Gozu

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
L'isula di Gozu

Gozu (in maltese Għawdex) hè l'isula sicundaria di l'arcipelagu maltese.[1] Rabat, a cità a più impurtante, sediu di u ministru di Gozu, si trova à u centru di l'isula.

Geugrafia[mudificà | edità a fonte]

U purtellu turchinu

L'isula di Gozu custituisce u nordupunente di l'arcipelagu maltese cumpostu in tutale di 8 isule. Hè spiccata à u sudestu di l'isula di Malta, incù trà di elli l'isula di Cominu è u so isulottu fratellu, Cominottu. L'isula di Gozu hè siparata da l'isula di Cominu da u strittone di Gozu largu 2300 metri è u strittone di Malta lrgu 2600 metri trà l'isula di Cominu è l'isula di Malta.

L'Isula di Gozu hè bagnata da u mare Terraniu. Face a siparazione trà u mare Terraniu orientale o bacinu levantinu è u mare Terraniu occidentale o bacinu mediterraniu. À u nordu si trova a Sicilia chì hè siparata da u canale di Malta di circa 90 chilomitri di largu è l'altupianu di Malta d'una prufundità di circa 120 metri, l'altupianu cuntinentale di 200 metri ingloba l'arcipelagu maltese è a Sicilia. À u sudu di u cuntinente africanu, l'isula di Gozu hè spiccata da a Libia da u canale di Medina d'una larghezza di circa 335 chilomitri è i fondi di Medina è di Melita d'una prufundità massima di 500 metri.

À punente, a parte settentriunale di u canale di Sicilia spicca annantu à più di 300 chilomitri l'isula di Malta da u golfu di Gabès in Tunisia. Trà l'isula di Gozu è a Tunisia una reta cumplessa di depressione, depressione di Malta, di Pantelleria è di Linosa, pudendu varcà i 1500 metri di prufundità, intaglianu l'altupianu tunisianu chì a so prufundità hè di circa 500 metri. Longu 'sse depressione si trovanu l'isule vulcaniche taliane di Pantelleria è di l'isule Pelagie, chì cumprendenu Lampedusa, Linosa è Lampione.

L'arcipelagu maltese hè a cunsequenza di l'inalzamentu d'un fondu calcariu. Quessa hà per cunsequenza alte scugliere (rdum/rdumijiet) annantu à guasi l'inseme di e coste intagliate quinci è culandi di prufonde inziccature (qala/qaliet) è raramente frastagliata da cale (bajja/bajjiet) più o menu refermées aggrundendu sia rari spiaghje di rena (ramla/ramliet) sia cale per i batelli.

Gozu hà una superficia di 67 km quatrati. A so forma hè un ovale à l'ingrossu orientatu nordupunente/sudestu longu 14 km per 7 km di largu. U culmine hè l'A to' Dbiegi à 190 m d'altitudine. Ùn ci esistenu micca corsi d'acqua permanenti, nemmenu fureste.

Tuponimia[mudificà | edità a fonte]

L'etimulugia di u nome "Gozu" (Għawdex) face cunsensu (cuntrariamente à u nome di Malta) cum'è vinendu da u feniciu. Una scrizzione punica datendu da 288 a.C. ritruvata in u 1855 vicinu à a citatella di Rabat li dà difatti u nome feniciu di Gwl, d'origine semitica significhendu "ghjirà intornu". A prima minzione di l'isula hè eppuru greca : Gaûlos (grecu anzianu|Γαύλος) hè citata da Ecatea di Miletu versu 500 a.C., cum'è un' isula à a "larga di Cartagine", infatizendu a so appartinenza à u mondu feniciu è punicu, grecisendu u tuponimu semiticu di Gwl. Una variante greca hè Gaûdos (grecu anzianu|Γαύδος), altru nome grecu di l'isula, imprudatu a prima volta da Callimacu di Cyrena. Sottu à l'occupazione rumana, u nome evolueghja in Gaulos è qualchì volta Gaulus. Mentre u periodu bizantinu, u nome di Gaudomelete (in grecu grecu anzianu|Γαυδομελετεν) hè imprudatu in u 637, pudendu significà sia Gozu è Malta, sia Gozu di Malta.

