Vociaru di una ghjuvanetta di Tassu

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

U Vociaru di una ghjuvanetta di Tassu (o Voceru di una ghjuvanetta di Tassu) hè un vociaru di Corsica. Una ghuvanetta, di u paesi di Tassu, piegni u so frateddu, chì si n'hè mortu luntanu da u so paesi. A causa di a so morti hè u fretu, duranti un inguernu moltu duru. U frateddu, fà chi, era maestru di scola.

U voceru[mudificà | edità a fonte]

Quandu ghjunsi la nuvedda
Chì par nostra mala sorti
O caru di la suredda
Ti dicia speditu a morti
Ghjà la nevi à la muntagna
Chjusu avia tutti li porti.
La suredda appassiunata
Nun pò mora di dulori:
Nun ti hà pudutu abbraccià
È si senti andà lu cori;
Scatinossi ancu stamani
Quist' invernu traditori.
È nun pudia almenu
Essa mortu à u to paesi
In bracciu à la to suredda?
Oh morti cusì scurtesi!
Tù l'onori di la pievi
Rispettu di li parenti
Sempri arrubavi lu cori
Di l'amichi è cunnuscenti.
Quista mani u me frateddu
Ci lasci tutti scuntenti.
Parchì stai cusì mutu
D'arricà ci dispiaceri?
Leva ti, lu me frateddu
Adempi à lu to duveri:
Nun ti mancani sprissioni
Lu me degnu cavaglieri.
Lu me fiori di primavera
Chì spuntava à la campagna
Lu fiori di li zitiddoni
Ch'adurnavi la muntagna
Di la to morti, o frateddu
Lu paesi hè tuttu in lagna.
Quiddu ghjornu chì spirasti
Adunisti i to sculari:
Andu allora l'ammunisti
Cù li to cunsigli rari:
Par la via di u Paradisu
Li sapisti indirizzàri.
Qual' sarà stata la frebba
Chì hà truncatu la to vita?
O caru di la suredda
La me amandula fiurita
Lu me impastatu di meli
Fattu cù la calamita.
T'avia fattu la natura
À lu tornu, à lu pinneddu;
È la latra di la morti
Ti pigliò cusì ziteddu.
Nun ci era coppia sì cara
Com'è eiu è lu me frateddu.
Ghjenti di quistu paesi
Or prigheti quì di cori
Par lu me caru frateddu
Par ch'à tutti stava à cori
Ch'eddu godi in l'altra vita
Cù li santi è lu signori.

Rifarenzi[mudificà | edità a fonte]