u centru nordu di l'Italia, principiò à teme per i proprii duminii. Per quessa, d'uttrove 1502, si ricò in u castellu di Magione, induve incù Giampaolo Baglioni, Paulu Orsini, Antonio Giurdanu (per Pandolfo Petrucci di Siena), Oliverotto da Fermo è u duca di Gravina compluttò à i danni di u Valentinu. Malatu di sifilide, Vitellozzo incù l'altri cunghjurati principiò à agisce: entrì in Urbinu è ci fece impiccà molti funziunarii di Cesare Borgia, è cumbattì dopu e truppe nimiche in a battaglia di Calmazzo, da ellu vinta, induv'ellu fù fattu prigiuneru Ugu di Moncada.

Ma, accurdatu si Paulu Orsini incù Borgia, ancu Vitellozzo è l'altri cunduttieri si sottumissenu à a richiesta di pace di u Valentinu, è in a notte di u 31 dicembre 1502, Vitellozzo Vitelli è Oliverotto da Fermo funu invitati da Cesare à un banchettu à Senigallia, durente u quale fubbenu tremindui strangulati da Michelotto Corella. Vitellozzo, prima di mora, invucò u perdone per e so azzione da papa Lisandru VI. Annantu à sta drammaticu fine, Niccolò Machjavelli, scrittore fiurintinu, dedicò un trattatu, a Descrizzione di u modu tinutu da u Duca Valentinu in l'assassiniu di Vitellozzo Vitelli, Oliverotto da Fermo, u Signore Pagolo è u duca di Gravina Orsini, scrittu in u 1503. L'episodiu serà ripresu dinù da Machjavelli ancu in a VII capitulu di u U Principe, scrittu in u 1513.

A caduta[mudificà | edità a fonte]

Cesare era diventatu u signore incuntrastatu di a Rumagna. In u 1503 e so truppe fubbenu ospitate da l'abitanti di Monteleone d'Orvieto, per 10 longhi ghjorni, riducendu à a fame quellu picculu paese. Pocu dopu u Papa fece caccià Gian Paulu Baglioni (unu di i participanti à a cuspirazione di a Magione) da Perugia dopu à avè minacciatu i citatini di scumunica è d'un attaccu di l'armata di Cesare s'elli ùn u cacciavanu micca.

Cesare Borgia lascia u Santu Sediu à a morte di u babbu. Dipintu di Ghjaseppu Lurenzu Gatteri (1877).

Da Perugia s'apria a strada per Siena chì era guvernata da Pandolfu Petrucci u quale lasciava a cità in e mane di Cesare u 28 ghjinnaghju di u 1503. Intantu u Papa era in lotta contru à l'Orsini, è fece arristà parechji membri di a famiglia è ni fece cunfiscà i bè, mentre u so figliolu Goffredo attaccava dapertuttu l'Orsini incù i so suldati ma quelli però si ripresenu prestu per marchjà annantu à Roma è pruvà à dipone u Papa incù a forza di l'armi. U Papa cherse aiutu à Cesare, u quale rientrò in u Vaticanu u 26 frivaghju di u 1503 è, in qualità di suldatu di a chjesa assidiò l'Orsini à Ceri induve, impiighendu in l'azzione militare e macchine da guerra di Leunardu da Vinci in 38 ghjorni cunquistò a rocca. Fù tanta a gioia di u pontefice per quella vittoria ch'ellu si ricò à visità Ceri.

A cunquista di Ceri però cumpurtava a perdita di Siena a quale, per vulè di u rè di Francia, riturnava sottu u guvernu di Pandolfu Petrucci. Cesare puntava à ricunquistà Siena è à piglià Pisa, ma fù menu u so principale sustegnu è puntu di riferimentu: u 18 aostu di quellu annu u babbu, papa Lisandru VI, morse à l'età di 73 anni.

Ùn hè sempre tuttu à fattu chjaru s'è per via di malaria o in seguitu à un avvilinamentu: hè quantunque un fattu ch'è Cesare, anch'ellu ammalatu, firmò per qualchì tempu incapace di mette in ballu e misure ch'è a situazione avaria richiestu. À a morte di u babbu u duca Valentinu entrì in crisa. Dopu à u breve puntificatu di Pio III, à ellu favurevule, d'uttrove di u listessu annu iscì elettu da u conclave successivu u cardinale Giuliano Di a Rovere, espunente d'un casatu nimicu di i Borgia[4].

U novu puntefice, chì prese u nome di Ghjuliu II, omu austeru, vulitivu è pocu avvezzu à e vie diplumatiche, tolse à u duca u guvernu di a Rumagna è ne ordinò l'arrestu è a riclusione in Castel Sant'Anghjulu.

