Ottave giocose

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

L'Ottave giocose sò puesie chì sò state create da Guglielmu Guglielmi, di e Piazzole d'Orezza. Sò state publicate in u 1855 in i Canti populari corsi di Salvatore Viale. Sò cumposte da trenta sei uttave.

L'Ottave ghjucose in corsu mudernu[mudificà | edità a fonte]

Eccu una trascrizzione in corsu mudernu di l'Ottave ghjucose:

Rimustranze à u nobile Filippu Adorno, Governatore Genovese, à nome di l'abitanti di Castagniccia, per a carestia di u1702.


I.

Dice u pruverbiu ; quand’hè colmu u zanu
Scupertisci cun regula a farina,
Nun andà ti ne in lettu à corpu pienu,
Alloca qualchì cosa à la matina.
Cusì dice anch'è Ippocrate è Galenu,
Chì sò li babbi di la medicina:
U cibu muderatu è la dieta
Cunserva, è veste l’omini di seta.

II.

Or dì mi u veru, o populu mischinu,
Quantu daresti d’avè cunservatu
E castagne, chì desti à u ballarinu
Ghjittate à u ventu in l’annu passatu?
Sò più quelle ch’eo dedi à u mannarinu
Ch'è quelle ch’in quest’annu aghju ingratatu.
È li casali più numati è fini
Di verdi ùn ne feranu ottu mezzini.

III.

D’altru in piazza nun sentu raghjunà ne
Ch'è di dicetta è cruda malannata.
Chì dice: cumu faremu à campà ne ?
È chì risponde: ell’hè male impicciata:
Nun truveremu à vende, nè à impignà ne;
Chì la cundanna troppu à tondu hè stata;
S’hanu quattru castagne li mercanti,
Caccianu l’ochji à l’amici è à i parenti.

IV.

Un saccu di castagne lizinose
Cun queste arpie, chì cercanu i guadagni,
Ti custeranu le vigne è le chjose
E lenze, i curtalini, è li castagni.
Dece trà capre è |pecure rugnose
Ti bisogna à piglià, si tù ti lagni.
Quest’anime di Ghjuda, avare è strette,
T’impararanu à fà croci à crucette.

V.

Aghju intesu cuntà da i paisani
Un ridiculu casu pè u paese
Di due chì s’incuntronu pè li piani:
Eranu tremindui mal' in arnese:
Unu era di la pieve d’Alesani,
È l’altru nostru quì Castellacquese;
Chjamati tutt’è dui per mala sorte
À u tribunale ad infurmà la Corte.

VI.

Lodatu Diu, disse quel' d’Alesani,
Chè forse averaghju trovu cumpagnia.
Per quantu m’arrivecu à li to zani
Mi pare ch'è testimone ancu tù sia;
S’ella è cusì tucchemu ci le mani:
Ci n’anderemu inseme à la Bastia.
Bon'dì, rispose l’altru, o camerata;
Pò esse chì tù l’aghji induvinata.

VII.

Pusemu un pocu; dì mi u to paese:
À me cunnuscerai, sò d’Alesani.
Rispose l’altru; eo sò Castellacquese
Di quelli paisoli più suprani,
Duve l’altr’eri vennenu à le prese
Certuni sopra all’intastà di i cani.
Ci fù qualchì scapochju è sambulone
Trà i paisani; ed eo sò testimone.

VIII.

Alesanincu.
Or ghjà ch'è tù m’hai dettu la caghjone
Di u to viaghju, eo ti diraghju a mea.
M’accintolonu l’altr’annu un pullone,
Ch’era lu megliu di quanti n'avia:
Era assatochju, è pienu un capparone
Ogn’annu di castagne ci cuglia;
È ne facia certe imbrustolate
Ch'è parianu frittelle inzuccherate.

IX.

Eppure o Podestà d’u miò paese
Mi dede u tortu; è appuntu l’altru ghjornu
Pe un ghjandarinu vennenu à le prese
A moglie cun un’altra d’u cuntornu
È si dedonu in capu scope accese
Pale, bastoni, è sbròsciuli di fornu.
O Podestà, com’era di raghjone,
Fece u dischercu, ed eo sò testimone.

