Linneu

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
Carl Nilsson Linnaeus

Carl Nilsson Linnaeus, divintatu Carl von Linné in seguitu à l'acquisizioni di un titulu nubiliari è notu più simpliciamenti com'è Linneu (da a forma latinizata di u nomu, Carolus Linnaeus) (Råshult, 23 maghju 1707 - Uppsala, 10 ghjinnaghju 1778), hè statu un medicu, butanicu è naturalistu svidesu, cunsidaratu u patri di a muderna classificazioni scentifica di l'urganisimi viventi.

A lettara L., posta spessu dopu à l'indicazioni di numinclatura binumiali in i cataloghi di spezii, idantificheghja a casata di u scentificu.

Biugrafia[mudificà | edità a fonte]

Locu di nascita di Linnaeus à Råshult

Natu u 23 maghju di u 1707 in una tinuta in a pruvincia di Smaland (sudu di a Svezia, cuntea di Kronoberg), da Nils Ingemarson, un paisanu, è Christina Broderson, figliola di u pastori prutistanti lucali. À a morti di u sociaru, quandu u picculu Carl avia solu 18 mesa, Nils ereditò a carica di pastori è assunsi a vida riligiosa di a cumunità. U babbu di Carl era intarissatu à a butanica, tantu da aduttà com'è casata, à l'iniziu di i studii in tiulugia, "Linnaeus" vali à dì a latinisazioni di a parola dialittali lind (tigliu), inspirendu si da un grossu tigliu situatu in i circonda di a so casa nativa. A stessa scelta era stata fatta pricidintamenti da dui frateddi di a minnana paterna di Linneu, quandu diviani intraprenda i studii par divintà preta. 'Ssa pianta di tigliu hè sempri oghji esistenti à Vittaryd, Smaland, bench'è in gattivu statu.

Ancu Carl, par u quali era privista una carriera ecclesiastica, sviluppò finu da a zitiddina un grandi intaressu par a butanica, tantu ch'è u so insignanti di scenzi è ancu medicu lucali, Johann Rothman, cunvinsi u so babbu di fà li friquintà l'università di Lund. In u 1727 si scrissi dunqua à l'Università induva principiò u studiu di a medicina, ma moltu prubabilamenti u so veru intaressu era quiddu di studià i sustanzi medichi usati à quiddi tempi, a stragrandi maiuranza di i quali era custituita da vegetali. L'annu succissivu (1728) si cullucò à l'Università di Uppsala, a migliori di a Svezia, induva divintò studianti di Olaus Rudbeck u Ghjovanu. Linneu passò a maiò parti di u so tempu à raccoglia è à studià varii tipi di pianti.

Dighjà da u 1730 principiò à piglià forma u so metudu di classificazioni tassunomica. Sempri studianti, ghjuntu à a cunvinzioni ch'è l'organi riproduttivi di i pianti, vali à dì i parti di u fiori (petali, stami è pistilli) pudiani essa imprudati com'è basa par a so classificazioni, scrissi un brevi trattatu annantu à l'argumentu, Preludia Sponsaliorum Plantarum ("Nozzi di i pianti"), chì li feci ottena sempri duranti i so studii a pusizioni di insignanti vicinu à u giardinu butanicu. Quissa li arricò, purtroppu, ancu una cundanna: postu ch'è ebbi l'imprudenza di basà a so classificazioni annantu à ciò ch'eddu usò à chjamà "u sistemu sissuali" di i pianti, asaminendu i so "organi riproduttivi". Eppuri, par quistu ebbi una dinuncia da u statu svidesi par "immuralità" è a cundanna di a Cumunità luterana par "suspettu di libertinisimu".

In u 1731 l'Accademia di i Scenzi di Uppsala finanzò a so spidizioni in Lappunia, in quantu Linneu era in ristritezzi ecunomichi. Scrissi u resucontu di a so spidizioni etnugrafica è butanica in l'opara Lachesis lapponica (pubblicata postuma in u 1811); in u 1734 urganizò un'altra spidizioni in a Svezia cintrali. I risultati scentifichi funi illustrati in l'opara Flora Lapponica Exhibens Plantas par Lapponiam Crescentes, secundum Systema Sexuale Collectas in Itinere Impensis[1] (1737). In u 1735 si cullucò in Olanda è tarminò i so studii di medicina à l'università di Harderwijk.

Dopu parò si scrissi ancu à l'Università di Leida par cuntinuà i so probbii studii. In sta fasa di a so vita a so riputazioni di butanicu era dighjà ampia è affirmata. In u 1738 turrò in Svezia induva principiò à asarcità a prufissioni di medicu, dedichendu si principalamenti à a cura di a sifilidi.

In u 1739 fù unu di i fundatori di l'Accademia Riali Svidesi di i Scenzi. In u stessu annu spusò Sara Morea, figliola di un medicu. Dui anni dopu, in u 1741, ottensi una catedra vicinu à a facultà di medicina à l'università di Uppsala ma l'annu succissivu a scambiò incù a catedra di butanica, dietetica è materia medica (ch'eddu cunsirvò finu à a morti). À Uppsala ristaurò u giardinu butanicu, dispunendu i pianti sicondu u so ordini di classificazioni.

