Battaglia di U Borgu

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
U paese di U Borgu

A battaglia di U Borgu occorse da l'ottu uttrove à u 10 uttrove di u 1768, è oppunì e truppe reale francese à l'armate di a Ripublica corsa cummandate da Pasquale Paoli.[1] L'affruntamentu si terminò per una vittoria di i corsi.

Preludiu[mudificà | edità a fonte]

Dopu à esse sbarcati in San Fiurenzu, u 28 aostu di u 1768, è occupatu prestu u Capicorsu incù unu principiu di cunquista à l'avantaghju di e truppe francese, i naziunali ripiglianu l'ostilità è forzanu i Francesi à evacuà a Casinca, ma quelli eppuru cunservanu una posta avanzata in Borgu.

D'uttrove 1768, Pasquale Paoli, à a testa di 4000 omini, intraprende di ripiglià U Borgu induve i Francesi, in aspittera di rinforzi, s'eranu messi à u riparu. L'ordine fubbe datu à tutti l'omini di marchjà annantu à U Borgu.

E forze armate[mudificà | edità a fonte]

L'armata corsa si cumpunia di 3 corpi:

  • Un prima corpu di 500 omini sottu à u cummandu di i capitani Incolla, Giocante Grimaldi, Carlu Raffaelli è Ferdinandu Agostini, fubbe incaricatu d'attaccà a pusizione Francese da u latu punenti
  • Un sicondu corpu dinù di 500 omini di listessa forza, sottu à u cummandu di Serpentini è di i capitani Francescu Gaffori è Petru Gavini, fubbe incaricatu d'assaltà i lochi di riparu à livante di u paese;
  • Un terzu corpu di circa 400 omini, sottu à l'ordini di Clemente Paoli, duvia difende a strada di u Nebbiu è cuntene i Francesi chì accupavanu Oletta, sottu à l'ordini di u generale Thomas Auguste Le Roy de Grandmaison[2], [3].

L'altre truppe dispunibile fubbenu disposte più in daretu :

  • L'assi stradali trà Bastia è Borgu fubbenu survigliati da i Corsi.
  • Un quartu corpu di circa 200 omini, cummandate da Ghjuvan Carlu Saliceti prese pusizione in Strinse
  • Un quintu corpu ugualmente di circa 200 omini, cummandate da Achille Murati prese pusizione annantu à l'alture di Luciana
  • Un sestu gruppu, a riserva, di 500 à 600 omini sottu à u cummandu di Pasquale Paoli sicundatu da Carlu Bonaparte è Antone Gentili, occupò Lucciana, in u scopu di dirighje l'operazione è di pudè si cullucà annantu à i punti necessarii.

Da u latu francese :

  • U culunellu de Ludre avia stabilitu i so posti avanzati à i duie estremità di u paese è i so 3 pezze d'artigliaria eranu piazzate annantu à i trè punti chì ne dumineghjanu i circondi.
  • U marchese di Chauvelin cummandava a guarnigione di u forte di Bastia.

A battaglia[mudificà | edità a fonte]

U cumbattimentu principiò l'8 uttrove di u 1768 in a matina è durò deci ore. Quandu u marchese di Chauvelin imparò a sorte chì aspittava i so cumpatriotti, mandò Thomas Auguste Le Roy de Grandmaison versu U Borgu. Marbeuf è Chauvelin escinu da Bastia incù 3000 omini per dirighje siversu u locu di a battaglia. Ludre è i so 700 omini messi à u riparu in a cità di Borgu aspittavanu l'assaltu. Paoli azzizzò l'ardore di e so truppe incù 'ssa frasa :

« Patriotti, ramintate vi i vesperi corsi, quandu annantu à 'ssu listessu locu aviate distrutti i Francesi. L'onore di a patria è a libertà pubblica hanu bisognu oghje di tuttu u vostru valore. L'Europa ci fighjula. »

Cusì Borgu, chì avia vistu in u 1738 a scunfitta di u corpu spediziunariu francese dumandatu da i Genuvesi, visse dinù a nazione corsa triunfà. I Francesi lascionu annantu à u terrenu 600 morti, à tempu cù 1000 feriti. I 700 omini di u culunellu di Ludre è quest'ultimu sò fattu prigiuneri[4]. Novi cannoni (frà i quali trè di bronzu), unu murtaiu, 1700 fucili è munizione fubbenu ricuperati da i corsi. Fubbe cusì u bilanciu di a battaglia.

Cunsequenze[mudificà | edità a fonte]

U Riame di Francia fubbe surpresu di 'ssa scunfitta è u rè Luigi XV pinsò ancu à lascià a Corsica in pace[5]. Ma u duca di Choiseul, cuscente di u ridiculu in quale si lamperia a Francia s'è ella abbandunava a lotta[6], organizò una siconda spedizione cummandata da u conte de Vaux chì battì i Corsi in Ponte Novu.

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruvene in parte da l'articulu currispundente di a wikipedia in francese.
  2. THOMAS-AUGUSTE LE ROY DE GRANDMAISON (1715-1801)
  3. so=X&ei=wN6mVPTDHsWrU-OxhPAJ&ved=0CC4Q6AEwAg#v=onepage&q=Thomas%20Auguste%20U%20Roy%20di%20Grandmaison&f=false Famille Le Roy de la Grange P86
  4. Di Pasquale, 2007, p. 193.
  5. Rivista di u prugressu puliticu, suciale è litterariu, 1840, p.256.
  6. Rivista prugressu puliticu, suciale è litterariu, 1840, p. 257.

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]