Voceru di Cesariu è di Cappatu

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

U Voceru di Cesariu è di Cappatu hè un voceru corsu. Hè mintuvatu in i Canti populari di Salvatore Viale.

U voceru di Cesariu è di Cappatu[mudificà | edità a fonte]

In morte di Cesariu è di Cappatu

Ghjesù, Ghjuseppe, Maria,
Santissimu Sacramentu,
Ora tutti in cumpagnia
Aiutate stu lamentu ;
Chì da per tuttu risoni
La morte di dui campioni.
Or girate lu cantone,
È girate u circundariu,
Chì sia simile à Cesariu
Nun truvate una persone,
Unu ch’abbia a so presenza,
La so lingua, è la so scienza.
Lu latrone di Martini,
Lu figliolu di Passione
S'impustò in u pruniccione
Cunsigliatu da i Mastini;
Quandu poi li venne a pare,
Li tirò è lu fè cascare.
Tirò à fermu lu so colpu
Lu famosu latrunchjinu,
Chì lu chjamanu Malchjinu,
Di pistola, o fusse schjoppu;
Li passò lu core in pettu,
Cum'è pinzu di stilettu.
Cappatu, cum'è un Leone,
Bench’avesse una ferita,
Si lampò sopra Tangone,
Chì li dimandò la vita,
È mustrava pentimentu
Per tumbà lu à tradimentu.
Avà lu cuppiolu hè mortu
Ma lasciò Paulu in vita,
Chì sarà Primu Eremita
È si chjama Paulu-tortu;
S’ellu piglia la campagna,
Qualchì pochi si ne lagna.
Or lasciate chì a campagna
Sia scuperta è senza neve:
Sarà male per la pieve
Da la piaghja à la muntagna;
Perch'u male hè cumu u focu,
Chì si sparghje in ogni locu.
Or magnatu u vostru pane,
È biite u vostru vinu;
Noi di questu ùn ne vulemu,
Ma di lu vostru sanguinu,
In vindetta di lu nostru,
Chì l’avemu à lu strascinu.
Ùn hè què lu paesacciu,
Chì tinia lu mè cuginu?
Ch’ellu ci scappi lu focu
È nun ci abiti più nimu!

Una vechja.

Acchitate vi, o surelle,
È finite stu rumore:
Matteiu un vole vindetta;
Chì stà in celu cù u Signore.
Or guardate la sta bara;
Mirate, surelle care,
Ci stà sopra Ghjesù Cristu,
Chì ci insegna à pardunà ne:
Ùn spignite li vostri omi;
Abastanza hè torbu u mare;
Perch’avale emu d’avè,
Eppò avriamu da dà ne.

Referenze[mudificà | edità a fonte]