Hafez

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
Hafez. Dittagliu di un manuscrittu miniatu di u Divan di u XVIIIu seculu (British Library)

Hafez, par estesu in lingua pirsiana Khāje Shams o-Dīn Moḥammad Ḥāfeẓ-è Shīrāzī (خواجه شمس‌الدّین محمّد حافظ شیرازی ) (Shiraz, 1315 - Shiraz, 1390), hè statu un misticu è pueta persianu. U so canzuneri (Divan) hè un celebru classicu di a litteratura pirsiana. Ind'è eddu si cumbineghjani parechji toni, di solitu ma micca sempri asattamenti definiti com'è erotichi è mistichi, è temi chì spaziani da un suppostu edunisimu à u panigirisimu. I temi principali di i so 500 ghazal sò l'amori, a cilibrazioni di u vinu è di a briachina, a missa à nudu di l'ipucrisia di quiddi chì s'autudifiniscini com'è vardiani, ghjudici è asempii di rittitudina murali. Adattamenti, imitazioni è traduzioni di i puisii di Hafez sò stati publicati in tutti i lingui i più diffusi. A vita è l'opari di Hafez sò stati ughjettu di analisi, cummenti è intarpritazioni, è ani influinzatu in modu ditarminanti a puetica pirsiana succissiva à u XIV seculu. A so influenza in a vita di l'iraniani hè tistimuniata da u friquenti usu di i so puemi in a musica tradiziunali pirsiana, in l'arti visuali è in a calligrafia pirsiana, è da u fāl-è Hafez (in persianu: فال حافظ ; in talianu: "littura di Hafez"), una forma di divinazioni chì cunsisti in l'apartura à casu di i pagini di u canzuneri par cavà da i versi puetichi a risposta à i so probbii dumandi. U mausuleu chì cunteni a so tomba si trova à Shiraz: rializatu annantu à prugettu di l'architettu francesu André Godard, ricodda à u 1935 è hè un locu di impurtantu intaressu turisticu.

Biugrafia[mudificà | edità a fonte]

U mosaicu - da l'arabeschi giumetrichi - di u suffittu di u paviglionu di a tomba di Hafez à Shiraz, in Iranu.

Hafez nascì à Shiraz trà u 1317 è u 1325 in un periodu chì a cità era sottumissa à a signuria di u principi sunnita Abu Ishaq Inju, vassallu di i Mongoli è prutittori di i pueti. À seguitu di una sfurtunata impresa bellica, u meceniu fù scunfittu è fattu ghjustizià da u principi Mobarez à u-Din Kirmani, un parsunaghju discrittu com'è un omu asceticu è bigottu chì feci chjuda i taverni è altri loca malfamati di Shiraz - un pruvvidimentu lamintatu da u pueta in i so cumpunimenti - inaugurendu un periodu di austerità di custumi. Successivamenti, Hafez ottensi a prutizzioni di u principi è pueta Shah Shoja', figliolu nuzzadori di u pricidenti munarcu, da eddu stessu spudistatu è fattu accicà. U pueta si rifirisci indirittamenti à stu avvinimentu, raligrendu si par a riapartura di i taverni di a cità dicritata da u novu signori. Hafez fraquintò soprattuttu l'ambienti di a corti di Shiraz, cità da a quali pari ch'eddu si sii alluntanatu solu par un brevi periodu, forsi à causa di bisbigli è incumprinsioni incù Shah Shoja'. Forsi tantò puri di imbarcà si par l'India, ma sicondu fonti tradiziunali una timpesta in u portu u cunvinsi à rinuncià à u viaghju. In a so puisia si vanta di essa beddu notu ancu fora di i tarritorii pirsiani, da l'Iraq à u Bengala, un indiziu prubabili di u fattu ch'eddu gudia di grandi fama mentri era sempri in vita. Fraquintò dinò l'ambienti riligiosi, è in varii cumpunimenti d'occasioni (soprattuttu in mortem) feci u lodu di qadi, duttori è espunenti di i ierarchii riligiosi di a cità. Contruversa hè a quistioni di u so rapportu incù l'ambienti di i cunfraterni sufi: bench'eddu amessi prisentà si, in u canzuneri, incù un'idantità sufi, sti cunfraterni sò, spessu è vulinteri, magagnati in i puisii par via di a so ipucrisia o di malaffari. Forsi insignò materii riligiosi in a lucali madrasa. In ogni casu, mostra in i so versi una cultura riligiosa straurdinaria, attistata frà altru da u so stessu nomu di scrivanu - Hafez - chì significheghja "quiddu chì hà mimurizatu u Coranu". Murì à Shiraz in u 1389 o 1390.