X.

Vole ch’io dica chì la sò consorte
Non fù la prima à minà di bastone,
Chì fù dall'altra pruvucata forte,
È li dia tutta quanta la raghjone.
Per questu vengu chjamatu à la Corte;
È temu ch'è mi mettinu in prighjone
A stà dentru la Volpe in caterochju;
È ùn n’aghju un soldu per caccià mi un ochju.

XI.

Portu cun mecu certe pisticcine
Grisge, cum’esse state in sepultura,
Cun un pezzu di casgiu sopraffine
Biancu, ch'è i schiavi u chjamanu gallura.
Di dì la verità questu hè u mio fine,
Finchè lu pane castagninu dura.
Ma scuzzulatu ch'è sarà lu zanu,
Dirò ch'è San Cristofalu era un nannu.

XII.

Ti vecu ad ermu-felge una prisochja;
Forse sarebbe una zucca di vinu?
Tù vedi pur' ch’eo sputu salimochja,
Com’ellu sputa in mare lu delfinu.
Castellacquese.
Chì ne voi fà chì la lingua ti scochja
È t’annega li denti lu meschinu!
Quest’annu Castellacqua hè stata netta;
Ùn n’hà avutu ch'è un pocu di vinetta.

XIII.

Alesanincu.
Dallu mi per amor' di San Ghjiseppe,
Perchè mi sentu da u sole brusgiatu....
Ah! fratellu ch'è pare lu ghjileppe
Sia benedettu u locu, duv’ellu hè natu,
È benedettu sia quellu chì seppe
Inventà ne un licore cusì pregiatu.
Eo vogliu maladì li mio denzani
Ch'è fondonu paesi in Alesani.

XIV.

Castellacquese.
Un dubità, fratellu, eo ti rispondu
Chì n’averai quist’annu cumpagnia;
Perché ci hè carestia per tuttu u mondu.
Bon granu è vinu bonu ùn ci n’hè cria.
Temu chì st’annu ùn sia forse u secondu
Dopu di quell’antica carestia,
Quand’ Orezzinchi, per nun cascà morti,
Fecer di pane dicessette sorti.

XV.

Alesanincu.
Or chì ferà lu poveru Alesani
Ch'è di vinu ebbe sempre carestia?
La ricca è nobil pieve d’Ampugnani,
Ch'è sempre tant’ abbundanza n’avia;
Si ne lavava a faccia cù le mani,
È tanta caritade ne fecia.
Eo tante volte ci sò praticatu,
È sempre mi partia imburracciatu.

XVI.

Arrivai una sera in San Martinu
A Scata; ed era da tutti imvitatu;
È mi dedenu a beie tantu vinu,
È vinu tuttu di u muscatellatu,
Ch’eo feci venti miglia di camminu,
Solu in quattr’ore; tantu era scaldatu!
Ma avale nun accore ch’eo ci vada;
Chì di l’acqua ne trovu per la strada.

XVII.

Chi ferà, dicu, o poveru Alesani
Ch'è di vinu ebbe sempre carestia?
Eo piengu li mio preti paesani
Ch'è prestu chiteranu a sagrestia
S'è Monsignor' ùn ci mette le mani,
Per le messe bon' di vossignoria.
Dopu cummunicatu mi in Natale
Eo ùn ne beiu più: questu hè u mio male.

XVIII.

Ma, cameratu, dì mi di castagne
Com'è coghite, è cosa ne sperate?
Da noi sò spatrunate le campagne,
È sò le pullonete tutte oschjate.
S'è tù mi dai un piattu di lasagne,
Eo ti rinunziu tutte le mio entrate;
Quest’annu ùn ne coglii mancu un spurtellu
Nè feci chjostru a lovia, nè a purcellu.

XIX.

Guarda quì le mio dite dilicate,
Parenu quelle di lu cancellere;
Ch'è mai quest’annu nun l’aghju imbruttate
Nè fattu paracoda à lu sumere.
L’altr’annu duie dite avia struppiate,
Avea i talorchi imponti da lu ghjele,
È steti in man' di medicu trè mesi,
È foi lu straziu di li mio paesi.

XX.