A fine[mudificà | edità a fonte]

À Cesare Borgia fù inutule, una volta evasu, di circà à rifughjà si à Napuli per organizà da quì a ricunquista di i so territorii: u Papa u fece dipurtà in Aragona cunsignendu lu à Ferdinando II, induve u Valentinu fù rinchjusu prima in u castellu di Chinchilla, dopu in u forte di A Mota à Medina di u Campu. Riiscì à scappà in u 1506 incù una rucambulesca fuga, induv'ellu si fratturò parechji ossi perch'ellu si calò da un balcone pusiziunata à vinti metri circa d'altezza (ma qualchiadunu tagliò a fune è u precipitò in u fussettu sottostante), rifughjendu si cusì in u picculu regnu di Navarra.

U castellu di a Mota in Medina di u Campu.

Cesare, gravamente infittatu da u cusiddettu mal' francese, murì cumbattendu per so cugnatu Ghjuvanni III d'Albret, rè di Navarra in l'assediu di Viana contru à u conte di Lerin, signore di a cità, chì s'era ribellatu, in a notte trà l'11 è u 12 marzu 1507.

U cadaveru fù truvatu da l'avversarii, chì ignurendu ne l'identità, li tolsenu l'armatura è i vistiti lascendu ne u corpu nudu, chì fù ritruvatu u lindumane matina, trapassatu incù vinti trè colpi di picca. Dopu à sulenni funerali, u corpu fù cumpostu in un grande sipolcru di marmeru vulsutu da u rè navarrese in a chjesa di Santa Maria di Viana, à a dritta di l'altare maiò è sculpitu da Victoriano Juaristi.[5] [6]

Ma u Valentinu ùn truvò pace mancu mortu: non moltu tempu dopu à l'Inquisizione accadì ch'è i so resti, cunsiderati cosa indegna è sacrilegia, fussenu sipolti in a terrazza di a stessa chjesa, in terra micca cunsacrata, vicinu à una discarica di rumenzulu, affinch'elli fussenu "calpistati da omini è animali".

Ma in u 1953 l'auturità di Viana ricuperonu quelli resti, i culluconu in un'urna di petra è l'interronu in a piazza, davante à a porta principale di a chjesa di Santa Maria, sottu una petra tumbale in marmeru, annantu à a quale era scrittu: "Cesare Borgia, Generalissimu di l'armate di Navarra è Puntifici, mortu annantu à i Campi di Viana a 11 marzu 1507". In u 1965 in quella cità li fù erettu un bustu.

Dopu in u 2007 l'auturità civiche di Viana cilibronu a ricurrenza di u 500º anniversariu di a morte è in 'ss'occasione chersinu ch'è i so resti murtali vultessinu à ripusà drentu à a chjesa. Ùn ottensenu però u permessu di u cumpetente vescu di u vescuvatu di Pamplona, di u quale u Valentinu fù vescu elettu (1491). A so tomba hè diventata oghje destinazione di numerose è criscente visite.

Discendenza[mudificà | edità a fonte]

U 10 maghju 1499 Cesare Borgia spusò Charlotte d'Albret (1480-11 marzu 1514), surella di u rè cunsorte di Navarra, Ghjuvanni III d'Albret. Da stu matrimoniu nascì solu una figliola, ch'è Cesare ùn cunnuscì mai: Luisa Borgia, duchessa di Valentinois, signora di Châlus, duchessa di Borgia (1500-1553), chì spusò prima Luigi II de A Trémouille, guvernadore di Burgogna, è poi, in siconde nozze, Filippu di Borbone-Busset.

Cesare fù dinù babbu di almenu dui figlioli naturali: Ghjirolmu, chì spusò prima Isabella Pizzabernari (da a quale ebbe Ippolita, a discendenza di a quale cuntinuerà in u tempu), dopu Isabella, cuntessa di Carpi, è Camilla-Lucrezia (morta in u 1573), chì diventò abbatessa di u cunventu di San Bernardinu (Ferrara), pare nati da una certa Drusilla, una di e dame di cumpagnia à u seguitu di a surella Lucrezia quandu quella si truvava sempre à Roma.

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruvene in parte o in tutalità da l'articulu currispundente di a wikipedia in talianu.
  2. Gurrieri, p. 104
  3. Ghjuliu Cesare è l'eredi masci fubbenu assassinati, mentre a figliola Camilla da Varano, incù u nome di sora Battista riiscì à fughje.
  4. Machjavelli, in U Principe, sustene ch'è Cesare Borgia avaria divutu evità, avendu ne a facultà, ch'ellu fusse elettu papa un nimicu di soiu.
  5. Gurrieri, p. 167
  6. Annantu à a so tomba fù scrittu u siguente epitafiu, divutu à u pueta Soria, parvinutu sin'à noi perchè cumpresu in a racolta Romancero español, publicatu in u 1511:"Quì ghjace in poca terra/ quellu ch'è tuttugnunu timia,/ quellu ch'è a pace è a guerra/ in a so manu tinia./ O tù chì intendi circà/ cose degne da ludà,/ s'è voli ludà u più degnu/ quì ferma u to camminu,/ non ti curà d'andà più in'dà."