Pelia

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
Pelia è Ghjasonu

Pelia (in grecu Πελίας) hè una figura di a mitulugia greca, figliu di Puseidonu è di Tiru è frateddu coppiu di Neleu.

Pelia è Ghjasonu[mudificà | edità a fonte]

Sempri neunatu, fù abbandunatu incù so frateddu annantu à una muntagna da a matri Tiru spavintata da l'angarii di a sociara Sideru. Addivatu da un pastori è divintatu adultu, volsi vindicà si di a crudeltà subita è uccisi Sideru vicinu à l'altari di u tempiu di Era induv'edda s'era rifughjata. Neleu u scacciò à causa di u sacrileghju è Pelia si stabilì in Tessaglia, induva divintò rè di Iolcu. Spusò Anassibia, da a quali ebbi un figliolu, Acastu è trè figlioli femini, noti cullittivamenti com'è Peliadi, veni à dì Alcesti, a futura moglia di u rè di Feri Admetu, Anfinomi è Evadni. Un ghjornu indissi i ghjochi in onori di Puseidonu à i quali invitò ancu Ghjasonu. Quistu arrivò in cità senza un scarpu, persu attravirsendu un fiumu. Pelia, ricurdendu si d'una prufezia in u quali si dicia di sfidà di l'omu da u pedi scalzu, l'inviò à a ricerca di u veli d'oru, incù l'intentu di sbarazzà si d'eddu. In u frattempu Pelia uccisi u so probbiu mezu frateddu Esoni (babbu di Ghjasonu), par cunsulidà u so probbiu puteri in u regnu. Ghjasonu riiscì in l'impresa di vultà in patria incù u veli d'oru è, incù l'aiutu di a moglia Medea, truvò u modu di uccida Pelia. Intrata à Iolcu mentri l'Argunauti erani sempri à u largu di u portu, Medea si prisintò à u palazzu sottu travistiti spoglii, com'è una vechja mindicanti, dopu ch'è, una volta accolta, cambiò magicamenti d'aspettu è si mustrò quali edda era in rialità, una ghjovana è biddissima donna. Eppo, rivilata si cusì com'hè maga, mustrò à Pelia un metudu par ringhjuvaniscia magicamenti: presi un arghjetu, u feci à pezzi è u missi in un pignatta buddenti da u quali iscì un agneddu. Pelia entusiasta volsi sottupona si à listessu trattamentu. Medea u feci addurmintà è cunvinsi cusì i figlioli femini prisenti à u palazzu, Evadni è Anfinomi, à fà lu à pezzi è metta lu à bodda in a paghjola. Quisti cunvinti suvitoni risulutamenti a prucidura; una volta fattu à pezzi Pelia, Medea li dissi di andà in cima à u palazzu à invucà a divinità agitendu i fiacculi, par prupizià u bon esitu di l'incantesimu. Stu gestu sirvì in rialità com'è signali par Ghjasonu, chì aspittava sempri à u largu, chì a navi pudissi entra in portu, parchì Pelia era mortu. Medea infatti feci in modu chì Pelia ùn risuscitessi. Acastu sustituì u babbu Pelia annantu à u tronu, urganizò in so onori i ghjochi ginnichi è sbandì Ghjasonu è Medea, è ancu i sureddi parricidi da Iolcu. A vicenda di Neleu, Pelia è Tiru hè à a basa di un'opara litteraria latina di a quali ùn ci restani chì pochi frammenti, u Carmen Nelei.

Da veda[mudificà | edità a fonte]