Hè vera, eo piensi in lettu più d'un ghjornu,
È spesi in malatie più d'un quattrinu.
Ma tandu fumicava lu mio fornu,
Com'è di Monsignore lu camminu.
Avale nascerà ci l'erba intornu,
È cuglieremu i [[fungu|funghi] in u mulinu;
È u mulinaru, persi li taccheri,
Si manghjarà la brenna è li sumeri.

XXI.

Castellacquese.
Eo ti prumettu, bu nostru querinu
Spesa nova nun ha ch'è basti un mese,
È si trova à mal puntu lu mischinu
Più d’Alesani, è più d’altru paese;
Perchì l’erpia di San Pilegrinu
Inghjottite si n’hà le vechje spese.
Per dì ti a causa di li nostri mali,
Chì ci ha biutatu e casce è li bancali;

XXII.

Ogni dunnuccia vole la rucchina,
Ùn si cuntenta più di la suttana;
E scarpette à la moda Fiurentina,
È le faldette à la Napulitana;
Correnu le castagne à la marina,
Vanu à Carchetu è vanu à la Campana.
O chì sia maritata o sia zitella,
S'è ùn n’hà calze rosse, nun hè bella;

XXIII.

O chì sia figlia o moglie d'un pastore,
O figlia o moglie d’un vil' mulinaru,
À dossu vol' più sorti di culore,
È arriva in ghjesa com'è un refularu.
Altrimenti placà la nun occorre;
Ti spezza cù e calcagne lu sularu.
Per dì la chjara, s’era bon’annata,
Ne vedevi più d’una impulverata.

XXIV.

Ma credu ch’averanu altri appititi,
Nè circheranu più di fà le velle,
Chì vedenu i castagni imbrustuliti,
È pè le grati videranu e stelle;
È camminà duvranu li mariti
Ùn dicu per frisgetti e pimpinnelle;
Ma per purtà ne à le case mischine
Quella roba chì fanu e Migliarine.

XXV.

Pensa s'è puderanu mai campà ne
Quest’annu le famiglie sventurate.
Decime airnen nun hanu da pagà ne,
È di Fumaghju sò privilegiate;
Quest’annu sì chì si pudia truvà ne
Di l’eccellenti è nobili casate
Chì guderanu nu i nostri cunfini
I privilegi di i Bunifazini.

XXVI.

Alesanincu.
Avà si chi mi sentu infritulitu
È pare mi sia ghjunta la quertana.
Credia solu ch’Alesani lu scoritu
S’avesse ad intastà cun Pilicana.
Ma nun lagnà ti; tù sì ben'vestitu;
Hai boni scarpi è una bona suttana:
Este u mantellu vechju; ma hè impezzatu;
S’ellu hè lu toiu, sì mezu scampatu.

XXVII.

Hai dettu ch'è le donne sò vestite
Tutte di rossu da u capu à lu pede,
È quandu u ghjornu restinu famite
U dannu nun si scorge, nè si crede.
Ma eo l’aghju, per Diu, tutte compite:
Eo sò sbrettatu, com'è ognunu mi vede;
È le mio donne, negà nun lu possu,
Tenenu appena unu pillancheru indossu.

XXVIII.

Ci sonu sì di le figlie gherbate
Ch’hanu bonnelle, rocchine, ghjubboni,
È portano e camisge lavurate
Cun ottu o dece pare di buttoni,
Cù le scarpette à tacchi inzecculate,
Mandili fini, scufiette, è bendoni;
Ma credu prestu prestu ch'è parechje
L’empigneranu per castagne vechje.

XXIX.

S'è non pruvede Diu nostru Signore,
Prima ch'è venga u tempu di l’erbiglie,
Cambiaranu di voltu è di culore
Le nostre amate è delicate figlie;
S'è Adorno, u nostru bon'Guvernatore,
Cun zel'paternu è cun tenaci vriglie
Non frena di marchenti l’empie brame,
Più d’unu si n’appicca da la fame.

XXX.

