Acrosticu

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
Acrosticu di Nathaniel Dearborn pubblicatu à Boston in u 1850: lighjendu e prime lettere d'ogni filare, si forma u nome Jenny Lind

Un acrosticu (da u grecu ἀκρόστιχον, cumpostu di ἄκρον, "estremu" è στίχος, "versu") hè un cumpunimentu pueticu o un'altra sprissione linguistica in i quali e lettere o e sillabe o e parole iniziale d'ogni versu formanu un nome o una frasa.

À l'origine l'acrosticu avia per sicuru una funzione mnemonica è prubabilmente una funzione magica. Si pussedinu parechji esempii d'acrostici in cumpusizione sacre babilunese, per esempiu quella chì prisintava u nome di u so autore: "Saggil-kinam-ubbib, prete di l'incantesimi di Babilonia". Altri esempii d'acrostici di l'antichità si ritrovanu incù a Bibbia, per opera di u prufeta Geremia, incù u "Libru di e Lamintazione", i cusiddetti "Salmi alfabetichi" in i quali l'iniziu d'ogni versu prisenta, in l'ordine, tutti e lettere di u santacroce (Salmi 25, 34, 119).

Usu[mudificà | edità a fonte]

Usu anticu[mudificà | edità a fonte]

I più antichi esempii di acrostici in grecu ricollanu à Arato di Soli è à Nicandru; ci sò numerose acrostici trà l'epigrammi di l' Antulugia Palatina è in l'opera di Dionigi u Periegeta. In a litteratura latina Cicerone tistimunieghja ch'è Ennio fù autore d'acrostici; l'argumenti in versi di e cummedie di Plautu, prisentanu in acrostici u titulu di e cummedie stesse.

Frà i pueti cristiani, acrostici funi cumposti da Commodiano in i so Instructiones. A tradizione di l'acrosticu cuntinuò in u Medievu è dopu in a litteratura taliana: moltu famosu hè l'acrosticu custituitu da i capiversi di e terzine di l' Amurosa visione incù i quali u Boccaccio dedicò l'opera à Maria di Aquino.

Famosu hè ancu l'acrosticu postu à l'iniziu di u Cummentu murale à Ghjobba di Gregoriu Magnu. Sò definiti acrostici ancu i termini chì risultanu da e lettere iniziale di singule parole nanzi ch'è di versi: l'esempiu più cunnisciutu hè l'acrosticu cristologicu IΧΘΥΣ, "pesciu", custituitu da l'iniziale di a formula Ἰησοὺς Χριστὸς Θεοῦ Υἱὸς Σωτήρ, (Ghjesù Cristu Salvatore figliu di Diu).

Usu mudernu[mudificà | edità a fonte]

Un esempiu d'acrosticu d'epica più ricente, inspiratu da e vicende di a prima è di a siconda guerra di u Golfu, hè quellu irunicamente custituitu incù à e lettere di a parola B.U.S.H.: Bisogna Uccide Saddam Hussein.

L'opera Gödel, Escher, Bach: un'eterna ghirlanda brillante di Douglas Hofstadter face dinù ampiu usu di l'acrosticu.

In Corsica[mudificà | edità a fonte]

I pueti corsi anu imprudatu qualchì volta l'acrosticu. Per esempiu Ghjuvan' Petru Lucciardi ni publicò unu in Le Petit Bastiais in u 1909:[1]

Cum'hè, Cirnea cara, cos'hè tuttu stu dolu ?
I to saloni chjosi è tutti i lumi spenti ?
Restu cume sturditu. Saraghju forse u solu ?
N'ebbera ? A ignurà perchè, tù, ti lamenti ?
E cume ? Ùn sai chì Vattelapesca hè mortu ?
A Corsica intiera u pienghje è ùn hà tortu.

è un altru pocu dopu, quand'ellu morse u pueta Petru Matteu Lucciana dettu Vattelapesca:[2]

Vattelapesca hè mortu. U dialettu corsu
Avà cumu farà senza u so babbarellu ?
Temu chi tutt'ognunu, è cun pocu rimorsu,
Tenga à un vulè più avè ch'è frencese in cerbellu
ETesto in grassetto cumu si faria si e nostre mammarelle,
Le zie è le caccare pudessinu turnà ?
Allora le scialate !... E care curciarelle
Ponu ghunghje: nisunu più le capisciarà.
E purtantu ùn trimate, o muntagnoli cari,
Sappiate chì lu corsu si parlarà in eternu,
Chì u sgiò Vattelapesca - riposi in sempiternu!-
A fattu indi 'ssa lingua memorie è libri rari.

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. À Madama de Chevarrier de Carbuccia, 10 ferraghju di u 1909, n° 41, sottu u pseudonimu di Ghjuvan' Petru di Campiendi. Cf. Gherardi (2011), p. 83.
  2. Sottu u titulu Acrosticu, 14 ferraghju di u 1909, n° 45.

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]

Fonte[mudificà | edità a fonte]

'Ss'articulu pruvene in parte da l'articulu currispundente di a wikipedia in talianu.