Platone

À prupositu di Wikipedia
(Reindirizzamentu da Platonu)
Jump to navigation Jump to search

Platonu (o Platone) (in grecu anticu Πλάτων, traslittaratu in Plátōn; Atena, 428 a.C./427 a.C. - Atena, 348 a.C./347 a.C.) hè statu un filosofu grecu anticu. Incù u so maestru Socrati è u so addevu Aristoteli hà postu i basi di u pinsamentu filusoficu uccidintali.[1][2][3]

Biugrafia[mudificà | edità a fonte]

Platonu, ditagliu di a Scola di Atena di Raffaeddu, chì l'hà ritrattu incù u voltu di Liunardu da Vinci.

Nascì à Atena, in u demu (una suddivisioni di u territoriu di l'antica Attica) di Collito, da parenti aristucratichi: u babbu Aristonu, chì si vantava d'avè trà i so antinati Codro, l'ultimu lighjindariu rè di Atena, l'imposi u nomu di u missiavu, veni à dì Aristocle; a mamma, Perittione, sicondu Diogene Laerzio, discindia da u famosu lighjislatori Sulonu[4][5][6]

A so data di nascita hè fissata da Apollodoru di Atena, in a so Crunulugia, à l'uttantuttesima Olimpiadi, in u settimu ghjornu di u mesi di Targellione, veni à dì à a fini di maghju di u 428 a.C.[7] Ebbi dui frateddi, Adimantu è Glauconu, citati in a so Ripublica, è una suredda, Potone, mamma di Speusippo, futuru addevu è succissori, à a so morti, à a dirizzioni di l'Accademia di Atena.

Fù un altru Aristone, un luttadori d'Argo, u so maestru di ginnastica, chì li deti u nomu "Platonu" à causa di a so larghezza (da u grecu πλατύς, platýsi, chì significheghja "ampiu") di i spaddi, chì praticava infatti u pancraziu, una spezia di lotta o pugilatu.

Altri dani di u nomu un'altra dirivazioni, com'è l'ampiezza di a fronti o a maistà di u stili litterariu. Diogene Laerzio, rifiriscendu si à Apuleiu,[8] l'Olimpiodoru[9] è a Eliano,[10] informa ch'eddu avaria cultivatu a pittura è a puisia, scrivendu ditirambi, lirichi è tragedii, chì avariani avutu in seguitu, à tempu cù i mimi, un'impurtanza fundamintali par a scrittura di i so dialoghi.

I viaghji è l'incontru incù Socrati[mudificà | edità a fonte]

Fraquintò l'eracliteu Cratilu è u parmenideu Ermogene, ma ùn hè micca certu ch'è l'infurmazioni fussi riali chì avaria pussutu ghjustificà a so succissiva duttrina, influinzata sottu parechji aspetti da u pinsamentu di i so dui grandi pridicissori, Eraclitu è Parmenidi, da eddu cunsidarati com'è l'autentichi fundatori di a filusufia.

Avaria participatu à trè spidizioni militari, duranti a guerra di u Peloponnesu, à Tanagra, à Corintu è à Delio, da u 409 a.C. à u 407 a.C., annu chì, avendu cunnisciutu à Socrati, avaria distruttu tutti i so cumpusizioni puetichi par didicà si cumplittamenti à a filusufia.[11]

Fundamintali fubbi u so incontru incù Socrati chì, dopu a parintesa di u guvernu, uligarchicu è filu-spartanu, di i Trenta tiranni, chì ni facia parti u ziu di Platonu Crizia, fù accusatu da u novu guvernu dimucraticu di impietà è di curruzzioni di i ghjovani è cundannatu à morti in 399 a.C.

Dopu a morti di u maestru saria andatu à Megara incù altri addevi di Socrati, è dopu à Cirene, friquintendu u matematicu Tiadoru di Cirene è sempri in Italia, i pitagorichi Filolao è Eurito. Da quì, si saria ricatu in Egittu, induva i [preti|preta] l'avariani varitu da una malatia. Ma a fundatezza di a nutizia di sti viaghji hè moltu dubbia.


