Telamonu

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
Telamonu

Telamonu (o Telamone) (in grecu Τελαμών) hè una figura di a mitulugia greca; era figliu di Eacu è di Endeidi, figlia di Chironu. Fù unu di l'Argunauti com'è u so frateddu Peleu, chì spusarà Teti è incù a quali darà à a luci Achilli. Telamonu, accoltu da u rè di Salamina, ni divintarà rè dopu a morti di quistu quì. Spusò prima Peribea, una discindenti di Pelopi, da u quali ebbi un figliolu, Aiaci. Telamoniu pigliarà parti à a caccia à u cinghjali calidoniu è à a guerra di Troia. Eppo spusò dopu Esioni, a figliola di Laomedonti, da u quali ebbi un antru figliolu, Teucru. Parechji fonti minziuneghjani un terzu figliu, Trambelu. Telamonu è Peleu erani moltu amichi d'Erculu è l'accumpagnoni in i spidizioni contr'è l'Amazoni è contr'è Troia.

Vita[mudificà | edità a fonte]

Dopu à avè uccisu u mezu frateddu Focu, Telamonu è Peleu duvitini lascià Egina. U rè Cicreu di Salamina accolsi Telamonu è divintò u so amicu. Telamonu spusò a figliola di Cicreu, Peribea, da u quali inghjinirò Aiaci. In seguitu Cicreu deti u so regnu à Telamonu. In altri virsioni di u mitu, a figliola di Cicreu si chjama Glauci, mentri Peribea hè a siconda moglia di Telamonu è a figliola di Alcatou. Telamonu cumparisci ancu in i dui virsioni di u saccheghju di Troia da parti d'Erculu, quandu u rè di a cità era Laomedonti (o Trovu). Prima ch'è scuppiessi a guerra di Troia, Puseidonu inviò un mostru marinu par distrughja a cità. In a virsioni di u rè Trovu, Erculu, incù Telamonu è Oicli, accittò d'uccida u mostru in cambiu di i cavaddi chì Trovu avia ricivutu da Zeus com'è cumpensu par u rapimentu di Ganimedi (chì era figliu di Trovu) da parti di Zeus. Trovu accittò, Erculu uccisi u mostru è Telamonu spusò Esioni, a figliola di Trovu, inghjinirendu da edda u figliolu Teucru. In a virsioni di u rè Laomedonti, Laomedonti prughjittò di sacrificà Esioni à u diu Puseidonu in a spiranza di calmà lu. Erculu salvò Esioni à l'ultima minuta è uccisi u mostru, è dinò Laomedonti è i figlioli di quisti, fora di Ganimedi, chì era annantu à u Monti Olimpu, è Priamu, chì ebbi salva a vita dunendu à Erculu un veli d'oru tissutu da Esioni. Telamonu ebbi Esioni in premiu è a spusò, è da edda inghjinirò Teucru. Apposta ch'è Aiaci s'era suicidatu à Troia, Telamonu sbandì Teucru da Salamina par ùn avè ripurtatu u so frateddu in casa. In a "Bibiuteca di Apullodoru" si leghji chì Telamonu fù guasi uccisu duranti l'assediu di Troia. Telamonu fù u prima à entra in i mura di Troia è quissa feci infurià à Erculu, u quali avaristi vulsutu quidd'onori par eddu. Erculu stava par uccida Telamonu, quandu quistu quì cuminciò à custruiscia rapidamenti un altari di petri in onori di Erculu. Erculu fù cusì lusingatu chì dopu u saccheghju di Troia li deti in moglia Esioni. Esioni chersi di pudè purtà incun eddu u frateddu Podarci. Erculu accunsintì ma volsi chì Esioni u cumpressi com'è schiavu. Esioni riscattò u frateddu paghendu incù un veli in tissutu d'oru. U nomu di Podarci fù cambiatu in Priamu - chì, sicondu l'autori grecu Apullodoru, deriva da u verbu grecu "cumprà".

Architittura[mudificà | edità a fonte]

In architittura u telamonu hè una figura maschili culussali usata com'è culonna. Hè chjamatu ancu atlanti è hè a virsioni maschili di a cariatidi.

Da veda[mudificà | edità a fonte]