A primavera in Arburi

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

A primavera in Arburi hè un testu di u scrivanu in lingua corsa Santu Casanova (1850-1936). Hè statu publicatu in L'Annu Corsu in u 1923.

A primavera in Arburi[mudificà | edità a fonte]

Avà ch’ella ghjugne a primavera mi tindaraghju à u sole cum'è e buciartule nantu e petre calde par ripiglià un pocu di forza. Toccu sti tempi, in lu nostru paese d’Arburi tuttu hè bellu è tuttu ride. I pàrsichi di e vigne, pieni di sole è d’amore, spandenu fiori è parfumi trà i canti di l’acelli è i fischi di i pastori!

Da e sepe fiurite sortenu i trilli armuniosi di u rusignolu è in le valle umbrose risona a voce languente di u cuccu.

A Cuma, carca di talavelli è di scope fiurite, pare una rigina nantu u so tronu, è mira tutti i paesi di u cantone inghjinuchjati à li so pedi.

A bucata d’Agnese è A Spusata di Libbiu li stanu sempre in faccia cum'è duie surelle fidate.

U fiume di Liamone spechja in le so onde cristalline ste maraviglie di a Natura! L’olmi di i fiumi sô carchi di pindini verdi, è le pesce saltichjeghjanu in li lavi appress’à e mosche, mentre chì quì un ci hè ca ventu fretu ch’affacca da Capicorsu.

Referenze[mudificà | edità a fonte]

  • Santu Casanova, L'Annu Corsu, 1923, p. 65.
  • Ceccaldi, Matteu (1976) Antulugia di a litteratura corsa - Anthologie de la littérature corse, Klincksieck: Paris