L'urticellu

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

L'urticellu hè un testu di u scrivanu in lingua corsa Santu Casanova (1850-1936). Hè statu publicatu in L'Annu Corsu in u 1924.

Toccu sti tempi, mi vene in core l’urticellu di zia Lucia, una vechja di u me paese quand’è era un zitellu. Simile à l’acellu chi torna sempre à l’anticu nidu, tutti l’anni a mi toccu versi quelli lochi duva mi chjàmanu tante facce care ch’è un vegu più ca in sonniu, è l’urticellu chi era pienu di tutte e grazie cum'è quellu di e fate.

Un malgranu carcu di fiori sfiammicanti, eppò di malgrane mature cù a bocca aparta piena di denti rossi.

Da e rame d’un peru muscatellu pindianu pere gialle cum'è cironi è si sintia u muscu da luntanu.

Un chjarasgiu verde di fronde è rossu di frutti era sempre carcu d’acelli chì purtavanu u buccone à i figlioli in lu nidu.

I fichi scritti, colli torti è pizzicati, mittianu u mele in bocca à chì passava. Tuttu sarratu di lamaghjoni è calzi di vigna, da a sepe pindianu e caspe gialle è zeppe cum'è pignotti di granone.

Dentru una aliva vechja ci era un caravone duva una capinera facia tutti l’anni u so nidu.

Zucche gialle, pumate rosse, fasgioli verdi è fiori cilesti facianu una curona di nozze à l’urticellu di zia Lucia.

D’invernu, l’arburi da frutti eranu spugliati ma e piante salvatiche, e più belle di a Corsica, pinsavanu à a pascura di l’acelli. Un albitru, un lustincu, una mortula è un’aliva invitavanu torduli, merule, pincioni è pettirossi à magnà i so frutti savuriti.

U maritu di zia Lucia, cù e so mani d’oru, avia piantatu sti pochi arburi in lu so chjosu chì era largu quant'è un linzolu di lettu. Avà, di l’urticellu un resta più nulla. Nimu pò crede chì nantu sta rantaniccia, carca di pruni è d’urticula, ci sia statu tante grazie è tanta dulcezza.

Referenze[mudificà | edità a fonte]

  • Santu Casanova, Annu Corsu, 1924, p. 130.
  • Ceccaldi, Matteu (1976) Antulugia di a litteratura corsa - Anthologie de la littérature corse, Klincksieck: Paris