Atina

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
Atina

Atina: panurama

Nome ufficiale: Atina
Statu: Flag of Italy.svg Italia
Regione: Blank.gifLazio Coat of Arms.svgBlank.gif Laziu
Pruvincia: Frusinone
Cuurdinate: 41° 37' 0" N - 13° 48' 0" E
Altitudine: 481 m
Superificia: 29,89 km²
Pupulazione: 4.519 ab.
Densità: 151,19 ab./km²
Merre: Adolfu Valente
Codice pustale: 03042
Codice ISTAT: 060011
Indicativu tel.: 0776
Nome di l'abitanti: Atinati
Santu patrone: San Marcu Galileu
Festa patrunale: 1 d'ottobre
Situ ufficiale
Atina
Pusizione di Atina in Italia

Atina, mamma di molti omini illustri,
tantu chì nisuna cità d’Italia si pò dì più ricca, Cicerone, Pro Planco, VII, 21

Atina (Atini [ aˈtiːni ] in a lingua lucale) hè una cumuna taliana di a pruvincia di Frusinone, in u Laziu. Tene 4.519 abitanti. Si trova ind'è e Valle di Cuminu.

Giugrafia fisica[mudificà | edità a fonte]

Territoriu[mudificà | edità a fonte]

U paese occupa una bella parte di una cullina chì si sviluppa ind’è Valle di Cuminu à a margine uccidentale di un gruppu muntosu di dolomie (rocce sedimentarie carbonatiche custituite per u più di dolomite) bianche, dettu Monti Bianchi, chì culmineghja ind’è lucalità il Colle à 430 metri sopra à u livellu di u mare, contraforte uccidentale di u centru storicu d'Atina.

S'è a cità antica hè cumplettamente impinzalata annantu à un cullettu chì à l’antichi duvia apparì inchjappevule, (fubbi detta da Virgiliu Atina potens), edifizii muderni è cumplessi residenziali si sò sviluppati ind’è valle di u fiume Melfa, chì stà più in bassu, dendu vita à un veru centru abitatu: Ponte Melfa.

Una serie di pulitiche urbanistiche dapoi u dopuguerra anu favuritu u cullocamentu di parechji sedii cumunali è sirvizii in a pianura sottustante u centru storicu dendu vita cusì à l'unicu veru è propriu polu cummerciale di a Valle di Cuminu.

U restu di u territoriu cumunale rinchjude in u so perimetru un paisaghju piuttostu variatu; à u sudu sicondu a bocca di Cancellu-Capu di China (504 m s.a/u.m.) annantu à a spartiacqua trà u fiume Melfa è u fiume Rapidu passa u cunfine incù Belmonte Castellu chì prusegue versu punente annantu à i monti di Montatticu finu à inchjude u Pizzo del Prato Caselle (1365 m s.a/u.m.) è l'altupianu di a Soda.

A linia cuntinueghja cusì versu u nordu, longu a pianura di u Melfa (340 m s.a/u.m. circa) induv'ella ghjunghje à e culline di Gallinaro finu à Rosanisco induve, à livante, scuntratu a cumuna di Villa Latina, ricolla annantu à i Monti Bianchi, è senza righjunghje e cime, torna à u Capu di China. Un picculu corsu d'acqua, oltre u Melfa, entre in u so territoriu vicinu à u paisolu di Le Sode: u Riu Molle.

Geolugia è geumorfolugia[mudificà | edità a fonte]

L'aria chì si trova in u territoriu d'Atina pò esse suddivisa in quattru zone principale.

  • Dolomie di i Monti Bianchi;
  • Calcarii di u gruppu di Montatticu
  • Marne di Gallinaru;
  • Dipositi alluviunali longu u Melfa.
Rilievi è vette principale
Nome Altezza Cuurdinate Gruppu muntosu
Pizzo del Prato Caselle 1365 41°51', 13°76' Montatticu
Monte Pratu 1087 41°61',13°77' Montatticu
Il Monte 722 41°61',13°81' Monti Bianchi
Monte Cicutu 652 41°62',13°76' Montatticu
Colle Santo Stefanu 577 41°61',13°80' Monti Bianchi (addussati a u centru storicu)

Clima[mudificà | edità a fonte]

Sicondu e date medie di u trentenniu 1961-1990, a timperatura media di u mese più fretu, ghjinnaghju, s'ammonta à +4,5 °C, mentre quella di u mese più caldu, aostu, hè di +23,3 °C.

