Venera di Milo

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
A Venera di Milo, vista di fronti

A Venera di Milo (o Venere di Milo) hè una di i più celebri statui grechi. Si tratta di una scultura di marmaru pariu (une variità di marmaru biancu) (alta 202 cm), priva di i braccia è di u basamentu uriginali, chì hè cunsirvata in u Museiu di u Louvre in Parighji. Nantu à a basa di una scrizzioni ripurtata annantu à u so basamentu (chì hè statu persu dipoi) si riteni chì si tratta di un'opara di Lisandru di Antiochia. Tempi fà, parechji attribuitini par isbagliu l'opara à Prassitele.

Storia[mudificà | edità a fonte]

Disegnu di a statua incù a scrizzioni nantu à u basamentu mancanti (Debay, 1821)

A Venera di Milo ricodda à u 130 a.C. circa: hè dunqua un'opara ellinistica, bench'è si tratti di una scultura chì fondi parechji stili di l'arti di u periodu classicu.

Fù ritruvata spizzata in dui parti in 1820 nantu à l'isula greca di Milu da un campagnolu chjamatu Yorgos Kentrotas. Kentrotas nascosi l'opara chì fù dopu eppuri siquistrata da parechji ufficiali turchi. Un ufficiali di a marina francesa, Olivier Voutier, ni ricunniscì u pregiu è, grazia à a midiazioni di Jules Dumont d'Urville è di u Marchesi di Rivière, ambasciadori francesu vicinu à l'ottumani, riiscì à cuncluda ni l'acquistu. Dopu parechji intarventi di restauru, a Venera di Milo fù prisintata à u rè Luigi XVIII in u 1821 è cullucata à u museiu di u Louvre, induv'edda hè sempri cunsirvata.

A grandi fama righjunta da l'opara in u XIX seculu ùn fù micca duvuta sultantu à a so biddezza è à a so parfizzioni, ma ancu à a "prupaganda" di l'auturità francesi. In 1815, infatti, a Francia duviti ristituiscia a Venera Medici à i taliani, dopu chì quidda fù stata purtata in Francia da Nabulionu Bonaparte. A Venera di Milo, dunqua, fù "spunsurizata" da i francesi par rimpiazzà cusì a perdita di l'altra opara.

Cilibrata da artisti è critichi, a Venera di Milo fù da molti cunsidarata una di i più significativi rapprisintazioni di a biddezza feminiccia; l'unicu chì si distinsi fù Pierre-Auguste Renoir chì a disprizzò difiniscendu la com'è "un gran' giandarmu".

Discrizzioni è stili[mudificà | edità a fonte]

Pussibuli ricustruzzioni incù i braccia (Furtwängler)

Afrudita si pesa, stendu cù u bustu nudu finu à l'addomu è i ghjambi vilati da un spessu pannu. U corpu cumponi una tinsioni misurata chì richjama un tipicu chjasmu (una technica di scultura chì cunsisti in una dispusizioni sicondu un ritmu particulari chì ricorda l'andamentu di a lettara χ di u salteriu grecu) di dirivazioni policletea. L'insemu hè resu incù diddicati sughjirimenti chjaruscurali, cù u cuntrastu trà u lisciu incarnatu nudu è u vibrà di a luci in i capeddi ricciulati è in i panni incrispati di a parti infiriori.

Ùn si cunnosci pricisamenti qualessu episodiu mitulogicu di a vita di Venera fù cusì rapprisintatu: si riteni chì pò essa una raffigurazioni di a Venus Victrix chì arreca a mela durata à Paride: 'ss'intarpritazioni si accurdaria bè incù u nomu di l'isula induv'edda hè stata ritruvata (milosi, in lingua greca, significheghja infatti "mela"). Di u restu, parechji frammenti di un avambracciu è di una mani arricanti una mela sò stati ritruvati vicinu à a statua stessa. In generali quantunqua culpisci l'attitudina naturali di a dea, oramai luntana da l'andamentu "eroicu" di i Venera classichi di i seculi pricidenti.

Dopu u ritruvamentu di l'opara, sò stati numarosi i tentativi di ricustruiscia ni a posa urighjinaria (una raffigurazioni à opara di Adolf Furtwängler riprupunenti a forma uriginali di l'opara hè publicatu in un articulu di Kousser).

Umaghji[mudificà | edità a fonte]

Ditagliu
  • Un rifirimentu à a Venera di Milo hè statu inseritu in u filmu The Dreamers di Bernardu Bertolucci (1h 22min 43sec) in u quali a prutagunista feminiccia apparisci in a so stanza incù alti vanti neri annantu à un fondu neru chì, par via di un effettu otticu, sembra canciddà li i braccia.
  • In u filmu di a Disney Hercules, ci hè a scena in a quali l'eroi è a so ghjuvanetta Megara, si trovani in un'antica villa greca. Hercules, ghjuchendu incù una petra, culpisci par isbagliu a Venera di Milo à a quali si troncani i braccia.
  • In u filmu Duffy Duck è l'isula fantastica, Pevaru I Pew passa davanti à una statua chì cadi à pezzi è diventa a famosa statua.
  • In u filmu I dodici lavori di Asterix (più pricisamenti à a casa chì rendi tontu) Obelix si teni in bracciu à una statua à a quali si spezzani i braccia è diventa l'attuali Venera di Milo.
  • In l'album Marquee moon di i Television, ci hè una canzona intitulata Venus de Milo (Venera di Milo)

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]

  • Errore Lua in package.lua alla linea 80: module 'Modulo:Citazione/Suggerimenti' not found.
  • Giuliano A., Storia di l'arti greca, Carocci, Roma 1998 ISBN 88-430-1096-4
  • Pierluigi De Vechji è Elda Cerchiari, I tempi di l'arti, vulumu 1, Bompiani, Milanu 1999. ISBN 88-451-7107-8