Titu Liviu

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
Titu Liviu

Titu Liviu, di u quali a casata hè scunnisciuta (Patavium, 59 à.C. – 17 d.C.), hè statu un storicu rumanu, autori di una munumintali storia di Roma, l' Ab Urbe Cundita libri CXLII, da a so fundazioni (tradiziunalamenti datata 21 aprili 753 à.C.) finu à a morti di Druso, figliastru di Augustu in u 9 a.C.

Biugrafia[mudificà | edità a fonte]

Di à so biugrafia si sà pocu. Sicondu San Ghjirolmu nascì à Paduva in u 59 a.C.. Quintilianu ci hà tramandatu a nutizia ch'è Asinio Pollione rilivava in Liviu una certa Patavinitas (paduvanità o peculiarità paduvana): chì indicheghja o com'è patina linguistica rivilatrici di a so urighjina pruvinciali o piuttostu l'accintuatu muralisimu, tipicu di i tindenzi cunsirvatrici di a so patria. Murì in u 17 d.C., ancu s'è u storicu Ronald Syme anticipeghja i dati di nascita è di morti di 5 anni; San Ghjirolmu parò cullega a nascita di Liviu ancu à quidda di Messalla Corvino, natu in u 64 a.C.. Prubabilamenti l'arrori hè divutu à a sumiglianza di i noma di i consuli di dui anni, Cesare è Figulo in u 64 è Cesare è Bibulo in u 59. I fonti di u locu di nascita sò Marziale è Quintilianu. Di a famiglia di urighjina s'ani pochi nutizii bench'è prubabilamenti, à ghjudicà da l'ottima furmazioni culturali di u storicu, era di cundizioni asgiata. Unu di l' avvinimenti più impurtanti di a so vita fù u trasfirimentu à Roma par cumplittà i so studii; fù quì ch'eddu intrì in stretti rapporti incù Augustu, u quali, sicondu Tacitu[1] (chì à so volta riporta un discorsu di u storicu Cremuzio Cordo) u chjamava "pumpeianu" par u so filu-ripublicanisimu; stu fattu ùn nuciti micca quantunqua à a so amicizia, tantu ch'èfù affidata da l'impiratori l'educazioni di u nipoti è futuru impiratori Claudiu. Si didicò dunqua à a ridazzioni di l' Ab Urbe cundita libri par cilibrà Roma è u so impiratori è s'imposi beddu prestu com'è unu di i più grandi storichi di u so tempu. Fù ancu autori di numarosi scritti di carattaru filusoficu è ritoricu chì sò stati persi. Murì à Paduva in u 17 d.C., sicondu San Ghjirolmu, o in u 12 d.C.,sicondu Ronald Syme.

Opari[mudificà | edità a fonte]

Pagina di una traduzioni di Titu Liviu

L' Ab Urbe cundita libri[mudificà | edità a fonte]

Iniziata in u 27 à.C., a racolta Ab Urbe cundita si compunia di 142 libra chì narravani a storia di Roma da l'urighjini (in u 753 a.C.) finu à a morti di Druso (9 a.C.), in forma annalistica; hè moltu prubabili ch'è l'opara si divia cunchjuda incù altri 8 libra (par un tutali di 150) chì avariani cuntinuatu insin'à a morti di Augustu, avvinuta in u 14 d.C.

I libra funi successivamenti divisi in decadi (gruppi di 10 libra) chì avariani divutu cuincida incù ditarminati periodi storichi. Di l'intreia opara, ci ni hè parvinuta oghji solu una piccula parti, par un tutali di 35 libra, veni à dì quiddi da l'I à u X hè da u XXI à u XLV (a prima, a terza, a quarta dicada è cinqui libri di a quinta). L'altri sò cunnisciuti solu par via di frammenti è riassunti ("Periochae"). I libra chì sò cunsirvati discrivini in ditagliu a storia di i primi seculi di Roma da a fundazioni finu à u 293 a.C., fini di i guerri sannitichi, a siconda guerra punica, a cunquista di a Gallia cisalpina, di a Grecia, di a Macidonia hè di una parti di l'Asia Minori. L'ultimu avvinimentu impurtanti chì si trova hè rilativu à u trionfu di Lucio Emilio Paolo à a Pidna.

Ghjà u titulu di l'opara dà l'idea di a grandezza di i prupositi di u storicu. Liviu imprudò un stili chì altirnava a crunulugia storica à a narrazioni, spessu intarrumpendu u racontu par annuncià l'alizzioni di un novu consulu, datu ch'è quistu era u sistemu imprudatu da i Rumani par tena contu di l'anni. In l'opara, Liviu dinuncia inoltri a dicadenza di i custumi è esalta à u cuntrariu i valori chì ani fattu a Roma eterna.

U stessu Liviu affirmò inoltri ch'è a mancanza di dati è fonti certi pricidenti à u saccu di Roma da parti di i Ghjaddi, in u 390 a.C., avia resu u so compitu assà difficiuli. À renda più arduu u compitu di u sturiugrafu fù u fattu ch'è ùn pudia micca acceda, com'è privatu citatinu, à l'archivii è duviti accuntintà si di fonti sicundarii (ducumenti è matiriali dighjà elaburati da altri storichi). À u stessu modu, molti storichi muderni ritenini ch'è, par a mancanza di fonti puntuali è pricisi, Liviu aghji prisintatu par i stessi vicendi sii una virsioni mitica ch'è una virsioni "storica", senza privilighjà nisciuna di i dui virsioni, ma lascendu à a discrizioni di u littori a dicisioni annantu à quali sii a più verusimili. In u prifaziu hè l'autori à spiigà chì "quant'è à l'avvinimenti rilativi à a fundazioni di Roma o antiriori, ùn cercu nè di dà li par veri o mentiscia i: u so fascinu hè divutu più à l'imaginazioni di i pueti ch'è à a seriità di l'infurmazioni" (ni hè un asempiu a prisenza in l'opara di u mitu di l'ascinsioni à u celi di Romolu è di un racontu sicondu u quali u stessu Romolu saristi statu uccisu). Eppuri u so talentu ùn hè micca ricircatu in l'attindibilità scentifica è storica di u travagliu quantu in u so valori litterariu (u metudu incù u quali impiega i fonti hè critichevuli postu ch'è ùn ricodda micca à i ducumenti uriginali, in casu mai ch'è ci ni siini, ma improda guasi esclusivamenti fonti litterarii).