I primi dialoghi[mudificà | edità a fonte]

A parta da 395 a.C. Platonu avaria principiatu à scriva i primi dialoghi, in i quali affronta u prublemu culturali rapprisintatu da a figura di Socrati è a funzioni di i sufisti: nascini cusì, in un pussibuli ordini cronulogicu:

U prima viaghju à Siracusa[mudificà | edità a fonte]

Certu hè inveci ch'è Platonu, intornu à u 388 a.C., dopu à avè cunnisciutu u pitagoricu Archita, guvarnadori di Taranto, sii statu à Siracusa, guvirnata da Dionigi I, ind'eddu strinsi amicizia cù u cugnatu di u tirannu, Dione,[11] chì s'intarissò incù favori à i prugrammi pulitichi di Platonu. Ma opposta fù l'attitudina di Dionigi chì custrinsi Platonu à abbandunà Siracusa par Atena; fattu sbarcà in l'isula di Egina, numica di Atena, ci vinì fattu prighjuneri è resu schiavu; par so furtuna, u sucraticu Anniceride di Cirene u riscattò. Ma ancu st'episodiu, narratu incù varianti da Diogene Laerzio,[12] hè moltu dubbiosu.

A fundazioni di l'Accademia[mudificà | edità a fonte]

"Platonu in a so Accademia", disegnu di u pittori svidesu Johan Wilhelm Carl Wahlbom (1810-1858).

In 387 a.C. Platonu hè à Atena; avendu acquistatu un parcu didicatu à Academu, è ci fonda una scola ch'eddu intituleghja Accademia in onori di l'eroi è a cunsacra à Apollu è à i Musi. Nantu à l'asempiu oppostu à quiddu di a scola fundata da Isocrate in 391 a.C. è basata nantu à l'insignamentu di a ritorica, a scola di Platonu hà i so radichi in a scenza è in u metudu chì ni diriveghjau, a dialettica; par stu mutivu, l'insignamentu si svolghji à traversu dibattiti, à i quali participeghjani i stessi addevi, diretti da Platonu o da l'addevi più anziani, è ancu cunfarenzi tinuti da illustri parsunaghji di passaghju à Atena.

In vinti anni, da a criazioni di l'Accademia à u 367 a.C., Platonu scrivi i dialoghi in i quali si sforza di ditarminà i cundizioni chì parmettini a fundazioni di a scenza; tali sò:

U sicondu viaghju à Siracusa[mudificà | edità a fonte]

In u 364 a.C., pocu prima di a ghjunta di Aristoteli in l'Accademia, Platonu hè à Siracusa, invitatu da Dione chì, incù a morti di Dionigi u Vechju è a succissioni à u puteri di u so nipoti Dionigi u Ghjovanu, conta di pudè uparà i riformi impiditi da u pricidenti tirannu. Ma i cuntrasti incù Dionigi, chì suspetta in u ziu intinzioni di ribellioni, portani à l'esiliu di Dione: Platonu pò eppuri firmà in Siracusa com'è cunsiglieri di Dionigi è cultivà i so prugetti di trasfurmazioni istituziunali di u Statu siracusanu.

In u 365 a.C. Siracusa hè in guerra è Platonu torra à Atena, incù a prumissa di pudè vultà à Siracusa à a fini di a guerra incù Dione. À Atena scrivi u Parmenidi, u Teeteto, è u Sufistu.