Linneu continuò à urganizà spidizioni in u mondu sanu, incù u fini di scopra è classificà tutti l'essari viventi è i minirali di a Terra. Molti di i so studianti presini parti à i spidizioni è parechji perìni tuttu à fattu duranti i viaghji. In u 1758 acquistò l'impresa di Hammarby induva criò un mudestu museiu distinatu à accoglia a so cullizzioni privata. In u 1761 u rè Adolfo Federico di Svezia li cunferì un titulu nubiliari à seguitu di u quali Linneu cunvertì u so nomu in Carl von Linné. I so ultimi anni di vita funi carattirizati da un criscenti pessimisimu è da a diprissioni; in u 1774 fù culpitu da una seria di picculi infarti è murì in u 1778. Fù sipoltu vicinu à a Catedrali di Uppsala.

Numinclatura binumiali[mudificà | edità a fonte]

Statua di Linnaeus com'è studianti di l'università in Lund

U meritu maiori di u svidesu fù a difinizioni è l'intruduzioni in u 1735 di a numinclatura binumiali, basata annantu à u mudeddu aristutelicu di difinizioni medianti genaru prossimu è diffarenza specifica, in u sistemu di classificazioni di i pianti, di l'animali è i minirali.[2] Incù stu metudu tassunomicu (cuncipitu pocu più di un seculu prima da Bauhin) à ogni urganisimu sò attribuiti dui noma (di urighjina latina): u prima si rifirisci à u Genaru di appartinenza di l'urganisimu stessu ed hè uguali par tutti i spezii chì cundividini parechji carattari principali (nomen genericum); u sicondu terminu, chì hè spessu discrittivu, disigna a Spezia prubbiamenti ditta (nomu triviali o nomu specificu).

A purtata di l'innuvazioni fù enorma; pricidintamenti à a numinclatura binumiali u sistemu di numinclatura era simpliciamenti basatu annantu à una discrizzioni estesa di ogni pianta, in latinu, par i carattari distintivi considarati di rilievu, in modu tuttu à fattu arbitrariu, da ogni classificadori.

Opari[mudificà | edità a fonte]

Cuprendula di Systema Naturæ (1758).

* Systema Naturae. Rotterdam, editori Theodorum Haak, tipugrafia Joannis Wilhelmi de Groot, 1735. Prima edizioni.

Taxa classificati[mudificà | edità a fonte]

Avantaghjatu da avè invintatu u sistemu di numinclatura binumiali di i formi di vita, hè à i ghjorna d'oghji u discrittori più prulificu, incù guasi 3000 taxa discritti.

Umaghji[mudificà | edità a fonte]

  • Unu di i tanti musei à eddu didicati hè u Museiu di Storia Naturali di Lugano (Svizzara).
  • In Italia i musei à eddu didicati più cunnisciuti sò quiddu di Pisa è quiddu di Milanu.
  • A purzioni più antica di l'Ortu butanicu di Palermu (1789) hè urganizata sicondu u sistemu di classificazioni discrittu da Carl von Linné in Species Plantarum (1753).[3]
  • à Pistoia, Capostrada, Via Bolognese, hè cullucata una statua in cottu di Carl Linneo, eretta in u XIX seculu par vulintà di Niccolò Puccini.
  • A riserva culturali Rashult, in Svezia.

Noti[mudificà | edità a fonte]

  1. Bibbiuteca universitaria di Culonia - Flora Lapponica
  2. L. hè l'abbriviazioni standard imprudata par i pianti discritti da Linneu.
  3. Ortu Butanicu di Palermu, Urdinamentu di Linneo URL cunsultatu u 5 frivaghju 2010.

Bibliografia[mudificà | edità a fonte]

  • (in inglesu) Frans. à. Stafleu. Linnaeus and the Linneans. The Spreading of Their Ideas in Sistematic Botany, 1753-1789. Utrecht, 1971.
  • (in inglesu) Sten Lindroth. The Two Faces of Linnaeus, in Tore Frängsmyr, Linnaeus. The Man and His Work. Berkley, University of California Press, 1983.
  • (in inglesu) Studies in Linnaean Method and Nomenclature, Marbuger Schriften zur Medizingeschichte. Vol. VIII, Frankfurt am Main, Lang, 1983.
  • (in francesu) Pierre Louis. La Classification des végétaux dans le corpus aristotelicien (in "Documents pour l'histoire du vocabulaire scientifique". VIII, 1986.
  • (IT) Fabrizio Bigotti. A Menti chì Ordineghja i Segni. Ricerchi annantu à i prublemi di a forma in a filusufia naturali da Aristoteli à Linneu. Roma, Aracne Edizioni, 2009.

Da veda dinò[mudificà | edità a fonte]

Fonti[mudificà | edità a fonte]

'Ss'articulu pruveni in parti o in tutalità da l'articulu currispundenti di a wikipedia taliana.