L'isula hè dopu chjamata Għawdex da l'Arabi chì occupanu l'isula trà 870 è 1127, nome ch'ella cunserva dinù oghje in maltese (lingua in parte derivata da l'arabu). L'isula hè numinata Golsa da Geoffroi Malaterra chì conta a vittoria di i nurmani di Rugeru di Hauteville[2]. Dopu u riattaccamentu di l'arcipelagu à a Sicilia, u nome si trasforma in Gaudisium, un nome chì significheghja dinù Gioia in latinu medievale. Dinù, quandu l'arcipelagu passa sottu à duminazione aragunesa, Gaudisium si trasforma in Gozu, significhendu Gioia in castiglianu. Hè 'ssu nome di Gozu chì serà per u più imprudatu da i cavalieri di l'Ordine di Santu Ghjuvanni di Gerusalemma, i Francesi è i Britannichi chì occuperanu successivamente l'isula[3].

Mitulugia[mudificà | edità a fonte]

Mġarr Ix-Xini.

Una antica tradizione ricullendu à Callimacu di Cirena identificheghja Gaudos (l'anzianu nome di Gozu) à l'isula mitica d'Ogigia induve a ninfa Calipso ritense Ulisse prigiunere[4].

'Ssa identificazione hè largamente diffusa da a tradizione è u turismu maltese, chì identificheghja una sapara sopra à a spiaghja di Ramla (à nordu di Gozu) cum'è a " Sapara di Calipso ". Signalemu eppuru chì a lucalisazione di l'isula d'Ogigia hè un dibattitu chì ferma apertu dapoi l'Antichità, incù assai numerose altre pruposte.

Storia[mudificà | edità a fonte]

A bandera di Gozu.

A storia di Gozu hè per sicuru intricciata in a storia di l'arcipelagu maltese ma prisenta parechje particularità.

L'isula hà ancu stata un tempu un statu indipindente, da u 1798 à u 1801.

Demugrafia[mudificà | edità a fonte]

L'isula ragruppa 30000 abitanti, frà i quali 6000 in a capitale Rabat (dinù cunnisciuta sottu à u nome di Victoria).

Cità[mudificà | edità a fonte]

E cità principale sò:

Munimenti[mudificà | edità a fonte]

I tempii di Gġantija

Frà e so attrazzione turistiche, l'isula conta dui tempii situati in Ggantija. I tempii di Ggantija à Xaghra sò frà i più anziani lochi di cultu di u mondu erettu da a manu di l'omu. Vicinu à u paese di Dwejra, l'arca di u purtellu d'Azurru hè una struttura architittonica naturale[5].

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruvene in parte da l'articulu currispundente di a wikipedia in francese.
  2. a Gaufridi Malaterrae Di rebus gestis Rogerii Calabriae et Siciliae comitis è Roberti Guiscardi ducis fratris eius IV,XVI.
  3. Ghjiseppu Bezzina, Gozu's Government, the autonomy of an island through history, Gaulitana, 2005 ISBN|99909-57-24-X.
  4. StrGéo, I, 2, 37 Citazione|Apollodoru, à u so tornu, in sustinitrice dicisa d'Eratostene, rimpruvereghja à Callimacu d'avè numinatu, ellu, un grammaticu di prima trinca, d'avè numinatu, dicu, in cuntrastu incù a data omerica, chì cunsiste à traspurtà in l'Oceanu u teatru di e girandulere d'Ulisse, Gaudos è Corcyre frà i lochi induve l'eroi abburdò..
  5. http://www.mayjocarhire.com/french/aboutgozo.php.

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]

  • Martyn Pedley, Michael Hugues Clarke è Paulina Galea, Limestone Isles in a Crystal Sea, PEG, Malta, 2002

Articuli cunnessi[mudificà | edità a fonte]