U terzu viaghju in Sicilia[mudificà | edità a fonte]

In u 361 a.C. Platonu compii u so terzu è ultimu viaghju in Sicilia. Ùn ci hè micca parò Dione, versu u quali Dionigi manifisteghja un'aparta ustilità; i provi di Platonu di difenda l'amicu incauseghjani a ruttura di i rapporti incù u tirannu siracusanu chì ni ghjunghji à imprighjunà u filosofu. Libaratu grazia à l'intarventu di Archita, u pitagoricu stratega è tirannu di Taranto, amicu di tremindù, in 360 a.C. Platonu pò riparta par Atena. U stessu Platonu conta cusì quiddi avvinimenti:


  1. REDIRECTTemplate:Cita

Duranti u viaghju Platonu sbarca à Olimpia par scuntrà par l'ultima volta Dione. Quiddu prugittava una guerra contru à Dionigi, da a quali Platonu circò in vanu di dissuada lu: in u 357 a.C. riiscirà à impatruniscia si di u puteri à Siracusa ma ci sarà uccisu trè anni dopu.[13]

In Atena Platonu scrissi l'ultimi opari:

Murì in 347 a.C.[13] è a vida di l'Accademia fù assunta da u nipoti Speusippu. A scola sopravvivarà finu à u 529 d.C., annu ind'edda fù difinitivamenti chjusa da Ghjustinianu dopu parechji periodi d'alterni intarruzioni di a so attività.

Opari[mudificà | edità a fonte]

Papiru incù frammentu manuscrittu di u Simposiu di Platonu

Di Platonu sò parvinuti tutti i 36 opari: 34 sò dialoghi; una, l'Apulugia di Socrati, riporta una ricustruzzioni litterariu filusofica di l'autudifesa prununciata da Socrati davanti à i ghjudici, mentri l'ultima hè una racolta di tredici lettari.

A supiriurità di u discorsu urali[mudificà | edità a fonte]

Platonu improda u dialogu parchì u cunsidareghja com'è l'unicu strumentu in gradu di ripurtà l'argumentu à a cuncritezza storica di un dibattitu frà parsoni è di metta in luci u carattaru di ricerca di a filusufia, elementu chjavi di u so pinsamentu. Voli inoltri metta in evidenza cù u ricorsu à u dialogu a supiriurità di u discorsu urali rispettu à u scrittu. Certu a parola scritta hè più pricisa è meditata rispettu à l'uralità, ma mentri quista parmetti un immediatu scambiu d'upinioni nantu à u tema in discussioni quidda scritta intarrugata ùn rispondi micca.[14]

In generali, si classificheghja i dialoghi platonichi in parechji gruppi. Sicondu una linia intarpritativa piuttostu datata, i primi dialoghi sariani carattirizati da a viva influenza di Socrati (prima gruppu); quiddi di a maturità in i quali avaria sviluppatu a tiuria di l'idei (sicondu gruppu); è l'ultimu periodu quandu sintì l'urgenza di difenda a so probbia cuncizzioni da l'attacchi contru à a so filusufia, mittendu in opara una prufonda autucritica di a tiuria di l'idei (terzu gruppu).[15] Sicondu u novu paradigma intarpritativu intruduttu da a scola di Tubinga è di Milanu, inveci, i dialoghi platonichi prisentani una cuerenza sistematica di fondu, induva a duttrina di l'idei, par quantu impurtanti, ùn custituisci più a parti fundamintali di u mondu soprasinsibili.[16] U stili, chì imita cù fidelità a peculiarità di u dialogu sucraticu, muta nutevulamenti da un periodu à l'altru: in i periodi ghjuvanili ci sò intarventi brevi chì dani vivacità à u dibattitu; in l'ultimi, inveci, ci sò intarventi longhi, chì dani à l'opara u carattaru di un trattatu è micca di un dibattitu, trattendu si piuttostu di un dialogu di l'anima incù s'è stessa, ma senza ghjunghja mai à espona cumplittamenti a so probbia duttrina in forma di scenza assuluta. A rinuncia, com'è dighjà ind'è Socrati, à cumunicà in forma scritta u nucleu di a so probbia duttrina purtaria à pinsà ch'è non solu a scrittura, ma ancu l'uralità ùn saria micca par Platonu in gradu di trasmetta la.[17]

In generali, u prutagonistu di i dialoghi hè Socrati; sultantu in l'ultimi dialoghi quistu quì assumi una parti sicundaria, finu à scumpariscia cumplittamenti in l'Epinomide è in i Leghji. A carattaristica di sti dialoghi hè chì u sughjettu principali chì dà u titulu à l'opara di solitu discorri moltu più ch'è l'intarlucutori à u quali si rivolghji, u quali si limiteghja solu à cunfirmà o disappruvà ciò ch'è u prutagonistu esponi.

