Vai al contenuto

Cardu marinu

À prupositu di Wikipedia
U cardu marinu
Eryngium maritimum
Classificazione scentifica
Regnu Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classa Magnoliopsida
Ordine Apiales
Famiglia Apiaceae
Generu Eryngium
Nome binuminale
Eryngium maritimum
Linnaeus, 1753
U cardu marinu

Eryngium maritimum hè una spezia di pianta chì face parte di a famiglia di l'Apiaceae.

Descrizzione[mudificà | edità a fonte]

Eryngium maritimum hè una pianta erbacea vivace appartinendu à a famiglia di l'Apiaceae. Si distingue da a so apparenza spinosa è a so taglia pudendu aghjunghje 1 metru d'altezza. E so foglie sò spesse, dure è di culore verde o turchinu. I fiori, ragruppati in infiuriscenze sferiche, sò di culore turchinu pallidu è circundati da brattee pinzute.

Ripartizione[mudificà | edità a fonte]

'Ssa spezia hè per u più prisenta u longu di e coste atlantiche è mediterranie di l'Europa. Omu a trova ancu in certe rigione d'Africa suprana è Mediu Oriente. Eryngium maritimum hè adattu à l'ambienti custieri, in particulare à e dune di rena è à e scugliere marittime.

In Corsica[mudificà | edità a fonte]

U cardu marinu hè cumunu in Corsica.[1] U nome corsu vene da u fattu chì 'ssa pianta s'assumiglia à un cardu.

Biolugia[mudificà | edità a fonte]

U cardu marinu hè una pianta alofila, ciò chì significheghja ch'è ella hè capace à tullerà un cuncintramentu altu di sale in a terra. E so radiche prufonde li permettenu di coglie fondu l'acqua necessaria à a so sopravvivenza. 'Ssa spezia hè ancu resistente à i venti forti è à e cundizione climatiche difficile di e zone custiere.

Tassonumia[mudificà | edità a fonte]

Eryngium maritimum hè statu discrittu per a prima volta da Carl von Linné in 1753 in a so opera Species Plantarum. Hè ancu cunnisciutu sottu à i sinonimi seguenti : Eryngium maritimum var. vulgare, Eryngium maritimum subsp. vulgare è Eryngium maritimum subsp. maritimum.

Cunsirvazione[mudificà | edità a fonte]

Benchì u cardu marinu ùn sia micca cunsideratu cum'è una spezia minacciata, hè impurtante di prisirvà u so ambiente naturale. L'attività umane tale l'urbanisazione custiera, u turismu non rigulamentatu è l'inguinamentu ponu avè un impattu negativu annantu à 'ssa pianta. Misure di cunsirvazione, tale a criazione di riserve naturale è a sensibilisazione di u publicu à l'impurtanza di a prisirvazione di l'ecusistemi custieri, sò necessarii per assicurà a sopravvivenza à longu andà di Eryngium maritimum.

Usi[mudificà | edità a fonte]

À u seculu XVI, in Inghilterra, u cardu marinu era cunsideratu cum'è un afrudisiacu putente.

Galleria d'imagine[mudificà | edità a fonte]

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. Jeanmonod & Gamisans (2013).

Referenze[mudificà | edità a fonte]

  • Gamisans, J. & Jeanmonod, J. (1993) Catalogu di i pianti vascularii di Corsica - Catalogue des plantes vasculaires de la Corse, Cunservatoriu è giardinu botanicu di a cità di Geneva: Geneva (in francese)
  • Jeanmonod D. & Gamisans J. (2013) Flora Corsica (2 ed), Edisud.

Altri prugetti[mudificà | edità a fonte]