Storia[mudificà | edità a fonte]

U palazzu ducale di Atina.

Origine[mudificà | edità a fonte]

Cusì cinque grandi cità, appruntate l'alcudine,
rinnovanu arme: a putente Atina,
Tivuli a superba, Ardea l’antica,
Crustumeri è a turrita Antenna

— Virgiliu, Eneide, 1. VII, v. 965

A ligenda attribuisce à Atina origine antichissime: saria stata fundata da Saturnu in a mitica età di l’oru, incù altre 5 cità di u Laziu chì cumencianu incù a lettera A. E fonte storiche è litterarie attestanu incù raghjunevule cirtezza a so esistenza in età prerumana: si sà chì in un passaghju di l'Eneidi, Virgiliu a mintuvò trà e cità chì priparonu l'arme in succorsu di Tornu contru à Enea. [1]

Storia antica[mudificà | edità a fonte]

Incù tutta prubabilità fubbi una cità volsca, posta longu a strada chì cunghjunghjia Sora incù Casinum. In u seculu IV a.C., quandu à u limitu di a Valle di u Liri a criscente putenza di i Sanniti vene in cuntattu incù a prisenza rumana, a truvemu trà e cità di a Lega Sannitica, guasgi certamente appartinente à a grande tribù di i Pentri, cum'è Alife, Cassinu è Venafru[2]. Atina avia un rollu impurtante micca solu per e vie di cumunicazione trà Sanniu, Campania è bassu Laziu, ma ancu per a vicinanza à e minere di ferru di u monte Meta[3]

Cunquistata da i Rumani durante e guerre sannitiche è inserita in a tribù Teretina, diventò prifettura eppoi municipiu. Furnì à a ripublica è à l'imperu validi amministratori è militari, soprattuttu dopu à a cunclusione di a guerra suciale in u 90 a.C. è u definitivu ottenimentu di a cittatinanza rumana: Cicerone a definisce "Atina mamma di molti omini illustri, tantu chì nisuna cità d'Italia pò dì si più ricca"[4]. In l'organisazione territuriale d'Augustu fù inclusa in a I° Regio, Laziu è Campania.

Medievu[mudificà | edità a fonte]

Cattidrale d'Atina

Distrutta da i Longubardi, fù ricustruita in u 626 è fù ammessa à fà parte di u Ducatu di Beneventu, è dopu di a cuntea di Capua è infine di u regnu unificatu da i Nurmani, u Regnu di Sicilia eppoi di u Regnu di Napuli è di e Duie Sicilie. Fece parte da tandu è finu à u 1860 di a pruvincia di Terra di Lavoru. À a fine di u seculu XII face parte di i duminii di Montecassinu. In seguitu rientre in i pussessi di i conti d'Aquinu. In u 1349 fù distrutta da un ruvinosu terramotu è ricustruita qualchì dicenniu dopu. Cum'è bella parte di a Valle di Cuminu fù insirita in a Cuntea d'Alvitu eppoi in u Ducatu d'Alvitu, sottu i Cantelmu, i Folch di Cardona è i Galliu, ancu cù a so fisionumia citatina particulare.

Età muderna è cuntimpuranea[mudificà | edità a fonte]

A ferrera Mancini di Rosaniscu.