S'è nun fussi spugliatu com'è vedi,
È s'è nun fussi di mantellu senza;
S'è ùn mi scappassinu i scarpi da i pedi,
Eo ne vurria parlà ne à so Eccellenza;
È voglio fà la, s'è mi lu concedi;
È bramu ch'è tù venghe à la presenza.
Arrivati cbe simi à la Bastia,
Fà mi, fratellu, un po’ di curtesia.

XXXI.

S'è tù mi paghi un buccale di vinu
Ch’eo veja, pigliu subitu u scalone,
È li facciu un discorsu sopraffinu
Ch'è nun ne porti imvidia à Cicerone.
Cun un modestu è riverente inchjinu,
Li dicu: Eccellentissimu patrone,
Vi cunceda l’eternu Facitore
L’oru di Cresu è l'anni di Nestore.

XXXII.

Eo sonu di la Pieve d’Alesani;
Bisugnosu, mendicu è puverettu,
È questu mio cumpagnu hè d’Ampugnani,
Fattu oghjidì di la pieve di Nettu.
Cun dinochje piegate è ghjunte mani
Noi vi preghemu cun umile affettu,
Ch'è dete à i nostri guai prontu riparu
Di viveri, di roba; è di danaru.

XXXIII.

Saggiu custode di ghjelosa torre,
Se bè ne da i nemici assediatu,
Fin da principiu à la difesa accorre,
È si cunserva u so postu onoratu.
Cun arte dotta u medicu succorre
Prima chì perda e forze l’ammalatu:
S'è u primu dorme è l’altru nun hè accortu,
Presa hè la torre, è l’ammalatu hè mortu.

XXXIV.

U populu murerà di la castagna,
S'è prestu nun hà aiutu di quattrinu,
Per comprà orzu è segala in Balagna
U migliu di Casinca in u cunfinu:
Castagne è granu nessunu ne manghja:
Ogni marchente hè troppu acutu è finu,
Nè vende, nè imprestà si gloria è vanta,
È finu à maghju vol' soldi quaranta.

XXXV.

S'è molti è molti arrivanu a febbraiu,
Dite ch’hanu vendutu u mandarinu,
È s’hanu avutu di castagne un staru,
S'è andate calle calle à lu mulinu:
Finite quelle nun ci hè più riparu;
Chì diventerà latru è chì assassinu;
Si videranu risse è uccisioni,
È sacrileghji è depredazioni:

XXXVI.

È solu pò caccià miserie tante,
È fà di flotte oscura meziornu
L’Eccellenza di u Principe Regnante,
Ch'è in voi risplende, o gran' Filippo Adorno:
È Monsignore Dorazzo, almu è zelante,
Di cui sona la fama d’ogni intornu,
Deh! porga aiutu à u miseru Alesani;
Chè siamu vicini, è soi diocesani.

U testu originale[mudificà | edità a fonte]

OTTAVE GIOCOSE
Di Prete Gugliemo Guglielmi Delle Piazzole d’Orezza.

Eccu a trascrizzione litterale di l'Ottave giocose, secondu a versione publicate in i Canti populari corsi di Salvatore Viale.

Rimostranze al nobile Filippo Adorno, Governatore Genovese, a nome degli abitanti di Castagniccia, per la carestia del 1702.


I.

Dice u pruverbiu ; quand’è colmu u zenu
Scupertisci cun regula a ferina,
Nun andattine in lettu a corpu pienu,
Alloca qualchi cosa a la mattina.
Cusi dice anche Ippocrate e Galenu,
Chi so li vabi di la medicina:
U cibu muderato e la dieta
Conserva, e beste l’omini di seta.

II.

Or dimmi u veru, o populu mischinu,
Quantu daresti d’avè cunservatu
E castagne, chi desti au vallerinu
Ghittate au ventu nell’annu passatu?
Sò più quelle ch’eo dedi a u mannerinu
Che quelle ch’in quest’annu achiu ingratatu.
E li casali più numati e fini
Di verdi un ne feranu ottu mezzini.

III.

D’altru in piazza nun sentu ragiunane
Che di dicetta e cruda malannata.
Chi dice: cumu faremu a campane ?
E chi risponde: ell’ è male impicciata:
Nun truveremu a bende, nè a impignane;
Chi la cundanna troppu a tondu è stata;
S’hannu quattru castagne li merchenti,
Caccianu l’occhi all’amici e ai parenti.