Pinsamentu[mudificà | edità a fonte]

Filusufia è pulitica[mudificà | edità a fonte]

Quidda chì in tarmini storichi pudemu chjamà "filusufia platonica" - vali à dì u corpus d'idei è di testi chì definiscini a tradizioni storica di u pinsamentu platonicu - hè isciuta da a riflissioni nantu à a pulitica. Com'eddu scrivi Alexandre Koyré: "tutta a vita filusofica di Platonu hè stata ditarminata da un avvinimentu eminentamenti puliticu, a cundanna à morti di Socrati".

Occorri eppuri à distingua a "riflissioni nantu à a pulitica" da l'"attività pulitica". Ùn hè micca certu in st'ultima accizioni ch'è no duvimu intenda a cintralità di a pulitica in u pinsamentu di Platonu. Com'eddu scrissi, in tarda ità, in a Lettara VII di u so epistulariu, probbiu a rinuncia à a pulitica attiva marca a scelta par a filusufia, intesa parò com'è impegnu "civili".[18] A riflissioni nantu à a pulitica diventa, in altri paroli, riflissioni nantu à u cuncettu di ghjustizia, è da a riflissioni annantu à stu cuncettu sorghji un'idea di filusufia intesa com'è prucessu di crescita di l'Omu com'è membru urganicamenti appartinenti à a polis.

Dipoi i primi fasi di sta riflissioni, apparisci chjaru ch'è par u filosofu atinesu risolva u prublemu di a ghjustizia significheghja affruntà u prublemu di a cunniscenza. Da quì a nicissità d'intenda a genesi di u "mondu di l'idei" com'è fruttu di un impegnu "puliticu" più glubali è prufondu.

U prublemu Socrati[mudificà | edità a fonte]

"Morti di Socrati", di Jacques-Louis David, (1748-1825) opara cunsirvata à u Metropolitan Museum of Art di New York.

A capacità di agiscia sicondu ghjustizia prisupponi, socraticamenti, a cunniscenza di ciò ch'eddu hè u bè.[19] Solu stu sapè distingui u filosofu com'è tali,[20] postu ch'è à chì compii u mali a faci par ignuranza. À Atena ci era mori cunfusioni nantu à a figura di u filosofu, è in un certu sensu u stessu Socrati avia alimantatu quidda cunfusioni: prisitendu si infatti com'è quiddu chì sapia di ùn sapè, prufissava una falsa ignuranza chì nascundia una vera sapienza. Eddu si cunfundia cusì incù i sufisti, i quali pratindiani di sapè ma infatti ùn sapiani, parchì ùn cridiani micca in a virità.

Par arrigulà sta cunfusioni, par Platonu era nicissariu andà più luntanu ch'è Socrati, diliniiendu incù chjarezza i criterii chì distinguini u filosofu da u sufistu: mentri u prima ricerca i principi di a virità, senza a prisunzioni di pusseda la, u sicondu si lascia vidà da l'upinioni, fendu ni l'unicu parametru validu di a cunniscenza.[21]

L'altru prublemu liatu à a figura di Socrati hè a so cundanna à morti, veni à dì u fattu ch'eddu hè statu trattatu com'è un criminali puri essendu "u più ghjustu" trà l'omini.[22] Quissa significò par Platonu duvè custatà ch'è trà filusufia è vita pulitica esistia quidd'incumpatibilità ghjà cunnisciuta da Socrati chì in l' Apulugia accenna à a guasi ineluttabilità di a so cundanna da parti di i pulitichi è rifiuta a pruposta d'andà in esiliu.