À l'iniziativa di i Visocchi hè duvuta l'intruduzione di a cartiera in u 1845 è, versu à fine di u seculu, di a cintrale idroalettrica di Castellone, in u territoriu di Piciniscu, chì sfruttava a caduta di l'acque di u Melfa à traversu una cundotta furzata. U sfruttamentu di e miniere di ferru (per u più limonite) di u Meta, à a quale a storia d'Atina è di a Valle di Cuminu hè ligata dapoi a più rimota antichità, cuntinuò incù alterne vicende ancu in epica muderna, è ebbe una ripresa à parte da u 1774, incù a custruzzione d'una ferrera (stabilimentu per u travagliu di u ferru, più maiore ch'è un stazzona) in a Valle di Cannetu, chjusa in u 1799 durente l'occupazione francese. In u 1852 u guvernu burbonicu pinsò à un sfruttamentu dicisu di e risorse minerarii di a zona, incù a custruzzione di a Magona o Ferriera in a lucalità di Rosaniscu.[5] Questu prugettu, chì era in fasa di cumplitamentu, si firmò dopu à l'occupazione piemuntese di u 1860.

Monumenti è lochi d'interessu[mudificà | edità a fonte]

Archititture riligiose[mudificà | edità a fonte]

Cuncattedrale

A cuncattedrale d'Atina, dinuminata ancu Paruchjale di l’Assunta, o Cattidrale di Santa Maria Assunta, in l’attuale funzione architittonica fùbbi principiata in u 1725 è terminata in u 1746. Sorge annantu à u locu di a primitiva cattidrale paleocristiana edificata, sicondu a tradizione, annantu à i resti di u tempiu di Saturnu da u vescu Lione. Nant’à a facciata hà dui bassi campanili. À l'internu, à trè navate, sò visibule un battisteru baroccu in legnu, tele di u pittore Aloisiu Volpe è l'affreschi di l’atinate Teudoru Mancini (1796-1868). Di fronte ci hè a piazza Marconi, delimitata da u porticu di u Palazzu di u privostu (o di u viscuvatu).

Archititture civile[mudificà | edità a fonte]

Palazzu Cantelmu

U Palazzu Cantelmu, dettu ancu palazzu ducale, fùbbi custruitu dopu à u terramutu di u 1349, in listessu locu induve era posta a rocca di i d'Aquinu. Attualmente hè sediu di a cumuna. Hà avutu in u corsu di u tempu parechji ristauri. A facciata prisenta dui turrioni, di u quale solu u drittu hè scumpiitu, cù finestre appaghjate gotiche è rusulone. Annant’à u purtone d'intrata hè ripprisintatu un bassurilievu rumanu. À l'internu hè prisente a cappella di Sant'Onofriu. Annant’à a facciata ci hè una statua tugata d'epica rumana. In u curtile internu si trovanu parechje epigrafe è resti di culonne.

Siti archeulogichi[mudificà | edità a fonte]

Muri poligunali è vistighe d'epica rumana

Vistighe di muri poligunali - custruite in tempi diversi incù parechje tipulugie (3 manere) - si scontranu in u centru è ind’è e zone aghjacente. Fora di l'aspetti ligendarii, relativi sia à a datazione sia à l'estinsione, sò quantunque datevule incù bona apprussimazione trà i seculi VII è II a.C. Di a grande Porta aurea oghje ferm solu a dinuminazione. In piazza Garibaldi hè visibile u cippu funerariu di u monumentu funebre di Luciu Eliu Aureliu Commodu. Diverse scrizzione rumane si trovanu incurpurate in i palazzi di u centru storicu, mentre in a zona cimiteriale di San Marcu ci sò e vistighe d'una domus rumana. Annant’à u situ di u tempiu di Ghjove pare certu chì fusse stata custruita a chjesa di San Petru, di manera analuga à a cattidrale edificata annantu à u situ di u tempiu di Saturnu. E tombe rumane visibile, chì in una carta di u 1910 eranu 22, sò avale 3.

Sucità[mudificà | edità a fonte]

Riligione[mudificà | edità a fonte]

Vicende storiche à prupositu di a diocesi è di a prepositura[mudificà | edità a fonte]

A storia di a Chjesa d'Atina distingue dui periudi, quellu di i veschi è quellu di i prepositi[6].