IV.

Un saccu di castagne lizinose
Cun queste arpie, chi cercanu i guadagni,
Ti custeranu le vigne e le chiose
E lenze, i curtalini, e li castagni.
Dece tra capre e pecure rugnose
Ti visogna a piglià, si tu ti lagni.
Quest’anime di Juda, avare e strette,
T’impareranu a fà croci e crucette.

V.

Achiu intesu cuntà dai paesani
Un ridiculu casu peu paese
Di due chi s’incuntronu pe’ li piani:
Eranu tremindui mal in arnese:
Unu era di la pieve d’Alesani,
E l’altru nostru qui Castellacquese;
Chiamati tutt’e dui per mala sorte
Au tribunale ad informà la Corte.

VI.

Lodato Dio, disse quel d’Alesani,
Chè forse avrachio trovo compagnia.
Per quanto m’arriveco a li to zani
Mi par che testimone anco to sia;
S’ella è cosi tocchemoci le mani:
Ci n’anderemo insemme a la Bastia.
Bon di, rispose l’altru, o camerata;
Po’ esse chi tu l’aghie induvinata.

VII.

Posemo on poco; dimmi o to paese:
A me conoscerai, sò d’Alesani.
Rispose l’altru; eo sò Castellacquese
Di quelli paisoli più suprani,
Duve l’altr’ eri bennenu a le prese
Certuni sopra all’intastà d’i cani.
Ci fu qualchi scapocchiu e sambulone
Tra i paisani; ed eo so testimone.

VIII.

Alesaninco.
Or ghià che tu m’hai detto la cagione
Di o to viaghio, eo ti diraghio a mea.
M’accintolono l’altr’anno on pollone,
Ch’era lo meglio di quanti n'avea:
Era assatochio, e pieno on capparone
Ogn’anno di castagne ci cogliea;
E ne facea certe imbrostolate
Che pareano frittelle inzoccherate.

IX.

Eppure o Podestà d’o miò paese
Mi dede o torto; e apponto l’altro jorno
Pe on ghiandarino venneno a le prese
A moglie con on’altra d’o contorno
E si dedono in capo scope accese
Pale, vastoni, e sbròscioli di forno.
O Podestà, com’era di ragione,
Fece o discherco, ed eo sò testimone.

X.

Bole ch’io dica chi la sò consorte
Non fo la prima a mina di vastone,
Chi fo dall'altra provocata forte,
E gli dia tutta quanta la ragione.
Per questo vengo chiamato a la Corte;
E temo che mi mettino in prigione
A stà dentro la Volpe in caterocchio;
E un n’achio un sollo per cacciammi un occhio.

XI.

Porto con meco certe pisticcine
Grisce, cum’esse state in sepoltura,
Con un pezzo di cascio sopraffine
Bianco, che i schiavi o chiamano gallura.
Di di la verità questo è o miò fine,
Finchè lo pane castagnino dura.
Ma scozzolato che sara lo zano,
Dirò che San Cristofalo era un nano.

XII.

Ti veco ad ermo-felge una prisochia;
Forse sarebbe ona zocca di vino?
Tu vedi pur ch’eo sputo salimochia,
Com’ello sputa in mare lo delfino.
Castellacquese.
Chi ne vuoi fà chi la lingua ti scochia
E t’annega li denti lu meschino!
Quest’annu Castellacqua è stata netta;
Un n’ha autu che un pocu di vinetta.

XIII.

Alesaninco.
Dallomi per amor di S. Ghiseppe,
Perchè mi sento da o sole brosciato....
Ah! fratello che pare lo jileppe
Sia venedetto o loco, ov’ello è nato,
E benedetto sia quello chi seppe
Inventane un licor cosi pregiato.
Eo voglio maladi li miò denzani
Che fondono paesi in Alesani.

XIV.

Castellacquese.
Un dubità, fratello, eo ti rispondu
Chi n’averai quist’annu cumpagnia;
Perché c’è carestia per tuttu u mondu.
Bon granu e binu vonu un ci n’è cria.
Temu chi st’annu un sia forse u secondu
Dopu di quell’antica carestia,
Quand’ Orezzinchi, per nun cascà morti,
Fecer di pane dicessette sorti.

