Culonne d'Erculu

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
A culonna d'Erculu europea: u Scogliu di Gibilterra

E Culonne d'Erculu hè u nome datu, in Antichità classica, à e muntagne chì cuttighjavanu u strittone di Gibilterra.[1] Si tratta di u scogliu di Gibilterra (Calpe in latinu) à u nordu, annantu à a sponda europea, è di u monte Abile (Mons Abila), oghje djebel Musa, annantu à a sponda maruccana. Per i Rumani, simbulizavanu a fruntiera trà u mondu civilizatu (Mare nostrum) è un aldilà oceanicu scunnisciutu è priculosu.

U Djebel Musa, a culonna d'Erculu africana

E Culonne anu ricevutu u so nome di unu di i dodici travagli d'Erculu è più particularmente quellu mentre u quale ellu duvite ricuperà i boii di Gerione, mostru à corpu triplice chì stava in " l'estremu Occidente "[2] per turnà li à Euristea chì li offrì à Era in sacrifiziu. Fora di a rialità geugrafica minziunata da l'autori anziani, a lucalisazione di e culonne d'Erculu rileva dinù di u mitu. Ponu esse state situate sient'è differente tradizione, à spessu esoteriche, in differenti lochi sient'è i miti currispundenti.

Storia[mudificà | edità a fonte]

E duie Culonne d'Erculu : djebel Musa è scogliu di Gibilterra, appariscenu à a dritta è à a manca di 'ssa fotografia.

Siont'è a mitulugia greca aduttata da l'Etruschi è i Rumani, quandu Erculu duvite effittuà i so dodici travagli, unu di elli, u dicesimu, era di circà i vaccini di Gerione di l'estremu occidente (u Maroccu attuale) è purtà li à Euristea. Quessa hà marcata u prulungamentu ver' di u punente di i so viaghji. Un passaghju persu di Pindaru citatu da Strabone era u prima riferimentu di tracciabulità in 'ssu cuntestu : " i pilastri chì Pindaru chjama e " porte di Gades " quandu ellu afferma chì sò e limite e più alluntanate aghjunte da Erculu "[3]. Per altru, l'assimilazione, dapoi Erodutu, trà Erculu è u diu feniciu Melqart lascia pinsà chì e culonne sò vicinu à Gades / Gadeira (attuale Cádiz), in particulare U fattu chì Melqart avia à Gades un tempiu impurtante.

A pagine di titulu di l'Instauratio Magna di Francis Bacon, 1620.

Siont'è u racontu di u Timeu di Platone, u riame persu d'Atlantide era situatu aldilà di e culonne d'Erculu, piazzendu lu in u campu di u scunnisciutu. Sient'è una tradizione di a Rinascita, i pilastri purtavanu l'avvirtimentu Nec plus ultra[4], sirvendu d'avvirtimentu à i marinari è navigatori di ùn andà micca aldilà.

Siont'è e surghjente rumane, mentre si rendia à l'ortu di l'Esperide, Erculu duvia attravirsà a muntagna chì era in tempi di una volta l'Atlas. Invece di appichjà si a grande muntagna, Erculu avaria usatu a so forza soprumana per fà ci si un passaghju. Fù cusì ch'ellu culligò u mare Terraniu à l'oceanu Atlanticu è furmò u strittone di Gibilterra. Una parte di a muntagna spaffata hè Gibilterra è l'altra hè Djebel Musa. 'Sse duie muntagne pigliate inseme sò dipoi tandu state cunnisciute cum'è e " Culonne d'Erculu ", ma altri elementi naturali sò stati assuciati à 'ssu nome. Diodoru di Sicilia cita un'antra virsione siont'è a quale, invece di sciappà u monte per crià u strittone di Gibilterra, Erculu avaria à l'incuntrariu ristrittitu un strittone esistente per impidisce i mostri di l'oceanu Atlanticu di entre in u mare Terraniu.

Evuluzione di u nome[mudificà | edità a fonte]

Nanzu u termine geugraficu di " Culonne d'Erculu " chì s'impone à u VIu seculu, parechji nomi eranu imprudati. Siont'è Élien, e culonne d'Erculu purtonu prima, sicondu Aristotele, u nome di Briareu, u gigante à i centu bracci chì, dighjà siont'è Esiodu, assistì Zeus in a so lotta contru à i Titani.

I Grechi impiigavanu quellu di " Culonne d'Atlas " chì avianu di più una funzione cosmugonica[5].

Nanzu a cunquista musulmana, u scogliu di Gibilterra era chjamatu " Monte Calpe ". U nome di " Gibilterra " ùn apparisce ch'è à parte si da 711. Vene da l'arabu Jebel Tariq, a muntagna di Tariq, nome di u prima cunquistadore musulmanu avendu messu pede annantu à u scogliu à u principiu di a cunquista musulmana di a penisula Iberica.

Usu mudernu[mudificà | edità a fonte]

E Culonne d'Erculu, munimentu in Gibilterra.

E Culonne d'Erculu sò u puntellu di a stemma di a Spagna. Sò aduprati per a prima volta in a stemma di u rè Carlu Ia di Spagna, dinù imperatore di i Rumani cum'è Carulu V. Portanu u so mottu persunale Plus ultra, significhendu chì e culonne eranu una porta.

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruvene in parte da l'articulu currispundente di a wikipedia in francese.
  2. Bruno d'Agostino, "U sperimentu culoniale in l'imaginariu miticu di i Grechi ", in G.P. Carratelli (dir.), I Grechi in Occident, Bompiani, Milanu, 1996, p. 209-214.
  3. Strabone, 3.5.5 ; u passaghju di Pindaru sembra persu.
  4. Niente più oltre vene à dì, più niente aldilà "
  5. C. Jourdain-Annequin, " Erculu in Occident. Mitu è storia ", in Dialugu di Storia anziana, numeru 8, 1982, p. 266.

Articuli cunnessi[mudificà | edità a fonte]