Hè più difficiule invece à capisce l'origine di u status di prepositura nullius dioecesis di u quale Atina hà gosu in u corsu di u tempu. Inglubata in a diocesi di Sora, Atina, dighjà in u 1145 era forse retta da un privostu monacu di Montecassinu, u quale abate avia ghjà u drittu di numinà i privosti atinati. 'Ssa situazione fubbi ratificata in u 1194 quandu a cità sana fubbi dunata à Montecassinu da l'imperatore Arrigu VI di Svevia.

Suttratta à i cassinesi da Federicu II di Svevia in u 1227, a cità frà diverse vicende fù dopu sottuposta à l'auturità di i varii signori feudale di a Valle di Cominu, micca senza numerosi cuntrasti, trà u XIV è u XVI seculi, incù u sediu episcupale di Sora, di a quale Atina ùn vuli ricunnosce l'auturità.

À a fine di u seculu XVII, dopu à a suspinsione in u 1692 di u privostu Leliu Catarinella, a prepusitura fubbi affidata à l'abate di Montecassinu Andria Deodati, dopu vescu di Rossanu (†1713). Numinatu privostu Tumasgiu De Marcu in u 1693, dopu à a so morte viulente a Cungregazione di i veschi privò Atina di a prepositura indepindente, annessendu la à a diocesi d'Aquinu.

Infine papa Grigoriu XVI incù a bolla Romanus Pontifex u 19 nuvembre 1834, abuliscendu a ghjurisdizione prepusiturale pose Atina sottu à l'auturità di l'abbazia di Montecassinu. À quandu ristabilita a carica di privostu da papa Lione XIII in a 1878, fùbbi accullata à l'abbati cassinesi, mentre a chjesa atinate di S. Maria era dichjarata cuncattedrale. Infine incù u dicretu di a Cungrigazione pè i Veschi di u 21 marzu 1977 (Montis Casini et aliarum. De mutatione finium. A Casinum montem) u territoriu sanu di a prepositura d'Atina hè statu incurpuratu incù quellu di l'abbazia territuriale di Montecassinu, mentre à listessu tempu fù dichjarava tolta a dinuminazione di "prepositura".

Cultura[mudificà | edità a fonte]

Struzzione[mudificà | edità a fonte]

Musei[mudificà | edità a fonte]

Museiu Civicu è Bibbiuteca

U so sediu hè in corsu Vittoriu Emanuele. U museiu, incù cinque sale di mostra, cunserva scuperte pruvinente da Atina è da paesi circustanti di a Valcuminu, cum'è e lucalità Omini morti di San Biasgiu Saraciniscu è di Pescarola di Casalvieri. U materiale archeulogicu cunsiste in scrizzione, ceramica prerumana è rumana, mosaiche, sipulture incù materiale funerariu. Sò nutevuli trè affreschi di u seculu XIV pruvinenti da u palazzu ducale. A Bibbiuteca hè ricca di vulumi di nutevule interessu per a storia è l'archeulugia di a Valle di Cuminu.

Ecunumia[mudificà | edità a fonte]

Grazia ancu à a prussimità di i fiumi Melfa è Mollarinu, Atina hà sviluppatu una nutevule attività agricula, incù produtti di qualità cum'è l'oliu d'oliva, u vinu, i fasgioli cannellini.

À parte da l'iniziu di l’Ottucentu l'impegnu rifurmadore di a famiglia Visocchi hà cumpurtatu l'intruduzione in viticultura di criterii d'allivamentu raziunale è di vitigni selezziunati, cum'è u cabernet, per a produzzione di vini di u quale hè oghje certificata a dinuminazione d'origine cuntrullata Atina DOC.

Amministrazione[mudificà | edità a fonte]

In u 1927, in seguitu à u riurdinamentu di e circuscrizione pruvinciale stabilitu da u dicretu reale n. 1 di u 2 ghjinnaghju 1927, per vulintà di u guvernu fascistu, quandu fù istituita a pruvincia di Frusinone, Atina passò da a pruvincia di Caserta à quella di Frusinone.