U tema era cunnessu à a cunvinzioni ch'è a filusufia era inutuli. In un branu di u Gorgia u sufistu Callicle, dici chì a filusufia tutti à u più pò essa praticata da i ghjovani chì, inesperti di a vita, si poni abbandunà à i discorsi vani; quandu parò un omu anzianu, com'è Socrati, perdi u so tempu à discuta di prublemi astratti, hè degnu di essa presu à bastunati.[23]

A duttrina di a cunniscenza: l'Idei[mudificà | edità a fonte]

Platonu

A gnusiulugia di Platonu, esposta in parechji dialoghi com'è u Menonu, u Fedonu, è u Teetetu, devi cumbatta contru à l'upinioni chì susteni ch'è a ricerca di a cunniscenza hè impussibili. A tesa era stata sustinuta da l'eristi, i quali basavani u so insignamentu annantu à i siguenti pruposizioni:

  1. s'è ùn si cunnosci ciò chì si cerca, in casu mai ch'eddu fussi truvatu, ùn si ricunnusciarà micca com'è l'obiettivu da righjunghja;
  2. s'eddu si cunnosci dighjà ciò chì si cerca, a ricerca ùn hà micca sensu.

U prublemu hè suparatu da Platonu chì ammetti ch'è l'ughjettu di a ricerca hè solu parzialamenti scunnisciutu à l'omu, u quali, dopu à avè lu cuntimplatu prima di a nascita, l'hà in calchì modu "sminticatu" in u fondu di a so anima. A distinazioni di u so circà hè dunqua un sapè dighjà prisenti ma nascostu in eddu, ch'è a filusufia divarà discità incù a riminiscenza o "anamnesi" (anàmnesisi), cuncettu annantu à u quali Platonu fondi u cunvincimentu ch'è l'amparà hè un ricurdà.

'Ssa duttrina si riferisci à a cridenza riligiosa di a metempsicosi probbia di l'urfisimu[24] è di u pitagurisimu sicondu u quali quandu u corpu mori l'anima, essendu immurtali, trasmigra in un altru corpu. Platonu sviluppa 'ssu mitu fundendu lu incù l'assuntu fundamintali ch'eddi esistini l'Idei chì ani carattaristichi opposti à i cosi finumenichi: sò incurruttibili, inghjinarati, eterni è immutabili. 'Ss'Idei sò cullucati in l'iperuraniu, mondu soprasensibili è chì hè parzialamenti visibuli à l'animi una volta sliati da i so corpi.

L'Idea, traducibili più currettamenti cù "forma",[25] hè dunqua u veru ughjettu di a cunniscenza: ma ùn hè micca sultantu u fundamentu gnusiulogicu di a rialità, veni à dì a causa chì ci parmetti di pinsà u mondu, bensì ni custituisci ancu u fundamentu ontulogicu, essendu u mutivu chì faci essa u mondu. L'idei rapprisentani l'eternu Veru, l'eternu Bonu è l'eternu Beddu, à i quali si contrapponi a diminsioni vana è transitoria di i finomini sensibili.

Una cunsiquenza di a riminiscenza hè l'innatisimu di a cunniscenza: tuttu u sapè hè dighjà prisenti, in forma latenti, in a noscia anima. À tal' prupositu i sensi svolghjini quantunqua una funzioni impurtanti par Platonu, apposta ch'eddi offrini u spuntu par aiutà ci à svighjà lu. A spirienza servi parò solu da stimulu; a vera cunniscenza devi essa fundata univirsalamenti annantu à a noesisi, è annantu ad edda devi essa fundata ogni tecnica particulari, chì hè inveci u locu di a praxisi. L'arrori contru a quali Platonu cumbatti, rapprisintatu da a cultura sufista, cunsisti in u fattu di basà a cunniscenza nantu à a sinsazioni.[26] À u cuntrariu, solu l'anima, è micca i sensi, pò cunnoscia l'aspettu "veru" d'ogni rialità.

