Veiu

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
UniversalEditButton.png

L'ortografia è a grammatica di 'ssu articulu ùn sò micca currette. Pudete cuntribuisce à ammigliurà le.

Veio fu una importanti cità etrusca situata in la vaddi di lu Tevere.

Cunquistata da li Rumani à lu cumenciu di lu IVu seculu a.C., fu abbandunata à la fini di lu I seculu.

la Tumba Campana
Enti Parcu di Veiu

Lu situ[mudificà | edità a fonte]

Lu situ si truva à una vintina di km da Roma, à lu cunfini cù lu cumuni di Formellu, annant'à un altipianu di forma vagamenti triangulari di circa trecentu ettari, chì si pesa à un’altura di circa cinquanta metri rispettu à lu funduvaddi è hè limitatu à sudu da lu fossu Piordu è à nord da lu fiumu Cremera, annant'à li cui spundi fu quasi totalmenti distrutta la romana gens Fabia.

La pusizioni parmittia di duminà un attraversamentu di lu Tevere è tutta la zona di la riva destra di lu fiumi, chì custituiva lu cunfini trà lu tarritoriu etruscu è quiddu latinu, finu à la foci. Per quistu mutivu è, in particolari, par lu contrullu di li saline di li septem pagi à la foci di lu fiumi, fu in custanti rivalità cù Roma (li fonti riportanu 14 conflitti nell'arcu di dui secoli), basti pensà chì la prima volta chì truviamu la cità di Veiu citata in Titu Liviu, rumulu (semu in l'VIIIu seculu a.C.!) vulia una dimicatiu ultima, una battaglia risolutiva: <<La guerra fidenati finì par prupagarsi à li Veenti, spinti da la consanguineità par la cumuni appartenenza à lu pupolu estruscu [...] Perseru parti di lu territoriu ma ottenneru una tregua di ben centu anni. quisti pressapocu li eventi succedutisi in paci è in guerra suttu lu regnu di Romolo. |Titu Liviu, Ab Urbi condita libri, I, 15., Newton cumpton, Roma, trad.: G.D. Mazzocato| Belli Fidenatis contaghjoni inritati Veientium animi et consanguinitati - nam Fidenates qoqui Etrusci fuerunt [...] Agri parti multatis in centum annos indutiai datai. Haec fermi Romulu rignanti domi militiaequi gesta... >> Cù la difinitiva scunfitta è cunquista da parti di Furiu Camillu in lu 396 a.C. la città cunquistata venni tutalmenti sacchighjata, distrutta, l'abitanti dipurtati è lu tarritoriu (agier veientis) fu suddivisu trà li cittadini rumani.

La cità antica era racchjusa da una cinta muraria in opera quadrata in blocchi di tufu (dimensioni circa 80 x 50 x 50 cm); à la basi li mura raghjunghjivanu unu spessori di oltri 2 m è s'affinicaiani versu l'altu, raghjunghjendu un'altura trà li 5 è li 8 m. Lu perimetru di la furtificazioni supera li 8 km è si ni conservanu tuttora alcuni tratti. À la cità si accedeva da una decina di porti à cui si aghjunghjivanu alcuni posteruli (ingressi minori). Porta Capena hè l'unica di la quali sò attualmenti visibili li resti.

Pressu una surghjenti di acqua sulfuria pressu lu fossu di Piordu, sursi lu santuariu extraurbanu di Portonacciu, dedicatu à la dea Minerva è prubabilmenti à Apollu, frequentatu puru comu puntu di scontru trà li diffarenti pupulazioni. À lu santuariu appartinia la famosa scultura in tarracotta di l'Apollu di Veiu, attribuitu à lu scultori Vulca.

La cità dispunia di una vasta reta di acquedotti suttarranii, di cui rimanini oghji circa 50 km cumplessivi di parcorsu, tutti rializzati trà lu IXu seculu a.C. è lu Vu seculu a.C., chì sirviani à cuntrullà la purtata di l'acqui duranti li pieni è à la distribuzioni capillari è aquilibrata in li pariodi di siccagna, cù un cumplessu sistema di chjusi, diviazioni, dighi, lachi artificiali.

Particulàri rilivanza hani, trà quisti manufatti:

  • lagu artificiali di circa un chilometru quadratu, cù prufondità massima di una quindicina di metri, criatu chjudendu una gula cù una diga di circa una trentina di metri di lungura di cui si distinghini ancora parfettamenti li fundazioni;
  • lu "cuniculu furmellese", una galleria di circa seicentu metri scavata à manu (tuttora asistenti) di l’altura di circa tre metri è di la largura di circa un metru chì mittia in cullegamentu lu fossu Piordu cù lu fiumi Cremera;
  • l'acquidottu suttarraniu "della Mola" di la lungura di circa trecentu metri, una diviazioni par riducia la purtata di l'acqua chì arrivaia à un mulinu in lu pariodu di massima purtata.

sicundu lu racontu di Titu Liviu, fu attraversu li cunicoli sutterranei di l'acquidotti chì dopu un assediu duratu deci anni Furiu Camillu riscì à pinitrà in la cità è à impadrunisini.

In lu 1997 la Righjoni Laziu ha istituitu l'Enti Righjunali Parcu di Veiu, 15.000 ettari di tarritoriu prutettu, dilimitatu à estu è à ovestu da li cunsulari è caratterizzatu da altipiani in tufu, da li fossi (lu fossu di la Crescenza, lu Cremera dittu puru fossu di la Valchetta, è quiddu di la Torraccia, chì si immettini in lu Tevere) è da pendici ricoperti da folti buschi firmatiancora à lu statu naturali, tutti alementi caratteristici di la struttura giumorfulogica di l'Etruria Miridiunali.

La presa di Veiu[mudificà | edità a fonte]

la guerra trà Etruschi è Romani scuppiò in lu 406 a.C.; si cumbatterunu la cità di Veiu, chì risultaia difficiuli da cunquistà à causa di li pussenti muri. Lu modellu di ispirazioni hè quiddu di la guerra di troia. Tuttavia, inveci di lu cavaddu di troia, in la battaglia di Veiu avemu la rializzazioni di un tunnel suttarraniu, chì avaria parmissu à li truppi rumani l’ingressu in la cità.

Boci liati[mudificà | edità a fonte]

liami[mudificà | edità a fonte]