Altre infurmazione amministrative[mudificà | edità a fonte]

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. Eneide, VII, 630
  2. E.T.Salmon, U Sanniu è i Sanniti. Turinu, Einaudi, 1983
  3. Annantu à l’impurtanza di u ferru prisente in a zona di u monte Meta in l'età antica si pò vede G.Colasanti, I circadori di ferru. Roma, 1928
  4. Pro Planco, VIII, 21
  5. Armendu Mancini, A magona d'Atina. Bologna, Forni, 1987.
  6. L’infundatezza di a seria di i veschi, à parte da Marcu di Galilea (44 d.C.) finu à Ghjuvanni (1086), dighjà sustinuta da Lanzoni è Kehr, hè stata dimustrata da Herbert Bloch è da a Vircillo Franklin (vd. infra Bibliugrafia circa l'origine di u titulu di diocese è prepositura), chì anu definitivamente chjaritu, incù assai prove è argumenti, ch'è a lista di i veschi fù in rialità cumpilata da Petru Diaconu bibliutecariu è archivistu di Montecassinu († dopu à u 1159).

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]

  • Mancini A., La storia di Atina, Arnaldo Forni Ed., Sala Bolognese (BO) 1994.
  • Vizzaccaro T, Atina e la Val di Comino, Lamberti Ed, Cassinu (FR) 1982.
  • F. Ughelli, Italia Sacra sive de episcopis Italiae, X, Venetiis 1722, pp. 19–28.
  • B. Tauleri, Memorie istoriche dell'antica città d'Atina, Napuli 1702.
  • E. Caspar, Petrus Diaconus und die Monte Cassineser Fälschungen. Ein Beitrag zur Geschichte des italienischen Geisteslebens im Mittelalter, Berlinu 1909, pp. 128–148.
  • F. Lanzoni, Le diocesi d'Italia dalle origini al principio del secolo VII (an. 604) , I, Faenza 1927 (Studii è Testi 35), p. 121.
  • Italia Pontificia, VIII, ed. P.F. Kehr, Berolini 1935, pp. 197–198.
  • T. Leccisotti, Per la storia della Diocesi cassinese. La Prepositura di Atina, in «Diocesi di Montecassino-Bollettino Diocesano» 3 (1973), pp. 223–229.
  • “Atina potens”. Fonte pè a storia d'Atina è di u so territoriu. Atti di a tavola rutonda in onore di u prof. Herbert Bloch (Atina, 21 ghjugnu 1989), à cura di F. Avagliano, Montecassinu 1993 (Studi è documenti annantu à u Laziu meridiunale 2).
  • Carmela Vircillo Franklin, Herbert Bloch; The ecclesiae Atinatis historia of Marcantonio Palombo: Codd. Vat. lat. 15184-15186, Biblioteca Apostolica Vaticana, 1996, Studii è Testi 374-375).
  • Herbert Bloch, The Atina Dossier of Peter the Deacon of Monte Cassino. A Hagiographical Romance of the Twelfth Century, Cità di u Vaticanu 1998 (Studii è Testi 346).
  • S.L. Trigona, Atina e il suo territorio nel Medioevo. Storia e topografia di una città di frontiera, Montecassinu 2003 (Studii è documenti annantu à u Laziu meridiunale 11).
  • Mariano Dell'Omo. Atina, in Le Diocesi d'Italia, dir. da L. Mezzadri-M. Tagliaferri-E. Guerriero, vol. II, Cinisellu Balsamu (Milanu), 2008, pp. 130–131.

Ligami[mudificà | edità a fonte]

  • Errore Lua in Modulo:Citation/CS1/Utilities alla linea 104: Chjamatu cù una cundizione d’errore micca definita.
  • http://www.ciociariaturismo.it/index.php?option=com_content&view=article&id=86%3Aatina&catid=34&Itemid=940&lang=it. Paràmetru scunnisciutu |titolo= ignuratu (|titulu= suggerì) (help); Manca o vojta |title= (help)
  • Errore Lua in Modulo:Citation/CS1/Utilities alla linea 104: Chjamatu cù una cundizione d’errore micca definita.