A duttrina platonica hè inoltri spessu ughjettu di misintindimentu. Di fatti, com'è Platonu stessu sughjirisci in numarosi passati, hè impussibili à ricuparà cumplittamenti a cunniscenza di u mondu di l'Idei ancu par u filosofu. A cunniscenza parfetta di quiddi hè probbia solu di i dei, chì l'usservani sempri. A cunniscenza umana, in a so forma migliori, hè sempri filu-sofia, veni à dì amori di u sapè, inesausta ricerca di a virità. Quissa sughjirisci una frattura "sofistica" à l'internu di u pinsamentu platonicu: ancu s'è l'omu si sforza, u raghjunghjimentu di a virità assuluta hè impussibili, parchì cunfinata in u celi iperuraniu è dunqua assulutamenti incunnuscibili. A parola, chì hè u strumentu imprudatu da u filosofu dialetticu par parsuada l'animi di a virità è di l'esistenza di l'idei, ùn rispichja ch'è parzialamenti a rialità ultrasensibili, chì hè irripruducibili è micca prisintevuli.


A furtuna di Platonu[mudificà | edità a fonte]

Sicondu parechji autori a filusufia platonica custituisci una tappa fundamintali di l'intreia storia di a filusufia uccidintali chì si ricunnosci indibitata ad eddu. À stu prupositu, Alfred North Whitehead hà sustinutu ch'è "tutta a storia di a filusufia uccidintali ùn hè ch'è una seria di noti di margina annantu à Platonu".[2]

U platunisimu matematicu[mudificà | edità a fonte]

U fattu ch'è Platonu, in l'ampiezza di i so intaressi etichi è matafisichi, aghji assuntu i numari è i formi giumetrichi com'è ughjetti riali hà induttu matematichi muderni à cundivida u rialisimu rilativu à a matematica è à i so ughjetti. Si tratta di u currenti chjamatu "platunistu" di a matematica, chì vissi aderiscia ci ancu matematichi di virsura filusofica micca platonica, com'è Bertrand Russell è Kurt Gödel.

Sicondu parechji autori par quissa si devi à Platonu è à a so scola ancu u sviluppu di a matematica[27][28] è a fundazioni di u pinsamentu scentificu.[29]

Noti[mudificà | edità a fonte]

