I Galli Rivali

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

I Galli Rivali hè una puesia di Ghjuvan' Petru Lucciardi (1862-1928). Hè stata publicata in Bastia in u 1909, à tempu cù A Greva di e Giuvanotte è ripublicata in A Cispra in u 1914, incù une poche di mudifiche.[1]

I Galli Rivali[mudificà | edità a fonte]

Bastia
Ghjorni scorsi in Bastia,
D'altru nun si parlava,
È ognunu camminava
À u tribunale.
Ùn sapendu chì male,
Corsi subitamente,
È vidi u presidente
Indi le furie.
Si parlava d'inghjulie,
Di morte è di tragedie
È di cose più serie
È inaspettate.
Cum'eranu adirate,
E duie paisane !
Ancu un pocu eppo à e mane
Ne ghjunghjianu,
Tantu elle si punghjianu
Cun parole murdace.
À a fine e fece tace,
U presidente,
Dicendu :« O bone ghjente,
Senza cuntusione,
Ognunu a so ragione
Spieghi è dica ».
Chillina (Avanzendu si)
Un sentu più fatica,
Avà chì vò à sfugà mi,
È in publicu lagnà mi
Di u mio male.
"Un gallu cusì arditu
Ch'era mustratu à ditu
In u paese."
Tenia pè lu carnevale,
Un gallu cusì arditu,
Ch'era mustratu à ditu
Ind'u paese.
Avia le so difese,
È ghjera cresti doppiu ;
Ùn ci era per fà u coppiu
In tutta a Francia.
Pudia avè la mancia
Quand'ella mi paria ;
Ancu Nunzia Maria
U si cumprava.
Trenta franchi mi dava,
O tredeci galline ;
È m'hà offertu per fine,
In più, un caprettu.
Ùn cridete stu dettu ?
Vi ghjuru ch'ella hè vera ;
Ancu tù, quella sera,
U ti vulia.
Perchè la ghjelusia
Vi si rudia à tutti :
Tenia à denti asciutti
I so cumpagni.
Vulete ch'ùn mi lagni ?
Cummetteria un fallu,
S'eu di lu mio gallu
Ùn vi parlassi.
Eppoi s'è ùn vi cuntassi
Tutte quante le prove
– Menu ch'è di fà l'ove –
Ch'ellu ha fattu ?
È dì, ch'ind'un pignattu,
Ellu duvia finì ?
Ùn la cridia cusì
Po la so sorte.
Quand'andava per l'orte,
Cù e mio vinti galline,
È quelle di e vicine,
À ruspulà.
S'è ti mettia à cantà,
Veniamu currendu,
È ognuna crucculendu,
U fidighjava.
Ellu le... carizzava
Trè o quattru volte u ghjornu :
In l'ortu, sottu à u fornu,
In casa è fora.
A mane di bon'ora,
Prima ch'escissi u sole,
Facia batte le sole
À l'altri galli.
Era lestu à caccià li,
Di tutte e curtaline ;
Eppoi tutte e galline
Si chjamava.
In tortu, ellu guardava,
I galli di u vicinu ;
È ne facia un sterminu
À pizzicate.
Cusì passò un estate,
Allegru è capi rittu,
Parìa un Pascià d'Egittu,
O u gran' Sultanu.
Era un veru suvranu,
Ed eu n'era fiera,
Quandu, mattina è sera,
Ellu cantava.
Pena, pò un li ne dava ;
Ma granu è pivarone,
Astricule è granone,
In abbundanza.
Avia bella prestanza,
È ghjera sgualtru è prontu...
Altru nunda ùn vi contu,
È quì m'arrestu.
Solu v'aghjungu questu,
Chì un ghjornu d'auturnu,
Divenne taciturnu
È s'ammalò.
U so gallu maiò,
Corse à saltà li addossu :
Avale po ùn lu possu
Più ludà.
Cuntate ! A mio pietà !
Di ùn pudè dà li aiutu...
È cusì fù battutu
Per un ora.
Ci era po sta signora,
Facia festa è allegria,
Perchè u so gallu avia
La suprana.
Per una cristiana,