XV.

Alesaninco.
Or chi ferà lo povero Alesani
Che di vino ebbe sempre carestia?
La ricca e nobil pieve d’Ampognani,
Che sempre tant’ abbondanza n’avia;
Si ne lavava a faccia co le mani,
E tanta cheritade ne fecia.
Eo tante volte ci sò praticato,
E sempre mi pertia imborracciato.

XVI.

Arrivai una sera in San Martino
A Scata; ed era da tutti imbitato;
E mi dedeno a beje tanto vino,
E vino tutto d’o moscatellato,
Ch’eo feci venti miglia di cammino,
Solo in quattr’ore; tanto era scallato!
Ma avale non accore ch’eo ci vada;
Chi dell’acqua ne trovo per la strada.

XVII.

Chi ferà, dico, o povero Alesani
Che di vino ebbe sempre carestia?
Eo piengo li miò preti paesani
Che presto chiteranno a sagrestia
Se Monsignor on ci mette le mani,
Per le messe bon di vossignoria.
Dopo commonicatomi in Natale
Eo on ne bejo più: questo è o miò male.

XVIII.

Ma, camerato, dimmi di castagne
Come coghite, e cosa ne sperate?
Da noi sò spatronate le campagne,
E sò le pollonete tutte oschiate.
Se tu mi dai un piatto di lasagne,
Eo ti rinonzio tutte le miò entrate;
Quest’anno on ne coglii manco on sportello
Nè feci chiostro a lofia, nè a porcello.

XIX.

Guerda qui le miò dite dilicate,
Pareno quelle di lo cancellere;
Chè mai quest’anno non l’achio imbrottate
Nè fatto paracoda a lo somere.
L’altr’anno doje dite avea stroppiate,
Avea i talorchi imponti da lo jele,
E stedi in man di medico tre mesi,
E foi lo strazio di li miò paesi.

XX.

È bera, eo piensi in letto più d'on ghiorno,
E spesi in malattie più d'on quattrino.
Ma tando fomicava lo miò forno,
Come di Monsignore lo cammino.
Avale nasceracci l'erba intornò,
E coglieremo i fonghi n’o molino;
E o molinaro, persi li taccheri,
Si manghierà la vrenna e li someri.

XXI.

Castellacquese.
Eo ti prumettu, bu nostru querinu
Spesa nova nun ha che basti un mese,
E si trova a mal puntu lu mischinu
Più d’Alesani, e più d’altru paese;
Perchi l’erpia di San Pilegrinu
Inghiottite si n’ha le vecchie spese.
Per ditti a causa di li nostri mali,
Chi ci ha biutatu e casce e li bancali;

XXII.

Ogni dunnuccia vole la rucchina,
Un si cuntenta più di la suttana;
E scherpette a la moda Fiurentina,
E le fallette a la Napulitana;
Corenu le castagne a la marina,
Banu a carchetu e banu a la Campana.
O chi sia maritata o sia zitella,
Se un n’ha calze rosse, nun è bella;

XXIII.

O chi sia figlia o moglie d'un pastore,
O figlia o moglie d’un vil mulinaru,
Addossu vuol più sorti di culore,
E arriva in ghiesa come un refularu.
Altrimenti placalla nun occorre;
Ti spezza cu e calcagne lu sularu.
Per dilla chiara, s’era buon’ annata,
Ne vedevi più d’una impulverata.

XXIV.

Ma credu ch’averanu altri appititi,
Nè circheranu più di fà le velle,
Chi bedenu i castagni imbrustuliti,
E pe le rati biderannu e stelle;
E camminà duvranu li mariti
Un dicu per friscetti e pimpinnelle;
Ma per purtane a le case mischine
Quella roba chi fanu e Migliarine.

XXV.

Pensa se puderanu mai campane
Quest’annu le famiglie sventurate.
Decime airnen nun hannu da pagane,
E di Fumaju sò privilegiate;
Quest’annu si chi si pudia truvane
Dell’eccellenti e nobili casate
Chi guderanu nu i nostri cunfini
I privilegi d’i Bonifazini.

