Citatella di Gozu

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
A citatella di Gozu, vista da l'estu

A Citatella di Gozu, dinù cunnisciuta sottu à u nome di Castellu hè un inseme di furtificazione duminendu a cità di Rabat, capitale di l'isula di Gozu appartinendu à l'arcipelagu maltese.[1] Sin'à u principiu di u seculu XVII, hè u solu rifughju furtificatu per l'abitanti di l'isula contru à l'attacchi barbareschi è ottumani.

Storia[mudificà | edità a fonte]

Antichità è Medievu[mudificà | edità a fonte]

A Citatella hè architettata annantu à una cullina naturalmente furtificata chì dumineghja a campagna circunvicina è permette un cuntrollu visuale di e zone custiere. E prime tracce d'occupazione di a cullina datanu di l'età di u bronzu, versu -1500. U situ hè dopu imprudatu da i Fenici.

Un centru urbanu ci si sviluppa sottu à l'Antichità rumana. À u mumentu di a ricustruzzione di a cattidrale, i fundamenti d'una o di parechje chjese o cappelle sò state messe à u ghjornu, è ancu quelle d'un anzianu tempiu rumanu (podarse quellu di Giunone minziunatu da Cicerone) è ancu un tempiu feniciu dedicatu à Astarte[2]. Un documentu di u Medievu chjama u situ Gaulcouis Civitas chì hè forse u so nome in Antichità rumana.

À u Medievu, a furtificazione piglia u nome di Gran Castellu. A cità di Rabat si sviluppa in dui parti : una cità bassa è a citatella chì a dumineghja. U latu nordu di a Citatella ricolla à u periodu di a Curona d'Aragona.

Sottu à i Cavalieri di l'Ordine di San Ghjuvanni di Gerusalemma[mudificà | edità a fonte]

Muri d'accinta di a Citatella

Per causa di a minaccia ottumana, ogni notte, l'inseme di a pupulazione di Gozu vene à dorme à l'internu di rampali medievali diventati vetusti. Malgradu 'ssi risichi, u grande maestru di l'Ordine, Juan di Homedes ricuserà ostinatamente di rinfurzà e furtificazione. A prutezzione di a furtezza serà insufficente à cuntrà l'invasione di Gozu chì occorse di lugliu di u 1551. A debule resistenza di a piazza forte ùn pote impidisce a dipurtazione è a messa in schiavitù di a guasi tutalità di i 6000 Gozitani. Soli 300 frà elli pervineranu à scappà à a razzia cullendu annantu à i muri di a Citatella.

E parte maiò di u castellu fubbenu distrutte à u mumentu di l'attaccu. I muri di u sudu sò ricustruiti trà 1599 è 1603 da l'Ordine sottu à a direzzione di l'architetti Ghjuvanni Rinaldini è Vittorio Cassar.

À pocu à pocu è incù a securisazione di u Mare Terraniu, a furtezza perde a so funzione urbana per diventà guasi esclusivamente un centru militarescu.

Invasione francese[mudificà | edità a fonte]

Di ghjunghju di u 1798 una guarnigione francese entre in a furtezza dopu à di u presa di l'arcipelagu da e truppe di Napuleone Bonaparte. Quandu a pupulazione di Gozu è di Malta si rivolta contru à l'invadore francese u 3 di sittembre di u 1798, i 127 suldati si mettenu à l'aggrottu in a citatella. A guarnigione francese capituleghja u 28 di uttrove di u 1798 dopu à l'interventu di i Britannichi. U ghjornu dopu, u capitanu inglese John Cresswell s'impussessa di a citatella (è di i so 40 cannoni) po' ne rimette e chjave à u guvernu pruvisoriu di Saverio Cassar, inaugurendu u breve periodu di l' indipendenza gozitana.

Epica cuntimpuranea[mudificà | edità a fonte]

A parte nordu di a Citatella hè oghje arruvinata, mentre chì a parte sudu, induv'ella si trova a cattidrale hè intatta. I muri sò stati ristaurati pocu fà.

Edifizii appartinendu à l'accinta[mudificà | edità a fonte]

A Cattidrale di l'Assunzione di a Vergine Maria

À l'internu di l'accinta si trova a Cattidrale di l'Assunzione di a Vergine Maria, ricustruita à u seculu XVII da Lurenzu Gafà, l'architettu maltese. Una altra chjesa hè dedicata à San Ghjiseppu, è ancu una cappella dedicata à Santa Barbara.

L'anziane prighjò, u palazzu di ghjustizia (Palazzu di i Guvernadori) è l'anzianu Palazzu di i Veschi sò esempii tipichi d'architittura barocca maltesa.

L'inseme di a furtezza hè statu prupostu in u 1998 da u Statu maltese per intigrà a lista di u Patrimoniu mundiale di l'UNESCO.

Parechji musei si visiteghjanu à l'internu di l'accinta :

  • u Museu d'archeulugia
  • u Museu di a Natura (à tempi antichi museu di e Scenze Naturale)
  • l'Anziane prighjò
  • u Museu di a cattidrale di l'Assunzione di a Vergine Maria
  • u Museu di u Folcloru, in un gruppu di case medievale

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruvene in parte da l'articulu currispundente di a wikipedia in francese.
  2. Geoffrey Aquilina Ross (dir.), 1994, p. 290, Simone Gaul, 1993, p.296