Mancò di qualità :
Chì hà lasciatu tumbà
Lu mio gallone.
Or date mi ragione,
Voi, o sgiò presidente,
È rendite à l'istante
La ghjustizia.
Ùn vogliu a so amicizia ;
L'aghju avuta abbastanza ;
Ma vogliu – aghju speranza –
A so cundanna.
Miola (aggressiva)
Cusì, per Diu sanna,
A cosa ùn s'hè passata ;
Tù sì chì l'hai imparata
A lezione.
À sente a to ragione,
Ti si crede innucente ;
Ma' induvinamu e ghjente,
A to acutezza.
A credu ? T'era avvezza
À ride sempre sola.
Quantu à vede mi in tola.
Tù gudia.
È tù pietà ùn n'avia,
Di u mio gallu, lu tintu !
Quandu u toiu, in l'accintu,
U pizzicava.
U meu si ne stava,
U disperatu, solu ;
È ghjera sempre in dolu
Viduvile.
Purtantu ùn n'era vile.
Ma tù l'impauria,
È sempre u sviguttia,
Ancu à l'appollu ;
I li strignisti u collu,
È ne perse lu cantu,
Chì nanzu, mi ne vantu,
Ghjera u primu.
Quandu ùn vidia nimu,
Eranu palazzate,
Ghjasteme è spazzulate
Nantu u spinu.
Cusì u mio cantarinu
Trè mesi fù straziatu,
Avilitu, umiliatu,
Cun disprezzu.
Ma senti ? Hè un bellu pezzu,
Ch'à l'appiattu ùn buccava ;
Notte è ghiornu, li dava,
Roba bona.
Ghjè, cume una persona,
Pienu d'intelligenza ;
Cunnosce la crianza
È u galateu.
Ma quandu pensu, ch'eu
Diventai orgogliosa,
Quandu vidi pumposa
La so cresta,
Feci tamanta festa,
Chì si ne parla tantu ;
Ma pobbi ghjunghje, intantu,
À dì :« L'hà vintu. »
È indi quell'arricintu,
Cum'è tù ghjera avvezza,
Pruvai a cuntentezza
Di a vittoria.
A dicu : fù una gloria,
Chì mi rese superba,
Quandu vidi indi l'erba,
Lu to gallu,
Cu u meu da cavallu
Cume un leone arditu,
Feroce, inviguritu,
Chì u battia.
Festi una malatia,
Per u gallu vincitore.
Vulia vede u to core
In quell' istante !
Ti vidi trimulante,
Pienghjendu à la ridotta,
È tù, cruda nè cotta
Più nun ghjera.
Ed eu, di più in più fiera,
Incuragìa u miu gallu,
Mai stanca di ludà lu,
U mio paone !
Infine u mio leone,
Vide lu toiu resu,
Scarnitu, vilipesu.
Èppo u tumbò.
Cuntentu, si lampò
Nantu e spalle, bulendu,
È tremindui, cantendu,
Ci n'andemu.
U mondu chì truvemu,
In casa ci accumpagna,
È culà fù cuccagna
Per trè ghiorni,
Feci scaldà li forni,
Per fà tanti migliacci...
È mandai dispacci,
In ogni locu.
Avà, dite mi un pocu,
S'è un n'aghju la ragione.
Dunque, prutezione,
Vi dumandu.
Sò à lu vostru cumandu,
O signor' presidente,
Umile è ubbidiente,
È vi salutu.


U Presidente
Avale chì aghju avutu
Di tuttu cunniscenza,
Fate l'ubbidienza
È state à sente.
Fede di presidente,
Mi s'achiuva lu core,
Pensendu à lu dulore
Chì suffriste.
E cose pò ùn sò triste,
Quandu cè lu cumpensu ;
È velenu eu pensu
Ùn n'ete in core.
Dunque, le mio signore,
Bisogna à perdunà
Eppoi dimenticà
S'ellu ci hè affronti.
Per regulà li conti,
È strigne l'amicizia
Vi dice la ghjustizia
Di fà festa,
Cù lu gallu chì resta :
Fatta la lasagnata,
Fate vi una risata.
È state allegre.

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. P. 36-46.

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]