Liviu scrissi larga parti di a so opara duranti l'imperu di Augustu; nonustanti quissa, a so opara hè stata spessu idantificata com'è liata à i valori ripublicani è à u desideriu di una ristaurazioni di a ripublica. In ogni modu, ùn ci sò micca cirtezzi riguardu à i cunvinzioni pulitichi di l'autori, da u mumentu ch'è i libra nantu à a fini di a ripublica è annantu à l'ascesa di Augustu sò stati persi. Cirtamenti Liviu fù criticu in i cunfronti di parechji di i valori incarnati da u novu rigimu, ma hè prubabili ch'è u so puntu di vista fussi più cumplessu di una simplicia contrappusizioni ripublica/imperu. D'altru cantu, Augustu ùn fù mancu stampa disturbatu da i scritti di Liviu, è l'incaricò ancu di l'educazioni di so nipoti, u futuru impiratori Claudiu. L'influenza di Titu Liviu annantu à Claudiu fù evidenti in u periodu finali di u regnu di quist'ultimu, quandu l'oratoria di l'impiratori si rifeci in manera fideli à a storia di Roma racuntata da u storicu patavinu.

In a Storia di Roma (libru 9, sizioni 17-19) di Liviu si trova a prima ucronia cunnisciuta, quandu u storicu imagineghja i surtiti di u mondu s'è Lisandru Magnu fussi partitu par a cunquista di l'uccidenti nanzi ch'è di l'urienti. U storicu si dici cunvintu ch'è, in tal casu, Lisandru Magnu saristi statu scunfittu da l'asercitu rumanu.

Stili[mudificà | edità a fonte]

Liviu fù sempri accusatu di patavinitas (paduvanità); sempri oghji ùn s'hè ancora micca riusciti à capiscia qualessu eddu era u significatu pricisu di u terminu: a maiò parti di i critichi rileva in quissa una critica in i cunfronti di u stili "pruvinciali" di u storicu (ma di cusì ditta pruvincialità ùn si rilevani micca tracci in i scritti à no parvenuti) mentri altri, com'è u Syme, ritenini ch'è u terminu riguardi più a sfera murali è ideologica. Sta critica hè stata mossa inizialamenti da Asinio Pollione, puliticu è littaratu rumanu.

Quintilianu definì u so stili com'è una "lactea ubertas", littiralamenti "abbundanza di latti", par indicà com'è u stili di Liviu era scurrenti, dolci par u littori è à listessu tempu piacevuli. U stili di Liviu hè carattarizatu da archititturi beddi studiati.

À Titu Liviu intaressa cumpona un'opara dilittosa nantu à a storia di Roma, ùn fendu lu micca scintificamenti (com'è facia Tucidide in Grecia), ma racugliendu simpliciamenti i nutizii dendu cusì piacivulezza à l'opara. Quissa l'alluntana da u stili seccu è chjusu tipicu di Polibio è faci sì ch'è a so narrazioni hè carattarizata da sfumaturi chì poni essa definiti com'è "dramatichi", senza eccessi. A storia par eddu hè "Magistra Vitae" da u puntu di vista murali, vivendu infatti in un periodu difficiuli par a sucità rumana ritinia ch'è u mudeddu da suvità par vultà à a grandi putenza di un tempu saristi statu quiddu di l' antichi rumani, par prima quiddu di Romolo. Liviu era un grandi nustalgicu di u passatu soprattuttu riguardu à a murali è à i valori chì aviani resu grandi Roma, chì à quidda ebbica erani in grandi diclinu.

Liviu attribuisci à i varii parsunaghji ch'eddu poni sottu analisi carattari guasi assuluti, fendu li divintà paradigmi di passioni (tipi). Un antru elementu tipicu di a dramatisazioni hè quiddu di metta in bocca à i parsunaghji di i discorsi, sii in forma diretta ch'è indiretta, infurmazioni utuli à i fini di a narrazioni, soprattuttu par quantu riguarda a parti "dilittosa" di u so intentu. I discorsi sò infatti custruiti in manera fantasiosa, è difatti ùn sò micca da piglià com'è virità storichi ughjittivi ma com'è esigenzi di stampu narrativu è psiculogicu. À spessu u storicu paduvanu rileva com'è una situazioni si pricipiteghja, quandu à l'ultimu istanti si hà un rivultamentu di fronti inattesu, u tipicu prucidimentu tiatrali grecu di u "deus ex machina".

Da u puntu di vista più sputicamenti stilisticu Titu Liviu prucedi nantu à l'ormi di Erodutu (più favulescu) è suvita u mudeddu di Isocrate, incù a so eluquenza piacivulamenti narrativa.

Noti[mudificà | edità a fonte]

  1. Annales IV, 34

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]


Fonti[mudificà | edità a fonte]

'Ss'articulu pruveni in parti o in tutalità da l'articulu currispundenti di a wikipedia taliana.