  1. A dici par asempiu u prufissori Battista Mondin: "Platonu hè filosofu di prima trinca, u filosofu par eccillenza. Senza dubbitu ancu a figura d'Aristoteli risplendi di luminosu fulgori. Ma […] nissunu altru filosofu hà influinzatu quant'è Platonu u distinu di a filusufia uccidintali. I so duttrini gnuseulogichi, mitafisichi, etichi, pulitichi, estetichi, assimilati da u cristianesimu, sò divintati eredità pirmanenti di a cultura medievali è di a cultura muderna. A figura di Platonu hè fundamintali, ghjigantesca è puliedrica. Più ch'è a storia di a filusufia interessa ancu a storia di a puisia, di a litteratura è di a lingua greca. […] A straurdinaria grandezza di Platonu hè stata ricunnisciuta in ogni tempu" (Storia di a matafisica, vol. I, pag. 139, E.S.D., 1998, ISBN 978-88-7094-313-9).
  2. 2,0 2,1 "The safest general characterization of the European philosophical tradition is that it consists of a series of footnotes to Plato" (A. N. Whitehead, in Process and Reality, p. 39, Free Press, 1979).
  3. "A filusufia pustiriori, a noscia filusufia, ùn hè altru ch'è una cuntinuazioni, un sviluppu di a forma litteraria intrudutta da Platonu". (Ghjorghju Coddi, A nascita di a filusufia, Adelphi, Milanu 2011, p. 13.)
  4. "Crizia, un di i Trenta è Glauconu erani figlioli di Callescro. Glaucone era babbu di Carmide è di Perittione. Da Perittione è Aristone, nascì Platonu, sestu da Sulonu" (Diogene Laerzio, à cura di Marceddu Ghjiganti, Diogenes Laertius Viti di i filosofi, Laterza, 1962, III, 1)
  5. Diogene Laerzio, Viti, III, 1, 1 - (in inglesu) una virsioni in inglesu, traduzioni di C.D. Yonge
  6. Crizia era cucinu di Carmide è u so tutori (in Platonu, Charm. 154b è 155a). Carmide era frateddu di Perittione par u quali Platonu era cucinu in prima gradu di Carmide è in sicondu gradu di Crizia. (in J. Kirchner, Prosopografia attica. Vol. I)
  7. Fonti imprudata ancu da Diogene Laerzio (III, 1-41), cfr. Sturiugrafia filusofica antica, pag. 26 è 72.
  8. Ibid., Platonu è a so duttrina, I, 2.
  9. Ibid., Vita di Platonu, 2, 3.
  10. Ibid., Storia varia, II, 30.
  11. 11,0 11,1 Biugrafia di Platonu.
  12. D. Laerzio, Viti, III, 19, 20.
  13. 13,0 13,1 Vita di Platonu.
  14. Fedro, 275 c, induva Platonu faci dì à Socrati: "A scrittura hà una strana qualità, simili viramenti à quidda di a pittura. I prudutti di a pittura ci stani davanti com'è s'eddi vivissini; ma s'è li dumandi calcosa, tenini un maistosu silenziu. In u stessu modu si cumportani i discorsi. [...] Una volta ch'eddi sò missi par iscrittu, ogni discorsu si rivolghji à tutti, tantu à chì l'intendi ch'è à chì ùn ni faci nudda [...]; eddu da solu ùn pò micca difenda si nè aiutà si" (trad. it. di Piero Pucci, Laterza, 1998, pag. 119).
  15. Si tratta di un'intarpritazioni chì ricodda à Schleiermarcher è fatta probbia da L. Stefanini è altri studii inglesi, cfr. in prupositu L. Stefanini, Platonu, 2 voll., Paduva 1932-1935.
  16. H. Krämer par a scola di Tubinga, G. Riali par quidda di Milanu.
  17. M. Isnardi Parente, Filusufia è pulitica in i Lettari di Platonu, Napuli 1970, pp. 152-154.
  18. Cfr. lettara VII, 325 b - 328 c.
  19. G. Granata, Filusufia, vol. I, pag. 68, Alpha Test, Milanu 2001.
  20. Ripublica, VII, 534.
  21. "A sofistica imita a filusufia in u so intaressu par l'"intreiu". Eppuri, mentri u filosofu, veni à dì u dialetticu, ùn prisumi micca di avè a scenza di tuttu, di pusseda tutti i scenzi è tutti i tecnichi, ma si pruponi di discriva i fundamenti primi di i scenzi è di i tecnichi, u sufista, inveci, pratendi di cunnoscia li tutti" (G. Movia, U "Sufistu" è i duttrini micca scritti di Platonu, in Versu una nova imaghjina di Platonu, pag. 233, Vita è Pinsamentu, 1991).
  22. Cusì Platonu difinisci Socrati in a lettara VII, 324 è.
  23. Vincenzu Cilento, Premissa storica à u pinsamentu anticu, Editori Laterza, 1963, p.98
  24. Dizziunariu di filusufia Treccani à a boci "Metempsicosi"
  25. "Eppuri a traduzioni (chì in stu casu hè una traslittarazioni) ùn hè micca felici, parchì, in u linguaghju mudernu, "Idea" hà assuntu un sensu chì hè stranieri à quiddu platonicu. A traduzioni asatta di u terminu saria "forma"... No muderni par idea intindimu un cuncettu, un pinsamentu, una ripprisintazioni mintali... par Platonu... l'idea platonica ùn hè micca un impresa di raghjoni bensì un essaru, u veru essaru...a forma interiori, l'essenza di a cosa..." (In G. Riali, U pinsamentu anticu, p. 120, Vita è Pinsamentu, Milanu 2001 ISBN 88-343-0700-3.)
  26. Teetetu.
  27. Dumenicu Massaro, Matematica è filusufia in Platonu, pp.118 è sgg.
  28. Anghjulu Danesu, Giulia Perina, Platonu è l'urighjina di a matematica (seminariu), Università di i Studii di Trento
  29. Encyclopedia Britannica, 2002

Da veda dinò[mudificà | edità a fonte]

Liami[mudificà | edità a fonte]