Fanale d'Alissandria

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
U fanale d'Alissandria sicondu una ricustruzzione di u 1909 di l'archeulogu Hermann Thiersch.
Ricustruzzione tridiminsiunale basata annantu à un studiu di u 2006.

U Fanale d'Alissandria (o Fanali d'Alissandria), cunsideratu una di e sette maraviglie di u mondu anticu è ancu una di e realisazione più avanzate è efficace di a tecnulugia ellinistica, fù custruitu annantu à l'isula di Pharos, di fronte à u portu d'Alissandria d'Egittu, in l'anni trà u 300 a.C. è u 280 a.C. è funziunò finu à u XIV seculu, quandu fù distruttu da dui terramuti.

Storia[mudificà | edità a fonte]

Fù fattu custruisce da Sostrato di Cnido, un marcante grecu; u prugettu fù principiatu da Tolomeo I Sotere, à l'iniziu di u so regnu, è fù cumplittatu da u figliolu Tolomeo II Filadelfo. U scopu di l'impunente opera era d'accresce a sicurezza di u trafficu marittimu tantu in intrata ch'è in isciuta, resu priculosu da i numarosi banchi di rena in u trattu di mare attaccatu à u portu d'Alissandria è da l'assenza di rilievi orografichi. Permettia di signalà a pusizione di u portu à e nave, di ghjornu per mezu di i spechji spiciali di bronzu lustratu chì riflettianu a luce di u sole finu à u largu, mentre di notte eranu accesi i fochi. Si stima ch'è a torra era alta 134 metri, una di e più alte custruzzione esistente à l'epica, è u fanale, sicondu a tistimunianza di Ghjaseppu Flavio, pudia esse vistu à 48 km di distanza, vene à dì finu à a limita permessa da a so altezza è da l'incurvatura di a superficia terrestra. Per quessa si pò ancu cunsiderà u prima grattacelu di a storia. Era custituitu da un altu basamentu quadrangulare, chì uspitava e stanze di l'impiigati è e rampe per u trasportu di u combustibile. À quessa si soprappunia una torra ottogunale è dinù una custruzzione cilindrica incimata da una statua di Zeus o Puseidonu, ch‬ì fù più tarde custituita da quella di Helios.

U fanale d'Alissandria in un'illustrazione di Maarten van Heemskerck.

A custruzzione di u fanale d'Alissandria si svilò di grande utilità è indusse à custruisce fanali analoghi in parechji altri porti di u mare terraniu ellinisticu. Ùn s'hà micca discrizzione esatte di u so funziunamentu, prubabilamente per via di a riservatezza chì, com'è s'osserva à spessu in seguitu, in u mondu ellinisticu era mantenuta annantu à l'impianti di tecnulugia avanzata. Si pò quantunque suppone ch'è u fasciu luminosu di u fanale era rinfurzatu da l'usu di spichji parabolichi, tecnica tipicamente applicata in l'era muderna: e cunniscenze matematiche annantu à e quale si basanu st'apparechji riguardanu a tiuria di e coniche è a Catottrica (un trattatu scrittu da Archimede) bella cunnisciuta in l'ambiente scentificu d'Alissandria (Apollonio, Euclide). Inoltre, a forma cilindrica di u cuntenidore di a surgente di luce induce à pensà ch'è da u fanale pruvenia un fasciu di luce girevule, più utule per i naviganti ch'è una surgente fissa. In i seculi dopu ste tecnulugie fubbenu perse, com'è gran'parte di a cultura scentifica è tecnulogica ellinistica.

Si riprese à custruisce fanali solu in u XII seculu (a prima Lanterna di Ghjenuva hè realizata in u 1128 o in u 1139), ma senza riflettori basati annantu à a tiuria di e coniche. Quelli seranu ricuperati solu in i primi dicennii di u XVII seculu, in particulare da Bonaventura Cavalieri, è permetteranu a custruzzione di i primi fanali muderni à a fine di u seculu.[1]

Eccettuatu a Piramida di Cheope, u fanale fù a più durevule di e sette maraviglie. Firmò in funzione per sedici seculi, finu à quandu in u 1303 è in u 1323 dui terramuti u dannighjonu irreparabilmente. In u 1480 u sultanu d'Egittu Quaitbay imprudò e so ruvine per a custruzzione d'un forti in i circondi. Numarosi blocchi è elementi architittonichi sò stati ricuperati in mare, à tempu cù e culussale statue di Tolomeo II è di a moglia Arsinoe II ripprisintata com'è Iside.

Da u nome di l'isula Pharos ebbi etimolugicamente urighjine u nome "fanale" in molte lingue rumanze: fanale in corsu, talianu è spagnolu, farol in purtughesu, phare in francesu è in rumenu.

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. Lucio Russio, 1996, op. cit., sez. 4.5.

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]

  • (in talianu) AA.VV., Alessandria d'Egitto in Enciclopedia Italiana, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1929. URL consultatu u 22-04-2014.
  • (in talianu) AA.VV., Faro in Enciclopedia Italiana, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1932. URL consultatu u 22-04-2014.
  • (in inglese) Thomas C. Clarie, Pharos: A Lighthouse For Alexandria, Portsmouth (New Hampshire), Back Channel, 2009, ISBN 1-934582-12-3.
  • (in francese) Évariste Lévi-Provençal, Une description Arabe inédite du Phare d'Alexandrie, estrattu da Mémoires de l'Institut Français, 1935.

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]

Fonte[mudificà | edità a fonte]

'Ss'articulu pruvene in parte o in tutalità da l'articulu currispundente di a wikipedia in talianu.