Puetica[mudificà | edità a fonte]

I so circa 500 puemi lirichi (ghazal) sò notissimi in tutti i paesi di l'ecumena pirsiana, fatti ughjettu di studiu da numarosi cummintadori è spessu amparati à menti ancu da a ghjenti più umili è menu struita. U so Divan, apartu à casu, hè usatu sempri oghji com'è libru pupulari di divinazioni. Hafez in i so cumpunimenti canta u vinu, i gioi è i peni amurosi; ma soprattuttu canta i grazii di un mistiriosu è innuminatu "amicu" (à quandu prisintatu in i mascari di un beddu tavernieri, di un magu zuruastrianu, di un "turcu pridaghju", ma ancu in quiddi di l'assassinu, di u medicu, di u ghjucadori di polo è cetara.) chì tipicamenti mostra crudeltà è indiffarenza, risultendu in sustanza incapiscitoghja. Quant'è à u fattu ch'è Hafez si riferissi à un amori tarrenu o à unu divinu (misticu), hè ughjettu di cuntruversia trà i studiosi. Friedrich Rueckert, in versi spessu citati, esaltò a capacità miraculosa di Hafez di parlà di u "Sensibili" à traversu u "Soprasensibili" è viciversa; a critica autuctona, chì tendi à riducia l'aspetti trasgressivi è anumistichi (vinu, amori omueroticu) di a puisia di Hafez, accintuendu ni a littura in chjavi simbolica è mistica, l'assignò significativamenti u titulu di "lingua di l'Invisibuli" ("lisān à u-ghayb"). Oghji - almenu trà i studiosi uccidintali - hè puri privalenti una littura in chjavi panigiristica: l'amicu cantatu saristi spessu una spezia di duppionu di u principi meceniu di tornu. Trà i studiosi taliani, eppuri, Ghjuvanni D'Erme, puri sottuliniendu i forti liami di u pueta persianu incù u probbiu vissutu, ni poni puri in evidenza i forti sumiglianzi incù u codici sapiinziali di i truvadori pruvinzali è di i stilnovisti taliani. Par asempiu, à a "Belle Dame sans merci" di i primi - simbulu di un' inattignibili Cunniscenza difinitiva - saria accustatu dicisamenti l'Amicu da eddu cantatu. À a basa di sti sumiglianzi poni essa posti sii l'evidenti influssi spiigati da u vicinanti al-Andalus musulmanu, sii l'intensa circulazioni di l'idei chì carattarizò u Mediu Evu è chì parmissi a diffusioni annantu à ampii arii di durevuli stilemi litterarii.

Fama[mudificà | edità a fonte]

In Uccidenti, fù cunnisciutu à l'iniziu à traversu a traduzioni intigrali di u Divan scumpiita da Joseph von Hammer-Purgstall (1812-1813). Frà i maghjori stimadori di Hafez ci funi, in Alimagna, u pueta Friedrich Rueckert, altru so rinumatu traduttori, è soprattuttu Goethe chì s'inspirò à u pueta persianu in a cumpusizioni di u celebru "West-Oestlicher Diwan"; u pueta è filosofu americanu Ralph Waldo Emerson ebbi modu di cunnoscia lu à traversu traduzioni tedeschi, è una tistimunianza di u so entusiasmu hè prisenti in i "Persian Essays". In Italia fù studiatu inizialmenti da u piunieri di l'iranistica taliana, Italo Pizzi, chì tradussi parechji dicini di cumpunimenti di Hafez in a parti antulogica di a so munumintali "Storia di a puisia pirsiana" (2 vulumi, di u 1884). U manuscrittu intitulatu "Ghazāliyyāt" (Racolta di ghazal), cunsirvatu in Tagikistan, hè statu inclusu da l'UNESCO, in u 2003, incù à "Kulliyyāt" di Ubayde Zākāni, in u programma di tutela archivistica intitulatu Mimoria di u mondu.

Da veda dinò[mudificà | edità a fonte]

Fonti[mudificà | edità a fonte]

'Ss'articulu pruveni in parti o in tutalità da l'articulu currispundenti di a wikipedia taliana.