Ponte di Rialtu

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
U Ponte di Rialtu

U ponte di Rialtu (o Ponti di Rialtu) hè un di i quattru ponti, incù u ponte di l'Accademia, u ponte di i Scalzi è u ponte di a Custituzione, chì attraversanu u Canal Grande, in a cità di Venezia. Di i quattru, u ponte di Rialtu hè u più anticu è per sicuru u più famosu.

Storia[mudificà | edità a fonte]

U ponte di Rialtu in 1860

Sicondu e cronache, u prima passaghju annantu à u Canal Grande era custituitu da un ponte di barche. Un ponte veru è propriu, postu annantu à pali di legnu, fù custruitu da Nicolò Barattiero sottu u dogatu di Bastianu Ziani o di Orio Mastropiero (in a siconda mità di u seculu XII)[1] è assunse u nome di "ponte di a Muneta" vistu chì, à l'estremità orientale di l'opera, surghjia l'antica zecca (u stabilimentu induv'ellu era stampata a muneta).

A criscente impurtanza di u marcatu di Rialtu annantu à a sponda orientale di u canale fece cresce u trafficu annantu à u ponte situatu in a vicinanza. Intornu à u 1250 fù sustituitu da un ponte di legnu strutturale. A struttura era custituita da duie rampe inclinate chì si cunghjunghjianu sicondu una sezzione cintrale mobile, chì pudia esse alzata per permette u passaghju di e nave più alte. Data a stretta assuciazione incù u mercatu, u ponte cambiò nome è divintò "Ponte di Rialtu". In a prima mità di u XV seculu longu i lati di u ponte fubbenu custruite dui file di negozii. E risorze indutte da l'affitti, riscosse da a tisureria di statu, cuntribuiscìanu à a manutenzione di u ponte.

In u 1310 u ponte fù dannighjatu in u corsu di a ritirata di i rivultati vidati da Bajamonte Tiepolo. In u 1444 dinù affundò sottu u pesu di a grande folla adunita per assiste à u passaghju di u curteghju di a sposa di u marchese di Ferrara. Un altru affundamentu avvense in u 1524.

Galleria d'imagine[mudificà | edità a fonte]

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. Nicolò Barattiero, Elena Bassi, 1964, vol. 6

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]

  • p. 463. ISBN 88-86179-24-3.
  • pp. pp.546–547.

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]

Ligami esterni[mudificà | edità a fonte]

Fonte[mudificà | edità a fonte]

'Ss'articulu pruvene in parte o in tutalità da l'articulu currispundente di a wikipedia in talianu.