XXVI.

Alesaninco.
Avà si chi mi sento infriddolito
E pare mi sia junta la quertana.
Credea sol ch’Alesani lo scorito
S’avesse ad intastà con Pilicana.
Ma nun lagnatti; tu si ben bestito;
Hai voni scherpi e una vona sottana:
Este o mantello vecchio; ma è impezzato;
S’ello è lo tojo, si mezzo scampato.

XXVII.

Hai detto che le donne sò bestite
Tutte di rosso da o capo a lo pede,
E quando o jornu restino famite
O danno non si scorge, nè si crede.
Ma eo l’achio, per Dio, tutte compite:
Eo so sbrettato, come ognun mi vede;
E le miò donne, negà non lo posso,
Teneno appena uno pillanchero indosso.

XXVIII.

Ci sono si di le figlie gherbate
C’hanu bonnelle, rocchine, ghiobboni,
E portano e camisce lavorate
Cun otto o dece pare di vottoni,
Co le scarpette a tacchi inzeccolate,
Mandili fini, scofiette, e bendoni;
Ma credo presto presto che parecchie
L’empigneranno per castagne vecchie.

XXIX.

Se non provede Dio nostro Signore,
Prima che benga o tempo dill’erbiglie,
Cambierano di volto e di colore
Le nostre amate e delicate figlie;
Se Adorno, o nostro bon Governatore,
Con zel paterno e con tenaci vriglie
Non frena di merchenti l’empie brame,
Più d’ono se n’appicca da la fame.

XXX.

Se non fossi spogliato come vedi,
E se non fossi di mantello senza;
Se on mi scappassino i scherpi dai pedi,
Eo ne voria parlane a sò Eccellenza;
E boglio falla, se me lo concedi;
E bramo che to venghe a la presenza.
Arrivati cbe simo a la Bastia,
Fammi, fratelbo, un po’ di cortesia.

XXXI.

Se to mi paghi un boccale di vino
Ch’eo veja, piglio sobito o scalone,
E li faccio un discorso sopraffino
Che non ne porti imbidia a Cicerone.
Con un modesto e riverente inchino,
Li dico: Eccellentissimno patrone,
Vi conceda l’eterno Facitore
L’oro di Creso e gli anni di Nestore.

XXXII.

Eo sono de la Pieve d’Alesani;
Bisognoso, mendico e poveretto,
E questo miò compagno è d’Ampognani,
Fatto oggidi de la pieve di Netto.
Con dinocchie piegate e ghiunte mani
Noi vi preghemo con umile affetto,
Che diete ai nostri guai pronto riparo
Di viveri, di roba; e di danaro.

XXXIII.

Saggio costode di gelosa torre,
Se bene dai nemici assediato,
Fin da principio a la difesa accorre,
E si conserva il suo posto onorato.
Con arte dotta il medico soccorre
Prima chi perda e forze l’ammalato:
Se il primo dorme e l’altro non è accorto,
Presa è la torre, e l’ammalato è morto.

XXXIV. -

Il popol morerà. de la castagna,
Se presto non ha ajoto di quattrino,
Per comprar orzo e segala in Balagna
O miglio di Casinca n’o confino:
Castagne e rano nessuno ne manghia:
Ogni merchente è troppo acuto e fino,
Nè bende, nè imprestà si gloria e vanta,
E fino a maghio vuol soldi quaranta.

XXXV.

Se molti e molti arrivano a febbraro,
Dite ch’hanno vendoto o mandarino,
E s’hano aoto di castagne on staro,
Se andate calle calle a lo molino:
Finite quelle non c’è piò riparo;
Chi diventerà ladro e chi assassino;
Si viderano risse e occisioni,
E sacrilegj e depredazioni:


XXXVI.

E solo pò caccià miserie tante,
E fa di flotte oscura mezziorno
L’Eccellenza del Principe Regnante,
Che in voi risplende, o gran Filippo Adorno:
E Monsignor Dorazzo, almo e zelante,
Di cui sona la fama d’ogni intorno,
Deh! porga ajuto al misero Alesani;
Chè siam vicini, e suoi diocesani.

Referenze[mudificà | edità a fonte]